lunedì 23 luglio 2012

Il vandalismo intellettuale dei No Pup si scaglia, bava alla bocca, pure su Piazzale della Radio. Pazzo chi (giornalista, cittadino, politico) dà ascolto a questi pazzi e pericolosi nemici di Roma

Ogni volta pensi che sia l'ultima, la peggiore. E invece ogni volta ti accorgi che loro sono capaci sempre di stupirti, di farne una di più, di pensarne una più del diavolo. A questo punto si potrebbe pensare che manco lo facciano a posta, che manco lo facciano con cattiveria, che siano proprio così dentro. Incivili, gretti... romani! Ma leggiamolo l'ultimo comunicato stampa di "loro" e poi commentiamolo.

Appello per  Piazzale della Radio
Per fermare la procedura di approvazione di un parcheggio interrato che stravolgerebbe l'assetto della piazza


Non ha fatto tesoro l’amministrazione della vicenda del Pup di Via Enrico Fermi, che da più di un anno ha creato un’ insanabile contrapposizione tra Comune e  Municipio da un lato, e residenti  dall’altro.  Lo stesso copione rischia adesso di ripetersi a qualche centinaio di metri, in Piazzale  della Radio, oggetto del progetto di un parcheggio interrato di circa 500 posti auto, che sta per essere sottoposto al vaglio degli uffici comunali all' insaputa della maggior parte dei.gli abitanti del quartiere.
Ma a parte il solito interrogativo sull’utilità di un’opera, che è sì vicino alla Stazione Trastevere, ma anche vicino a  un altro Pup in via di ultimazione (Via Rolli) e a un’area,  tra viale Marconi e il  lungo Tevere, che  ha ampi spazi ancora non edificati ed incolti, dove potrebbero essere pianificati interventi molto meno impattanti, per il Pup di Piazzale  della Radio  c’è un’altra aggravante. Infatti  a giudicare dal rendering del progetto presentato nel 2009, che fino a poco tempo fa campeggiava anche sul sito del XV Municipio, l’assetto della piazza verrebbe completamente stravolto, senza alcuna consultazione preliminare né tantomeno processo partecipativo con i cittadini.   Le decine di alberi esistenti, tra cui una ventina di platani di prima grandezza,  verrebbero tagliati o spostati, devastando  una delle poche aree verdi fruibili  della zona. In cambio verrebbe costruita una struttura avveniristica per spettacoli all’aperto, con gradinate per ospitare decine di persone  in una zona densamente abitata.  E in mezzo verrebbe piazzata un’estesa vasca piena d’acqua, decisamente sconsigliabile in uno spazio che dovrebbe accogliere anche bambini piccoli. E realisticamente,  miracoli  della computer grafica a parte, nell'area si impianterebbero  alberelli  e  cespugli, con  poca ombra per tutti .
C’è da chiedersi se, ammesso che i cittadini siano  favorevoli al parcheggio, non preferirebbero che in superficie  si realizzasse  un normalissimo giardino pubblico, con panchine per gli anziani e giochi per i bambini. E magari usare i soldi riservati alla sistemazione faraonica per lavori più urgenti e indispensabili nel quartiere.  Ma  c’è da chiedersi anche se non sarebbe obbligatorio e comunque opportuno, per uno spazio pubblico così importante ed esteso,  avviare un concorso d'idee per la sua sistemazione, come del resto accade per tutte le opere di questo tipo in tutte le grandi città italiane ed europee. 
Il Coordinamento dei Comitati NO PUP e il Comitato No PUP Fermi, insieme a Cittadinanzattiva Lazio Onlus, Amate l’architettura, Coordinamento Residenti Città Storica, Quinto Stato, Respiro verde, Salviamo il paesaggio, Urban Experience, ha inviato un appello al Sindaco Aleamnno, al delegato ai parcheggi Vannini, all’assessore Visconti e  al presidente del XV Municipio Paris, chiedendo di fermare immediatamente le procedure di approvazione del progetto e di aprire un confronto con le associazioni e la  cittadinanza.

Partiamo dall'inizio. Dal titolo. Sta partendo un nuovo cantiere: nuovi posti di lavoro, nuove famiglie che potranno sfamare i propri figli, d'altronde i grandi e i piccoli cantieri, secondo fior di economisti, sono la strada che potrebbe salvare l'economia. Eppure loro, anche qui, vogliono bloccare tutto: "fermare la procedura di approvazione".
Ma andiamo avanti perché ci sarà davvero da piangere: ovviamente poco sotto si dice che il parcheggio non è utile. E' un cavallo di battaglia dei No Pup: "i parcheggi non servono perché le auto vanno tenute per strada, in doppia fila, sulle strisce, di fronte agli scivoli per gli handicappati, sulle aiuole, sui marciapiedi, dovunque ma non sotto terra: lì non servono i posti auto". Strano che non abbiano citato falde interrate e mostri sottomarini, ma sta volta c'è la Stazione Trastevere poco distante: visto che c'è la strazione non bisogna fare il parcheggio, dicono i No Pup mentre noi chiamiamo la Croce Verde.
"Bisogna condividere le scelte coi cittadini perché l'assetto della piazza sarebbe stravolto" dicono i terroristi No Pup: peccato che la piazza in questione non abbia alcun assetto e che, al contrario, sembri un piazzale di una qualche città sovietica di quart'ordine esattamente dopo lo scoppio di qualche bomba atomica. Un luogo atroce e micidiale che ora, d'un tratto, è da tutelare: prestissimo su Pro Pup un fantastico video sulla piazza, così vi facciamo vedere noi "l'assetto"...
Ma c'è purtroppo molto, molto di peggio: "invece di fare i parcheggi qui" dicono i No Pup "andrebbero fatti nelle tante aree incolte e non edificate del quartiere".
Avete capito bene: questi furfanti malefici, questi criminali urbanistici propongono di utilizzare i brownfields urbani come aree per mettere le loro automobili. Pazzesco. I brownfields, le aree abbandonate e non costruite che servono per fare ricuciture urbane, che servono per fare architettura di qualità, che servono per fare servizi, che servono semmai per fare nuovi parchi e giardini questi li vogliono trasformare in parking. E c'è gente che dà ascolto a questi pazzoidi pericolosi, capito!?
Più va avanti il comunicato e più si fa delirante e, come al solito, profondamente egoista e ignorante. Pur di dare addosso ad un nuovo parcheggio che trasformerebbe in europea una piazza bielorussa, si inventano che non gli stanno bene le risistemazioni superficiali. Addirittura ce l'hanno con il fatto che venga prevista una arena per cinema e spettacoli: "non si può fare perché ci sono le case", dicono i No Pup. Chissà come faranno a Piazza Vittorio, pensiamo noi.

Il parcheggio a Piazzale della Radio? Ovviamente va fatto e subito. Per la risistemazione superficiale occorre fare molta attenzione e realizzare un progetto di qualità. E soprattutto tutti gli oneri concessori vanno adoperati per riarredare tutte le strade dei dintorni, per togliere le vetture dallo spartitraffico di Viale Marconi che pare una camionabile del Burkina Faso. Si può fare, si fa così in tutto il mondo occidentale, facciamolo senza dare retta a questi idioti.

55 commenti:

  1. veramente a me sembra che l'idiota sia il Comune, che non ha capito che se i progetti non li partecipa in qualche modo non va da nessuna parte, ed anche voi non apparite fulmini di guerra spalleggiando un tale stupido (e sbagliato) procedere.

    RispondiElimina
  2. Tonè, ancora non hai imparato? Questi faraonici progetti, a dir loro veloci,utili splendidi altro non sono che un "magna magna", lavori che durano anni (che mi dici del parking ancora in realizzazione a via E. Rolli?)e, oltretutto, un risultato che, nei migliori dei casi, lascerà un giardinetto, senza cure e vandalizzato dopo poche settimane(vai a vedere gli altri fantastici Pup!) Finchè non ci sarà controllo, VERO, su tutto(progetto,lavori,manutenzione) i Pup serviranno solo per far mangiare i soliti noti a discapito di chi, i lavori eterni, dovrà subirli!

    RispondiElimina
  3. Qualsiasi lavoro eterno (ridicolo qualunquismo, nessuno ha interesse a far durare a lungo i lavori, a parte le pessime soprintendenze) è meglio della situazione attuale. Almeno i lavori creano posti di lavoro, operai, geometri, maestranze, stipendi. La vostra sosta selvaggia non porta a nulla invece.

    RispondiElimina
  4. Scusi Tonelli, ma i PUP servono a creare posti di lavoro o a evitare la doppia, tripla, quadrupla fila?
    Fino ad ora mi sembra che abbiano soddisfatto solo le prime esigenze, perchè nelle zone/aree dove sono stati realizzati i PUP non è cambiato un bel niente.
    Si faccia un giro a Piazza Epiro o in via Cesare Baronio, ed in entrambi i casi vedrà auto accatastate in curva e sui marciapiedi delle viciniore Mura Latine (sigh!) o aree verdi.
    Insomma....un fallimento, una boiata pazzesca che non ha risolto minimamente il problema, congestionando di auto in sosta selvaggia qualsiasi area limitrofa i PUP.

    RispondiElimina
  5. Esatto: occorre arredare molto meglio le zone circostanti facendo in modo che la sosta selvaggia diventi impossibile. Non è difficile: ma dobbiamo chiederlo tutti insieme. Ci stai anche tu?

    RispondiElimina
  6. Mano a mano che leggevo questo sproloquio folle scuotevo il capo, esattamente di fronte alle stesse considerazioni che hai sottolineato tu e che ti hanno fatto trasalire.
    Non si può fare un pup perchè altrimenti stravolgerebbe la piazza???? Ma più stravolta, trascurata, vomitevole di così? Passo spesso da lì e mi vergogno ogni volta per quel troiaio che vi si trova, specie dietro il benzinaio sulla sinistra, guardando il ponte di ferro, oltre il quale si trova un pezzo di terra incolto, schifoso, trascurato, dietro la ASL!!!! Non si deve costruire il pup altrimenti ci faranno un'area dove organizzare eventi, spettacoli, brrrr che roba terribile la cultura! Ma come cazzo si fa, mi dico, come si fa....E non mi va nemmeno di citare il pup di via Rolli "in via di ultimazione", che bugiardi imbecilli.
    Avanti con questi progetti, avanti con la restaurazione di Roma.

    Federica

    RispondiElimina
  7. Hai detto bene: sproloquio. In qualsiasi città occidentale questa gente sarebbe derisa, qui a Roma i giornali riprendono i loro comunicati. A me è questo che mi fa arrabbiare.

    RispondiElimina
  8. in qualunque città europea non si farebbe una vasca di acqua senza protezione ed un pavimentazione in legno. Leggi prima di insultare...qui non si parla di non farlo, ma si seguire la volontà delle persone e delle loro esigenze e non quelli economici dei tuoi datori di lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho ancora visto il rendering o altro che illustri nello specifico il progetto, mi baso sul comunicato che sinceramente mi sembra delirante.

      Federica

      Elimina
  9. Finchè vi chiamerete nopup non avrete credibilità quando chiedete di concertare questo tipo di intervento.

    RispondiElimina
  10. E poi sempre la solita scusa che mancano gli alberi e l'ombra...
    e se li mettessimo artificiali sti benedetti alberi ?
    http://www.greencleaningideas.com/2011/08/10-stunning-solar-tree-designs/

    RispondiElimina
  11. Federica: la zona incolta fa schifo, è vero, come il giardinetto in piazza, come gli zingari che ci dormono,come i parcheggiatori abusivi che stazionano tutti i giorni...son tante le cose che servirebbero per far rinascere la piazza.
    Per te il PUP risolverebbe tutto??? Li hai visti gli altri PUP? Non vuoi citare il PUP di via Rolli, e perchè?Lo sai da quanti anni è "in via di ultimazione"??? Sai cosa ci aspetta: anni di cantiere(iniziano, si bloccano,lavorano 1 mese, si rifermano) e poi box carissimi, macchine sempre in doppia e tripla fila,pseudo giardino incolto e "struttura avveniristica per spettacoli all'aperto"...che, sempre che venga ultimata, diventerà un luogo di aggregazione di zingari,prostitute e zozzoni vari...come quelli che frequentano già quella piazza...senza nessun controllo, come sempre a Roma! Gli spazi per la cultura, all'aperto, vanno fatti in luoghi idonei(non in mezzo ad una zona così densamente abitata, la sera la gente vuole anche dormire, non solo divertirsi).

    RispondiElimina
  12. Quali sono i luoghi idonei per fare un cinema sotto le stelle? Perché, ad esempio, Piazza Vittorio lo è Piazzale della Radio non può esserlo? Perché ce abbbbiti tu?

    RispondiElimina
  13. Tonelli Tonelli, quand'è che ti abituerai a parlare e discutere civilmente? Quand'è che risponderai a TUTTE le domande e non SOLTANTO a ciò che ti interessa???

    RispondiElimina
  14. Sono qui per rispondere a tutte e a tutti. Quanto all'inciviltà l'unica che vedo è di chi considera i brownfields urbani come posti dove fare autorimesse a cielo aperto. E di chi difende a spada tratta la sosta selvaggia e l'oceano di lamiere che umilia ogni angolo di questa città.

    Le autovetture non si devono vedere: devono stare sottoterra, succede così dovunque.

    RispondiElimina
  15. Brownfields? Invece di fare il saccente perchè non rispondi a ciò che ti hanno chiesto? Perchè non ci dici del pup di via Rolli? Perchè non ci dici com'è che per risolvere ogni problema (sporcizia,incuria,degrado...) basta costruire un pup? Il pup ci garantirà un giardino curato e bello? Il pup manderà via la moltitudine di zozzoni che bivaccano a P.le della Radio?Il pup ci garantirà che la fantasmagorica arena all'aperto sarà gestita nel rispetto di tutti i residenti (che vivono e dormono lì)?Tu e i tuoi amichetti ci garantirete che i lavori non dureranno, come al solito anni e anni e anni? Il pup avrà posti auto a prezzi accessibili o sarà destinato ai negozianti(box) o solo a chi se li può permettere? Sarà vigilato...ma davvero? Già me li immagino i "simpatici" frequentatori della piazza che bivaccano lì sotto...ce le garantisci 'ste cose?Siamo a Roma e non a Oslo o Stoccolma, lo sappiamo bene cosa succederà...tanto una volta iniziato ed intascati i $$$ chi ve vede più, no?

    RispondiElimina
  16. Non sono mai sceso a questo livello e non intendo farlo ora. I qualunquisti che affermano che visto che siamo a Roma e che c'è pressappochismo allora non bisogna fare più opere pubbliche dovrebbero ringraziare il cielo che non gli mettiamo i commenti nello spam. Mi rifiuto di abbassarmi a tal punto.

    RispondiElimina
  17. Ok, allora il blog fattelo da solo o con chi ti dice che hai ragione sempre e comunque...e mi raccomando, non dare mai risposte, no no!

    RispondiElimina
  18. Mah, difatti il blog me lo faccio da solo eccome. Non mi risulta di averti obbligato pistola alla tempia di venire qui. Se non ti piace il blog ne puoi frequentare altri, ve ne sono migliaia. Ma scrivere scemenze e pretendere che io ti risponda mi pare un po' forzato...

    RispondiElimina
  19. Scemenze dici? Allora confutale...no?

    RispondiElimina
  20. Non c'è bisogno di confutarle. Chi dice che tanto in Italia non si può fare niente di buono dunque deve stare tutto fermo è qualcuno con cui io non ho voglia ne intenzione di interloquire. Sono posizioni da autobus, da bar, qui tentiamo di volare alto. Ripeto: è pieno di blog in cui si fa qualunquismo, vai lì. Qui tentiamo di stare su un altro piano, non credo tu ti possa sentire a tuo agio.

    RispondiElimina
  21. "...qui tentiamo di volare alto"?!? Con i PUP alla romana?
    Ma certo che avete perso ogni senso del ridicolo.

    Nessuno (nemmeno i no-pup) dice di non fare niente, ma almeno cercare di fare le cose come si deve, progettando gli interventi (e non lasciandolo fare solo alle ditte costruttrici che hanno la pessima abitudine di badare solo al proprio tornaconto, com'e' giusto peraltro), presentandoli ai cittadini interessati provando almeno a dimostrare che l'opera avra' per loro un qualche vantaggio, dimostrando di avere a cuore le sorti della citta' e non solo l'interesse di quattro scalcagnate ditte di costruzioni che hanno il solo requisito di saper operare nel troiaio amministrativo romano.

    Sapete solo incitare allo scavo a tutti i costi, a qualsiasi condizione, cosi' lavorano i geometri, le maestranze, si fa reddito! Ma non vi rendete conto che sono argomenti per i quali nelle citta' europee che decantate tanto vi prenderebbero a calci senza pieta'?
    E questo e' volare alto? Ma fateci il piacere ...

    Solidarieta' e compassione per Marco, che tenta di far ragionare costoro.

    RispondiElimina
  22. Forse non hai visto le foto di Piazzale della Radio o forse, peggio, non ci sei mai stato. Vai invece a Piazza Gentile da Fabriano, a Piazzale delle Muse, a Piazza Cavour. E' vero, è stato necessario tanto tempo perché questo è il paese della burocrazia, ma intanto oggi quelle piazze sono miglio e al posto delle vostre macchinette di merda ci stanno alberi e giardini e sembra di stare in un paese normale. Per un attimo.

    RispondiElimina
  23. Piazza Vittorio 1000 anni e pup ancora non accessibile, piazza gentile da fabriano pup ancora transennato....

    RispondiElimina
  24. Tonelli, rispondi a ciò che ti scrissi ieri, non continuare ad offendere, ci riesci?
    Se sei così fico, intelligente ed hai piena convinzione che i pup sono la panacea per qualunque lordura di questa città non dovrebbe esser difficile rispondermi a tono, no?

    RispondiElimina
  25. ragazzi, sono appena tornato dalla polonia...sì, dalla polonia. e sono stato anche in ucraina per un reportage fotografico. comunque, a varsavia stanno costruendo una nuova linea della metropolitana (credo ci sia anche l'astaldi coinvolta) e lavorano al centro, di notte, con scavatrici e cellule fotoelettriche per non perdere tempo. di sabato. ci sono parcheggi dappertutto. sull'autostrada ci sono lavori infiniti con migliaia di mezzi, non come da noi che per i lavori c'è un'operaio con la pala, uno cò la piccozza, l'altro telefona, er quarto se fuma na sigaretta e er quinto controlla facebook!!!
    ora, il problema è che se non ci svegliamo, l'italia e roma fra 5-10 anni al massimo, saranno destinate ad essere il nord del continente africano. forse a qualcuno di questi nopup farà piacere, con i rom dappertutto (a proposito, in polonia nun c'è un rom, un barbone, la polizia te fà er c...solo se cambia corsia senza mettere la freccia e se non ti fermi ai controlli documenti- frequenti - in centro!!!ecco perchè i zozzoni di tutta europa sò venuti qui affà baldoria e commettere crimini!!!), caos sulle strade, una bella puzza de monnezza (perchè manco gli impianti di smaltimento rifiuti si vogliono fare!!!)
    ora, questi esseri che, bisogna dirlo, hanno tutti una certa connotazione politica e molti si vogliono pure candidare al comune di roma e altri vogliono i voti per garantire al mondo la casbah-roma (mentre loro abitano ai parioli, in prati e alla balduina, sai quanti ne conosco...!!!), dovrebbero essere interdetti. perchè un conto è la democrazia e la libertà di pensiero, ma quando qualcuno, per colpa delle sue idee malsane, crea un danno indiretto e irreparabile anche a me che vorrei vivere in una città migliore, credo che si dovrebbe applicare una sorta di "decreto mancino" per idee contro la pubblica utilità!!!

    RispondiElimina
  26. Dammi qualche consiglio che da domenica sono anche io su per due settimane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volentieri, qualche consiglio di che tipo?

      Elimina
  27. ragazzi, non ve la prendete troppo con Tonelli, diciamo che "si impegna ma non ci arriva".

    sarà pure lodevole il suo impegno civico, purtroppo non ci arriva che anche in una città come londra sono stati spesi per le olimpiadi miliardi di STERLINE (non di euro, quindi 3 volte tanto) per opere che ricadranno sulla collettività...non ci arriva al fatto che per alcune spese (flop assurdi come la vigilanza privati) è stato speso un mare di denaro pubblico...
    ...e che per fare lo stesso discorso in un paese ultracorrotto come la Grecia si è arrivati alla catastrofe collettiva.

    Già a fare lo schifo della vela di tor vergata si sono spesi i milioni e non si è combinato comunque un cazzo, figuriamoci a fare 15 pup!

    ...e il buon tonelli non arriva al fatto che è impossibile paragonare la mobilità delle città europee a quella di roma, dove in 100 anni sono state fatte 2 (DUE) metropolitane e mezzo.

    Quindi non calcate troppo la mano con lui...

    RispondiElimina
  28. Il pup è anche un modo per avere dei soldi privati da spendere al fine di ammodernare la piazza, creare delle barriere a protezione di un eventuale parco, arredare in maniera decente ed "occidentale", senza quindi far cacciare soldi al Comune che di soldi DICE non ne abbia (per le consulenze o per i cazzi propri gli euro saltano fuori).
    Sicuramente pensare di aprire un cantiere in una zona come piazzale della Radio fa venire i brividi anche a me, ma non possiamo partire dal presupposto che in Italia non si possa fare, anche perchè in altre città (come Firenze, che conosco molto bene, o Milano) l'ammodernamento, la manutenzione, il decoro urbano sono all'ordine del giorno, per cui prima o poi sta città deve ripartire. E' splendida, ma tanto troppo trascurata.
    E' altrettanto ovvio che i cittadini debbano essere interpellati, come si fa a Parigi per esempio, circa il destino della piazza, ma da ciò che riporta il comunicato non vi è nemmeno un margine minimo di dialogo, date le assurdità riferite.

    Federica

    RispondiElimina
  29. Allora rileggi il comunicato, non i commentini. Dice chiaramente che non si vuole indagare se il pup vada fatto o meno ma sulle modalità di procedure che portano inevitabilmente i cittadini a ribellarsi a tali opere. I soldi pagati dalle ditte costruttrici sono un onere ridicolo rispetto al loro guadagno. Nella Roma che tanto si vorrebbe costruire, su questo blog, si parla solo di scavare e scavare, ma non ci si scaglia mai contro le bufale pazzesche che rifilano le ditte ai cittadini. Presentano il progetto pieni di smaglianti sorrisi, poi fanno solo il lavoro che gli interessa e la risistemazione superficiale la abbandonano. Perchè su questo blog che si dice tanto civile non si parla mai di via Como? Lì il pup è stato fatto e dove dovevano sorgere campi sportivi, come dichiarato dalla ditta, non c'è nulla e ora tutto sarà in mano ad avvocati per anni. Questo va bene, però, vero? E su piazzale della radio, che fa paura da quanto è abbandonata, accadrà la stessa cosa. Scaveranno, venderanno e poi addio. Nemmeno ci sarà il problema della vasca, del palco, di niente. Leggevo poi di alberi di plastica, mi sembra un'idea eccellente, veramente i linea con questo blog che ne spara una dietro l'altra, tranne che per un particolare: gli esseri umani respirano ossigeno....ops, e ora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Respirano ossigeno ?!
      In un via ricoperta di bare d'acciaio ?!?

      puahahhahahahhah

      Elimina
  30. Ma alla povera Federica non gliel'ha spiegato nessuno che la strada dell'inferno e' lastricata di buone intenzioni?
    Credo nessuno si sogna di mettere in discussione i parcheggi interrati in assoluto. E' la variante "amatriciana" degli stessi che dimostra di non funzionare.
    E finche' non si trova una soluzione a questo e' meglio per tutti lasciar stare. Almeno limitiamo i danni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece di chiedere un arredo un urbano di qualità, chiedi che tutto rimanga cosi ?
      Bah...

      Elimina
  31. Riccardo, scusami: chiedere un arredo di qualità? A chi, ai costruttori di pup? Lo sai(o fai finta di non saperlo) che all'inizio è tutto rose e fiori(i lavori dureranno pochissimo, posti auto a prezzi contenuti, arredo urbano fantastico,verde, alberi, parchi) e poi??? Hai visto via E.Rolli? Che mi dici di via Blaserna? E via Albalonga che t'ha fatto?
    In una città dove tutto viene fatto da schifo(magari fosse all'amatriciana) ti sembra strano che ai residenti possa venire qualche dubbio? Come mai il caro Tonelli, quando viene incalzato da domande e dubbi leciti, si limita ad inveire e non risponde? Vi riempite la bocca con l'Europa...ma qui siamo a Roma, dove al peggio non c'è, ahimè, mai fine!

    RispondiElimina
  32. altra considerazione un pò più "cattivella": ma non è che questi no pup sono solo contro una certa ditta costruttrice e vogliono solo favorire (artatamente) qualche vecchio concessionario-costruttore che è stato "fatto fuori"? da dove arrivano i finanziamenti per tutte queste loro attività? non scordiamo cosa accade per la tav (grandi proteste e risalto mediatico) e il raddoppio dei tunnel autostradali sotto le alpi (e nessuno protesta...?come mai?), dove tutti burattini contro l'alta velocità e i vari grandi marchi petroliferi, di costruttori tir e di pneumatici fanno la festa a sapere che si continuerà a usare camion su camion (peraltro solo in italia). inoltre alcuni esponenti di questi no pup si candideranno alle elezioni comunali mentre altri, già consiglieri, sperano di racimolare voti in seguito a questa "guerra santa". allora, se è così, gettino la maschera, qui non è contro i parcheggi che si combatte, ma contro qualcuno che li costruisce (fargli togliere la concessione con penali da capogiro che pagheremo noi)e poi farli fare senza proteste a qualcun'altro? che poi "ringrazi€rà....!!! perchè non vanno a protestare contro quel mostro di calatrava che giace inutilizzato sulla roma-napoli?, ah, beh, certo, quello l'ha voluto "l'amico dell'africa veltroni" quindi scandalo, spreco e speculazione non c'è! allora, il problema è: dare credibilità a certe battaglie? dare il potere a 4gatti di bloccare alcune opere? le autorità, il comune di roma, cosa fanno? a roma il problema traffico, parcheggi e smog non possono essere lasciati in balia di pasionari paranoici e politici da strapazzo. è urgente che roma si muova, non perda il passo coi tempi (non credo che sia stata una ditta costruttrice di parcheggi a volere tutte queste automobili, o sbaglio?). nel resto d'europa, in città capoluogo, i parcheggi sono OBBLIGATORI e costosi e nessuno si lamenta. a praga e monaco per un giorno di parcheggio si pagano 18 euro e nessuno fiata. anzi, se alle 7 di mattina non corri a pagare il parcometro TI PORTANO VIA LA MACCHINA. e se di giorno lasci la macchina in doppia fila...non lo puoi fare, perchè le doppie file non esistono e perchè i poliziotti non scherzano, non come a roma che badano più al look (cappellini very fashion per lei e occhiale da cattivo per lui, altro gniente!). quindi, ragazzi, basta con le balle, altro che no pup, romani svejateve...lavori giorno e notte per parcheggi, parcheggi di scambi, metropolitane, marciapiedi nuovi, etc.etc. e chi non ci sta: albania, thailandia, ucraina, zimbawe e kenya vi aspettano a braccia aperte!!!noi vogliamo una roma efficiente e bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che i no pup siano strumentalizzati da qualche costruttore. Questo non lo credo. Non hanno secondi fini di tipo economico e non sono sotto scacco di qualche potente. Sono solo, in parti eguali, stupidi e egoisti. Un mix micidiale.

      Elimina
    2. forse caro anomino tu faresti così...ti faresti pagare come fa già qualcuno per rovinare la ditta che ha il diritto di eseguire i lavori oppure di disturbare la protesta di chi si oppone. Per quanto riguarda le forze dell'ordine ti do piena ragione. Allora facciamo funzionare veramente i vigili per un mese intero e non solo quando passa il sindaco in zona e poi valutiamo, che dici? ovviamente si licenzia in tronco il vigile che non lavora e si caccia via subito il politico che li gestisce? Che dici? Seppofà? Mi sa di no...allora tanto assurda è questa soluzione, tanto è assurdo parlare di pup come soluzione al degrado....fattene una ragione e trovati un altro lavoro...c'è tanta terra da zappare

      Elimina
    3. tonelli deve aver avuto dei contatti con alcuni comitati marginali alla questione perchè lì di deficienti ce ne stanno parecchi. Però almeno si è trovato con qualcuno al suo stesso livello di Q.I.. Come comunicate fra di voi? A gesti? Mugolando? Sarebbe interessante...

      Elimina
  33. C'è qualcosa che mi sfugge, perchè non riesco veramente a comprendere come si possa preferire che le cose restino così, che piazzale della Radio o via Fermi restino un porcilaio, piuttosto che provare a creare il pup e cambiare volto alla città, a costo di rischiare di avere un cantiere aperto per qualche anno o un arredo urbano di bassa lega. Il parcheggio di via E. Rolli è lì da anni, vero, ma mi pare di aver visto in giro per la città ottime realizzazioni, quindi evidentemente i progetti non vanno tutti a scatafascio lasciando soltanto qualche box ed un paesaggio postatomico in superficie.

    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quale sarebbe le ottime realizzazioni? Fammi un esempio di uno buono e io te ne faccio 10 di quelli schifosi...dai...FAI UN ESEMPIO!!! Serio

      Elimina
  34. Anonimo e Federica: perchè invece di scervellarvi con ipotesi e dubbi non pensate che, vista la situazione di molti altri pup (per es.via Rolli, via Blaserna, via Albalonga) alla gente viene il dubbio che non siano poi la panacea di tutti i mali e soltanto un modo per guadagnare soldoni senza minimamente avere a cuore i problemi della zona in cui dovranno essere edificati?
    Piazza della Radio versa in condizioni orribili, è vero, ma chi ci assicura che il pup risolverà tutto? Che sarà fatto a regola d'arte, in tempi accettabili, che il giardino che dovrà essere costruito sopra sarà fatto bene, curato, seguito? Visti gli esempi che abbiamo in zona, e non solo, un pò di dubbio viene, no? Oppure dobbiamo supinamente fidarci dei costruttori e ciecamente credere a ciò che ci viene detto?
    Come ho già detto nei post precedenti, siamo a Roma e non a Stoccolma o Londra, qui le cose si fanno alla carlona, male, senza controlli...fate finta di non saperlo?

    RispondiElimina
  35. Mi chiedo....con tutti i palazzi pericolanti e schifosi che esistono a roma....perchè sti maledetti palazzinari (per la serie che tanto si aiutano fra di loro e se magna sempre in compagnia....e chissà perchè fra tutte le ditte italiane, quelle dei costruttori non falliscono mai...ponetevi questa domanda) non si mettono a sistemare i palazzi prima che succeda qualche tragedia oppure buttano giù i quartieri schifosi (quelli fatti dagli anni 60 in poi) e li rifanno da capo? Per esempio il quartiere caltagirone, che ha solo vent'anni e già casca a pezzi? Eppure nelle principali città europee tanto care a tonello e amighetti, fanno così....

    RispondiElimina
  36. tonelli deve aver avuto dei contatti con alcuni comitati marginali alla questione perchè lì di deficienti ce ne stanno parecchi. Però almeno si è trovato con qualcuno al suo stesso livello di Q.I.. Come comunicate fra di voi? A gesti? Mugolando? Sarebbe interessante...

    RispondiElimina
  37. bravo tonelli che ti sei preso la briga e l'onere (oltre che le preoccupazioni di eventuali querele e denunce) per una battaglia NORMALE che a roma diventa l'eccezione. per fare un pup, a roma, bisogna passare 67 autorizzazioni, altro che partecipazione e bene comune. a me questo sloganismo retrivo stile br o lotta continua anni 70 mi fa venire da ridere e un pò mi preoccupa. ci sono decine di enti che nessuno può accusare di collusione con chicchessia che controllano. fior fiore di professionisti all'autorità di bacino, alla sovrintendenza, all'ama, all'acea, al servizio giardini. oppure è tutto "aggiustato"? allora andate alla procura e fate nomi e cognomi, oppure dite chi non capisce niente a fare il suo lavoro e architetti, ingegneri che lavorano negli uffici pubblici sono tutti dei perfetti idioti che non vedono l'ora di dare appalti sbagliati e prendersi eventuali denunce, cancellazione dagli ordini e controlli dalla corte dei conti. se invece, che è come asserisco, ci sono 67 passaggi burocratici prima di iniziare un lavoro di un pup (mentre all'estero vanno a 3000!!!qui a roma si blocca tutto per il gusto di protagoniosmo e bacini elettorali), nessun comitato di 4 gatti può bloccare un'opera che ha passato tutti questi controlli. PUNTO E BASTA. ci sono famiglie che campano non con i soldi di qualche ricco parente, amico, compagno, maruto influente, circolo politico e/o associazione, ma con lo stipendio che per colpa di questi personaggi, non verrà pagato sacrificato sull'altare di cosa? di una presunzione di essere i portatori della verità. che sono, questi comitati, le avanguardie del popolo stile - ripeto - br o lotta continua? perchè pensano che 67 autorizzazioni moltiplicato per gli uffici e le persone che hanno vagliato le pratiche (quindi circa 2-300 professionisti e funzionari pubblici)sono esseri inferiori e "loro" (i no pup o come c...si chiamano perchè poi peffà un comitato ce vò 1 minuto, pè aprì un'impresa, invece, UNA VITA!!!)sono i vendicatori delle ingiustizie nascoste? ma chi sono, questi, i nuovi rivoluzionari stile moretti, senzani, etc. etc. che prendono per mano" il popolo che non capisce un c...? DA RABBRIVIDIRE!!!infatti, poi, hanno fallito, almeno qui non ci scappa il morto, ma qualche centinaia di operai a casa, sì!!! e qualche nuovo consigliere comunale di 5stelle, pd, sel, idv e "compagni-a" cantando!!!

    RispondiElimina
  38. Anonimo delle 16:12...ma che dici, che vuol dire? Allora perchè le imprese devono lavorare costruiamo dove e come ci pare?I NOPUP stile BR???Ma non è che invece sei tu ad esser un pò fascistello?Famo, costruimo, lavoramo...ma li hai visti gli altri cantieri pup?Famiglie che campano con lo stipendio delle società edili...bene, ma i lavori devono essere fatti a regola d'arte, dove si possono fare, tutte le opere "accessorie" tipo giardini, devono esser eseguiti bene, seguiti nel tempo e non lasciati a morire dopo poche settimane! Anonimo caro, ci sono regole da seguire(in Italia purtroppo non più)e, comunque, non si può dire: faccio un pup qui o lì e voi che ci abitate zitti e mosca! A quando gli sgherri pro-pup con l'olio di ricino?

    RispondiElimina
  39. Giusto. I lavori devono essere fatti a regola d'arte. Lavoriamo e lottiamo affinché si decidano a farli a regola d'arte. Ci sono, invece, pensa tu, alcuni personaggi che lottano affinché i lavori proprio non vengano fatti. Che si blocchi la città e che rimanga solo una cosa: il degrado. Brigatisti!

    RispondiElimina
  40. Ahahaha, siamo alla follia...brigatisti?Tonelli che dici?Solo perchè qualcuno ha dubbi, vuole avere informazioni corrette(non solo quelle dei costruttori),solo perchè qualcuno pone domande?Ma se tutte le volte che ti hanno posto domande, che ti hanno portato esempi di pup lasciati a metà, lavori infiniti, non realizzati a regola d'arte, non curati e seguiti se non per paoche settimane dopo la realizzazione hai iniziato ad offendere, non rispondi...ma ti rendi conto?Noi saremo brigatisti ma me sa che tu, con gli amichetti vestiti de nero c'hai qualcosa in comune...no?

    RispondiElimina
  41. Ma l'anonimo delle 67 autorizzazioni dice sul serio, e allora farebbe meglio a firmarsi AliceNelPaeseDelleMeraviglie, o ha sparato un po' di idiozie a caso?
    E secondo lui i 67 enti (ammesso anche se siano tanti) che dovrebbero controllare o autorizzare un progetto fanno tutti il loro dovere in maniera cristallina e affidabile? E se non lo fanno cos'e' che si dovrebbe fare? Ricorrere in Procura? E a che pro?
    Ma l'ha mai fatto lui un esposto in procura? E se si', gli e' mai giunta una risposta prima di 4 o 5 anni?
    Tanto per dare un'idea della situazione romana, il progetto della nuova teca dell'Ara Pacis e' stato eseguito in violazione delle norme che prescrivevano gli scavi archeologici preventivi. Per quell'inezia c'e' un procedimento giudiziario ancora aperto e si e' in attesa delle sentenze definitive.
    A parte gli aspetti giuridici, quella mancanza causo' un consistente ritardo nei lavori ed un notevole aggravio di costi; quando infatti si comincio' a scavare per le fondamenta della nuova teca si ritrovarono preesistenze archeologiche per cui fu necessario modificare il progetto con i gia' detti aggravi nei tempi e nei costi (tanto paga Pantalone).
    Chissa' quale (o quali) dei 67 enti quella volta fu distratto.
    Le regole ci sono per motivi validi, non per mettere i bastoni tra le ruote di chi vuole lavorare. Quando invece si vuole fare i furbi, come spesso accade con i progetti dei PUP, sono piu' i danni che si creano che i problemi che si risolvono. E il cantiere di via Giulia (dove ormai e' praticamente assodato che il parcheggio non si fara' mai) sta li' a dimostrare la stoltezza nel procedere alla garibaldina.

    RispondiElimina
  42. e mo....ti hanno tolto la casetta a piazza Fermi??? E ora per andare a lavoro te toccherà prendere i mezzi pubblici??? Visto che il motorino lo usi solo per fare le riprese con una mano solo...dai magari qualcuno ti può dare uno strappo!

    RispondiElimina
  43. Tonelli quando vede che la gente risponde a tono(non sbraitando ed insultando come lui)facendo domande e portando esempi di PUP obbrobriosi...svanisce, s'eclissa...è fatto così, che ce volete fa!

    RispondiElimina
  44. http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/08/06/foto/piazzale_flaminio_la_discarica_nel_cantiere-40464326/1/

    Ecco uno dei tuoi fantastici PUP caro Tonelli! Invece di eliminare i post a te sgraditi rispondi, argomenta, cita, parla...se puoi!

    RispondiElimina
  45. A me il problema sembra quello tipico italiano: o la soluzione facile o niente. Devi smaltire i rifiuti? O il trattamento meccanizzato col 90% di riciclaggio o niente. Siamo il paese del "basta fare così", "basta fare colà". Se non basta, non si fa. E' ovvio che nessuna opera, tantomeno un parcheggio sotterraneo, risolve per magia ogni problema. Nessuno assicura che la piazza diventerà migliore, ma se aspettiamo la "soluzione magica" che invece ci assicura miracoli, non facciamo mai niente, perchè non esiste. Quindi boicottare per principio i parcheggi interrati perchè "non garantiscono la piazza pefetta" è un assurdo logico. Migliorare la sistemazione finale richiede uno sforzo dei cittadini, che però sia costruttivo e propositivo, non disfattista. Piazzale della radio oggi è impraticabile, i platani fanno ombra solo alle auto e all'incuria. Un'area verde o una piazza pedonale con "alberelli" sarà meglio di un parcheggio, o no? Salvo che poi quegli "alberelli" crescono, come hanno fatto una cinquantina di anni fa quei platani.

    RispondiElimina
  46. SperiamO facciano il pup di piazza della radio!!!

    RispondiElimina
  47. Dio lo benedirà costosa Mauro Callipo!
    Gli amici se ho trovato il sorriso è grazie al signore. Mauro Callipo che ho ricevuto un prestito di 55.000€, e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di quest'uomo senza alcune difficoltà con un tasso di 3% all'anno. È con il signore. Callipo Mauro, che la vita il mio sorrida nuovamente è un uomo di cuore semplice e molto comprensivo. Ecco il mio e-mail: maurocallipo94@gmail.com





    Dio lo benedirà costosa Mauro Callipo!
    Gli amici se ho trovato il sorriso è grazie al signore. Mauro Callipo che ho ricevuto un prestito di 55.000€, e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di quest'uomo senza alcune difficoltà con un tasso di 3% all'anno. È con il signore. Callipo Mauro, che la vita il mio sorrida nuovamente è un uomo di cuore semplice e molto comprensivo. Ecco il mio e-mail: maurocallipo94@gmail.com






    Dio lo benedirà costosa Mauro Callipo!
    Gli amici se ho trovato il sorriso è grazie al signore. Mauro Callipo che ho ricevuto un prestito di 55.000€, e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di quest'uomo senza alcune difficoltà con un tasso di 3% all'anno. È con il signore. Callipo Mauro, che la vita il mio sorrida nuovamente è un uomo di cuore semplice e molto comprensivo. Ecco il mio e-mail: maurocallipo94@gmail.com

    RispondiElimina