giovedì 1 dicembre 2011

Piazza Testaccio definanziata per fortuna. Non tutte le crisi vengono per nuocere


Tagli e crisi hanno portato anche qualcosa di buono per fortuna. Sono stati tolti i soldi per la riqualificazione di Piazza Testaccio. Perché siamo contenti? Perché è assurdo investire soldi pubblici per rifare una piazza quando la si potrebbe far fare ai privati (e gli si potrebbe far riqualificare anche le disastrate strade circostanti) semplicemente concedendogli, in cambio, la possibilità di realizzare nel sottosuolo della piazza -dalla quale il mercato si sposterà a breve- un parcheggio interrato.

La soluzione, che proponiamo da mesi e che deve essere adottata pena un ricorso che porteremo noi stessi nelle mani della Corte dei Conti, è vincente per tutti:

1. vince il quartiere perché si riqualificano le strade senza spese
2. vince il comune perché non investe una lira facendo fare i lavori pubblici ai privati
3. vincono i frequentatori di testaccio perché avranno posti auto a disposizione senza stare a girare per ore per trovare posto, generando traffico e poi posteggiando in divieto
4. vince la sicurezza stradale, il decoro, il rispetto
5. vince una ditta privata che creerà lavoro, assumerà maestranze, pagherà le tasse

E non ci perde nessuno. Fatti salvo i soliti burini che considerano un diritto quello che parcheggiare la maghina sotto casa a gratis, ovviamente, ma quelli davvero non contano.

2 commenti:

  1. Per tutti quelli che credono (come me) nei parking, vado un pò fuoti tema per segnalare qualcosa di veramente deprimente in cui mi sono imbattuto ieri.
    A Viale Ippocrate, al lato del ristorante Africano, c'è un grande negozio di elettronica-eletrodomestici. Appena entri,scendedo una rampa, ti accorgi che era un enorme parcheggio coperto, forse 200 automobili. Da quanto è così? Chi ha permesso il cambio di destinazione in una zona poi come quella?
    Se questo è il futuro dei nuovi parcheggi, lavoriamo per niente.

    RispondiElimina
  2. Io mi ricordo il negozio di elettronica da almeno quindici anni...

    RispondiElimina