mercoledì 3 agosto 2011

Oddio quanto è brutto il parcheggio di Ponte Testaccio. Come può farsi perdonare?



Brutto è brutto. E pure tanto. E' il nuovo parcheggio silos (nella parte alta ci dovrebbero essere uffici) che è sorto di fronte a Ponte Testaccio. Tanto brutto che non si capisce chi e come dia autorizzazioni di questo tipo per un edificio che si vede dal Primo Municipio, dal Mattatoio, dal Monte dei Cocci.

Detto questo, visto che ormai c'è e contiene auto, è proprio una cattiva idea quela di togliere dalla strada l'esatto numero di auto previste per il parking? Come? Semplicemente rendendo tutto marciapiede il tratto, breve, di strada che va da Ponte Testaccio a Via Ettore Rolli: una striscia d'asfalto centrale per le auto (e l'accesso al nuovo parcheggio ed alle strada laterali come Via Giovanni da Castelbolognese) e tutto il resto marciapiede palettato. Nascerebbe una nuova strepitosa piazza che si potrebbe immaginare anche con alberi, panchine, parcheggi per bici. Significherebbe, con poco, cambiare faccia ad un quartiere. Ad un quadrante.

10 commenti:

  1. Giusto.
    Che cosa aspetta il XVI municipio??

    Purtroppo sono un po' pessimista, perchè in quel municipio di paletti, angoloni, parapedonali e arredo urbano decente se ne è visto veramente ma veramente poco...

    Il parcheggio ha ancora i cartelloni abusivi davanti (messi quando lì c'era un rudere) figuriamoci se stanno a pensare ai marciapiedi...

    RispondiElimina
  2. E invece se i posti del parcheggio si aggiungono a quelli in strada abbiamo guadagnato posti. Altrimenti la situazione resta invariata senza alcun vantaggio, avendo fatto un investimento inutile.

    RispondiElimina
  3. Massimiliano Tonelli3 agosto 2011 12:14

    Ah, quindi praticamente togliere 50 auto dalla strada e metterle dentro una struttura apposita liberando spazi per i marciapiedi, panchine, tavolini, percorsi pedonali, spazi per gli anziani, i bambini, i portatori di handicap, le mamme con passeggino significa non avere "alcun vantaggio"? Ho capito bene?

    RispondiElimina
  4. In effetti, come dice l'anonimo, il vantaggio è creare nuovi spazi auto, vista la sempre maggiore necessità.
    Si creano sottoterra o multipiano, finiti i posti in strada, ma se ne togliamo, è tutto inutile. I pup servono a questo e a risolvere la sosta in doppia fila, altrimenti a volte inevitabile.

    RispondiElimina
  5. È una zona collegatissima dove il parcheggio è gratis.

    È questo lo scandalo.

    RispondiElimina
  6. Anonimi delle 12,11 e 12,29, forse vi sfugge qualcosa...
    I parking (specie quelli a rotazione) possono servire a diminuire la sosta selvaggia, solo se si obbliga la gente a parcheggiarvi dentro. E come la obblighi? Riducendo i posti su strada. Allora uno la macchina o la da via (ottima scelta) o affitta il posto nel parking.
    Solo così può funzionare in un ottica civile e lungimirante in cui prima vengono i pedoni, poi le preferenziali (vere), poi gli alberi e in ultimo anche le auto.Poche.

    RispondiElimina
  7. L'idea di controllare la macchina dalla finestra è roba da dinosauri. Siamo tanti, non si può pensare di vivere ancora come negli anni '50.
    La sosta a raso sta scomparendo dalle maggiori capitali europee. Si allargano i marciapiedi dedicandoli a tavolini, alberi, aree per bambini ed anziani.
    Le macchine il più possibile si confinano in costosi parcheggi.
    Sì, capito bene, costosi. Sennò dove è il deterrente?!

    RispondiElimina
  8. Io insisto : NON E' POI COSI' TERRIBILE.

    Mi pare che a Roma abbondino orrori ben peggiori di questo...

    Mc Daemon

    ...e poi, almeno, è utile!

    RispondiElimina
  9. Da esterno osservatore posso dire che:
    il tema della principale battaglia "culturale" di propuproma" è far passare l'idea che SOPRA i parcheggi la sosta deve essere VIETATA e liberate le strade.
    E' molto difficile far cambiare un concetto ormai stabilizzato.
    Bravi, continuate così.
    Vorrei poter vedere "in vita" una breccia per poter abbattere questa enorme diga...
    Saluti e buone vacanze

    RispondiElimina
  10. Ci stiamo almeno, almeno, provando. E' difficilissimo perché la gente fa cose immonde (come posteggiare in mezzo alla pubblica via) pensando di stare facendo la roba più normale del mondo. E come glielo vai a spiegare??? L'importante, intanto, è parlarne...

    RispondiElimina