venerdì 27 gennaio 2012

E' molto semplice: ci devono andare di mezzo i vostri parenti. Stretti!

L'attuazione del Piano Parcheggi Urbani del Comune di Roma sta presentando il suo volto feroce di vero e proprio attacco al territorio senza precedenti. Si abbattono alberi di alto fusto solo per effettuare i sondaggi archeologici (l'espianto, come lo chiamano, non è altro che un destino di morte quasi sicura), si scavano metri e metri in profondità anche in zone in grave rischio idrogeologico, creando instabilità alle strutture degli edifici, non per un intervento pubblico ma solo per una mera speculazione privata. Un piano che si fonda sull'assurdo di provvedimenti speciali per l'emergenza traffico, utilizza la legge 225 del 1992, passando sopra qualsiasi norma e così crea di fatto le condizioni di vere calamità naturali prossime future, senza alberi che drenano le acque con pericolo di inondazioni e sciagure: Genova e Messina ne sono un esempio eclatante. L'ultima sentenza della Corte di Cassazione smaschera il progetto speculativo alla base del piano parcheggi di Roma Capitale che non prevede la pertinenzialità (chiunque, anche se non possiede un appartamento in prossimità del PUP, può acquistare un box). Il Comitato "NO PUP Indignati" di Viale Leonardo da Vinci, il Comitato di "Quartiere Marconi" e il Coordinamento "Salviamo Giulio Agricola", che si battono da oltre un anno contro questo insano progetto, chiamano tutti i comitati NO PUP organizzati o spontanei, tutta la cittadinanza e le forze politiche realmente disposte a impegnarsi in questa battaglia ad una grande manifestazione in Campidoglio per chiedere al Sindaco di Roma di ripensare il PUP di Roma Capitale. Fin qui le dichiarazioni dei gruppi no pup. Il solito schifo che però si sta diffondendo. Il solito terrorismo, atroce. Le solite bugie. La solita difesa -lo si capisce lontano un chilometro- della sosta selvaggia. A Viale Leonardo da Vinci i cittadini fingono di difendere gli alberi, ma in realtà ci parcheggiano addosso. Sopra. Di fianco. Distruggendoli, sfiancando le radici. Uno scempio mai visto. Togliere quegli alberi e trasportarli al sicuro significa salvare loro la vita: secondo i comitati significa ucciderli. Paragonano i parcheggi interrati (che esistono in tutto il mondo) a delle sciagure naturali. Non sanno -anzi, sanno benissimo- che la vera sciagura naturale, che fa tanti morti quanti quelli di una guerra ogni anno a Roma, è il traffico e la sosta. Muoiono ogni anno 300 persone a causa delle loro amate macchinine che si offendono ad alloggiare sottoterra, dove non possono nuocere. Muoiono 300 persone e decine di migliaia rimangono ferite. L'augurio -e come i nostri lettori sanno Pro Pup Roma porta sufficientemente scarogna per essere efficace- è quello che i prossimi morti e i prossimi feriti a causa di sosta selvaggia e dintorni, riguardino stretti congiunti del movimento no pup. Poi vediamo se continueranno a lottare per tenere le auto in curva, sulle strisce, in doppia fila. Poi vediamo...

15 commenti:

  1. deficente menagramo

    RispondiElimina
  2. Quando si arriva a lanciare anatemi e maledizioni si è toccato il fondo. Cerchi di risalire e di risalire con le sue forze. Oltre ai Pro Pup hanno "inventato" gli psichiatri, usali.

    RispondiElimina
  3. potrebbero riguardare anche te che guidi il motorino ( ma non andavi solo in bici) con una mano sola per riprendere sosta selvaggia...o no? A buon rendere... :D

    RispondiElimina
  4. una denuncia ora non te la leva nessuno e la chiusura immediata di questo blog.

    RispondiElimina
  5. I suoi modi sono tali che non meriterebbe risposta, ma vede, per quanto riguarda le maledizioni che lei ha inviato, spero possano tornarle indietro, e per quanto riguarda la sosta selvaggia, se lei avesse avuto modo di venire su Viale Giulio Agricola vedrebbe quello che hanno fatto le sue amiche ditte,non solo hanno fatto scempio dei nostri platani (tutti morti) ma avrebbe visto la distruzione di una zona ben qualificata con aiuole di protezione per ogni albero, aiuole a prato, e regolariassimi posti auto.Se fosse venuto l'altro giorno al convegno in Campidoglio avrebbe ascoltato quello che hanno detto una decina di geologi sul sottosuolo di Roma. Saprebbe che tali interventi hanno suscitato le ire funeste dei costruttori tanto da far annullare il Convegno. E già, non erano più i quattro gatti di cittadini a dire quelle cose ma dei ben autorevoli professionisti e forse sarebbe stato utile che le udisse anche lei così la finirebbe di insultare le persone. Comincia a vedere la fine dei PUP? Complimenti per la sua educazione, se ne trovano poche di persone educate come lei.

    RispondiElimina
  6. Ma quale fine dei PUP. I PUP non sono mai realmente iniziati a Roma. Sono invece iniziati e completati in TUTTE le capitali Europee. Roma ci mette solo di piu' in tutte le cose, ma prima o poi anche qui sarà cosi'. Non è una questione di volerlo o no, o di platani si o platani no. è semplicemente una questione di spazio. Bisogna semplicemente attendere che la popolazione arrivi ad avere una qualità di vita urbana talmente schifosa da rinunciare al parcheggio gratuito.
    Molta gente a Roma non capisce quanto la qualità della vita in questa città sia marcia anche e soprattutto a causa del fatto che Roma è una brutta, rumorosa, puzzolente coperta di lamiere accatastate, che produce traffico e quindi disincentiva l'uso del mezzo pubblico in un circolo vizioso.
    E' chiaro come le cose si dovranno necessariamente evolvere, e non è una scelta politica ma una scelta obbligata. Tipo incomprimibilità dei corpi. Io se fossi in voi un Posto auto me lo comprerei adesso, e pure in fretta prima che l'onda del cambiamento arrivi anche qui, e ci sarà l'assalto ai posti auto, ma per comprarli non per distruggerli. Addio

    P.s. Ma da dove escono tutti sti fiumi sotterranei...mah!

    RispondiElimina
  7. Ottima risposta.
    Purtroppo la cultura dell'auto è difficile da estirpare,ci sono uomini che preferirebbero essere evirati piuttosto che rinunciare all'automobilina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo , Riccardo, scusa ma ti manca il :" fareste stuprare le vostre figlie per trovare un posto gratis per la macchina" ....certo troppe analogie con il Tonelli.....ma avete tutti la mente contorta voi propup? O siete solo uno? Bah...

      Elimina
    2. no sono vari...però è uno solo che comanda e da agli altri le idee che poi ripetono all'inverosimile !

      Elimina
    3. Se una idea è giusta. rimane giusta anche se chi l'ha detta è antipatico.
      Quello scritto da me sopra alle ore alle 3:50 PM del 28 Gennaio senza aver offeso nessuno è la verità. Con o senza Tonelli.

      Elimina
    4. hai frainteso...non si parlava di simpatia o altro . L'utente ha sottolineato come le tue parole fossero identiche a quelle di altri e io gli ho spiegato che in questi blog è normalissimo. Certo che dici la verità...bisogna capire chi ti ha spiegato questa verità e come fai a ripeterla come un mantra in ogni post....!
      Tutto qui !

      Elimina
    5. Perchè quale parte del mio intervento (che ripeto qui sotto) non condividi?

      "Ma quale fine dei PUP. I PUP non sono mai realmente iniziati a Roma. Sono invece iniziati e completati in TUTTE le capitali Europee. Roma ci mette solo di piu' in tutte le cose, ma prima o poi anche qui sarà cosi'. Non è una questione di volerlo o no, o di platani si o platani no. è semplicemente una questione di spazio. Bisogna semplicemente attendere che la popolazione arrivi ad avere una qualità di vita urbana talmente schifosa da rinunciare al parcheggio gratuito.
      Molta gente a Roma non capisce quanto la qualità della vita in questa città sia marcia anche e soprattutto a causa del fatto che Roma è una brutta, rumorosa, puzzolente coperta di lamiere accatastate, che produce traffico e quindi disincentiva l'uso del mezzo pubblico in un circolo vizioso.
      E' chiaro come le cose si dovranno necessariamente evolvere, e non è una scelta politica ma una scelta obbligata. Tipo incomprimibilità dei corpi. Io se fossi in voi un Posto auto me lo comprerei adesso, e pure in fretta prima che l'onda del cambiamento arrivi anche qui, e ci sarà l'assalto ai posti auto, ma per comprarli non per distruggerli."

      Elimina
  8. io sono a favore dei pro pup...ma contestualmente ai parcheggi interrati ...occorre favorire il mezzo pubblico...con metro e tram....

    Io odio le auto (vado solo in bici) ...ma mi rendo conto che per certe distanze, in assenza di un trasporto pubblico efficiente, l'auto è indispensabile.
    L'unico modo per ridurre le auto, la doppia fila, i marciapiedi occupati da auto...è dare una valida alternativa all'auto....e questa può darla solo uno sviluppo della rete metro e tram...

    Pur comprendendo l'ostacolo dei reperti archeologici..ancora non capisco come mai in altre città europee (Roma in confronto a queste è proprio da terzo mondo) le metro costano molto meno e le fanno in molto meno tempo.

    A volte mi vergogno di essere italiano...

    RispondiElimina
  9. il terrorismo è il vostro, con questa storia della carneficina e dei morti a causa dei banditi parcheggiati male... solo terrorismo per portare avanti ciò che volete, esattamente come fanno i comitati anti pup.
    Ognuno tira l'acqua al suo mulino.

    RispondiElimina
  10. I morti sono statistiche. Comunque si può anche dire che a Roma le auto sono parcheggiate in maniera regolare e civile. Il nostro mulino è la civiltà e il rispetto delle regole.

    RispondiElimina