lunedì 26 marzo 2012

Il punto su Piazza Cavour

Il problema di Piazza Cavour, parliamoci chiaro, è che in un modo o nell'altro -e ci ha messo molto del suo anche il Municipio XVII che addirittura non voleva chiudere parte della piazza come poi per fortuna è stato fatto- si è lasciato sui marciapiedi un arredo urbano inaccettabile. Che consentirà la sosta selvaggia attorno a tutta la piazza, davanti ai ristoranti, davanti al cinema. Uno schifo.

Aggiungeteci, poi, che non è stata riqualificata nessuna delle strade circostanti. Questo significa che la gente continuerà a parcheggiare come prima: doppie file, strisce pedonali, marciapiedi. Schifo, schifo e più schifo. Il parking? Rischierà fortissimamente di fare la fine di Villa Borghese o del Gianicolo: mezzi vuoti. Questo grande mammozzone da 700 posti dovrebbe servire la parte più a nord del centro storico. Okkay: ma se, giusto per fare uno dei mille esempi possibile, su Via di Ripetta non hai cambiato nulla, la gente continuerà a parcheggiare con due ruote sopra e due ruote sotto sul marciapiede di Via Ripetta dal lato del divieto di sosta. Sia ora, sia tra due settimane quando inaugurerà il parcheggio. O pensiamo che qualcuno, dovendo andare a cena a Via di Ripetta, vada a posteggiare sua sponte in Piazza Cavour? Lo farebbe si, solo se un bel giorno si trovasse Via di Ripetta (ma vale per il Corso, per il Babuino e per centomila altre strade della città) inibita alla sosta, con marciapiedi alti e larghi e opportuni paletti. A quel punto, gira che ti rigira, forse si convincerebbe a trasformarsi in una personcina civile.

Invece niente di tutto questo, si pensa di riempire un parcheggio non cambiando una virgola della configurazione precedente. In casi come questo, dunque, i parcheggi sapete a cosa servono? A portare nuovo traffico: coloro che parcheggiano in mezzo a Piazza Farnese, dentro Piazza Navona, di fronte a Palazzo Massimo alle Colonne lungo Corso Vittorio o sui marciapiedini microscopici di Via di Ripetta continueranno a farlo, mentre nel parcheggio ci andrà a posteggiare chi non è disposto a queste violazioni, chi prima del parcheggio magari pigliava il taxi o i mezzi. Risultato? Aumento dei flussi di traffico e nessunissimo beneficio per la città.

Per Prati vale lo stesso discorso: nessuna strada riqualificata, nessuna nuova orecchia agli angoli: i soliti noti continueranno a posteggiare in doppia fila e sulle strisce pedonali, non andranno di certo nel parcheggio...

8 commenti:

  1. Condivido al 100%. Il parcheggio servirà ad attrarre le persone civili, quelle che prima non si sarebbero mai sognate di andare in macchina a piazza Cavour. Gli incivili continueranno a fare esattamente come prima. Il quartiere è stato privato per un'eternità della sua piazza principale per ottenere cosa in cambio? Altro traffico? Questa è la dimostrazione che fatti in questo modo i parcheggi sono persino dannosi. Meglio niente.
    FWC

    RispondiElimina
  2. Antonella De Giusti si dovrebbe vergognare di aver osteggiato ogni singolo allargamento di marciapiede. E se ne vanta pure!

    RispondiElimina
  3. Anche le persone civili hanno pochi soldi. Se il parcheggio costa 1,5 € l'ora, e io devo passare la serata (magari 5 ore) in centro, non metterò l'auto lì dentro visto che si può parcheggiare a sbafo ben più vicino e all'interno dei vicoli del centro storico.

    Ci vuole così tanto a capirlo? Ci sono centinaia di esempi a Roma a dimostrarlo. Se mi consenti di fare come mi pare in superficie, non userò mai un parcheggio a pagamento sotterraneo.

    È una mentalità tipica della destra romana (mi permetto di dire): "la gente deve fà così perchè sennò la maghina dove la mette?". E invece non è così: la gente si comporta male finchè gli conviene e gli è consentito, ed è solo trasformando le nostre strade in luoghi civili dove vincono il rispetto e la legalità le cose cambieranno.

    Se le strade di Prati e di Ripetta resteranno quel parcheggio da circo che sono oggi, il parking di Piazza Cavour lo possiamo pure usare come area barbecue.

    RispondiElimina
  4. Esattamente. La gente si conmporta da schifo perchè gli viene permesso tutto. Carenze di mezzi pubblici o di posteggio non c'entrano nulla, sono solo albi per chi vuole continuare a fare il cavolo che vuole e vivere in questo schifo indegno. Per becero calcolo elettorale poi è stata smantellata la sosta a pagamento che scoraggiava almeno un po' di traffico. Io ho colleghi che pur con la metro vicino a casa prendono la macchina, tanto ora si spendono 4 euro al giorno, 2euro con l'abbonamento mensile. La città collassa e si fa il 3x2 sulla sosta? Ma che senso ha?


    FWC
    FWC

    RispondiElimina
  5. Tempo fa l'assessore alla mobilità, pressato dal presidente del I municipio, diceva che la pedonalizzazione del tridente sarebbe partita anche grazie al parking di piazza cavour. Se la ZTL A1 (tridente) sarà fatta veramente h24, come mi auguro, spero che qualcuno accenda contestualmente il cervello e faccia le dovute opere d'installazione di un arredo urbano efficiente contestualmente all'installazione dei nuovi varchi elettronici. Il problema a quel punto rimarrà Prati e la zona lungotevere.
    Va anche detto che non sempre i lavori di riqualificazione delle aree circostanti sono contestuali. In alcuni quartieri sono partite mesi dopo la chiusura del cantiere del parcheggio. Con risultati molto modesti perché a mettere bocca intervengono: i vigili (e sappiamo quante mele marce ci siano), la SOVRAINTENDENZA (secondo la quale paletti, marciapiedi e fili del tram rovinano l'estetica della città) e il municipio.

    RispondiElimina
  6. Io mi domando: il problema della mancata riqualificazione delle strade e dell'inibizione della sosta selvaggia è evidentemente un danno economico per il gestore del parcheggio. E se c'è qualcuno che perde soldi in genere non tarda a farsi sentire. A meno che non sia il pubblico. Allora mi chiedo da chi è gestito questo parcheggio? Come fa ad accettare il rischio di vederlo vuoto? Perché non ha pressato il comune per togliere le macchine dalle strade? Forse perché ha già guadagnato abbastanza con i box e dei posti a rotazione non gli frega niente? O forse c'è dietro un gioco di mazzette? Non mi capacito...

    RispondiElimina
  7. Finalmente state aprendo gli occhi!!!! I vostri tanto denigrati nemici, "NO-PUP" sono anni che dicono che così come strutturato e pensato, il Piano Urbano Parcheggi, non funziona!!! Soldi ai costruttori e in superficie come prima!!!!

    RispondiElimina
  8. La soluzione non è dire "no-pup", ma fare picchetti e raccogliere firme per FAR FARE parcheggi a regola d'arte con sistemazioni superficiali d'alto livello. Questi non li ho mai visti prima che venissero "minacciati" i cantieri nelle varie zone.

    RispondiElimina