giovedì 25 ottobre 2012

Il parcheggio a Piazzale della Radio? E perché no!?

Grandi polemiche, come al solito grazie alla formidabile capacità dei No Pup di fare casino e disinformazione, sul futuribile parcheggio di Piazzale della Radio, nel XV Muncipio. 
L'infrastruttura, in project financing che quindi riqualificherebbe una piazza in condizioni da quinto mondo a spese zero per l'amministrazione, ancora non è approvata e già i comitati protestano: la fottuta paura di dover, un bel giorno, parcheggiare in maniera civile la propria vettura. La fottuta paura che i nuovi posti auto regolare consiglino l'amministrazione comunale (nel caso che il prossimo anno arrivi gente onesta e preparata) a togliere le auto posteggiate illegalmente dallo spartitraffico di Viale Marconi (magari finalmente per destinarlo a piccolo giardino lineare o, meglio, a tramvia).

Certo, il nostro, come al solito, non è un sì acritico. Vorremmo che il parcheggio, in primis, se dà 500 posti auto nuovi, ne tolga 500 in superficie. Vorremmo che il parcheggio avesse una percentuale alta, altissima, di posti a rotazione. Con i posti a rotazione non è vero che un costruttore non guadagna, può guadagnare eccome basta che i posti a rotazione, ruotando, siano sempre più o meno pieni. E questo come lo si ottiene? Semplice: eliminando la sosta (in primis quella selvaggia) dalla superficie. Basta farlo. 

Quanto alla risistemazione superficiale le immagini che girano ci appaiono troppo impattanti. Si trovi il modo invece di lasciare gli alberi (Piazza Gentile da Fabriano docet) e di sistemare l'area a giardino con sobrietà e qualità, magari chiamando qualche giovane e talentuoso studio di paesaggisti. Si tolga il benzinaio (va sottoterra anche lui, come accade a Parigi) e si mettano in superficie chioschi, giostre, percorsi pedonali.

Ovviamente il nostro sì al parcheggio di Piazzale della Radio è un sì che vale se e solo se questo parcheggio non impatta con il percorso della Metro D, che va fatta assolutamente e che risulta una infrastruttura fondamentale, qualora al Campidoglio andrà gente degna di starci. Anzi, il parcheggio potrebbe essere uno strumento per rendere bi-entrata la Stazione Trastevere, facendole guardare anche il quartiere Marconi e il nuovo grande parking potrebbe avere accessi diretti sia alla stazione Fermi che alla stazione Trastevere della nuova futura metropolitana.

Ordunque, a di là dei motivi pretestuosi e profondamente stupidi cui ci hanno abituato i No Pup, per quale motivo dovremmo tenerci Piazzale della Radio nelle condizioni invereconde in cui è oggi? Coi cartelloni abusivi, i parcheggiatori violenti, er benzinaro, il megaparcheggio e tutto quanto zozzo e abbandonato? Non sarebbe meglio un contesto come quello di Piazza Cavour, Piazzale delle Muse, Piazza Gentile da Fabriano, tutte aree che grazie ai soldi di un parcheggio interrato si è potuto riqualificare seriamente?

16 commenti:

  1. per quale motivo dovremmo tenerci Piazzale della Radio nelle condizioni invereconde in cui è oggi?

    non aggiungo altro! BRAVI
    SI AL PUP

    RispondiElimina
  2. Subito!

    http://www.liberoquotidiano.it/news/1106673/Roma-Santori-Pdl-vigile-aggredito-a-piazzale-della-Radio.html

    http://www.youtube.com/watch?v=HcyqWBXuNA0

    RispondiElimina
  3. ecco un altro pup che prende in giro la cittadinanza con soluzioni insostenibili oltre che ridicole: maxischermo e megavasca d'acqua. Invece di sentirsi insultato e raggirato (cornuto e mazziato), il blogger Tonelli auspica che la moglie fedifraga scelga un amante più giovane e talentuoso.

    Questo è l'esempio che a Roma si possono fare le più immonde nefandezze senza nemmeno cercare di sforzarsi di non farsi troppo notare.

    La piazza fa schifo, e continuerà a fare schifo con e senza il pup perché la questione pup vs nopup è irrilevante in questo caso. Qui non è in gioco la mobilità, che il pup tende semmai a peggiorare, ma il fatto che quando ci si trova davanti a uno stupro, non bisogna chiedersi se la vittima fosse comunque messa male, ma come fermare lo strupro SUBITO.

    RispondiElimina
  4. Ma se non riescono a costruirne uno (quando ce la fanno) in meno di 7/8 anni, vedi quello in via E.Rolli/stazione Trastevere, quan'è che completeranno un'opera come questa? Vista la "maestria" con cui gestiscono/curano le zone sovrastanti/circostanti i pup (vedi via Blaserna) inorridisco al solo pensiero di come verrebbe lasciata la fontana, lo schermo, la gradinata, il giardino.
    Già me l'immagino i barboni/parcheggiatori abusivi/zingari bivaccare/dormire/ubriacarsi senza nessun controllo, senza nessuna repressione!
    E non dite che queste sono solo scuse, è la veirtà e lo sapete bene.
    Qui a Roma tutto, ripeto tutto, ciò che viene costruito/restaurato/migliorato dopo pochissimo tempo torna ad essere peggio di prima, il lassismo imperante delle nostre istituzioni vi sia da monito!
    Anni di lavori, soldi spesi, tutto buttato al vento!

    RispondiElimina
  5. Il progetto potrebbe essere migliorato, ma ho la sensazione che se non si piglia sto treno si resta a bocca asciutta per sempre.
    Spiace per le accacie di Costantinopoli e gli alberi di giuda ma qui stiamo parlando di un campo nomadi e ricettacolo di malviventi sotto gli occhi di tutti, sinceramente meglio l'arena, la vasca, lo schermo, la qualunque ma riqualifichiamo cavoli!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Riqualificare ok ma dopo, subito dopo? Tutto quello che vorrebbero fare sarà vanificato senza un minimo controllo.
    E che tutto resterà senza controllo è certo, basta vedere OGNI altra cosa riqualificata in questa città!

    RispondiElimina
  7. Obbligare l'impresa che fa i lavori PER CONTRATTO a occuparsi della manutenzione della piazza.

    Non ci vuole tanto.
    L'impresa farà decine di milioni grazie alla gestione/vendita dei parcheggi. E' giusto che sia compito suo tenere la piazza in condizioni civili e già che ci siamo rifare i marciapiedi, con criteri europei, delle strade circostanti.

    RispondiElimina
  8. Sen tu pensi che qualcuno vigilerà? Hai visto come hanno "vigilato" tutte le altre volte?
    PER CONTRATTO, ahahahha!
    Scusami ma sembri vivere in un'altra città!

    RispondiElimina
  9. il progetto, forse troppo "faraonico", l'ha deciso il municipio. mi spiego: sono i tecnici e i politici del municipio che hanno chiesto più cose belle e fruibili possibili, per poter venire incontro alle esigenze di una riqualificazione migliore possibile. l'ipotesi progettuale, sempre che il pup si farà perchè è indubbio che hanno più appeal i NOPUP-NOCAM che una piazza riqualificata, ha accolto le richieste del municipio. richieste avanzate, ripeto, in buona fede, sperando che più cose belle e fruibili sarebbero state detonatore delle PRETESTUOSE E SOLITE proteste! se il municipio vuole, l'ipotesi progettuale può anche essere più sobria (...monti docet). cosa che tra l'altro alla ditta converrebbe, in quanto costerà meno non mettere la vasca, il mega schermo, etc.etc. ma pensate che STUPIDI, è come se uno vi rifacesse casa con un bel salone, la palestra, il mega schermo, la cucina abitabile tutta moderna a gli si dicesse NO: preferisco una bella casa spoglia!!! ma tanto, LO RIPETO, qui non si tratta di richieste che una volta accolte, sbloccherebbero la situazione...si inventeranno ogni nefandezza possibile: le condanne del costruttore, l'anfiteatro romano, le falde acquifere, l'anziana che sta per morire e che non può reggere all'impatto dei lavori, er gattino che soffrirà per i rumori, il trattato di schengen, la commissione europea, la guerra in siria pagata con gli oneri concessori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla società costruttrice non interessa cosa c'è sopra, tanto non è lei che paga. Anzi interessa, perché lei farà i lavori, e incasserà un extra. Infatti, la fontana faraonica più lo schermo e il resto costano oltre 2 milioni di euro, mentre la dittà versa solo una quota pari a circa 800 mila euro. Il resto è versato dal Comune. Infatti, non sarebbe equo (giustizia tra ladri, ovviamente) che per gli altri pup i costruttori pagano solo 600-800 mila e qui i costruttori devono pagare due milioni.

      Certo che ci vorrebbe una ditta più talentuosa, solo che con il sistema di assegnazione, tutti quelli talentuosi, o tecnicamente competenti, vengono debitamente tenuti fuori per lasciare spazio a quelli de Roma che poi pure loro, poverini, sono costretti ad affittare tutti i mezzi meccanici (la parte più importante del costo di costruzione) allo stesso, e unico, fornitore, sempre de Roma. E chi è questo unico fornitore di mezzi?

      Elimina
  10. Pretestuose??? Anni di lavoro, caos totale, per avere, sempre che finiscano(vedi via Volpato), una struttura che diventerà(vedi via Bagnera) ricovero di barboni/zingari, con giardino rinsecchito e trascurato; non cambierà nulla, solo i costruttori s'ingrasseranno e in superficie resteranno gli zingari,i parcheggiatori abusivi, la sosta selvaggia e i barboni!

    RispondiElimina
  11. Marco hai ragione. Una pesantissima piaga sono gli ZINGARI. Lavoro a via o. da Gubbio, comandano loro, sempre in giro con i carrelli. Hanno creato un'emergenza ratti senza precedenti, spargono la nostra spazzatura mentre frugano dentro ai cassonetti sporcano tutto intorno e i topi sono attirati dai rifiuti. Com'è possibile che glielo permettiamo?? BASTAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  12. Non smettiamo di parlare di Piazza della Radio! E' importante mantenere l'attenzione su quest'area, centralissima eppure molto penalizzata.

    RispondiElimina
  13. IO vorrei proporre di concentrare l'attenzione su una cosa sola: la riqualificazione è necessaria come il pane, l'acqua, l'aria e via dicendo perchè quell'area è assolutamente abbandonata e schifosa! Per il progetto presentato? se ne può parlare...così come lo hanno presentato non mi pare fattibile! un megaschermo x cosa? arena cinematografica all'aperto in estate? partite di calcio?uhmmm...sono mooolto perplessa! Non sarebbe più facile e bello avere un parco degno di questo nome? manutenuto e con dei bei fiori? una cosa classica direi..in fondo non siamo mica negli emirati arabi!

    RispondiElimina
  14. sotto terra vacci tu

    RispondiElimina
  15. servono a prendere le Sovvenzioni Comunali Due esempi quello di via stradivari (praticamente vuoto) ma con un ristorante all'ultimo piano in vendita (Le Garage) a 500mila euro (solo di attività, poi si deve pagare affitto qualcosa come 10mila euro) quello alle spalle di via rolli mai finito che ha fatto morire un mercato rionale ....e poi : chi ce li ha i soldi per comprare box auto a 50mila 60mila 70mila euro ?

    RispondiElimina