mercoledì 17 settembre 2014

Sempre più scempio a Via Enrico Fermi. Gli abitanti che hanno bloccato il parcheggio per salvare gli alberi, ora hanno massacrato gli alberi con le auto. Gli crolleranno in testa?




Ma ve la ricordate Via Fermi? La strada dove non si può fare un parcheggio per non spostare gli alberi (il progetto avrebbe riqualificato una strada ridotta in condizioni infami, creando un parco lineare al centro e interrando le auto in sosta che oggi rendono questo posto un luogo da cui scappar via), però si può posteggiare in divieto di sosta sugli stessi alberi massacrandone le radici e torturandoli?
Ebbene i nodi stanno venendo al pettine. Gli alberi sono letteralmente al pezzi. Gialli, morenti, sofferentissimi nonostante la grande piovosità. Guardate la differenza di colore con gli altri alberi. Perché? Perché sugli alberi nello spartitraffico centrale i residenti -i grandi ecologisti che avevano addirittura adottato gli alberi per far scena- parcheggiano sopra comprimendo e torturando le radici. Gli alberi sono a pezzi. Per di più non vengono potati (leggete questa polemica qui) e dunque si rischia fortemente che crollino sulle auto. Gran bel risultato. Come gran bel risultato sarà il primo stupro sulla strada dovuto alle tenebre che ci sono qui la notte: i fari non riescono ad illuminare nulla, visto che gli alberi non vengono potati. Complimenti ai residenti. Geniale! Ma loro sono geni, pensate che hanno fatto le barricate contro un normalissimo parcheggio interrato come ce ne sono in tutto il mondo e che avrebbe rilanciato la strada e invece non hanno detto nulla sul fatto che questa area di quartiere verrà trasformata in un volgare dormitorio abolendo cinema e Città del Gusto per fare appartamenti. Quello è tollerabile per i nostri amici ecologisti, capito!?
Auguriamoci che si ritorni presto a parlare del parcheggio e a realizzare una infrastruttura che potrà rilanciare questa strada disastrata, da togliere dalle grinfie di residenti. L'amministrazione e la politica sono qui per salvare i cittadini da loro stessi, lo faccia e non assecondi istinti assurdi. 

18 commenti:

  1. Il danno che fanno a Roma Associaioni come Carte in regola (che poi sono rappresentate da Annamaria Bianchi che si cela dietro Paolo. Gelsomini ) é di un'entità enorme che solo il tempo potrá far comprendere a tutti i cittadini. Pensate a Via Fermi o Via Albalonga o alla demenza di Legambiente sul Pincio per come sarebbe stTo bello raggiungere il tridente per tutti con un Parking.su piazza del Popolo. Purtroppo A Roma regna l'ignoranza gestita male da Associaziooni di senza scrupoli sia per i cittadini che per lavoratori a cui chiudono i cantieri per la malafede di Gruppi Politicizzati che strumentalizzano poveri disgraziati che li vedono come pali del buoncostume mentre invece se vai più a fondo gli adepti sono benestanti che hanno tempo tutto il giorno per ostacolare lo sviluppo sociale.

    RispondiElimina
  2. Certo dovrebbero fare come a Piazza Cavour! 10 anni di cantiere e la piazza sepolta sotto la sosta selvaggia peggio di prima. I PUP sono una truffa. Non c'è una sola strada di Roma dove i parcheggi abbiano realmente migliorato la situazione in superficie. A Roma si deve eliminare la sosta gratuita in superficie. Questa è la soluzione. Il parcheggio gratuito per i residenti è una roba da quarto mondo. I romani devono capire che quando ti compri casa non ti compri un pezzo di suolo pubblico per lasciarci la macchina. A Roma ci sono 2 milioni di automobili! Pensare di costruire i PUP per risolvere il problema è come pensare di curare il cancro con la vitamina C.

    RispondiElimina
  3. ah, quindi pagare per lasciarla su strada va bene, pagare per averla in un posto sottoterra no. la schizofrenia galoppante proprio

    RispondiElimina
  4. L'anonimo delle 14:48 mi pare abbia le idee un po' confuse...

    RispondiElimina
  5. a piazza cavour ci saranno pure auto che constinuano a parcheggiare selvaggiamente intorno alla piazza, ma la riqualificazione a seguito del parcheggio interrato la fa sembrare una piazza a livello europeo, bellissima, pulita e curata, forse l'unica a roma tenuta bene. I Pup sono una realtà utilizzata in tutta europa, qui a roma si potrebbero fare nelle periferie e come parcheggi di scambio. Sono d'accordo con l'anonimo dell 14:48 su un solo punto: tutta la sosta, sia di superficie che interrata, deve essere A PAGAMENTO!! Altra pratica diffusa in tutte le capitali europee.

    RispondiElimina
  6. noi residenti abbiamo diritto di decidere per la NOSTRA strada!!! ma voi che volete!!! Ma veniamo noi a decidere a casa vostra???? Aooooooo ma stiamo a scherzare? NESSUNO TOCCHI UN ALBERO CHE SCATENIAMO IL PANDEMONIOOOO

    RispondiElimina
  7. E poi che gli alberi sono morenti è una cazzata, buggiaaaaaaa se sono gialli è che siamo al 20 settembre è arrivato l'autunno, tra un mese perderanno le foglie che significa che moiono? ma che dite? stanno benissimo i nostri alberi W GLI ALBERI DI VIA FERMI E NESSUNO LI TOCCHERA' NE ORA NE MAIIII

    RispondiElimina
  8. e si al 20 settembre con 28 gradi gli alberi iniziano a perdere le foglie.....

    RispondiElimina
  9. Residenti di Via Fermi: Se volete tanto bene a quest'alberi perchè ci parcheggiate sopra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parcheggiare sopra gli alberi, questa è davvero da vedere!!!

      Elimina
  10. Piazza Cavour piazza a livello europeo, bellissima? Ma bevete de meno! Non c'è un attraversamento pedonale senza macchine parcheggiate sopra. Persino davanti al commissariato c'è una fila ininterrotta di macchine in doppia fila. CI sono le auto in divieto di sosta fin sulle rampe del parcheggio! Hanno ripristinato il giardino?! E grazie ar Ca..o!! L'hano sventrato e sequestrato la piazza per 10 c..zo di anni! CI mancava pure che non ripristinavano il giardino! Veramente lasciate stare il vino

    RispondiElimina
  11. un altro invasato che pensa che la porzione di città su cui poggia il suo stabile appartenga a lui. La città è di tutti bello mio, se mi va di venire a via Fermi ci vengo quando e come mi pare e voglio parcheggiare in modo lecito. Per cui forza con sti parcheggi interrati, se il modello PUP non va bene scrivessero nuove regole. Parcheggiare aggratis per i residenti non è un diritto come non è un diritto quello di avere una casa, come scrivono quegli altri folli che occupano stabili abbandonati.

    RispondiElimina
  12. @ Anonimo25 settembre 2014 23:12 ma bevi di meno te, e leggi bene prima di parlare. La sistemazione di piazza cavour la rende un luogo all'altezza degli standard europei, il modo in cui viene gestita la sosta di superficie intorno alla piazza è invece ancora negli standard di roma, ovvero il caos. questo non esclude che il parcheggio interrato è un'ottima soluzione per l'ordine e il recupero degli spazi pedonali e verdi, insieme alla lotta contro i parcheggi selvaggi. Tornando a via fermi, il pup avrebbe creato un parco lineare lungo tutta la via, spazi verdi , aree gioco per bambini, visto che in zona mancano. Lo sanno gli abitanti di via fermi che i posti auto sotto gli alberi sono abusivi? ma la domanda vera è: come cazzo fanno a vivere in mezzo a quello schifo? le vie interne sembra di stare a gaza, non c'è uno scivolo o strisce pedonali senza una bella macchina che blocca il passaggio!! e questi sono gli ecologisti che volevano salvare gli alberi, con la scusa che sarebbero crollati i palazzi!! ahahah, sta storia è talmente assurda che solo nel nostro paesetto di morti di fame poteva succedere. Guardate che gli alberi sopra i parcheggi interrati possono essere ripiantati, gli alberi ricrescono, è l'ignoranza che non muore mai purtroppo.

    RispondiElimina
  13. Dopo la polemica per il pup di Via Fermi e dopo che il progetto è stato cancellato non si è trovata, purtroppo, una soluzione "compromesso" che potesse conciliare i no pup con i pro pup. I diritti dei finti ecologisti difensori degli alberi (in realtà difensori dei posti auto aggratis per le maghine) sono stati tutelati. I diritti degli altri no.
    La cosa migliore che si poteva fare è:
    - non fare il pup
    - togliere le auto sotto gli alberi creando un parco lineare

    Nulla di questo è stato fatto.
    E' rimasto tutto come prima.
    Credo che la strada rimarrà così per sempre.

    RispondiElimina
  14. Scusate, ma avete letto questo articolo? e l'articolo qua sotto, che parla del cantiere sul lungotevere Arnaldo da Brescia? Mi sembra che uno sia l'antitesi dell'altro, e si spiega perchè a volte i Comitati stoppino i cantieri. E mi sembra che l'articolo qua sopra si scontri un pò con l'articolo che parlava della riorganizzazione ATAC, di quanto si diceva che il ricco non ha l'auto, all'estero, ma solo da noi l'auto è ancora uno status symbol....
    Capisco che vogliate 'svegliare' l'animo popolare, ma mi sembra facciate un pò troppo populismo, modello Lega Lombarda.
    O no?
    Milko da MIlano

    RispondiElimina
  15. gli alberi di via fermi sono belli e in salute. la strada è verde e i residenti sono felici così! nessuno cambierà le cose. MAI

    RispondiElimina

  16. Ho trovato il sorriso è grazie al questo Signore. Muscolino GIOVANNI che ho ricevuto un prestito di 70.000€ nel mio conto il mercoledì a 11:32 min e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo signore senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché signore Muscolino GIOVANNI mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato quest'uomo onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. Ecco il suo indirizzo elettronico: muscolinogiovanni61@gmail.com

    RispondiElimina
  17. Signore & signora
    Per avere un prestito potete contattarlo per mail: josemicocera@gmail.com
    Sono un finanziere particolare. Faccio prestiti tra privati alle persone in difficoltà finanziarie con dei condizioni semplici e determinate.
    Offro un prestito che va di 2.000€ a 5.000.000€ con un tasso di 3% e con una garanzia ben studiata. Se avete progetti a realizzare o se siete in difficoltà finanziarie potete contattarlo per mail: josemicocera@gmail.com

    RispondiElimina