lunedì 30 luglio 2012

Mercati rionali. Ecco come fanno a Salerno






A Salerno, signori, non a Stoccolma o a Francoforte. Architetture moderne, parcheggi a rotazione e via andare...

10 commenti:

  1. scusate se metto qui questo commento ma è veramente incredibile. sul sito dei no pup ho estrapolato questo testo relativo al nuovo parcheggio previsto alla stazione termini...questi sono pazzi!!!TESTO NO PUP: "realizzazione di un’opera faraonica che, in controtendenza rispetto a tutte le capitali europee, prevede la realizzazione di un parcheggio di scambio nel cuore della città, con pericolose ripercussioni sul traffico e la mobilità del centro storico e sulla vivibilità dell’intera città". cioè, capito, il nuovo parcheggio avrebbe pericolose ripercussioni sul traffico...c'è UNO PSICHIATRA fra coloro che possono intervenire? oppure un TFO (trattamento forzato obbligatorio) per farli internare ma senza poter usare internet!!! eh!!!

    RispondiElimina
  2. Se non arrivate a capire che un parcheggio di scambio nel pieno centro della citta', per di piu' nel luogo maggiormente servito dal trasporto pubblico (a Termini vi sono treni, tram, metropolitana, autobus e taxi), e' solo un dannoso attrattore di traffico siete voi da far vedere.
    Anche nel caso quello previsto fosse un parcheggio pertinenziale ci sarebbe da discutere, considerato che a Roma il concetto di pertinenzialita' e' ormai andato a farsi friggere.
    Ma trattandosi di parcheggio di scambio, solo una mente semplice (o qualcuno che vuole fare soldi facili) puo' immaginare nel 2012 di far arrivare gente in automobile nel pieno centro di Roma.

    RispondiElimina
  3. La gente in automobile a Termini già ci arriva. E intasa tutte le strade circostanti che, con il nuovo parcheggio, potranno essere sistemate.
    Chi scrive non è mai stato a Termini negli ultimi 60 anni ritengo.
    E non è mai stato in tutte le città del mondo dove le stazioni centrali sono dotate di grandi parcheggi. Mai stati neppure a Firenze Santa Maria Novella, vero? A Firenze le auto finiscono sotto terra, anche se vuoi aspettare un parente che arriva. Anche a Roma, nonostante bestie come voi a cui piacciono Via Marsala e Viale Giolitti ridotti così, ci si comporterà in maniera civile ben presto. Fatevene una ragione e trasferitevi in Siria, se volete ancora vivere nel sudiciume e nel caos.

    RispondiElimina
  4. ah ecco, facciamo un parcheggio da 1500 posti per andare a prendere i parenti alla stazione Termini. non lo capite che il problema è proprio la gente che va in automobile a Termini, e che il parcheggio non allevierà ma anzi peggiorerà il traffico della zona.

    dice il saggio: "non discutere con un idiota: ti porta al suo livello e poi ti stende con l'esperienza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che purtroppo a Termini, come in altre stazioni di altre città, la gente ci va in macchina a prendere o lasciare i parenti, ci va a lavorare in macchina e ci prende il treno lasciando la macchina. L'unca differenza è che solo a Termini non ci sono parcheggi e si lasciano le macchine in tripla fila su Via Marsala e Via Giolitti, creando un caos che solo a Roma ed alcune megalopoli del terzo mondo si vede.
      I no pup sono pericolosi perché combattono la costruzione di infrastrutture essenziali per Roma, sperando che a Roma si rimanga nel caos e nell'inciviltà.

      Elimina
    2. andare a prendere il treno in macchina o andare al lavoro in macchina sono cose antidiluviane, che nelle città evolute, che pare conoscete solo voi, hanno superato da decenni. Possibile che sia così difficile da capire?

      Elimina
    3. Il problema è che l'utilizzo della macchina si può fermare solo se rendi un mezzo alternativo più efficiente. Nelle città evolute sono stati costruiti parcheggi interrati a pagamento al posto di parcheggi in superficie gratuiti e lo spazio liberato dai parcheggi in superficie è stato utilizzato per fare piste ciclabili e corsie preferenziali. Oggi la gente non usa più la macchina perché per parcheggiarla deve spendere almeno 10 EUR al giorno (in alcune città in centro molto di più) ed i mezzi pubblici sono molto più efficienti. A Roma purtroppo si continua a parcheggiare gratis e selvaggiamente in superficie ed i mezzi pubblici sono inefficienti perché al posto delle preferenziali e dei tram ci sono macchine parcheggiate in doppia e tripla fila cha rallentano il traffico.
      Il primo passo che dovrebbe fare un'amministrazione seria per incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici è togliere i parcheggi gratuiti in superficie, mettendo le macchine in parcheggi a pagamento, e al posto dei parcheggi fare ciclabili, preferenziali e marciapiedi larghi.

      Elimina
  5. egr. dr. tonelli, le volevo chiedere se è vero che anche lei ha mire "politiche". dico "anche lei" perchè mi è stato detto che anche la si.ra bianchi dei no pup si candiderà al consiglio comunale. in tal caso, pur apprezzando il suo egregio ed encomiabile lavoro, vedrei le cose che scrive da un'altro punto di vista.
    per quanto riguarda la discussione con uno degli idioti (non uno dei "soliti" altrimenti sai le risate!!!), io non credo che siano "egoisti, stupidi e pericolosi". pericolosi si,ma io continuo a credere che siano in malafede. malafede politica (contro alemanno e quindi contrastano ogni cosa alla "muoia sansone con tutti i filistei") e malafede "aziendale" (contro una ditta in particolare e poi farciscono il tutto con altre azioni per non farsi smaccatamente smascherare. tra l'altro proprio la sig.ra bianchi in un'intervista disse "beatamente" e "ingenuamente" che sapeva tutto delle 3 delibere sui mercati della ditta XZY (non la cito perchè mi è stato detto che ultimamente querelano facilmente!!!) e poco di altre!!! mi dispiace ma la penso così e dato che, seppur nell'anonimato, sono stato schietto anche nei suoi confronti, così lo sono verso i no pup.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. attenzione ad utilizzare il termine 'idiota', che poi le si ritorce contro (soprattutto quando si scrivono tante stupidaggini tutte insieme).
      la maladede è di chi invece di cercare di capire i concetti si concentra su insulse dietrologie.
      Il fallimento del piano parcheggi a Roma è ascrivibile in massima parte al nutella (al secolo Veltroni), non avendolo accompagnato con misure serie di limitazione dell'uso del mezzo privato. Il misero Alemanno non ha fatto altro, viste anche le sue (in)capacità, che proseguire sullo stesso filone.
      Riguardo invece la presunta differenziazione tra le ditte costruttrici, siere voi appassionati della materia che tifate per una o per l'altra. Chi discute l'impostazione del piano parcheggi nel suo complesso se ne infischia della ditta A o B. Potete crederci.

      Elimina