venerdì 17 giugno 2011

Finalmente un argomento serio contro i pup (o a favore?)

In questo articolo su Abitare a Roma finalmente qualche argomentazione seria contro i Pup così come sono concepiti oggi a Roma. Finalmente un articolo -benché lo stesso articolista ne aveva scritti in passato altri indifendibili - che esce dal cliché dei palazzi che crollano, dei fiumi sotterrai, dei "parcheggi non servono", dei cazzo di platani o dei cittadini secondo cui i box costano troppo (ma le maghine da 80mila euro invece sono un affarone).
Leggetevelo e diteci se no siete d'accordo con noi: chi fa parcheggi deve pagare di più. E, aggiungiamo noi, deve essere più coinvolto a fare arredo urbano -che significa pagare- tutto attorno al parcheggio. Perché chi meglio del costruttore, che guadagnerà sugli accessi al parking, è interessato al fatto che in superficie si elimini alla radice la sosta selvaggia? Chi meglio di lui? E allora facciamolo spendere, anche, su quello.
Più parcheggi e più soldi da parte dei costruttori. Forza con le nuove aree e i nuovi cantieri.

2 commenti:

  1. Un argomento interessante. Si aggiornino gli oneri concessori immediatamente. Sono aggiornati a 20 anni fa.

    RispondiElimina
  2. Ma perché dovete considerare una stronzata il fatto dei palazzi che crollano?

    Io e la mia famiglia abitavamo proprio su uno di quei palazzi sotto il quale han tentato di costruire un pup... sono iniziate ad apparire crepe su tutto il lato nord del palazzo. Son venuto quelli del Comune ad indagare, risultato: palazzo dichiarato inabitabile e ora io e la mia famiglia (oltre tutti gli altri condomini) siamo per strada senza una cazzo di casa.

    Se solo non stessimo spendendo i nostri ultimi miseri soldi per cercare di ottenere per vie legali un risarcimento, vi avremmo già denunciato per diffamazione.

    RispondiElimina