lunedì 12 marzo 2012

I peggiori ambientalisti d'Europa


Voglio unaltracittà, ma è sempre la solita città che a loro piace da morire e che loro difendono: la città delle maghine e delle affissioni abusive che la incartano. Leggete i loro propositi: non sanno di cosa parlano. Ciclabilità, senza un accenno al bike-sharing. Mobilità, senza un accenno alla sosta selvaggia. Guardate l'accenno ai no pup, uno dei peggiori movimenti che rappresentano l'egoismo urbano ("preferisco che la città versi nella merda più totale piuttosto di dovermi pagare il posto auto come fanno in tutto il mondo"), il movimento che si batte per far restare Roma quello che è oggi: il più grande garage a cielo aperto del mondo, il movimento che ha sulla coscienza i 300 morti ed i 70mila feriti che ogni anno la città piange (con costi sociali atroci che faremmo volentieri pagare ai Verdi o come diavolo oggi si chiamano visto che ce lo siamo dimenticato, essendo per fortuna, da anni, assenti dal Parlamento). Guardate che gente che fanno parlare ai loro consessi, c'è anche quel Paolo Berdini che una volta, lo sentimmo con le nostre orecchie, pur di parlare contro al nuovo grande parcheggio-piastra sopra la Stazione Termini arrivò a dire che costruendolo Termini sarebbe stata l'unica stazione d'Europa dotata di un megaparking e che questo sarebbe stato uno scempio. Per smentirlo sarebbe bastato andare in treno a Firenze (un'oretta, suvvia Berdini) e accorgersi che sotto la storica Santa Maria Novella c'è un autosilos da centinaia e centinaia di posti. Ma cosa ne sanno, i Verdi, del treno: loro preferiscono il suv. Ve lo ricordate il loro leader Paolo Cento?
Guardate le loro priorità: la città muore di sosta selvaggia, commercio ambulante e cartelloni abusivi, ma loro evidentemente vivono in un'altra Roma. Unaltracittà, appunto, quella che sta solo nella loro cattiva fede.
Naturalmente a tutti i cittadini onesti e civili il compito di passare parola, di denunziare gli abusi di questi manifesti apparsi in tutta Roma, di fare il possibile affinché questo ridicolo incontro di venerdì veda solo la presenza dei loro complici patentati, non di altri. 

5 commenti:

  1. Non a caso sono stati cacciati dal parlamento nazionale.

    RispondiElimina
  2. Non ho letto nessun NO PUP dissociarsi da questa campagna affissioni abusiva dove campeggia il loro nome.

    RispondiElimina
  3. Paolo Berdini non è nopup è noauto... ricordo quando in un incontro nel IX municipio è stato l'unico che ha detto qualcosa contro la tangenziale est ed a favore dei tram.
    Quando dice no al parcheggio a termini probabilmente è perchè non riesce ad immaginare il motivo per cui si debba andare in auto alla stazione termini.
    Certo accostare nopup a mobilità sostenibile e ciclabilità è un po' anacronistico, si va a sentire e poi si giudica.
    marco

    marco

    RispondiElimina
  4. Tipico di una certa sinistra,dire di no a tutto e non proporre mai un cazzo!

    Perchè non propongono di costruire una pista ciclabile con i paletti a lato della carreggiata? O forse hanno paura di mettersi contro i "sostatori" abusivi perenni?

    http://bonjour.news352.lu/edito-79571-les-cyclistes-en-contre-sens-pres-de-la-gare.html

    RispondiElimina
  5. ci sarebbero tante cose da dire sul piano urbano parcheggi. comunque quando completeranno l'opera vedremo tutti i casini sorgere. intanto i soliti (ig)noti avranno fatto affari.

    siate clementi nelle risposte al commento, so già che verrò bastonato per essere in disaccordo

    RispondiElimina