mercoledì 18 gennaio 2012

Via Giulio Agricola noi lo preferiamo così. Anche se...


Certo, meglio dello schifo che è ora. Anche se: le auto in superficie sono troppe; anche se gli angoli allargati a protezione dell'attraversamento zebrato sono allargati poco e lasciano spazio alle auto eventualmete in sosta selvaggia; anche se le dimensioni della carreggiata sono tali che consentono la doppia fila; anche se nelle grandi aree di intersezione vengono lasciati spazi per la sosta abusiva a fianco ai marciapiedi.

Insomma, al di là della violenza e della volgarità di certi comitati, è pieno di gente disposta a fare dei sacrifici, a sopportare cantieri, a rinunziare alle suggestive alberature, a fare a meno magari della seconda auto a famiglia, per mettere la prima, e unica, sottoterra. Ma se poi fuori da terra si consente il ritorno dello schifo chi ci ha guadagnato?

Davvero vogliamo continuare a dare argomenti a chi vede i parcheggi interrati come qualcsoa che portano vantaggi esclusivamente a chi li costruisce? E che cazzo!

16 commenti:

  1. la carreggiata NON DEVE permettere la doppia file.
    Le strisce pedonali vanno PROTETTE CON PALETTI per evitare la sosta sopra di esse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perchè in tutto il mondo le auto sono a raso e qui da noi sempre e comunque a "spina de pesce"?

      Elimina
  2. No, ci sono soluzioni anche migliori e più durature dei paletti.

    http://trafficomatto.blogspot.com/2011/04/perche-roma-dissuasori-della-sosta-sul.html

    Panettoni, colonne basse, ringhiere, etc.

    RispondiElimina
  3. OH, SI' CERTO, UN AUTENTICO ORRORE ARCHITTETTONICO!... BRAVI MERDACCE, QUESTA E' LA ROMA DI MERDA CHE VOLETE?

    RispondiElimina
  4. Tra l'altro, in questa ricostruzione del cazzo le macchine SONO ANCORA IN SUPERFICIE... e allora, cosa cazzo andate blaterando voi di pro pup? A che serve tutto questo? Cui prodest? Ditemelo su, ditemelo. Siete pagati da Vannini? Dai palazzinari? No, perché tutto questo a me (come residente) NON SERVE ASSOLUTAMENTE A NULLA. Dopo che mi avranno dovastato il viale, abbattuto i platani, rotto i coglioni con lavori che andranno a protrarsi per anni, io (dico io come la maggior parte dei residenti)cosa ci guadagno? Nulla, ASSOLUTAMENTE NULLA!!! Bravi, continuate così con la vostra propaganda del cazzo. NOI IMPEDIREMO CHE QUESTO SCEMPIO VENGA PERPETRATO!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Infatti abbiamo scritto anche noi che nn siamo d'accordo. Solo che noi, costruttivamente, vogliamo che venga fatto meglio; tu, distruttivamente, vuoi che non venga fatto. Non è difendibile la tua posizione.

    RispondiElimina
  6. Fabrizio Vienna18 gennaio 2012 17:10

    Il posto sarà evidentemente piu' vivibile, e finalmente (spero) si riuscirà ad attraversarlo anche in sedia a rotelle, senza rimanere incastrato. Spero solo che verranno montati dei robusti paletti.
    Un altro appunto sono quelle zebrature che ai bordi delle orecchie significano divieto di sosta. Figuriamoci se verranno rispettate. Li ci va marciapiede palettato. Se effettivamente il progettista non voleva che li ci si fermasse, doveva, banalmente, estendere il marciapiede
    E come già detto la carreggiata va stretta ad una corsia. Non ha alcun senso una carrgiata di queste dimensioni, è sostanzialmente un invito alla doppia fila, con conseguente auto a spina chiusa dal cafone di turno. conseguenti clacsonate per uscire, rumore, risse, aggressività, stress.

    RispondiElimina
  7. Arredo urbano decente, sennò è tutto inutile!!

    Quei marciapiedi li vedo sguarniti: altro che sosta selvaggia agli angoli! lasciandoli così, diventeranno parcheggi per suv!

    RispondiElimina
  8. il progetto è architettonicamente accattivante, però sarei molto più contento se sotto invece di fare box facessero parcheggi a rotazione e sopra i parcheggi per le auto venissero ridotti al minimo indispensabile. Oggettivamente, da residente, non se ne può più dell'arroganza di gente miope e gretta che antepone l'auto a tutto parcheggiandola in curva, sulle strisce, agli incroci, sui marciapiedi, ogni minimo spazio libero e buono per lasciarci l'auto, senza alcun riguardo per il prossimo e per i pedoni. Le strade sono fatte per essere percorse, non per essere utilizzate come parcheggio. Augusto

    RispondiElimina
  9. Vede Sig. Tonelli, Lei dimostra di non conoscere a fondo le motivazioni che portano alla costruzione di un PUP. Uno degli elementi fondamentali è quello di restituire alla sede stradale i posti occupati dalle automibili in sosta, e quindi rendere più fruibili le carreggiate. Se, invece, come dice Lei le corsie non dovrebbero permettere la possibilità di lasciare una macchina in doppia fila, vorrebbe dire che solo un'auto potrebbe percorrere quella carreggiata. Ecco quindi che verrebbe a decadere uno dei punti fondamentali per la costruzione dei PUP. Passando, invece, all'aspetto del pup di G. Agricola, appare strano che Lei dica che l'eventuale pup renderà migliore il viale, ed infatti pubblica solo la foto post operam (come d'altra parte fa la stessa ditta ecopark sul sito dell'associazione romana parcheggi)e non pubblica quella ante operam. Se lo avesse fatto avrebbe visto che attualmente,ovvero prima dello scempio ad opera della Ecopark, il viale era e lo è nell'ultimo tratto ancora da devastare, un bellissimo viale con ben63 platani su due filari (caratteristica di tutti i viali del quartiere), ogni platano era ben protetto da aiuole verdi, che delimitavano una recentissima pista ciclabile. Nel marzo 2010 erano state sostituite delle banali illuminazioni con delle altre più adatte e sicuramente esteticamente più belle. Peccato che nel maggio 2010 tutto è stato devastato da un intervento compiuto nella più totale inosservanza delle prescrizioni,dalla ditta ecopark. Per conoscenza Le allego il link di un filmato. Il nostro viale era più che qualificato, era bellissimo e la sua stessa struttura architettonica non permetteva la possibilità di mettere le macchine sul marciapiede e non permetteva neppure il danneggiamento dei platani, ben protetti da robuste aiuole. Appare strano, che proprio ora, visto che si sono alzati i riflettori su viale g.agricola, Lei inizia a parlarne qui su questo blog. Forse i suoi amici costruttori di box, Le hanno chiesto di contrastare "quei poveri quattro gatti di viale giulio agricola. Intanto si guardi il filmato e guardi con chi si accompagna. Anna Maria http://tuscolano.romatoday.it/pup-giulio-agricola-video-scavi-12-maggio-2010.html

    RispondiElimina
  10. Cara Annamaria, amica dei costruttori ci sarà lei e tre quarti della palazzina sua. Io le persone che costruiscono sto parcheggio non so manco chi siano. Cerco solo di fare ragionamenti civili, europei, che vadano oltre al mito del "postomaghina" come ha lei e tutti quelli della sua genie. Siamo rimasti l'ultimo e l'unico posto in europa a costruire e pensare la città attorno ai posti maghina. Lei non se ne vergogna un po?Io tantissimo. A me umilia vivere in una città così e farci crescere mia figlia. Mi umilia profondamente. E lotterò finché potrò per dare il mio minimo contributo a far diventare questa una città normale. Una città dove le macchine stanno nei parcheggi, non in mezzo alla strada o sulle strisce o davanti agli scivoli degli handicappati. Gli handicappati meritano rispetto. Tutti. Fuorché quelli mentali del no-pup.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oltre che non saper rispondere nel merito alle legittime e cortesi osservazioni della sigora anna Maria, la deride in maniera volgare e maleducata. complimenti Tonelli...

      Elimina
    2. Caro Anonimo (ma si può restare anonimi e chiamare l'interlocutore per cognome, ma un poco di amor proprio, un poco di dignità...!?),

      la signora in questione mi dipinge come amico dei costruttori. Questa è diffamazione (ovviamente anche la signora, come tutti coloro che sono in cattiva fede, non lascia il suo nome) e lei la chiama "legittima osservazione"?

      Elimina
  11. Anche con tutti i distinguo necessari, la strada sarà mille volte piu' vivibile. Il posto sarà semplicemente piu' bello, elegante e meno rumoroso

    RispondiElimina