lunedì 21 novembre 2011

Uh come sono brutti e cattivi i pup. Questo è pure venuto male, eppure la situazione è comunque meglio di prima


Dunque lottiamo per sistemazioni superficiali di qualità, non per interrompere la modernizzazione della città...

26 commenti:

  1. ....e tanti alberelli secchi..che bello vero? Questo è quello che resterà sopra i pup...

    RispondiElimina
  2. Ocio belli capelli, che oggi ti hanno visto a via fermi...

    RispondiElimina
  3. Alberelli secchi ? Semmai spogli, ma è normale visto che siamo in autunno.
    Ma le elementari le avete fatte?

    RispondiElimina
  4. Caro riccardo, fatti una cultura. Quegli alberi sono morti il giorno dopo essere stati impiantati.

    RispondiElimina
  5. riccardo ti garantisco che poco dopo averli messi si sono seccati...anzi ti dirò di più si stavano seccando anche i nonni con i nipotini visto che non c'era nessuna ombra, poi fortunatamente è stata fatta pressione alla circoscrizione ed hanno messo due stuoini che sono meglio di niente, ma fanno un pò pena.
    Io cmq ho fatto dalla materna all'università se ti interessa...ne vogliamo parlare ?...Tu in cosa ti sei laureato in offendologia? Ribadisco siete solo dei poveracci senza argomentazioni valide e con la lingua avvelenata...probabilmente nella vostra vita privata manca qualcosa...ma mi spiace non sono laureata in psicologia, ma in legge, altrimenti vi avrei aiutato a capire voi stessi...
    Senza rancore


    Emma anonimo delle 15,54 :D

    RispondiElimina
  6. emma emma!
    ma nn s'era detto che facevi il carrozziere?

    RispondiElimina
  7. Va bene sono secchi,mi fido,non è il caso di farne un dramma.Si possono sostituire e magari perchè no aggiungere arbusti sempreverdi e piante officinali.
    Il giardino ha del potenziale e comunque sempre meglio delle lamiere.

    "siete solo dei poveracci senza argomentazioni valide e con la lingua avvelenata"

    Leggiti sopra le voci: PERCHÈ PROPUP - LEGGENDE METROPOLITANE - UN BUON PUP DEVE

    RispondiElimina
  8. Riccardo, leggere non è cosi' semplice.... almeno non per tutti. Forse con un disegnino

    RispondiElimina
  9. Già Fabri, un bel disegnino!

    RispondiElimina
  10. Torno a questo blog dopo un po' di tempo e dopo altri insulti subiti a Via Fermi, ma stavolta vorrei parlare di progettazione del verde, qualcosa di quasi totalmente sconosciuto in Italia e a Roma in particolare, sperando di non andare troppo fuori tema.
    I piccolo parco di Via Blaserna ne è l'esempio lampante: a Roma il verde si progetta e si realizza da 40 anni sempre nello stesso modo, con le stesse piante e gli stessi criteri!!! Un po' di prato (solo quello tradizionale, detto "all'inglese", che presuppo ne impianti di irrigazione e tagli continui, almeno 30 l'anno, per un decoro accettabile), il necessario impianto di irrigazione, qualche cespuglio e qualche alberello, panchine e vialetti....
    Non sono necessariamente esterofilo, ma basta andare un po' fuori dall'Italia e non solo in Francia, Germania e Inghilterra, ma anche in Spagna o Portogallo per rendersi conto che il verde urbano è altro: prati fioriti, profusione di piante da fiore tappezzanti, profumi, alberi di tante specie..... In una parola, BIODIVERSITA'!
    E ancora, aree verdi progettate con criteri di sostenibilità ambientale, che vuol dire uso molto attento dell'acqua, manutenzione ridotta....
    Il risultato? Parchi ricchi di micro e macrofauna, in grado di stimolare i 5 sensi soprattutto nei bambini che imparano nei parchi a conoscere e ad amare la natura che li circonda: conoscenza significa cultura ambientale, vuol dire amare la natura e rispettarla senza temerla.
    Da noi, invece, si spendono ogni anno diversi milioni di Euro solo a Roma e solo per tagliare l'erba di prati che per la maggior parte dell'anno sono in condizioni deprimenti!!!
    Facciamo giocare i nostri figli in estate su prati ridotti a distese secche e polverose, solo perchè l'unico tappeto erboso che conosciamo è quello "all'inglese" che ormai non utilizzano quasi più nemmeno nei campi da golf!!!
    Quando vedo le aiuole lungo Via Cristoforo Colombo irrigate da un impianto i cui irrigatori sono spesso rivolti verso la strada, con grave pericolo per i motociclisti soprattutto, il cui tappeto erboso è in parte secco l'estate a dispetto dello stesso impianto di irrigazione, mi viene una grandissima rabbia.... Per non parlare delle nostre ville storiche!
    Oppure vogliamo parlare delle potature che meriterebbero denunce penali per danneggiamento di patrimonio pubblico?
    Eppure, i comitati NO TUT non parlano mai e non manifestano mai su questi argomenti, né mi é mai capitato di sentire levarsi la voce delle organizzazioni ambientaliste su questi temi.....
    I PUP potrebbero essere l'occasione di riqualificare tante aree a Roma, progettando il verde con i corretti criteri e restituendo alla cittadinanza porzioni di città più che decorose.
    E qui mi fermo perchè il discorso sarebbe troppo lungo e periglioso....

    RispondiElimina
  11. Tra cenmento+lamiere e cemento+erba rachitica con giochi e panchine direi che non ci sono dubbi su cosa sia meglio.

    RispondiElimina
  12. Comunque concordo con Franco Milito, il problema è la progettazione della manutenzione del verde. Si segua il modello piazza venezia che sembra essere buono!

    RispondiElimina
  13. Bravo Franco,
    concordo anch'io sulla cura del verde,un giardino ben progettato porta innumerevoli vantaggi non solo dal punto di vista visivo.
    Basta cercare su google " progettazione giardini/verde "
    per rendersi conto di quanto pressapochismo,incompetenza e noncuranza ci sia nella cura del verde a roma.

    RispondiElimina
  14. Si, ma vedete che vi state facendo i castelli in aria...qui bisogna essere pratici. Un conto è quello che si dice e un conto è quello che si fa...ossia alla fine per risparmiare le ditte buttano là quattro alberelli piantati male e nella stagione sbagliata, per fare contenti e coglionati i residenti di turno. La ditta risparmia un sacco di soldi, i cittadini abituati alla schifo, si accontentano pur di aver un pezzo di terra. Ormai la gente è cresciuta e alla favolette che raccontate voi e i vostri amichetti non ci crede più nessuno. Sapeste le balle che ha raccontato milito e poi è successo esattamente il contrario...All'inizio ci sono cascati tutti, ma per fortuna qualcuno sveglio c'e' e ormai non frega più nessuno
    Egidio

    RispondiElimina
  15. Quindi siccome i giardini sono fatti male ricopriamoli di parcheggi abusi. Chiaro.
    Fabrizio

    RispondiElimina
  16. Quali sarebbero le BALLE che avrei raccontato????
    Le suggerisco di essere preciso, altrimenti cominciano a partire le querele.... Io non ho MAI insultato nessuno, non ho voglia di farmi insultare da nessuno!!! Aspetto di conoscere dal sig. Egidio quali sarebbero queste "balle".

    RispondiElimina
  17. "Quindi siccome i giardini sono fatti male ricopriamoli di parcheggi abusi. Chiaro."

    Scusa ma cosa altro ti aspetteresti da un carrozziere?
    Bla, Bla, gli alberi, i fiumi sotterranei, la tomba di tutankamon. Marionette pilotate da un carrozziere.

    RispondiElimina
  18. Siete bravi a fare i disegnini? Se copiate dal cartellone con il progetto a piazza fermi sareste perfetti...Disneyland mi piace molto e sono contentissima che venga così la nostra via Fermi...ahahahhaha

    Poveracci

    RispondiElimina
  19. Il concetto che deve rimanere a prescindere può, giardini spogli/secchi è che le auto vanno sistemate non in strada! Hanno rotto le scatole.rendono questo quartiere un incubo!

    RispondiElimina
  20. Il solo fatto che certa gente parli su questo sito, è molto significativo. E' indice di grande professionalità, fosse un sito di botantica, o dell'ordine, potrei capire, ma un blog come questo (già la definizione indica una sotto categoria) pagato dalle ditte è indice dello squallore di chi lo gestisce...

    RispondiElimina
  21. AnOnimo delle 9.39
    Ma che ne sai Di botanica?
    Cmq in tutti i miei post faccio la stessa domanda e nessuno dei no pup risponde:
    Vivete bene nel quartiere Marconi? Vi piace passeggiarci? Vi fa piacere girare con la macchina anche 30 minuti prima di trovare un posto? Vi secca che i vostri figli non abbiano un posto dove giocare senza stare per strada o essere arrotati dalle auto? Quali sono le vostre proposte ? Quali iniziative si propongono? Parliamone! I PUP non sono la panacea di ogni problema della viabilità ma si collocano tra le soluzioni per renderla più snella e sopportabile.

    RispondiElimina
  22. Credo che tu abbia sbagliato personalità..ha scritto come rik...

    RispondiElimina
  23. Che tristezza vedere i no pup che si arrampicano sugli specchi insultando e denigrando incivilmente chi non la pensa come loro e vorrebbe solo cio' che nel resto del mondo avanzato e' il minimo sindacale: una citta' vivibile e ordinata.

    Non so se questo blog e' supportato dalle imprese di costruzione come dite, ma se non lo fosse dovrebbe proprio esserlo, perche' va nella direzione giusta!

    Un semplice cittadino di Roma veramente stufo di vivere nel caos

    RispondiElimina
  24. La soluzione sarebbero i PUP???Anni e anni per costruirli(andando BEN OLTRE i tempi prefissati(vedi quello vicino alla staz. Trastevere)box e posti auto carissimi, ribadisco carissimi,sistemazione della zona sovrastante arraffazzonata e senza la minima manutenzione...tutte le piante si seccano dopo un estate senz'acqua! (vedi via Blaserna)Siete degli affaristi che si nascondono dietro al "vogliamo rendere Roma più bella"!!!

    RispondiElimina
  25. I PUP sono una parte della soluzione, la seconda parte è la riqualificazione della parte superficiale di modo che la sosta gratuita e selvaggia sia eliminata, lo spazio superficiale finalmente riconquistato ai cittadini e agli automobilisti che usano la macchina per necessità e non per comodità. Tutti gli altri valuteranno piu' attentamente se farsi la seconda o addirittura terza macchina invece e inizieranno a usare i mezzi pubblici piu' frequentemente. considerato che la zona è ben collegata.

    RispondiElimina
  26. I PUP come sono concepiti ora, a mio avviso,sono solo delle speculazioni.Nessuno controlla durata e "stato dell'arte" dei lavori, nessuno controlla le opere di riqualificazione e la loro manutenzione, nessuno controlla se i parking, una volta costruiti, vengono aperti o no (via Blaserna per es.)Nessuno controlla i prezzi di vendita, a chi vengono venduti e se effettivamente non vengono trasformati in altro (tipo box per negozianti)Questa, così concepita è, secondo voi, "parte" della soluzione al problema del parcheggio selvaggio???

    RispondiElimina