martedì 11 settembre 2012

Piazza Cavour. Un parcheggio interrato che serve solo a prendere in giro la città






1.malgrado il parcheggio interrato se si può si parcheggia in divieto di sosta (ma che li mettono a fa i cartelli di divieto)
2. il capolinea dell'87 è assediato dalle auto e l'autobus deve sostare addirittura in 3° fila
3.e non poteva mancare il parcheggiatore abusivo (indicato dalla freccia rossa)
Roberto

*Roberto, 
Situazione vergognosa e fuoricontrollo. Uno schifo totale. Gli 'amici' del no-pup urleranno di gioia, sia perché sono grandi fan della sosta selvaggia, sia perché così potranno dire che i parcheggi interrati non la eliminano. Ovvio che non la eliminano, se si lasciano spazi per la sosta selvaggia la sosta selvaggia non scomparirà mai, ecco perché dovunque nel mondo gli spazi per mettersi parcheggiati a cazzo non esistono proprio. Ed ecco perché non è vero che i parcheggi non servono, anzi servono molto, ma la loro utilità è vanificata se in superficie non si lavora seriamente e con un arredo urbano civile. Arredo urbano che qui non si è fatto (la presidente del Municipio addirittura non voleva pedonalizzare la parte della piazza lato Tribunale), ma che non si farà neppure in futuro. Con i soldi versati dai costruttori del parcheggio -lo si è annunziato pochi giorni fa- non si farà nulla di buono: niente marciapiedi allargati, niente arredo urbano, niente telecamere anti sosta selvaggia. E così, il romano medio, nella scelta se parcheggiare fuori in divieto non rischiando nulla e parcheggiare dentro pagando 2,80 euro l'ora secondo voi cosa sceglierà? L'esito è facilmente prevedibile: avendo il parcheggio vuoto il costruttore chiederà ad un certo punto "sistemate la situazione in superficie o mi volete far fallire?". Per farlo star buono gli offriranno la possibilità di togliere la sosta a rotazione e di vendere tutti posti auto sottoforma di box. Quando inizieremo a governare questa città in maniera europea? Da quel giorno, dal giorno in cui inizieremo poi dovremo conteggiare 40 o 60 anni per mettere le cose a posto. Ma il timer non è ancora partito...
-Pro Pup Roma

24 commenti:

  1. Io sta gente proprio non la capisco. Proprio ieri andando a cena a Eataly vedevo auto parcheggiate ovunquem auto anche di un certo prestigio, ammassate come calcinacci in una favela brasiliana. Mi sono detto: cazzo il parcheggio a pagamento sarà pieno!!! e invece la tabella luminosa segnava 100+ posti liberi. Ho parcheggiato, cenato in tranquillità, fatto un giro nel centro commerciale e ho pagato 3€ (la prima ora è gratuita). Mi chiedo chi glie lo fa fare a questa gente che di certo non ha problemi di soldi di risparmiare pochi euro e lasciare la propria Audi A1 buttata su 30 centimetri di marciapiedi...solo per rifare la convergenza sono 40€, sveglia gente!!!!

    RispondiElimina
  2. Massimiliano, ti stavo per mandare le medesime foto. Roberto mi ha preceduto... Ma una mail a Buttarelli? Una mail agli ispettori ATAC (è pur sempre un capolinea bus)? La presidente del XVII si dovrebbe solo che vergognare per aver messo in discussione la riqualificazione dell'area.
    Cosa più grave è che fino al 15 settembre il parcheggio è persino GRATUITO!

    RispondiElimina
  3. Qualcuno aveva dei dubbi? Era evidente anche dal progetto che non c'era alcuna intenzione di portare riqualificazione. Su questo blog mi sembra che si sia titolato che Piazza Cavour ora sembra la Svizzera. Complimenti, mi sa che in Svizzera non c'avete mai messo piede. Un quartiere privato di un giardino per quasi un decennio per ottenere questo schifo. Questo è l'esempio migliore di come mediamente si fanno i parcheggi a Roma e di come non andrebbero mai fatti. Credevo non l'avrei mai detto, ma comincio quasi a simpatizzare con i NO PUP. Se il risultato finale è questa merda meglio non toccare nulla.

    RispondiElimina
  4. Se simpatizzi coi NO PUP non ci hai capito niente. Il parcheggio porta spazio nel sottosuolo e porta soldi al comune. Il problema che questo spazio non si obblighi la gente ad usarlo e che i soldi vengano sprecati non si risolve rinunziando a fare il parcheggio.

    RispondiElimina
  5. Se Tonelli voleva la prova sull'inutilità del pup di roma per ridurre la sosta selvaggia non aveva bisogno di aspettare il parcheggio di Piazza Cavour, visto che Roma è sparsa di esempi simili (vedi via Albalonga, ad esempio).

    I nopup non sono fan della sosta selvaggia, ma sono contrari al pup di Roma che la sosta selvaggia la incoraggia.

    In tutto il mondo la sosta la si fa rispettare senza particolari accorgimenti urbanistici, né con overdose di parcheggi (Roma è già in shock anafilattico da parcheggi), ma utilizzando le multe che a Roma nessun politicante vuole promuovere. Per altro Roma ha anche tanti vigili (senza pistola) quanti a Philadelphia eppure lì i poliziotti locali (con pistola) fanno oltre alle multe alle auto gli arresti di ladri e assassini, indagini su omicidi e corrotti, da noi la ns Roma Polizia Capitale invece fa pessima figura di sé con divise lise, cinturoni e scarpe sporche, auto stile Mogadisciu.

    I costruttori di parcheggi pup a Roma non falliscono di sicuro (e infatti cercano pure i pup più sfigati da costruire) in quanto stanno in pari (break-even point) già vendendo il 15% dei posti, cioè in un parcheggio di 250 posti, basta venderne 40 e sono già in profitto netto. E per forza, gli spazi gli sono stati regalati!

    Ma prendere un assessore di Parigi, o Berna o da una qualunque altra città decente no? Invece di sentire cialtroni e incompetente che per proprio tornaconto di piccolo cabotaggio cercano di rifilarci la fregatura del pup de Roma.

    RispondiElimina
  6. Quello che sicuramente non capisco è quale beneficio possono mai portare alla città opere realizzate in questo modo. Piazza Cavour è stato un intervento vergognoso e inqualificabile, veramente il miglior spot per i NO PUP. In questo blog si difende la realizzazione dei parcheggi, ma di solito mi sembra ci sia l’onestà intellettuale di riconoscere quali sono gli interventi sbagliati. E’ ovvio che non posso essere d’accordo con i NO PUP che difendono un indifendibile e vergognoso status quo. Tuttavia, interventi come questo sono solo una disgrazia. Non apportano alcun miglioramento e contribuiscono a radicare ancora di più nella testa del romano l’idea che la macchina a Roma sarà sempre la regina, che tutto sia lecito pur di guadagnare altri posti auto. Nel 2012 interventi di questo tipo in Europa si fanno solo a Roma. I lavori non hanno interessato un piazzale degradato ad autorimessa come in tanti punti di Roma. Qui si è eliminato per molti anni un giardino importante in un quartiere con poco verde. Credo che la differenza sia enorme ed evidenti a tutti. In una città di 3.000.000 di abitanti un sacrificio del genere si può imporre per realizzare una metropolitana, non per consentire ad altri 500-600 culi de piombo (che entrano in un paio di tram) di arrivare fin nel centro di Roma in macchina. Non ci sono state grosse proteste proprio perché si è cancellato per anni un parco, mica preziosi posti-maghina sul marciapiede. Il discorso sugli oneri che finanziano la riqualificazione qui poi non regge, per il semplice fatto che non c’è mai stato alcun reale progetto di riqualificazione. Persino dal rendering dell’opera si capiva che intorno volevano lasciare tutto uguale (salvo la minima pedonalizzazione davanti alla Corte). Davanti al cinema Adriano hanno lasciato quella specie di autostrada a 6 corsie perché sennò gli automobilisti protestavano. Ora ci parcheggiano in divieto nel modo che avete documentato fin sotto la scritta “LIBERO” del parcheggio. Tutto intorno lo schifo di sempre, fatto di SUV e smart in doppia fila e sulle strisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua analisi è giusta, ma attenzione a dove posizioniamo le responsabilità. Se Piazza Cavour fosse stata in qualsiasi altra città europea avrebbe avuto il suo parcheggio interrato, dunque non è li lo strano. Ma se Piazza Cavour fosse stata in qualsiasi altra città d'Europa non avrebbe avuto amministratori come la De Giusti (che ha lottato contro la riqualificazione favorendo le auto e i prepotenti) e non avrebbe avuto quest'arredo urbano africano che ha.
      Dunque stiamo attenti a non fare come la feccia dei no pup, gente priva di comprendonio (incapace di fare digressioni critiche anche contro le soluzioni che propugnamo, come questa), e sparare nel mucchio. Questa è la cosa più importante altrimenti facciamo solo qualunquismo.

      Elimina
  7. Vedi che i pup non risolvono nulla, tranne che i conti in tasca agli amighetti tuoi....

    RispondiElimina
  8. Il parcheggio è stato fatto molto bene, gli arredi urbani intorno no, e così i trogloditi avranno vita facile.
    Ma a parte questo, resta la domanda, legittima , se queste infrastrutture abbiano o meno il difetto di incentivare l'uso dell'auto. Io ho avuto la fortuna di qualcuno che mi insegnasse l'educazione e quindi parcheggiare il doppia fila non è nelle mie corde. Ergo, fino a ieri se dovevo andare all'Adriano le uniche mie opzioni erano taxi, bus o al massimo motorino. Oggi con il parcheggione, un pensierino va anche all'auto... Riflettiamo anche su questo.

    RispondiElimina
  9. Vero che il parcheggio è bello ma l'arredo urbano non offre alcun ostacolo ai trogloditi.
    Però va fatta anche un'altra riflessione e cioè che gente come me, per educazione personale non abituate a lasciare la macchina a cavolo di cane, fino ad ora hanno raggiunto piazza Cavour solo in taxi, bus o al massimo motorino. Da oggi un pensierino a prendere l'auto lo faranno..
    I parking invogliano all'uso dell'auto privata !?...

    RispondiElimina
  10. Perchè i miei commenti vengono cancellati?!...

    RispondiElimina
  11. la soluzione sarebbe elementare
    fare una pista ciclabile ai lati della piazza dove le auto parcheggiano in divieto di sosta

    RispondiElimina
  12. Tra l'altro a piazza Cavour c'è un bel commissariato di Polizia, che basta che si affaccino alla porta a fumarsi una sigaretta per vedere questo scempio. È così difficile fare delle multe?
    Com'è possibile che ci sia un parcheggiatore abusivo che opera indisturbato davanti il commissariato di Polizia?

    RispondiElimina
  13. a roma tutto è possibile

    RispondiElimina
  14. A Piazzale delle Muse (il pup non è ancora finito nonostante le inaugurazioni) non ci sono posti a rotazione, ne hanno venduti meno del 15% e le strade intorno fanno ancora schifo, la sosta selvaggia regna ancora sovrana. Ieri c'era un operatore dei giardini che non poteva entrare nella pineta di via Petrolini a pulire il giardino (in condizioni pietose) perchè le maghine impedivano l'accesso ai macchinari per la pulizia. A Piazza Santiago del Cile la situazione dopo il pup è peggiorata. In Francia ed in Spagna quando sono in macchina parcheggio presso il centro in parcheggi pubblici sotterranei, forse un 10-15% è destinato ai box privati, io non li ho mai visti.
    Quello che fa la differenza è il parcheggio pubblico e non privato, l'arredo urbano e un amministrazione funzionante.
    Il comune non ha i soldi per i parcheggi pubblici, sono troppe le prebende, le ruberie e gli sprechi, e si è inventato i pup privati, gli amici costruttori ci guadagnano ed il comune si fregia di combattere la sosta selvaggia.
    La situazione andrebbe corretta ma non credo sia possibile, il punto di non ritorno è purtroppo stato superato
    Lucio

    RispondiElimina
  15. piloncini di ghisa per impedire la sosta...

    RispondiElimina
  16. Elogio del piloncino di ghisa:
    --il piloncino di ghisa NON E' assunto dal sindaco a tempo indeterminato
    -- Il piloncino di ghisa NON va al bar a prendere un cornetto nelle ore di punta
    -- Il piloncino di ghisa NON CAMBIA orientamento quando cambia il Capo dei piloncini di Ghisa di Roma Capitale
    -- Il piloncino di ghisa NON PRENDE 50 euro per chiudere un occhio davanti al ristorante di turno
    ---
    Un piloncino di Ghisa è Per sempre. Il miglior amico di una donna che cerca di parcheggiare la smart sul marciapiede per 5min di shopping...

    RispondiElimina
  17. Secondo me oltre a rendere impossibile la sosta selvaggia dovrebbero rendere gratuita la prima ora di sosta nel parcheggio. Così chi deve fermarsi solo 5 minuti non ha più bisogno di lasciare la macchina in mezzo alla strada. Questo già avviene negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la carota della prima ora gratis di parcheggio non funziona a Roma senza il bastone delle multe. Ad esempio, il parcheggio sotterraneo del Bingo RE in via Cerveteri a Piazza Re di Roma permette ai clienti della SMA di parcheggiare gratis e di sbucare direttamente dentro il supermercato. Bene, le auto continuano a parcheggiare irregolarmente per fare delle spese veloci (che so, fila alla salumeria 10', il latte 30'', il pane 1' e la pesata delle verdura 2'). Si può stare anche un'ora senza che succeda nulla.

      Elimina
    2. No, la sosta rapida a rotazione è di superficie. Ma per far questo bisogna liberare le strisce blu dalle auto dei residenti e dalle auto che parcheggiano 8 ore a 4 euro (la tariffa giornaliera delle strisce blu a bruxelles è 25 euro, in irlanda non è neanche consentito parcheggiare più di tre ore...)

      Elimina
    3. Semplicemente bisognerebbe adottare un altro colore per la sosta a rotazione, con tariffe diverse e dedicate alla sosta breve. Certo poi bisogna anche controllare e manutenere suddette strisce...

      Elimina
  18. piloncino di ghisa contro la testa di ghisa di chi parcheggia sul marciapiede

    RispondiElimina
  19. Ci sono stato.. Troppo piccolo! Comunque era pieno! Ma la doppia fila era predominante come sempre. Bastardi.

    Mike

    RispondiElimina
  20. piloncini di ghisa...
    ----
    Movimento Politico per la Liberazione dei Piloncini di Ghisa dalle ferriere fino a Roma Centro...
    --
    la ghisa è il amteriale più idoneo alla testa dei costretti romanoi dell'automobile.
    Adotta un piloncino di ghisa.

    RispondiElimina