lunedì 25 luglio 2011

Susi Fantino, ora basta!


COMUNICATO STAMPA

Pup; Fantino (Municipio IX): “Comune non ha mai avviato confronto su nuovi interventi”

“Se i ‘pareri favorevoli espressi dai Municipi’ - come si legge nell’ordinanza n. 386 del 5 luglio firmata dal Sindaco Alemanno in qualità di Commissario per l’emergenza traffico – fanno riferimento anche al nostro Municipio, saremmo di fronte a una vera e propria menzogna, aggravata dal fatto che non si tratta di un’opinione politica, bensì di un atto emanato dalla massima autorità capitolina”. E’ quanto dichiara il Presidente del Municipio IX Susi Fantino.

“Il Campidoglio non hai mai chiesto alla nostra amministrazione un parere sul parcheggio previsto in via S. Maria Ausiliatrice – prosegue Fantino - Il Municipio IX, al contrario, con la memoria di Giunta n.7 del 1 dicembre 2010, ha già manifestato la propria contrarietà alla realizzazione di quest’opera. Parere pronunciato a seguito di una richiesta rivolta alla nostra istituzione direttamente da una ditta privata e non dall’amministrazione comunale. Non solo. Il Municipio IX, con un’apposita risoluzione, ha anche chiesto la sospensione di tutti i PUP previsti nel territorio e il blocco di qualsiasi iter propedeutico ai lavori dei parcheggi, sino alla convocazione di un Tavolo di confronto, che non c’è mai stato. Nel nostro territorio, insomma, il confronto a cui fa riferimento l’ordinanza di Alemanno non c’è mai stato”.

“Siamo alle prese con l’ennesimo atto di arroganza del Comune di Roma, oltre che a una ulteriore dimostrazione di incapacità di governo e di una totale assenza di pianificazione ai danni dei territori e dei cittadini. Una modalità che viene percepita dalla cittadinanza come un vero e proprio atto di prevaricazione – conclude Fantino”.


***
Abbastanza assurdo l'atteggiamento della presidente del IX Municipio. Anzi, decisamente assurdo. Parla di atto di arroganza e prevaricazione, senza rendersi conto che la vera arroganza e la vera prevaricazione sono quelle perpetrate dalla sosta selvaggia che ottunde ogni centimetro del territorio da lei amministrato. Peraltro la polemica, contraria ai nuovi PUP istituiti dal Sindaco Alemanno (nelle vesti di Commissario Straordinario all'emergenza traffico), verte su un unico PUP nel IX Municipio che insiste su terreno privato. Dunque, di che cosa stiamo parlando? Una ennesima presa di posizione fortemente e dannatamente diseducativa nei confronti della popolazione. Che grazie a questi comunicati prenderà ancor di più ad odiare una infrastruttura che ha risolto il cancro del traffico in tutto il pianeta terra.
Susi Fantino pensi a investire i pochi soldi che ha a disposizione per proseguire la meritoria opera di riqualificazione dei marciapiedi con la creazione di angoli pedonali che impediscano la sosta selvatica su strisce, scivoli e angoli...

19 commenti:

  1. Secondo me ha perfettamente ragione. Il confronto ci vuole, voi siete per i PUP e li ritenete sacrosanti, ma non per tutti è così. Per molti cittadini non vanno fatti, e la loro parola vale esattamente quanto la vostra. Mai sentito parlare di democarzia, confronto...

    RispondiElimina
  2. Ma non diciamo troiate. E' come dire che noi siamo per il rispetto delle leggi, tu sei per la violazione delle leggi e le nostre due opinioni hanno egual valore. Hanno egual valore un beneamato cazzo, vabbene? Piantiamola con questo relativismo alla matriciana: fa vomitare!

    RispondiElimina
  3. Confronto? Metodo TAV magari...Quello che nel 2005-2006 portò alla creazione del tavolo di concertazione presso Palazzo Chigi. Risultato? Nel 2011 I no-tav sono rimasti su posizioni no-tav e l'impegno internazionale dell'Italia sottoscritto con l'UE e la Francia è rimasto in piedi.
    Ergo: perdita di tempo. Ci sono cose su cui il dialogo non può essere una soluzione. Mi spiego meglio, prima di essere travisato. Io sono per il dialogo, ma non se le posizioni sono lontanissime. In tal caso chi governa si assume la responsabilità politica (datagli dalle elezioni, suffragio di democrazia).
    E' impossibile prendere decisioni con il 100% di consenso. Cosa che certi amministratori vorrebbero. Bisogna partire dal presupposto che le decisioni di governo vengono prese con il sostegno degli elettori e l'opposizione dei non elettori. Questa è democrazia. Anche il 51% è democrazia! Altrimenti si va in stallo su tutto.

    La Fantino sta sbagliando tutto. Non una parola sullo schifo di cartelloni a via appia nuova eppure lancia comunicati stampa su opere necessarie. Per non parlare di COME il municipio spende per riqualificare le zone dei PUP. Ho visto delle orecchie che non proteggono affatto dalla sosta selvaggia!

    RispondiElimina
  4. Tonelli dice "prenderà ancor di più ad odiare una infrastruttura che ha risolto il cancro del traffico in tutto il pianeta terra."

    ma dove l'ha risolto il problema del traffico la costruzione di più parcheggi? Dove?
    Se aumenti il numero di parcheggi, aumentano auto e traffico, e non il contrario. Se aumento le prostitute in strada o nei bordelli aumentano anche i clienti.

    RispondiElimina
  5. Anonimo delle 19:12, il dialogo presuppone la buona fede e la possibilità che il risultato sia negativo o positivo. Se il risultato è prestabilito, allora non si chiama dialogo o negoziazione, ma imposizione. Nei paesi europei e in nord america, le autorità chiedono ai cittadini se ritengono utile l'opera. Se i cittadini che vivono lì dicono no, non si fa. Punto e basta. L'unica eccezione è la sicurezza nazionale. Anche la normativa europea prevede questo per le grandi opere compreso i parcheggi. Invece, in questo paese mafioso, le leggi non contano nulla e con i nostri soldi si impongono opere che nessuno vuole. I parcheggi interrati non servono e i cittadini non li vogliono. La logica conclusione è alla portata di tutti quelli con il quoziente intellettivo sopra 90.

    RispondiElimina
  6. La cretinata secondo cui togliendo dalla superficie le auto e piazzandole sottoterra si AUMENTANO il numero di auto è una tale frottola che ci siamo scocciati di rispondervi. Viaggiate e studiate. Quando ci direte il nome di UNA sola città dove la sosta è gestita come a Roma, vi daremo ascolto. Quando ci direte il nome di UNA sola città occidentale evoluta in cui, quando si deve parcheggiare, invece di cercare posto in sotterranea o in struttura, lo si cerca in mezzo alla strada, vi daremo ascolto. Fino ad allora continuerete ad essere dei patetici anonimi ignoranti che difendono il proprio diritto ad uccidere la città ed i suoi cittadini con le vostre volgari macchinette a scontro.
    Recatevi al lunapark, se proprio bramate dalla voglia...

    RispondiElimina
  7. Tonelli la logica proprio non la sai usare.
    Facciamo un esempio facile facile: Via Albalonga tolgo 40 parcheggi in superficie e ne creo 220 interrati. Ci sono 180 parcheggi teorici in più. Quando l'offerta (di parcheggi) aumenta il prezzo scende, e quindi ci sono più auto. Se i principi base di economia ti sono ignoti, almento l'aritmetica della seconda elementare dovrebbe esserti più semplice da afferrare: 220-40=180 posti auto in più. Quindi più auto, e ogni auto vuole due parcheggi, uno alla partenza e l'altro all'arrivo, quindi sarà necessario creare altri posti auto da qualche altra parte per accomodare le nuove auto.
    Segui l'esempio di qualunque città europea sopra il 43° parallelo, o nord americana. Seguilo alla lettera, senza tue interpretazioni personali e di comodo. Ed esci dalla sala degli specchi.

    RispondiElimina
  8. Dunque abbiamo scoperto che i parcheggi regolari sono dannosi e che bisogna continuare a posteggiare in mezzo alla strada. Abbiamo scoperto che le amministrazioni di TUTTE le città occidentali hanno preso un granchio e che avevano ragione solo gli egoisti del no-pup, che lottano mattina e sera per continuare a parcheggiare sulle strisce o sopra le radici di qualche povero albero.

    E invece purtroppo non è così. Togliere posti auto (abusivi o comunque ingiustamente gratuiti) dalla superficie e metterli sottoterra (giustamente a pagamento) non provoca un aumento delle auto. Non a caso in città dove tutta la sosta è gestita con parcheggi interrati (Madrid, Vienna, Parigi...) il numero di auto ogni 1000 abitanti si ferma a 300, da noi supera le 700. Ovvio: c'è spazio in mezzo alla strada dove piazzarle. E allora che ce frega, compriamo la terza maghina! Quando la sosta sarà tutta regolamentata questo non sarà possibile, nessuna famiglia sapendo di dover comprare un box auto o di dovere pagare un mensile prenderà più a cuor leggero l'acquisto della seconda o della terza auto. La quantità di auto in città dimninuirà di molto e le persone possederanno una vettura solo se DAVVERO gli occorrerà in maniera indispensabile. Come accade in tutto l'occidente. Gli altri, risparmiando parecchio, risolveranno a piedi, con la bici, con il treno, il bus, il tram, la metro, il taxi, lo scooter.

    Ma il traffico non diminuirà certo solo per questo. Il traffico diminuirà perché togliendo le famose "40 macchine" da Via Albalonga, come il patetico anonimo schernisce qui sopra (ma se sei tanto sicuro delle idiozie che proferisci perché non ti firmi con nome e cognome come me?), togliendole, dicevamo, permetteremo ai mezzi pubblici finalmente di camminare. Al posto della fila immonda e oscena delle auto in sosta faremo ciclabili e preferenziali e i mezzi pubblici torneranno a poter circolare. Agli angoli delle strade non ci saranno più i vostri orripilanti suv e così anche gli anziani, le mamme con bambini, i portatori di handicap torneranno a poter girare a piedi, senza -anche loro- andare a congestionare i flussi di veicoli privati.

    Ora lo avete capito perché i parcheggi regolari diminuiscono, e di moltissimo, il traffico, lo stress, l'inquinamento? Lo avete capito perché in tutto il mondo civile hanno impostato la gestione della sosta in questo modo?

    RispondiElimina
  9. E come farà il TIRAMISU' e chi lo protegge senza la terza fila costante ????

    RispondiElimina
  10. Tonelli, oltre allo scarso uso della logica neanche sai leggere? Chi ha scritto o detto che bisogna difendere la sosta selvaggia? I no-pup sono residenti, mentre quelli che parcheggiano in seconda fila vengono da fuori, mi pare che neanche le deduzioni più semplici riesci a fare. Se vuoi togliere i posti "ingiustamente gratuiti" basta aumentare i parchimetri e togliere i permessi facili di varia natura, anzichè costruire garage che aumentano l'offerta di posti auto.
    A Parigi le auto sono di meno perchè ci sono i mezzi pubblici in quantità multipla per 10 rispetto a quelli di Roma. Che c'azzeccano i parcheggi? A Parigi ti fanno la multa dopo dieci minuti di sosta vietata, cosa c'azzeccano i parcheggi? Ti compri la terza "maghina" per i motivi di cui sopra, e anche perchè è facile parcheggiare. Se aumenti parcheggi diventa ancora più facile parcheggiare. I pup romani sono stati venduti all'opinione pubblica dal Comune con lo scopo di aumentare i parcheggi totali in città. Più parcheggi, quindi più auto.
    Se virgoletti "40 macchine", vuol dire che qualcuno ha scritto "40 macchine". Nessuno lo ha scritto. Che fai hai le allucinazioni? Cambia spacciatore.
    Togliendo 40 auto da via Albalonga, dove passa solo una linea, e restringendo la carreggiata come prevede il pup, non aumenta la velocità di percorrenza del bus. Peraltro, la stessa via è già servita da un garage interrato di 300 posti finito nel 2002, e che rimane inutilizzato per i fini dichiarati, ma in compenso ha creato più congestione su Piazza Re di Roma.
    Le piste ciclabili si fanno facendole, non con le chiacchiere o costruendo parcheggi che non servono, che i cittadini non vogliono e che hanno come unico scopo quello di fottere suolo pubblico aggratis.
    Nel resto del mondo, le amministrazioni comunali tendono a ridurre i posti auto, e non li aumentano come si vuole fare a Roma. Sono 40 anni che è così. Forse tra una ventina d'anni ci arriverai pure tu.
    Come ti ho già spiegato, inutilmente pare, il mio nome non ha importanza, così il fatto che io abbia o non abbia un auto. Qui conta la logica. Se hai dati o numeri indicali e mettici la fonte. I fatti sono chiari: a Roma ci sono parcheggi quanti a Parigi e Madrid e molti di più di Londra. Molte città europee e nord americane riducono i parcheggi disponibili e cercano di disincentivare l'uso dell'auto e di incentivare la bici e il trasporto poubblico. Tu invece ti ostini a dire che a Parigi ci sono più parcheggi interrati di Roma. Porta un dato e poi se ne riparla. Finora hai sempre evitato.

    RispondiElimina
  11. I parchimetri non servono, servono solo a far parcheggiare a ufo i residenti. Questo non va bene. Anche i residenti devono pagare. Chiunque ha una vettura deve pagare per poterla ricoverare la sera. Non si capisce perché le maghine dei residenti possono rubare suolo pubblico a ufo, mentre le ditte dei pup (che io comunque non amo affatto) sono criminali se prendono sotto-suolo pubblico peraltro pagandolo centinaia di migliaia di euro. Il suolo pubblico ha meno valore se viene rubato dalle auto dei residenti abbandonate per giorni sulle strisce blu?

    Il discorso dei residenti che parcheggiano bene e delle persone che vengono da fuori che parcheggiano male lo abbiamo già affrontato con gli "amici" di Via Fermi, i quali sostenevano la stessa cosa. Siamo andati di notte e di domenica, tutto chiuso, anche i cinema: e le auto sullo spartitraffico, in divieto, a massacrare le radici degli alberi c'eranon lo stesso. Ullallà. Come ci sono lo stesso, anche durante la notte e anche di domenica pure con il famoso tiramisuista chiuso le macchine nel IX Municipio sui marcpiapiedi, in curva, sulle strisce pedonali e in mezzo agli spartitraffico addosso agli alberi ci stanno lo stesso. Come mai? E' gente di Pineta Sacchetti o del Casilino o dell'Eur che viene a posteggiare li per dispetto?

    Come è ovvio anche per un bambino, la gente ha la terza vettura a famiglia non banalmente perché c'è posto per metterla. Altrimenti anche la costruzione di parcheggi regolari invoglierebbe l'aumento del parco circolante. Ma specificamente perché c'è posto GRATUITO per piazzarla in mezzo alla via. Quando questo posto GRATUITO verrà meno e sarà un posto A PAGAMENTO, la gente comprerà la terza (e anche la seconda) vettura solo se proprio, ma proprio, ma proprio non potrà farne a meno. Ecco perché i parcheggi interrati o in struttura fanno diminuire, e di molto, il parco circolante. Questo è successo in tutto il mondo.

    Curiosissima la storia del parcheggio da 300 posti in via Cerveteri che in una riga si dichiara "non utilizzato" e nella riga seguente si dichiara colpevole del traffico a Re di Roma. Una cosa geniale.

    Sui parcheggi interrati di Parigi non rispondo perché non scendo sotto ad un certo livello. Vabbene farmi prendere per il culo da gentucola in cattiva fede e intenzionata a massacrare la città, ma fino ad un certo punto. Dire che a Parigi ci sono gli stessi parcheggi interrati che a Roma equivale ad affermare che a Londra vi sono gli stessi giorni di pioggia che a Tunisi. Piantala di ricoprirti di ridicolo, che è meglio per tutti.

    RispondiElimina
  12. Molto semplice: si cambia la normativa. Ai residenti non sarà più concesso il parcheggio nelle strisce blu (come a Milano o Londra). A loro saranno dedicati appositi stalli gialli (pochi, per disincentivare l'acquisto/ricambio auto).
    Ma il Comune di Roma ha intenzione di farlo? Questa norma c'è sempre stata fin dalle prime strisce blu.

    RispondiElimina
  13. Tonelli sotto un certo livello ti ci trovi comodo. Il parchimetro lo devono pagare tutti, nessuno ha detto o scritto che i resideti non lo devono pagare. Quando il tiramisuista è chiuso non c'è doppia fila. Di notte la strada e quelle vicine sono piene di parcheggi vuoti. Non sparare minchiate.
    Per quanto riguarda il parcheggio da 300 posti del Bingo Re, è vuoto per metà (è gratis per quelli del supermercato Sma), ma ha creato comunque un traffico aggiuntivo di 150 auto, senza togliere nemmeno un auto dalla doppia fila (ma i tuoi neuroni gli hai presi in prestito da Amy Winehouse?).
    Le atac di Roma, Parigi, Londra e Madrid forniscono i dati sui parcheggi, e dicono che a Madrid, Roma e Parigi i parcheggi sono in proporzione uguali e superiori di molto a quelli di Londra. Se non sai leggere le statistiche (come il ministro Brambilla, I presume), o non sai dove andarle a cercare, ti ho già dato il riferimento (di nuovo, uitp.org), io non posso farti da coach personale, un pò devi sforzarti pure tu ad uscire dalla fogna intellettuale in cui ti sei ficcato. Sei ridicolo e non te ne rendi conto. Niente di più triste per un uomo.

    RispondiElimina
  14. Senti caro gestore di autorimesse private: sei del gruppo di quelli del molise o del gruppo di quelli dell'abruzzo? Noto che il nervosismo aumenta in maniera direttamente proporzionale all'avanzare dei cantieri eh?

    I cantieri nel IX Municipio sono finalmente partiti. Dunque se sei un cittadino, occorre che ti rassegni e che, anzi, chiedi che le sistemazioni superficiali dei parking tolgano più auto dalle strade possibile. Se sei un imprenditore del settore, invece, prova a spostare la tua attività in un comparto serio, no?

    RispondiElimina
  15. "caro gestore di autorimesse"?
    Mi pare di giocare una partita a scacchi dove l'avversario invece di muovere la torre, si mette il naso rosso del clown o si dipinge i baffi alla Groucho Marx.
    Non sono gestore di autorimesse, e non ho interessi personali o finanziari nel settore. Però è interessante il riferimento alle autorimesse. Ti stanno sulle scatole i gestori delle autorimesse, ma non quelli che le costruiscono? Cioè ti puzza il molisano che usa suolo privato ma non la DiVeroli che vuole fare lo stesso lavoro ma a spese degli altri su suolo pubblico? Questo dimostra che a te non interessa togliere le auto dalla strada, ma sostenere gli amichetti costruttori, a prescindere.
    Come cittadino, non devo chiedere al Municipio IX, ma al Comune di Roma, perchè i quattro soldi dati dalle società costruttrici per il suolo pubblico sarà dirottato nelle casse comunicali e non municipali. Tu non conosci nulla di questo settore, parli solo a vanvera.

    RispondiElimina
  16. quoto in pieno l'ultimo anonimo, non si può tenere un blog del genere senza essere preparati in materia.

    RispondiElimina
  17. Ma quali scacchi. Le partite si fanno tra persone che condividono un regolamento. Una civile convivenza. Non tra persone che arrivano ad affermare che Roma e Parigi hanno lo stesso numero di infrastrutture interrate per la sosta, una cosa che farebbe morir dal ridere se non facesse piangere.

    DiVeroli? Per me possono pure andare a fare in culo. Specialmente dopo che si è scoperto che sono evasori fiscali (sai che novità!). Chissenefrega della Diveroli e di tutti gli altri costruttori. Il mio obbiettivo, con questo blog, è combattere la sosta selvaggia. E i PUP sono uno dei mezzi più efficaci, assieme ad altri ovviamente.

    Ad ogni modo la differenza tra il molisano (ti preme la cosa, eh?) e la DiVeroli è notevole. Il molisano non paga oneri, non crea posti di lavoro, fa prezzi ancor più disonesti della DiVeroli e non è affatto vero che il suo è suolo privato poiché tutto ciò che sta sottoterra è suolo pubblico.

    Quanto agli oneri conosco alla perfezione quale sia la filiera degli oneri e so perfettamente che i soldi finiscono al Comune, non certo ai Municipi. Ma questo cosa c'entra, non ho capito? Ho mai scritto qualcosa di diverso?

    Se non lo hai capito la questione è che io desidero che ai lati dei marciapiedi, non ci siano auto in sosta. Non so se è chiaro il concetto e se hai mai messo il naso in altri paesi occidentali. Ci sono i palazzi, belli belli in verticali, c'è il marciapiede, più largo possibile magari con alberi, panchine, parcheggi per bici, piste ciclabili, spazio per i bambini per giocare, correre in sicurezza, spazio per chi vuole per fare shopping, sedersi a pigliare un caffe, leggere un giornale, fare jogging. E poi, finito il marciapiede, seprata da opportuni parapedonali, c'è la carreggiata. Dove le macchine transitano e NON si fermano. Se si devono fermare entrano in una struttura adibita come se io devo cacare o pisciare vado al cesso, non la faccio per strada.

    E' così che io voglio la città. Tu come la vuoi?

    RispondiElimina
  18. infatti, a scacchi non ci puoi giocare.
    Il suolo delle autorimesse dei molisani (i molisani gli hai scelti tu) è privato e non pubblico, o perchè di proprietà o perchè in affitto dal proprietario (il condominio, la vecchia signora ricca etc.). Ti ho detto più volte di studiare, ma mi sa che non c'è speranza.
    Per quanto riguarda il Municipio vs Comune, sei tu che hai invitato la gente a rivolgersi al Municipio di chiedere opere di arredo urbano. Come dicono gli inglesi "you are barking at the wrong tree".
    I parcheggi a parigi e roma sono gli stessi, non ci puoi fare niente. Se vuoi dimostrare che quelli interrati sono di più a Parigi, devi fornire i numeri e la fonte. Il metodo google map, che proprio tu hai tirato fuori, non si evince quanto tu dici. Finora non hai citato mai nessuna fonte per le cose che dici e scrivi.
    Per togliere le auto dalla strada, le città che tu citi (dove io ho vissuto anni, e tu hai fatto solo il turista) non hanno costruito più parcheggi (anzi gli hanno ridotti) ma hanno scoraggiato l'uso dell'auto. La creazione di più parcheggi (la strategia del Comune di Roma) ha l'effetto di aumentare le auto.
    Se vuoi un cesso dove far pisciare il tuo cane pagatelo tu con i tuoi soldi, non con i soldi pubblici su suolo pubblico che deve servire alla maggioranza dei cittadini, e non a qualche centinaio di auto ingombranti. Eppoi il cesso, se lo fanno i molisani no, ma DiVeroli si?

    By the way, a proposito delle sciocchezze che spari in vari campi, sei sicuro che ci sono più giorni di pioggia a Londra rispetto a Tunisi? Se controlli, da novembre a marzo, piove più a Tunisi. Sorpreso? check worldclimate.com

    RispondiElimina
  19. Per capire com'è gestito il IX Municipio da Susi Fantino basta dare un'occhiata allo stato di piazza dei Re di Roma !
    Anziché buttare soldi per le solite associazioni del Mandrione, sarebbe ora di pensare ai cittadini che vivono la città ogni giorno !

    RispondiElimina