venerdì 6 gennaio 2012

Senza a doppia fila nnnamo fallitiii. Ecco il vero problema di Piazza Cavour


Leggete in questo articolo di Repubblica (clic per ingrandire) quale è il vero punto, quale è la vera questione per i commercianti che affacciano su Piazza Cavour. Il problema, anche qui, non è il traffico, ma la sosta. Selvaggia nello specifico. Senza questo 'optional' i commercianti sono convinti di andare a gambe all'aria. Non importa che ti abbian fatto un parking regolare da 700 posti sotto al culo. Devono lasciarti il posto per quei sei o sette clienti supercafoni che devono vedere il loro suv dal vetro del ristorante, sennò hai la percezione di andare fallito. Che questa tipologia di commercianti vada fallito, ce lo auguriamo con tutto il cuore.
Leggete, leggete il giornalaro: "hanno fatto una preferenziale al posto della sosta selvaggia, stano trasformando sta piazza in una piazza europea, me fanno chiudeee".
VAFFANCULO! NON VI SOPPORTIAMO PIU'. TORNATE NEL CAMPO ROM DAL QUALE SIETE VENUTI E LASCIATE A QUESTA CITTA' LA CHANCE DI DIVENTARE UNA... CITTA'!

6 commenti:

  1. Sono veramente allibito. Forse si sta facendo una delle migliori risistemazioni superficiali di un parcheggio e dell'area circostante da anni e questi si lamentano? Roba da matti. Ma quale lungotevere! Per andare a piazza risorgimento proveniendo da via cicerone bastava girare su Cola di Rienzo! Pure rimbambiti... Il punto è che vogliono tutti arrivare fin sotto il portone/bottegaio/enoteca.

    RispondiElimina
  2. una volta c'era un film che si chiamava "La macchia umana".
    Ora mi sembra che ce ne sia un altro chiamato "la m€rda umana".
    ossia quella che trasforma Roma in BENARES!
    Se i commercianti vogliono possono riambientarsi a nuova Dheli.. tanto per loro è un attimo riaddattarsi li'...

    RispondiElimina
  3. Mandiamo via sti commercianti burini. A Roma in molte zone sono i commercianti a togliere i paletti anti sosta selvaggia davanti ai loro negozi per poter far parcheggiare i loro clienti incivili sopra i marciapiedi

    RispondiElimina
  4. Per una volta che fanno una cosa fatta bene, tutti a protestare. Questo ci fa capire quanto siamo ancora culturalmente lontani dagli standard europei in tema di arredo urbano e disciplina del traffico e della sosta.

    RispondiElimina
  5. Voglio un governo tecnico pure per il comune di Roma,stà gente non può e non deve votare.

    RispondiElimina
  6. Sono arrivato alla conclusione che i Parking ed i box servono a chi ha la cultura per utilizzarli.
    Voglio dire,mettere la macchina al multipiano di via Tripoli, al parcheggio di Villa Borghese, spesso semivuoti ed uscire in superficie dove orde di trogloditi con l'anello al naso, litigano per un posto in tripla fila...
    Per il momento dobbiamo accontentarci di questo, che non è poco, il progressivo delinearsi di due classi di civiltà, quelli che usano il parking (vivendo meglio) e quelli che non lo usano.
    E se qualcuno, come accade in questi casi obietta che molta gente non può permettersi la sosta a pagamento o il box, dico che vivono fuori dal mondo. Le auto sono tantissime e saranno sempre di più. Non siamo più negli anni '50. Se vuoi l'auto privata paghi. E chi non può proprio pagare (che rispetto), mi chiedo pero' come possa mantenere in sucurezza la sua auto (bollo, assicurazione, revisioni, gomme...)

    RispondiElimina