martedì 11 ottobre 2011

Lotte Continue, Che Gevari, comunisti... Ecco chi è la gente del no-pup. Ieri a fare cagnara al parcheggio di Viale Leonardo Da Vinci (da fare subito)

"Ieri mattina un centinaio di cittadini della zona della Metro San Paolo hanno svolto una prima e importante iniziativa di lotta in viale Leonardo da Vinci, per dire NO all’ennesima speculazione di nome P.U.P., dove il "ghiotto" progetto di parcheggio sotterraneo serve solo a sfamare il ventre del costruttore di turno, a fronte di un inutile spreco di territorio pubblico e con danni evidenti all’ambiente circostante.

Il P.U.P. inizialmente era previsto a ridosso di via del Serafico ma, come spesso accade in casi come questi, pur di realizzarlo si procede alla ricerca rabdomantica di siti alternativi. Passando sopra, ma non è solo questo il primo caso, alla mai applicata delibera del C.C. n. 57/06, quella che prevedeva percorsi partecipati dai cittadini tutte le volte che si proponevano progetti di trasformazione urbanistica.

Poco fece in tal senso l’allora Veltroni per metterla in pratica nel suo secondo "mezzo" mandato e, chiaramente, nulla ha fatto la giunta di destra a guida Alemanno. La lotta di oggi non è che l’inizio. E per noi tutti e tutte che abbiamo deciso di opporci stamattina il parcheggio a via Leonardo Da Vinci non si farà! La Lotta Continua.

Luca Fontana - Segretario del Circolo "Che Guevara" del PRC-FdS Municipio 11
Claudio Ortale - Membro CPF Federazione di Roma e consigliere PRC-FdS Municipio 19

5 commenti:

  1. Via Leonardo da Vinci potrebbe essere una bellissima strada e invece è ridotta a un garage, così come accade per le strade adiacenti alle nuove facoltà di Roma 3, dove è ancora più indecente che l'unica possibilità di parcheggiare sia in mezzo alla strada gratis.

    RispondiElimina
  2. Ma come è possibile che la gente si opponga a riqualificare una strada, per giunta in una zona con un'Università?
    Non sarebbe piu' bello levare le macchine dalla strada ed usare lo spazio libero per farci una pista ciclabile o una corsia preferenziale e vedere studenti e professori felici che vanno all'universita' in autobus o bicicletta come nel resto d'Europa?
    No, in questa città vogliono arrivare in macchina, stressarsi mezzora per parcheggiare su uno scivolo per disabili o sulle strisce pedonali ma parcheggiare gratis. Ed ecco perchè vedi solo facce di studenti e professori incazzati e che si lamentano di questa città.
    Sti incivili che fanno la lotta all'educazione ed al senso civico fanno ridere e non dovrebbero essere ascoltati.
    Circolo "Che Guevara".... ma come si fa a dargli retta?

    RispondiElimina
  3. Vedo che non vi sprecate a dare titoli e giudizi alle persone. Forse gli incivili sono proprio quelli come voi che non vi interessate nello specifico del problema e sparate sentenze qualunquiste. Facile stare a guardare e poi dire che noi siam tutti cretini.
    Noi che facciamo cagnara siamo cittadini esasperati..voi che state nelle quattro mura a sparare sentenze siete solo cittadini accomodanti di questa speculazione.
    Secondo voi 70 box privati risolveranno il problema delle macchine del viale? Ridicoli..che non siete altro. Una colata di cemento sul viale sicuramente farà venire il sorriso ai professori e agli studenti dell'Università!!!!!... Venite di persona alle assemblee a darci dei cretini.. dei comunisti e dei Lotta continua..e poi vediamo come sarete bravi a dire frasi ad effetto senza senso!!! RIDICOLI
    e dei

    RispondiElimina
  4. Massimiliano Tonelli20 ottobre 2011 12:37

    Non sappiamo se risolva o meno la sosta. Non è di certo la nostra prima preoccupazione anche perché pensiamo che nella vostra zona, ben collegata e centrale, la sosta vada risolta vendendo le auto: siete d'accordo o no?

    Non risolverà la sosta ma offrirà al municipio le risorse per riqualificare il viale, oggi umiliato dalle vostre orrende auto parcheggiate addosso agli arbusti. Gli square centrale dei viali devono essere giardini, non parcheggi.

    Roma: l'unica città al mondo in cui i comunisti sono a favore der suv in doppia fila. VERGOGNATEVI

    RispondiElimina
  5. Se fanno il parcheggio per me va bene, spererei che si salvassero gli alberi anche se l'opera completa costasse di più ma di sicuro sono tendenzialmente a favore dei parcheggi piuttosto che dell'immobilismo in nome di una ambigua esigenza ambientalista. Una cosa però spero, se il parcheggio non si dovesse più fare, pretendo che la cosiddetta 'isola verde' venga resa tale rialzandola di almeno mezzo metro dal piano stradale ed accessibile solo con scale e scivoli per disabili. Le auto si parcheggiano nei parcheggi (anche a pagamento) e non sulle 'isole verdi'.

    RispondiElimina