lunedì 7 gennaio 2013

Riflettendo un po' sul nuovo megaparking di Arco di Travertino

Gli amici del blog UrbanFile ci danno notizie fresche dalle lande dell'Arco di Travertino dove la grande sistemazione del terminal garantirà un parking da 900 posti. Le nostre perplessità sono enormi: 900 posti in questo luogo, semicentrale, possono essere una iattura se non ben governati. Significa che un sacco di gente invece di mollare la vettura a Anagnina, parcheggio tenuto in condizioni dai Quinto Mondo, tenterà la sorte ("magari oggi c'è meno traffico") e si avventurerà fino ad Arco di Travertino, con l'obbiettivo di posteggiare in una struttura nuova, ben tenuta, presto servita da commerci e negozi. Per la Tuscolana, già provata, potrebbe essere una bella botta.
Come si governano queste dinamiche: con il fattore prezzo, ovviamente. Arco di Travertino deve costare (molto) di più di Anagnina. Ma se Arco di Travertino è caro nessuno lo utilizzerà come parcheggio di scambio per prendere la metro e andare in centro e continueranno tutti ad andare in centro in auto. E qui casca l'asino. Perché la risposta a questa obbiezione è la seguente: continueranno tutti ad andare in auto se continueremo a lasciare, in centro o nelle aree immediatamente circostanti, dei posti a disposizione, non importa se regolari o -per la maggior parte!- irregolari. Questo che significa? Significa che iniziative apparentemente corrette come i 900 posti ad Arco di Travertino hanno un senso se e solo se questi 900 posti vengono 'recuperati' ovvero tolti in centro storico. Nuove pedonalizzazioni, nuovo arredo urbano, nuovo divieti di sosta, nuove preferenziali, nuove ciclabili soprattutto nuova lena nelle multe e nelle rimozioni.
Altrimenti sono 900 fottutissimi posti in più.

14 commenti:

  1. Arco di Travertino è utilizzato da sempre come parcheggio scambio per il semplice motivo che si può parcheggiare ovunque in sosta vietata senza tema di sanzione alcuna soprattutto, come si può vedere qui, sullo spartitraffico alberato centrale che potrebbe invece essere uno stupendo guardino lineare. La prima bonifica della sosta illegale dovrebbe quindi partire dalla via stessa altrimenti il parcheggio resterà miseramente vuoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. Per ora lo spartitraffico viene usato abusivamente come parcheggio o come vicario di marciapiedi inesistenti. Da poco ci "sarebbe" anche un attraversamento pedonale con semafori, ma da febbraio è tutto chiuso e i semafori fanno "giasllo-giallo-giallo..." fisso. La cosa più ironica e grottesca è che intanto il segnale all'entrata del parcheggio (chiusa da reti metalliche) segna già "LIBERO"!!!

      Elimina
  2. analisi corretta. fare 900 posti in semicentro, non farà altro che incoraggiare 900 auto (moltiplicato il turnover) a venire in città. 900 auto (moltiplicato il turnover) da possedere, o da non dismettere per le famiglie che troveranno conveniente tutto sommato affidarsi all'auto. e la regola vuole che una volta che si ha l'auto, questa la si usa anche quando non sarebbe conveniente o razionale farlo. Quando si dice mobilità sostenibile.

    RispondiElimina
  3. l'analisi è sostanzialmente corretta :il parcheggio è buono adesso come misura tampone, ma siccome sempre meno pendolari prenderanno i merdosi treni regionali a favore della macchina, in futuro ci ritroveremo con la sosta sul prato PIU' il mostro di cemento che comunque toglierà 900 macchine dalla sosta a raso.

    Il problema vero di roma, è che le macchine non dovrebbero nemmeno avvicinarsi all'anello ferroviario cosi' facilmente.
    Ci vorrebbe qualche cosa come la milanese Area C, o meglio ancora una mega ZTL, e chi gli serve la macchina per lavoro (inteso unicamente come carico e scarico) si fa il pass.



    andando un po' OT, una misura che ha del miracoloso per decongestionare il traffico è nelle targhe alterne.

    io ho "toccato con mano" i benefici di questo provvedimento,
    strade sgombre, meno traffico
    Da cinecittà est a ciampino in 20 minuti, quando normalmente ce ne metto 30.

    perchè non estendere le targhe alterne per tutti i secoli dei secoli? hai visto mai...

    Valerio84

    RispondiElimina
  4. In ogni caso dovrebbero costruire anche una metro leggera di prolungamento oltre Anagnina (con annessi parcheggi di scambio).
    Premesso che mi sembra assurdo creare uno scambio metro+metro leggera ad Anagnina (meglio prolungare direttamente? Boh, non sono un tecnico capace di analizzare i flussi). Però, disgraziatamente si facesse, si moltiplicherebbe l'offerta di parcheggi di scambio oltre il GRA. Speriamo si sbrighino piuttosto. I parcheggi di scambio della B1 devono essere ancora consegnati, nonostante la metro sia già aperta parzialmente.

    RispondiElimina
  5. Ricordo che nel progetto erano stata inserita anche la riqualificazione del soprastante, con tanto di nuovi viali alberati (al posto di dove si continua ad assistere alla sosta selvaggia)e pista ciclabile. Spero (per i residenti della zona)non rimanga solo sulla carta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Tutt'ora, ancora lo spartitraffico sede di sosta selvaggia, viali "alberati" non esistenti e il varco viale Arco di Travertino-via Anzio tutt'ora chiuso, chiusissimo. E le panchine installate nell'area verde attigua, marcite per mancanza di manutenzione. Diversi Cercis siliquastrum piantumati non hanno sopravvissuto alle incurie. Cosa dire? Cosa fare?

      Elimina
  6. Cari Pro PUP mi fate ridere. Gia' dal nome si capisce la vostra incongruenza. Lessi proprio sul vostro sito anni fa gli elogi a questo schifo di PUP ad Arco del Travertino ed oggi vi accorgete che portare traffico dentro Roma e' una cavolata e vi giustificate con "le opere accessorie"?

    ma ve li fate i conti? 900 auto considerando una media di 4 metri e 900 auto + spazio son circa 4 KM di coda sulla sola Arco di travertino di macchine che si fermano ad una barra per accedere al parcheggio.

    Avete scoperto l'acqua calda con i PUP. Piu' linee leggere e non sotto terra che costano 1000 volte di piu'/decentarlizzazione degli uffici/prolungamento leggero delle linee esistenti/preferenziali e stop dei mezzi privati.

    Queste sono le regole base.

    ps: date qualche notizia di quanto e' costato rispetto al preventivato questo scempio (se volete ve le do io) e da quanto tempo doveva essere completato. Date notizia dei bus ricollocati da quasi 5 anni nella zona che "sgassano" dalle 5:30 del mattino buttando migliaia di euro di carburante (soldi nostri) solo per mettere sotto pressione i freni di "tir" canuffati da bus...........che dirvi; patetici.


    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Ci rendiamo conto, al di là di qualsiasi osservazione, che a tutt'oggi il complesso parcheggio PUP/capolinea ATAC/piazzale coperto è ancora "inviolato", chiuso, lasciato stare, incolto, non utilizzato...etc.etc? Varie "voci" avevano sancito che il Sindaco avrebbe "inaugurato" almeno il parcheggio e capolinea prima delle elezioni, in un "blitz" (vedi le decine di cartelloni elettorali impiantati a bella posta lungo via Carroceto, per l'occasione)! Ma poi, naturalmente, il nulla!
    E stiamo tutti qui, belli belli, senza una sede unica dell'ASL, senza un ufficio postale di zona e tutto il resto (si vorrebbe anche una bibloteca multimediale...). Che facciamo? Speriamo? Boh?

    RispondiElimina
  9. Tutto chiuso! Tutto incompiuto! CAZZO CAZZO CAZZO CAZZOOOOOO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora tutto chiuso! Passaggi pedonali sbarrati! Semafori sul "giallo-giallo-giallo...". ECCHECCAZZOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  10. Ma quale ingorgo, quale traffico "di risulta"? Oramai il traffico è assai inferiore a sei anni fa, quando sono incominciati i lavori. La risistemazione dei capolinea, la presenza di un parcheggio di scambio (che c'era sempre stato, fino al 2005), di un capannone che ospiterà la ASL, un ufficio postale ed una biblioteca - è una zona popolosa, gli uffici postali circonvicini sono assaliti fin dalle 7:00 del mattino, con le file fuori, una ASL smembrata in 3 siti differenti ed una biblioteca di quartiere, l'intera zona, ed oltre, ne beneficherà oltremodo, con una rivalorizzazione dell'intera area. Chi dice che non va bene è solo qualcuno interessato o a "seminar zizzania" o perché ha degli interessi di altro valore.

    RispondiElimina