lunedì 6 febbraio 2012

E fu così che le istanze no-pup vennero sbeffeggiate definitivamente

Come tutti i nostri lettori sanno perfettamente, la concentrazione di cazzari del no-pup che si addensano nella zona di Via Albalonga è assai preoccupante. Sono quelli che hanno teorizzato l'eguaglianza tra posteggi a pagamento e posteggi gratuiti. Per loro sono uguali. Se facciamo un parking da 100 posti, ordinati, sottoterra, e li vendiamo a 50mila euro l'uno, praticamente secondo loro stiamo facendo lo stesso che mettere 100 posti auto buttati in terza fila in una strada. Non capiscono la differenza: secondo loro entrambe le situazione invogliano al possesso dell'autovettura privata. Mha...

Ecco perché ci fa ridere a crepapelle questa risposta che il dipartimento mobilità ha dato ad un freepress locale che prendeva spunto da alcune idee no-pup proprio su Via Albalonga valorizzando le solenni minchiate delle robinie, dei palazzi con i lenzuoli graffitati di proteste e tutto il resto dello sciocchezzaio no pup. Leggete e ridete con noi: così deve essere trattata la gente che lavora per tutelare la quarta fila di vetture di fronte al tiramisuaro...

8 commenti:

  1. Puoi scrivere e sbeffeggiare quanto ti pare....
    A Via Albalonga sono rimaste solo le macerie di quel grande cantiere e i lavori si sono fermati!
    Alla faccia di chi deve vedere tutti i giorni quella pena.
    E tu parli di sbeffeggiare....

    RispondiElimina
  2. Ma come si puo essere contenti se un cantiere si ferma? Che incivili.
    Speriamo si faccia il piu velocemente possibile. Basta con la gente maleducata che parcheggia in doppia fila. Volete la macchina, compratevi un posto dove tenerla. Sulla strada le macchine non devono sostare, sulla strada ci deve essere spazio per i pedoni, le piste ciclabili e le corsie preferenziali per bus e tram. Le macchine sottoterra, a pagamento.
    Incivili, smettetela di difendere la sosta gratuita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha incivili perchè difendono la sosta gratuita? Ahahaha sei soltanto un ridicolo che si nasconde dietro ad un nulla....poveraccio!

      Elimina
  3. Mi piacerebbe sapere dove li vendono a 50.000,00 euro l'uno i box dei pup. Ad esempio in zona appio Claudio (Giulio Agricola) i prezzi medi sono 70.000,00/90.000,00 euro.

    RispondiElimina
  4. Ricordo che ai prezzi si deve poi effettuare la defiscalizzazione prevista dalla legge sull'IRPEF. Miei familiari ne hanno appena preso uno ed è costato molto meno del previsto.

    RispondiElimina
  5. Si si la defiscalizzazione sull'irpef, ma dovete anche dire che il totale della detrazione è del 36% su di un valore massimo di 48,000.00 euro in dieci anni (ossia 1728.00 all'anno). Questa cifra si detrae dall'importo da pagare delle tasse sino ad arrivare a zero e non viene rimborsato niente (esempio se devo pagare 300.00 euro di tasse, posso detrarre i 300.00 dai 1728.00 ma la differenza 1428.00 la perdo, non la porto indetrazione ne l'anno successivo ne mi si accumula con la quota dell'anno dopo!!!!). Ammazza che risparmio!!!! In più con il box ho anche da pagare le quote condominiali, non basse visto che devo anche sostenere le spese per la manutenzione della superficie (cosa che nessuno dice!!!!)

    RispondiElimina
  6. Io nn ho capito perche' non costruiscono parcheggi interrati pubblici, dove si possa semplicemente affittare mensilmente un posto. Qui a Nizza si fa dappertutto. Hai la tua tesserina ed entri ed esci come vuoi. Non hai sempre lo stesso posto ma poco male (si puo' fare ma e' un abbonamento a lungo termine). A roma ho vissuto disgraziatamente 7 anni proprio in quel quartiere. Per un anno ho tenuto la macchina in strada ed era un incubo, non volevo piu' uscire la notte all'idea di tornare e dover cercare parcheggio, preferivo restare a casa. Poi ho trovato un parcheggio privato (via faleria) che costava all'incirca 150 euro al mese. Era comunque una rottura perche' parcheggiavano le macchine una dietro l'altra e dovevi avvisarli quando la prendevi e comunque era chiuso dall'1 alle 6 del mattino, quindi dovevo correre a casa come cenerentola. Esasperata da Roma e dal macello italiano mi sono trasferita a nizza: ora pago 80 euro al mese per i primi 3 mesi e poi 160 al mese. un abbonamento annuale costa 600 euro, rateizzabili. non devi chiamare nessuno, vai e torni quando vuoi, c'e' sempre posto, e' tutto pulito e sicuro, mettono persino la musica classica. In citta' la doppia fila e' rarissima (la trovi qualche volta nei quartieri popolari, guarda un po'...), le macchine parcheggiate in superificie hanno un limite di sosta di 2 ore e fioccano le multe per chi trasgredisce, c'e' molta piu' gente che non ha la macchina, va a piedi, usa i mezzi pubblici e il bike sharing. Nonostante io abbia la macchina e paghi un parcheggio, vado in aeroporto in autobus, a lavoro in treno, in palestra e al supermercato a piedi, cammino almeno 4 km al giorno. Questa citta' e la prova vivente che fare parcheggi sotterranei rendendo le strade vivibili disincentiva, invero, l'uso della macchina. Nel quartiere di via albalonga penso che l'eta' media sia di 75 anni e agli anziani, che non viaggiano, i cambiamenti non piacciono, ve ne siete mai accorti?

    RispondiElimina
  7. L'Italietta è sempre più stretta dal cappio della finanza ladrona e dalle banche caimane, mentre le casse dei comuni si stanno avviando verso la bancarotta. Questo significherà, nel breve periodo, un ridimensionamento dei lavori pubblici e di riqualificazione previsti. Ne faranno le spese i cantieri della metropolitana C, la riqualificazione delle aree pedonali dei vari municipi, le tante proposte di piste ciclabili mai realizzate.
    La città ben presto sprofonderà in un degrado mai visto, lasciando spazio al disordine e all'anarchia più totale.
    Non ci sono speranze!

    RispondiElimina