mercoledì 1 giugno 2011

Eccoli i loro amati alberi


Eccoli qui i No Pup, loro si che rispettano gli alberi. Infatti li hanno tappezzati di cartaccia, degradando l'intero quartieri che da mesi è ridotto a una volgarissima e zingaresca "bacheca annunci".
Luca

22 commenti:

  1. Sì ok, favorevole ai parcheggi però andiamoci piano con il taglio degli alberi!!!
    Perchè, al di là delle polemiche strumentali, far fuori per un PUP un'alberata di 50 anni NON può diventare una routine!!!!
    E quelle piante, non moriranno per l'inciviltà di chi attacca stikers sui tronchi o di chi calpesta le radici più superficiali. Moriranno se vengono tagliate!!

    Allora ricapitolando: I parcheggi pertinenziali riducono i giri a vuoto per trovare posto e la congestione del traffico.
    Il verde pubblico è fondamentale per purificare l'aria che respiriamo.
    Pup e Verde pubblico lavorano quindi insieme per migliorare l'ambiente: l'intelligenza è proprio non metterli l'uno contro l'altro.

    RispondiElimina
  2. Marcus, per far ridurre i "giri a vuoto per trovare posto" non bisogna fare più parcheggi, ma alzare il prezzo di quelli già esistenti. Leggiti Donald Shoup!

    RispondiElimina
  3. Anonimo, finchè a Roma sarà possibile parecheggiare in doppia fila, sulle strisce, agli angoli, sui parcheggi degli invalidi, in tutta tranquillità e senza rischiare multe, la tua teoria non ha senso.
    I PUP servono per prima cosa a togliere le auto dalla strada e avere quartieri più vivibili, vedi l'esempio di Via Donizetti o via Como. Non sono dei semplici parcheggi e basta. Devono essere realizzati seguendo delle regole di urbanistica ben precise, altrimenti non servono. Ma quando sono fatti bene, migliorano il volto delle città.

    RispondiElimina
  4. D'accordo con Riccardo, la zona di piazza Verdi è enormemente migliorata a livello di vivibilità, il valore degli immobili sarà aumentato notevolmente.
    La discussione sugli alberi secondo me però non può portare alla cancellazione di un parcheggio: preferisco abbattere quelli che ci sono e ripiantarne di nuovi. Come preferisco spianare un reperto archologico di poco valore storico piuttosto che rinunciare ad una fermata della metro.
    E' una questione di priorità.

    RispondiElimina
  5. RiccardoMa, il senza rischiare multe? che vuole dire? Se rischi la multa fai cinquanta metri in più e trovi il parcheggio a pagamento. E ce ne sono già tanti. I pup non servono a togliere le auto dalla strada, in quanto quelli che sono stati costruiti non hanno tolto auto dalla strada. Non conosco il parcheggio di via Como, ma la doppia fila abbonda pure lì. Via Donizetti è vicino a villa borghese, cosa c'azzecca? problema completamente diverso. Per quanto riguarda le regole urbanistiche, il pup di Roma le ha ignorate tutte, quindi dovresti essere no pup pure tu. Infatti, questo blog è sotto sotto no pup nelle motivazioni del suo autore, che non ha ancora fatto outing.

    RispondiElimina
  6. X Patrizio

    Dici "La discussione sugli alberi secondo me però non può portare alla cancellazione di un parcheggio: preferisco abbattere quelli che ci sono e ripiantarne di nuovi".

    Cerchiamo di usare sempre il cervello. Ci vogliono 40 anni per fare un'albero come quelli che abbatti e con le stesse qualità di mangiatore di smog. Senza considerare poi che tra clima torrido e scarsa cura del comune, molte delle nuove implantumazioni fanno una brutta fine...
    Come sempre è la moderazione che vince. Se occasionalmente si devono abbattere 2-3 alberi per un parcheggio, passi.
    Ma far fuori un'intera alberata (20-30 alberi di alto fusto)per una parcheggio è inaccettabile.
    E'appunto una questione di priorità: prima gli alberi.

    RispondiElimina
  7. x Patrizio....tu ovviamente scherzi vero?
    Perchè non posso pensare che una persona NORMALE possa voler abbattere 28 platani di circa 30-40 metri e non so quante robinie laterali (saranno una cinquantina) per fare un parcheggio? Ripiantarne degli altri? Si, i bonsai che cresceranno quando saremo già morti ( questi hanno circa 40 anni), e tutto questo per un pup? Priorità?
    Vabbè forse non meritavi neanche risposta!

    Carlotta

    RispondiElimina
  8. Cara Carlotta spero di non aver urtato troppo la tua sensibilità e non ti abbia lasciato un trauma permanente per quelle mie parole. Quello dell'abbattimento di tutti gli alberi è un caso limite che anch'io spero non si verifichi mai, ma nel malaugurato caso io non rinuncerei mai allo strumento per ridare decenza ad un quadrante della città.
    Infatti non capisco come una persona NORMALE possa voler vivere in una situazione di degrado come quella di via Fermi e dintorni battendosi a favore della sosta selvaggia. Parlate di soluzioni alternative al Pup ma ancora non avete spiegato quali.

    RispondiElimina
  9. Allora se mi consentite, Patrizio e Massimiliano Tonelli, spendo io due parole su questo forum. Da mesi lo seguo affascinato dal dibattito che si è creato.
    Tutti conosciamo la situazione della sosta selvaggia a Roma. La gente pretende di lasciare l'automobile davanti al luogo dove deve recarsi e per far questo è disposta a parcheggiarla in qualsiasi modo. La totale mancanza di senso civico ed una buona dose di arroganza completano il quadro.
    Conosciamo altresì la situazione dell'inquinamento atmosferico, che ha raggiunto livelli tali da non poter essere dissociabile dal generale "degrado" di cui giustamente parlate.
    Per uscire da questa situazione serve una strategia complessa. Un mosaico in cui il PUP è uno solo dei tasselli. Un'altra tessera è la diminuizione delle auto circolanti. Un'altra è proprio l'aumento della "massa verde" un tema essenziale e sicuramente da voi molto sentito. Reputo infatti improbabile che chi si pone problemi di urbanistica in una moderna metropoli, possa non avere una mentalità ecologica. Ne perderebbe di credibilità.
    Sempre ritornando al nostro mosaico, se per inserire il tassello parcheggi, ne scalzo altri relativi al verde, il disegno finale perderà di significato.
    I parcheggi interrati lineari lungo strade urbane andrebbero scelti solo in casi eccezionali, perchè lambiscono non uno ma decine di edifici e perchè spesso contemplano l'abbattimento di moltissimi alberi d'alto fusto. Ben pochi hanno protestato credo per il parking di via Tripoli, per piazza Cavour, molti protestano per Via Albalonga e Via Fermi, luoghi dove onestamente prima di scavare estese gallerie davanti ai palazzi, si potevano cercare aree circoscritte dove realizzare il progetto. Se non sbaglio si è parlato di vecchie caserme. Se non sbaglio vicino a via Fermi c'è già un parcheggio sottoutilizzato...
    Apprezzo molto lo sforzo che è stato fatto su questo blog per promuovere la costruzione di parcheggi regolari ma senza voler far filosofia va ricordato che le posizioni integraliste non pagano mai.E credere nelle proprie idee non vuol dire tapparsi le orecchie davanti a chi segnala problemi ai quali non avevamo pensato.

    Marco.

    RispondiElimina
  10. Marucus, parli equilibrato. Infatti, questa analisi costi benefici è ciò che ci vorrebbe. Vale la pena tagliare 50 alberi per fare un parcheggio di 250 posti? Infatti, la normativa europea impone una valutazione di impatto ambietale, ma non solo, anche che abbia senso rispetto agli obiettivi dichiarati. e qui sta il punto dei pup romani di ultima generazione: sono state fatte saltare tutte le valutazioni ex ante. Ciò ha prodotto una costellazione di pup che guardandoli sulla mappa mostrano come siano stati messi lì senza senso complessivo. Poi andando a guardarli uno a uno, ci si accorge che molti fanno più danni (sia ipotetici agli edifici, sia reali al traffico). Inoltre, il pup una volta fatto non è possibile dire, oh, mi son sbagliato rimettiamo tutto a posto. Dalla frittata non si può ritornare alle uova. Il piano parcheggi non è un piano, non valuta i costi e i benefici (se non i benefici dei costruttori) e tiene allo scuro la cittadinanza. Eppoi uno dice facciamo come Parigi o Berlino. Infatti, dobbiamo fare come Parigi e Berlino (o Madrid o qualunque altra città non sgovernata da magnaccia).
    In via Cerveteri, adiacente via Albalonga, qualche anno fa fu costruito un parcheggio interrato di oltre 300 posti. Le motivazioni furono che serviva a togliere la sosta selvaggia. Il terreno era privato, ma i cittadini non volevano lo stesso la costruzione del parcheggio, nonostante non si tagliassero alberi. Il motivo era che avrebbe portato più traffico, più casino, più inquinamento. Cinque anni dopo, ci ritroviamo con più traffico, più casino, più inquinamento. Ora in via Albalonga vogliono costruire un altro parcheggio interrato di 220 posti. E, senza prove o studi o analisi, ci dicono che il parcheggio ridurrà il traffico. Ovviamente, solo quelli in malafede, o ignoranti, credono a questa fandonia. Gli altri, i residenti che già hanno visto il film, non si bevono la favola.

    RispondiElimina
  11. x Patrizio: sinceramente è difficile che uno che ragiona così come te mi possa provocare traumi permanenti, sai il mio giovane cervello ragiona bene e ti ribadisco che in un quartiere come Marconi ( ma come in molti altri) il verde scarseggia, ma soprattutto scarseggiano i mezzi pubblici e quindi il traffico ( NON LOCALE bada bene, ma quello che viene ad intasare la zona per gli acquisti e per il cinema) è incentivato , e sicuramente come tu saprai, la gente è incivile ed idiota e parcheggia dove capita.
    Per quanto riguarda le alternative dovresti sapere che sono stati proposti altri siti, come l'ex Mira Lanza, si potrebbero fare parcheggi interrati e sopra un bel giardino con altri alberi nuovi così si riuscirebbe ad unire l'utile con il dilettevole e dovrebbero essere tutti contenti ( tranne i commercianti del centro commerciale naturale di viale marconi, che vogliono a tutti i costi i parcheggi in via fermi...chissà perchè).
    Possibile che non vi venga in mente che è tutta una montatura ed una manovra commerciale sotto il nome riqualificazione? Io spero proprio che non si facciano su via fermi, ma se disgraziatamente si dovessero fare, mi piacerebbe riparlarne con te e dirti...vedi che avevo ragione? Cemento, caos, traffico e tante polveri sottili che ci respireremo noi, non tu che sicuramente non sei di via enrico fermi.

    Tanto ti dovevo!

    Carlotta

    RispondiElimina
  12. Ok Carlotta, lieto di non aver fatto danni al tuo giovane cervello :). In via Fermi non ci abito è vero ma ci vengo la sera all'UCI e al pub Lord Lichfield e chiaramente la macchina la metto nel parcheggio a pagamento adiacente al cinema. Purtroppo però quello che vedo nei dintorni è un ammasso di lamiere che occupano ogni centimetro quadro e che mi costringono a camminare in mezzo alla strada e a fare un continuo slalom. Ma a voi sta bene così? Non penso che qualcuno possa pensare che il pup possa magicamente far sparire il traffico MA se chi parcheggia dove capita avesse come unica alternativa quella di mettere la macchina sottoterra ALLORA intanto si eliminerebbero i giri a vuoto per cercare un buco, in secondo luogo non si avrebbe la doppia fila contribuisce a congestionare il traffico e contemporaneamente con gli oneri concessori si potrebbero eliminare molti parcheggi di superficie e riqualificare le strade, eliminando l'effetto "sfasciacarrozze" che si ha passando oggi in quel quadrante. Tutto questo se e solo se si facessero le cose per bene: il pup da solo non fa miracoli, ma se ci metti anche manciapiedi con orecchie progettati per bene (cioè con misure che impediscano la sosta agli angoli e sulle strisce) parapedonali posti strategicamente e un controllo serio del territorio da parte dei vigili vedrai che anche gli irriducibili cafoni che vengono a fare shopping e che vogliono per forza mettere la macchina davanti al negozio sarebbero costretti a cercare un parcheggio regolare.
    Lo so che sembra fantascienza e che ci sono troppi se, ma se vogliamo migliorare la città secondo me questa è la strada, e chiaramente è solo un piccolo tassello, non la cura definitiva. Come hai detto tu e anche altri serve anche il verde, il trasporto pubblico e l'incentivo ad usare mezzi ecologici, ad esempio la bicicletta! Leggevo su un altro blog che i commercianti di viale Marconi sono contrari ad una ciclabile su questa strada perchè poi i clienti non potrebbero lasciare la maghina in doppia fila...ti rendi conto?

    Ma poi mi spieghi una cosa? Affermi che non siete voi residenti che lasciate le macchine dove capita...visto che mi è capitato di tornare a casa anche alle ore piccole da via Fermi, mi spieghi di chi sono le lamiere che ho visto parcheggiate ovunque? "Il mistero di via Enrico Fermi", a Natale al cinema!

    RispondiElimina
  13. x Patrizio:
    ahahahah lo sai potresti fare il comico a zelig.. -.-
    tu pensi che nei posti auto adibiti ai disabili, sugli scivoli ed in doppia fila sono i residenti a mettere le auto? E secondo te, per quelli che vengono nel quartiere a fare acquisti, in birreria ed al cinema, noi dovremmo sopportare anni di lavori, di polvere, di camion rumorosi, l' espianto di tutti gli alberi del viale, le polveri sottili e il fumo che uscirebbero dalle griglie poste al centro della strada sopra i box? Ma tu ovviamente parli da persona che non abita qui. Perchè non vengono fatti parcheggi con le strisce blu, dissuasori sugli scivoli per disabili e così via? Ma anche tanto passaggio di polizia municipale, ma no questo non conviene ai commercianti di viale marconi che nei box vogliono fare magazzini per i loro negozi. Come mai non vogliono il passaggio del tram leggero su viale marconi e non vogliono la ciclabile? Possibile che siate così ciechi da non capire che qui devono "mangiarci sopra" dietro c'è un'immondizia allucinante e lo abbiamo scoperto noi solo cercando, come mai chi di dovere non lo vede? So che è difficile da capire, ma ti garantisco che anch'io vorrei la via un pò più in ordine ( anche se gli incivili e gli ignoranti esisteranno sempre purtroppo), ma il PUP non darà questo. Il progetto del Pup nasce anni fa sotto governi di sinistra e poi avallati da quelli di destra, solo perchè ognuno mette la ditta amica degli amici e la torta si può dividere bene....non voglio offendere nessuno, ma sarebbe così semplice aprire gli occhi , collegarli al cervello e capire che è palese ciò che vogliono fare....

    Carlotta

    RispondiElimina
  14. i parcheggi e i commercianti. Il commerciante pensa che lasciando la doppia fila, o favorendo parcheggi gratis, l'attività commerciale sia più ricca e dinamica. Negli States fino a qualche anno fa c'era la consuetudine durante il periodo natalizio di non far pagare il parcheggio. Si pensava che ciò avrebbe favorito l'attività commerciale. Qualche attivista anti inquinamento, invece, aveva suggerito di aumentare il prezzo del parcheggio proprio durante le feste natalizie. I commercianti insorsero, temendo per il loro business. Però in qualche città si riuscì in questa impresa, e venne abolita la consuetudine di non far pagare il parcheggio a natale.
    Successe che i clienti invece di diminuire, aumentarono. Il motivo è che quando è gratis, si è incentivati a usare l'auto per venire al lavoro, lasciado l'auto ferma tutta la giornata, a discapito di quelli che fanno shopping e che utilizzano il parcheggio per pochi minuti, mezz'ora o un'ora al massimo. Aumentando il prezzo del parcheggio, si scoraggiano le auto passive e si favoriscono le auto attive degli shoppers. In molte città USA a natale oggi i commercianti non vogliono più il parcheggio gratis. Anzi chiedono di avere dei parcheggi per 8 bici anziché il posto per un sola auto. 8 potenziali clienti anzichè uno.
    Il potere dell'aritmetica di terza elementare.

    RispondiElimina
  15. Carlotta e allora di chi diamine sono quelle auto? Sarò anche comico ma gli occhi ce li ho e li uso, io parlo delle 2 di notte, mi risulta che a quell'ora il cinema e i negozi sono chiusi.
    E che dire del fatto che dobbiate sopportare anni di lavori per la gente che viene da fuori e vuole parcheggiare l'auto nel vostro quartiere: pensa che scemi quelli di piazza Bologna, viale Eritrea ecc che devono sopportare anni di lavori solo perchè quelli di Montesacro devono avere la metropolitana sotto il culo fehhhh!! La vostra malattia si chiama NIMBY ed è curabile eliminando l'eccesso di egoismo che avete nel sangue. Non potete bloccare una infrastruttura necessaria alla città perchè pensate che a voi non serva. Che sia un pup in via Fermi o dentro la ex Miralanza non importa, quella zona va riqualificata e riportata entro canoni civili (quella come tante altre). A voi sta il pretendere che il tutto sia fatto limitando al minimo i disagi, che i lavori siano fatti a regola d'arte e che non causino neanche la caduta di granello di cemento dai vostri palazzi.

    RispondiElimina
  16. x Patrizio: se tu sei in zona alle 2 di notte, non credo tu sia l'unico ad andare in birreria, ristoranti e cinema (chiude molto tardi dal venerdi alla domenica...) o mi sbaglio? Certo, come ho sempre asserito, gli incivili ci sono e ci saranno sempre, ma non è con un PUP che si insegna la civiltà..o no? Poi tu dici via fermi o ex mira lanza cosa cambia? Tu,...ribadisco, non sei di zona e quindi non te ne frega nulla degli oltre 50 alberi trentennali che ci danno ossigeno che invece verrebbero tagliati. E degli sfiatatoi sopra i box cosa mi dici? Vabbè tanto lo smog e le polveri sottili le inaliamo noi non tu..che ovviamente non sei di zona. Io la mia auto la tengo in garage, ma se facessero le strisce blu probabilmente la metterei fuori.
    Poi sul fatto dell'egoismo io starei un pò zitto....tu parli così perchè...RIBADISCO non è sotto casa tua...forse l'egoista sei tu, non noi!
    Siamo tutti bravi a sputare sentenze....mi piacerebbe sentirti a carte inverse, ma tanto non lo saprò mai visto che sei bravo solo a vomitare parole del tipo: "siete incivili, bisogna riportare la legalità in zona, siete un quartiere allucinante per come parcheggiate"...scusa ma perchè allora non ti cerchi un'altra zona dove puoi parcheggiare in un PUP,ci sono altri cinema ed altre birrerie, perchè non le cerchi invece di innalzarti a paladino della giustizia, visto che la cosa non ti si confà assolutamente?

    Ora stop, visto che tanto tu, non abitando in zona, non capisci le mie ragioni di residente, quindi è inutile sprecare tempo e parole. siamo due persone che non si troveranno mai daccordo....questo è quanto.


    Carlotta

    NB. La metropolitana è un servizio PUBBLICO, il PUP serve a pochi, ma questo non ti entra in testa, chissà perchè!

    RispondiElimina
  17. A Marconi c'è il parcheggio semiabbandonato di Via Blaserna. E' a soli 100 metri da Via Fermi. Poi c'è l'area Ex Miralanza...
    E' proprio necessario costruire quello di via Fermi e buttare giù tutti gli alberi?!!
    Facciamo una cosa: proteggiamo gli alberi con arredo antisosta (rialzo in travertino con prato, ecc...). Implementiamo i parcheggi già esistenti.
    Poi parleremo della necessità di spianare decine di alberi decennali.

    RispondiElimina
  18. Incredibile leggere questa Carlotta. L'abisso di egoismo di questa gente fa semplicemente paura. Paura.

    RispondiElimina
  19. Secondo me va fatta la riflessione sul tipo di PUP che si intende realizzare, sui suoi costi e benefici.
    Un conto sono i grandi parcheggi di scambio, che sono sicuramente vantaggiosi e dovrebbero associarsi ad ogni stazione metro o tranviaria di periferia (così non è) per invogliare i pendolari a lasciare la macchina ad un certo punto del percorso e proseguire verso il centro con il mezzo pubblico. Ed è deprimente notare che delle costruende stazioni dell metro C, solo per pochissime è previsto il parcheggio.
    Poi ci sono i parcheggi pertinenziali e qui la storia è molto più complessa. Portano veramente benefici?
    E già perchè la riqualificazione con arredi antisostaselvaggia è sicuramente una benedizione, ma non è necessario fare un Pup (che comporta spesso il taglio di decine di alberi)per riqualificare la zona...
    E poi c'è l'argomentazione,per alcuni "fantascientifica" che questo tipo di Pup pertinenziali aumentano il traffico.
    A tal proposito vorrei concludere con il mio caso. Possiedo una station Wagon che, anche spaventato dall'idea di ritrovare posto su strada, uso solo quando vado fuori Roma (2-3 volte al mese). La mia macchina quindi "giace" nello stesso riquadro blu per la maggior parte del tempo, il bollino da residente me lo consente.
    Forse se facessero sotto casa mia un PUP lo comprerei e a quel punto sarei molto più invogliato a prendere l'auto...
    La mancanza di posto auto, per alcuni funge anche da deterrente ad usare (forse anche a possedere) l'auto. Non dimentichiamocelo.

    RispondiElimina
  20. "La metropolitana è un servizio PUBBLICO, il PUP serve a pochi, ma questo non ti entra in testa, chissà perchè! "

    Ma certo, il parcheggio serve solo qualche centinaio di utenti la metro decine di migliaia, ma fanno entrambi parte di un sistema più complesso chiamato mobilità urbana. L'assessore alla mobilità (immobilità nel caso di Roma) secondo te si occupa solo di autobus e metro? Oppure "dovrebbe" occuparsi anche di parcheggi, biciclette (ora le deleghe sono all'ambiente perchè le bici non vengono considerate mezzo di trasporto puah!)taxi, ncc che sono anche soggetti privati?

    Per Marcus: certo molte volte per riqualificare una zona non serve costruire parcheggi, ma secondo te se impedissero la sosta selvaggia in zona Fermi gli abitanti dove metterebbero le auto?
    Il ragionamento di non prendere l'auto perchè poi non trovi più parcheggio l'ho sentito molte volte, ma mi chiedo...non ti converrebbe affittarne una quelle 2-3 volte al mese? Sia in termini economici che di benessere pubblico. Anche nel mio quartiere vedo molte auto abbandonate per settimane se non per mesi, chissà quanti posti auto si riuscirebbero a risparmiare se chi non ha davvero bisogno dell'auto la vendesse? Magari in alcune zone neanche servirebbero i pup...

    RispondiElimina
  21. Caro Patrizio.

    Dici:"certo molte volte per riqualificare una zona non serve costruire parcheggi, ma secondo te se impedissero la sosta selvaggia in zona Fermi gli abitanti dove metterebbero le auto?"
    Risposta: Sarebbero molto più richiesti (e quindi utilizzati) i parcheggi a pagamento che già ci sono. E poi chissà, qualcuno potrebbe anche rinunciare ad avere l'auto.

    Dici:"quanti posti auto si riuscirebbero a risparmiare se chi non ha davvero bisogno dell'auto la vendesse? Magari in alcune zone neanche servirebbero i pup..."
    La risposta te la sei data da solo. Nel mio caso infatti sto valutando anche la possibilità di vendere quella macchina.
    Ma penso anche che trovarmi un Pup sotto casa potrebbe farmi cambiare idea. Perchè 60.000 Euro, nonostante non lo si voglia ammettere, è una cifra che la maggior parte dei residenti puo'affrontare agevolmente con un mutuo. I posti non resteranno certo invenduti.

    Ripeto: sui parcheggi di scambio non ho dubbi. Sui box pertinenziali, specie se con realizzazione molto "invasiva" ho forti dubbi..

    RispondiElimina
  22. signor Tonelli la faccia finita..ormai sta rasentando il ridico, ribadisco anche a lei la mia idea: " è lei l'egoista, lo strafottente e sinceramente anche il meno informato in materia di parcheggi sotterranei" ...me lo lasci dire, ormai lei è passato di moda, perchè non ha più argomentazioni, solo offese ed ingiurie, nonostante cerchi, (scrivendo sotto forma anonima) di far vedere che siete in molti!....ma lei è solo un poverino represso! Si faccia una vita sociale anzichè sparare a zero su cose non di sua competenza, farebbe più bella figura!

    A presto!


    Carlotta

    RispondiElimina