martedì 24 aprile 2012

E questo è il parking del Gianicolo, sabato sera

Mezzo abbandonato. Con la macchinetta per i pagamenti che prende solo contanti (!!!). Tutto vuoto con le macchine in divieto parcheggiate tutto intorno e giù per tutto il centro fino in mezzo a Piazza Farnese. Imparate: non è vero che la gente a Roma parcheggia male perché mancano i posteggi. La gente parcheggia male perché Roma è piena di figli di puttana che andrebbero trattati come tutti i figli di puttana vengono trattati nel mondo occidentale, civile e evoluto.

24 commenti:

  1. Anche colpa dei gestori del parcheggio che non si sono impuntati per la riqualificazione a loro tempo. Sta di fatto che si potrebbero riportare un 50% dei parcheggi temporanei di bus turistici all'interno del terminal gianicolo se le navette per il centro funzionassero e venissero offerte gratuitamente ai fruitori dello stesso. Ma il coordinamento con ATAC mi sembra sia pessimo.

    Comunuque a Parigi hanno talmente tanti parcheggi sotterranei e metro che gli automibilisti li scambiano. E' già la seconda volta che succede.
    http://www.tgcom24.mediaset.it/magazine/fotogallery/1009903/parigi-parcheggia-lauto-nella-metro.shtml

    RispondiElimina
  2. Le navette funzionano, sono moderne, pulite, il 115 passa la notte del sabato ogni 15 minuti. Ed è completamente VUOTO. Perché il servizio pubblico deve essere gratuito? Vorrei capire perché...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai capito: non deve essere gratuito. Deve essere pagato dal gestore. Sarebbe un ottimo incentivo. Almeno inzialmente.
      Del resto ATAC con Saba Italia fa accordi commerciali che facilitino il TPL. E' anche un guadagno per l'azienda, perché allo stato attuale (come hai detto) viaggiano vuoti.

      Elimina
  3. Finchè si può parcheggiare a sbafo, in sosta selvaggia e gratis e non ti fanno le multe ma perché la gente dovrebbe parcheggiare a pagamento e prendere una navetta?
    Il parcheggio non è adeguatamente supportato dal Comune, che non lo pubblicizza e lascia la zona in mano alla sosta selvaggia.
    Non c'è niente da fare, bisogna togliere la possibilità di parcheggiare in sosta selvaggia con un adeguato arredo urbano e fare le multe. Solo così la gente userà il parcheggio

    RispondiElimina
  4. Sig. Tonelli, lei si chiede perchè mai il servizio pubblico dovrebbe essere gratuito? Ma che domanda! Perchè la maggior parte degli italiani è stufa di pagare anche l'aria che respira, a cominciare dalle tasse. Perchè il 45% della mia busta paga va allo Stato, e di quel misero 55% che mi rimane devo continuare a pagare tutto, dai parcheggi all'IMU, dal bollo auto al canone RAI, dal ticket sanitario alla retta scolastica.
    C'è civiltà ed evoluzione solo a "panza piena" ed in condizioni economiche positive, e non in tempi di grandi ristrettezze come accade ora, che rappresentano l'humus di crescita del degrado e dell'anarchia. Si figuri se la gente accetta di spendere soldi per parcheggiare!

    RispondiElimina
  5. Fare i box o i parcheggi non è cosa che uno scarta a priori, ma è che conoscendo il popolo romano (basta che vince la Roma o la Lazio o che se magnamo un ber piatto de fettuccine...)che non è certo da indicare per l'alto grado di educazione civica, questo tende sempre a girare l'ostacolo e fare la sua azione furbesca.
    Anche il parcheggio di Piazza di Spagna, costruito molti anni fa, la domenica era semi-vuoto perchè tutte le auto le trovavi inzaccate in ogni dove!
    Purtroppo i vero ostacolo è proprio il cittadino romano e la sua strafottenza.

    RispondiElimina
  6. La strafottenza del cittadino romano si cancella in un colpo di spugna con un corretto arredo urbano che impedisca la sosta irregolare. Ed è su questo ultimo punto che bisogna vigilare e pretendere che si faccia a regola d'arte.

    RispondiElimina
  7. Questo post è proprio tempestivo, la settimana scorsa sono andato con mia moglie a mangiare a Corso Vittorio e abbiamo parcheggiato al parking Gianicolo.
    Non solo il parcheggio era semivuoto, ma dava la sensazione di essere veramente abbandonato (mia moglie era quasi impaurita). Il fatto poi di aver spostato i capilinea del 115 e del 116 fuori dal parcheggio è stato un altro duro colpo. Per non parlare poi del cosiddetto piano pullman, che ha tolto un'altra fetta di clientela. Se va avanti così sono davvero pessimista sul futuro di quel parcheggio...

    RispondiElimina
  8. C'è la pessima abitudine di confondere i romani veri con gli abitanti di Roma.
    I primi, rari e riservati, amano la propria città e sono dotati di un senso civico a dir poco unico.
    I secondi, frutto di meticciati e provenienti da suburre sparse per lo stivale, si arrocano il diritto e la paternità della città eterna lordandola e infangandola con le loro malsane abitudini, ereditate da chi ha visto in Roma solo una via di fuga ed una mera occasione di affari.

    RispondiElimina
  9. Ma siamo sicuri? Le poche persone civili che conosco in questa città o sono nate fuori o hanno passato fuori un consistente periodo della propria vita... Sarà...

    RispondiElimina
  10. Non ho dubbi sig. Massimiliano che le persone civili sono nate fuori, considerando che su una popolazione censita di 2 milioni e 900mila abitanti la metà non è di Roma, e il 50% dell'altra metà è romana solo di nascita (una generazione).
    Ciò che manca proprio, oltre al senso civico, è anche quel background generazionale indispensabile per comprendere quale tesoro unico sia Roma. Chi è venuto a Roma per la prima volta, 20-25 anni fa, difficilmente può capire questo concetto, perchè si è trovato davanti già ad una realtà degradata. Soprattutto chi, per causa di forza maggiore, si è visto costretto ad abitare nei quartieri dormitorio e nelle borgate.

    RispondiElimina
  11. il problema è, se non erro, che quel parcheggio la sera chiude molto presto, tipo all 1 di notte?

    vi risulta?

    RispondiElimina
  12. In effetti è un grande limite, chiude all'1.30 Le navette invece, nel week end durano fino alle 3. Paradosso...

    RispondiElimina
  13. allora ricordavo bene! è il motivo per cui la sera quando vado al centro non posso usarlo..

    l'1.30 spesso è troppo presto.. ma almeno nel wek end non si potrebbe chiuderlo alle 3?

    boh.. un orario che non concepisco.

    RispondiElimina
  14. Ma i parcheggi in genere dovrebbero restare aperti 24 ore. Sono sempre automatizzati.

    RispondiElimina
  15. e finalmente lo hai capito anche tu.....non servono parcheggi (forse in alcune zone si ) serve la frusta...la gente è incivile, e se non cambia mentalità bisogna fargliela cambiare...Con i Pup non si risolve, o almeno si risolverebbe in minima parte!

    RispondiElimina
  16. Per quel che mi ricordo un tempo (parliamo credo del 2004/5) il parcheggio chiudeva alle 3. Me lo ricordo perché quando le navette facevano capolinea all'interno del parcheggio, dopo una serata a Traseteve andammo a riprendere l'auto con il 115, che arrivò davanti all'ingresso del parcheggio (chiuso)alle 3.03.
    Abbiamo dovuto dormire nel giardino di fianco fino alla riapertura (era piena estate per fortuna)

    RispondiElimina
  17. anche in un post di quattro righe riesci a dire cose errate. A Roma ci sono più parcheggi che la media europea, più di Parigi e Londra, quindi il problema non è la disponibilità di parcheggi, ma il fatto che nonostante vi siano oltre 6 mila vigili (non calcolando vigilini, carabinieri e polizia di stato) la sosta selvaggia viene tollerata e anzi incentivata. A New York con una quota pro capite di poliziotti di moltissimo inferiore a Roma e con una popolazione che in termini di cafonaggine supera il burino romano, le auto sono parcheggiate in modo regolare. Per eliminare la sosta basta far lavorare quegli scansa fatiche dei vigili. il pup non è la soluzione, ma anzi la dannazione della città. Pur di evitare di far smuovere il deretano ai vigili e ai poveri automobilisti cafoni, si preferisce sventrare il sottosuole e aumentare ulteriormente i parchegghi. Ciò avrà l'unico effetto di aumentare per qualcuno l'incentivo a possedere un auto, ma non a parcheggiarla correttamente, peggiorando solo la situazione attuale.

    RispondiElimina
  18. Ma come si fanno a dire queste puttanate? Basta. D'ora in poi scemenze simili verranno cancellate. Aprite Google Street View e vedete quanti e quali parcheggi interrati ci sono a Londra, Madrid, Parigi.

    RispondiElimina
  19. Anonimo che dici che abbiamo più parcheggi a Roma che a Parigi, stai dicendo una CAGATA colossale.

    a Parigi mi sa che non ci sei mai stato, anzi ne sono sicuro.

    Hanno una linea di metro 10 volte la nostra, molte meno macchine, eppure hanno un parcheggio ad ogni angolo della strada.

    non inventiamoci dati e non diciamo cazzate, perchè di questo si tratta.
    Tonelli, va bene la libertà di pensiero, ma ha ragione.
    E' un dialogo, ascoltiamo tutti perchè possiamo anche imparare qualcosa da chi non la pensa come noi, ma non è corretto che si scrivano cose così palesemente false per supportare la propria "zoppicante" tesi.

    Mike

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Mike e Tonelli, le statistiche sui parcheggi sono pubblicate dall'organizzazione che riunisce le atac mondiali, le trovi su uitp.org. E il dato è chiaro, Roma ha molti più parcheggi di Londra e tanti quanti Madrid e Parigi.
      Tonelli apri google street e cosa trovi? Il parcheggio sotto lafayette costruito per il supermercato dal supermercato? So what?
      Mike, a differenza tua io ho vissuto e lavorato in molte città europee, cosa che non si può dire di te, che da come parli non sei mai uscito dal quartiere, se non per lo shopping.

      Elimina
  20. Ma che la statistica che conteggia nello stesso calderone parcheggi a raso e parcheggi interrati? AHAHAHAHAA. In quel caso sfido che Roma sia prima, primissima e irraggiungibile considerando la quantità di auto in mezzo alla strada.

    Il passo successivo di imbecilli come il signore qua sopra -che periodicamente e in maniera rigorosamente anonima ci disturba- è quello di dire: "a Roma non servono parcheggi interrati perché già c'è un sacco di spazio dove possiamo fare sosta selvaggia". Perché non la mettete giù così che è più trasparente e onesta? Un po' di palle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tonelli, il conteggio è quello che si fa secondo i criteri standard in tutta Europa. I parcheggi conteggiati sono solo quelli regolari, sia sotto sia sopra. "Savasandir" che il termine parcheggio regolare esclude il concetto di sosta selvaggia, quindi evita di giocare con le parole. Sulla base di questi dati, e non di quelli inventati da te, le città europee pianificano ed elaborano le proprie politiche urbane. Quando si hanno più parcheggi che a Parigi e Londra, come nel caso di Roma, la cosa da fare non è costruire parcheggi sotterranei, ma eliminare quelli che già ci sono. Puoi anche sostenre di togliere 100 parcheggi in superficie e sostituirli con 100 sottoterra, ma il pup de Roma (e quindi i propup) prevede di lasciare i 100 parcheggi in superficie e aggiungerne altri 300 sotto. In definitiva vuoi aumentare il numero di parcheggi in una città che ha già tanti parcheggi.
      Sulle politiche di gestione del traffico, e in generale della mobilità mi sembra che con te sia impossibile discutere e quindi è bene limitarsi a citarti i dati fattuali che comunque fatichi a comprendere. Comunque se hai dati credibili sul numero di parcheggi interrati a Parigi e a Roma, please, be my guest.

      Elimina
  21. I due piani adibiti a parcheggio BUS TURISTICI sono sempre desolatamente vuoti.. grazie al piano BUS dell assessore AURIGEMMA che consente loro di fare tutto quel che voglio ed assaltare la gregorio VII invadendo senza controllo e in sovrannumero il parcheggio di LARGO MICARA.
    contattaci su facebook:
    comitato gregorio settimo roma

    RispondiElimina