lunedì 15 ottobre 2012

Roma-Milano, una faccia una razza. Soprattutto la faccia da schiaffi dei no-pup, che fanno disastri qua e danni anche lassù



Bellissimo post di UrbanFile su Piazza Lavater a Milano. Una piazza dove è successa esattamente la stessa cosa che accade a Roma: piazza disastrata dalla sosta selvaggia, progetto per un parcheggio che avrebbe risistemato la superficie, comitato di maledetti pseudo-cittadini impauriti da perdere la possibilità di parcheggiare tre o quattro auto a famiglia a sbafo, pressioni, strumentalizzazione degli alberi e stralcio del progetto dal Piano Parcheggi milanese. E oggi siamo al punto di partenza: una piazza disastrata.
Leggetevi qui l'articolo. Guardatevi tutte le foto. E poi diteci se la storia non vi ricorda qualcosa. Per fortuna anceh a Milano c'è chi la pensa in maniera seria, UrbanFile, un sito assai prestigioso, è tra questi.

4 commenti:

  1. se il problema di piazza lavater è la sosta selvaggia non c'è bisogno di un pup. basta fare un marciapiede in quei 5 metri quadri da te fotografati. sono in realtà lo svincolo dell'incrocio. selvono pochi euro e pochi giorni di lavoro. per il resto la piazza ha il suo bel giardino e della sosta regolare ai bordi. se il progetto prevede vasche per alberi di alto fusto (cosa che a roma raramente fanno) si potrebbe anche tollerare un pup sotto la piazza. ma la verità è che oramai è inconcepibile che si facciano parcheggi e si abbia come contropartita SOLO una riqualificazione della superficie. è troppo poco.
    ora parlo di roma: chiudiamo il piano pup che non serve a niente. e vincoliamo la realizzazione di nuovi pup a opere strategiche oltre la riqualificazione della superficie. se con 2-3-4 pup ci riesco a fare una tranvia in città allora ha veramente senso farli e diventa un costo sostenibile (e ragionevole) anche per i cittadini.

    RispondiElimina
  2. Per riarredare le piazze non ci si puo' "mettere una pezza" (anche se a Roma piace tanto questa attitudine). Per riarredare le piazze secondo stardard di qualità servono un sacco di soldi, diversi milioni di euro per una piazza grande ettari come Piazzale Lavater. Questi milioni di euro nessun Comune purtroppo li ha perché i figli di troia che parcheggiano a ufo sono mediamente pure evasori fiscali e dunque non contribuiscono al funzionamento della cosa pubblica.
    Ergo bisogna chiederli al privato, chiedendo a lui di provvedere. Con i pup questa operazione è possibile.

    A forza di dire "basta fare un marciapiede" o la versione ancora più paracula di "basta fare le multe", siamo sempre così.

    A Milano le piazze dove hanno fatto i PUP sono semplicemente stupende!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i parcheggi interrati senza "le multe" non servono a nulla, come molti casi dimostrano, perché tutti continuerebbero a parcheggiare a minchia. Ma se ci fossero "le multe" non ci sarebbe bisogno dei pup. Ecco il motivo per cui a Roma si lascia parcheggiare senza che uno straccio di vigilino (ma che fine hanno fatto?) scriva con penna d'oca e inchiostro di china alla velocità di un bradipo una famigerata multa.

      Ma a Roma il casino piace, senno non si spiegherebbe come mai, unica città al mondo, si consente ai pullman di passare per Roma e parcheggiare ovunque, pure in doppia fila, che tanto c'è una ordinanza che lo permette. Tutto è coerente con il ns Batman/Alemanno che partecipa ai campi identitari spacciandosi da duro.
      Anche lui un propup.

      Elimina
  3. Tonelli Tonelli...invece dei pup dì quanti soldi si perdono non facendo mai le multe!
    Altro che soldi per la riqualifica delle piazze...se facessero VERAMENTE le multe non ci sarebbe bisogno di nulla!

    RispondiElimina