giovedì 31 ottobre 2013

Qualche notiziola, ma sempre troppo poche nella tristezza di un settore tenuto in letargo

E pensare che costruire parcheggi potrebbe portare all'amministrazione risorse, riqualificazioni, posti di lavoro. E invece, per dar retta a due squallidi comitati...

6 commenti:

  1. Che c'entano i comitato con il parcheggio del lungotevere? Qui i problemi erano sottoterra.

    RispondiElimina
  2. I comitati c'entrano sempre sono quelli che fermano i parcheggi con i ricorsi al TAR che fanno cancellare aree di sosta a sindaci incapaci che mietono incuria e fanno fallire imprenditori che allungando i tempi aumentano i costi del parcheggio e tutto questo perché? Solo per politica o notorietà chiedete ai no pup chi sono peccato che si nascondono nei consigli comunali per far sì che Roma rimanga sempre cos'ì com'é nell' incuria e nella incapacitá di generare posti di lavoro. Ps i comitati nopup per chi non lo sá sono composti da persone che vivono di belle pensioni magari in aree note come il Celio oppure hanno mariti noti o prendono stipendi dal Comune dove fanno lavorare gli Altri mentre loro fanno politica.

    RispondiElimina
  3. Si e Berlusconi c'entra sempre e se piove è colpa del governo ladro. Scrivi un articolo che spiega per filo e per segno chi compone ogni comitato e cosa dice ogni comitato invece di parlare come se fossi al bar sport.
    In quanto al parcheggio dell'articolo in questione ribadisco che non ho trovato traccia di comitati nei ritardi dovuti solo a ritrovamenti sotterranei di condutture varie.

    RispondiElimina
  4. Questa volta è vero che i comitati non c'entrano nulla con il fermo dei cantieri.
    Purtroppo però bisogna registrare l'enorme calo di ricettività del parcheggio passato dagli iniziali 344 posti agli attuali 184 e considerando che era concepito come uno degli importanti parcheggi collegati alla pedonalizzazione del tridente è sicuramente una pesante perdita, soprattutto perchè ovviamente sono stati eliminati la maggior parte di quelli a rotazione.

    Non so il giornalista dove abbia tirato fuori i 290 posti e soprattutto gli otto anni di fermo.... ma scherziamo? le aree di cantiere sono state consegnate il 27 aprile del 2010

    RispondiElimina
  5. Forse sarà "ripartito" il cervello di chi ha scritto questo articolo. Il mio balcone affaccia proprio su questo splendido cantiere/discarica che tutto sembra tranne che ripartito. Non c'è mai nessuno all'interno, non ci sono macchinari, non c'è attività di cantiere, insomma......E' TUTTO FERMO.
    La situazione è a dir poco allucinante, soprattutto se si considera che siamo a circa 70 metri da piazza del Popolo, una delle vetrine più rinomate della nostra città. Vogliamo l'apertura del parcheggio e soprattutto vogliamo la pedonalizzazione del quartiere Prati, perché onestamente non se ne può più di vedere auto parcheggiate in centocinquantesima, sembra una discarica di auto a cielo aperto.
    Questo accade perché il cittadino che compra casa a Colle del Sole delle Margherite o della Pace o dove sia (20 km fuori dal raccordo) pretende di venire in auto a Prati e lasciare la macchina dove capita; in aggiunta arriva la signora che deve comprare la borsa di Gucci e parcheggia in doppia fila, arriva il signore a comprare il giornale e parcheggia in terza fila, arriva il corriere per lasciare un pacco e parcheggia in quarta....etc. BASTA!!!!
    Apriamo questi benedetti parcheggi e pedonalizziamo Prati.

    RispondiElimina
  6. confermo che non è ripartito un bel niente. quanti anni ancora dovremo aspettare?!!!

    RispondiElimina