venerdì 20 maggio 2011

Proprio una bella atmosferina...

Dateci una occhiata (eccolo, il link), è solo una selezione della rassegna stampa della settimana che va concludendosi. Aggressioni, stress, traffico bloccato. Per la sosta succede questo ed altro. E l'allerta è in aumento da quando questa amministrazione ha deciso di dare ulteriore spazio e impunità alla prepotenza degli automobilisti più incivili (purtroppo in democrazia il voto di un criminale che parcheggia in doppia fila vale quanto il voto di una persona per bene).

Per questioni e battibecchi relativi alla sosta si perdono anni di vita, si piglia l'infarto, ci facciamo venire il tumore, spesso si muore ammazzati o si pigliano un sacco di botte. La criminalità organizzata ci sguazza con i suoi parcheggiatori (che non sono poveri cristi, chiaro?), l'inquinamento si impenna a causa dell'ingorgo e la cattiveria dei cittadini viene alimentata.

C'è un modo per far scomparire tutto questo e non è, come vogliono farci credere coglionandoci all'ennesima potenza, il discorso del presidio, del controllo e della sanzione. Non servono le multe, se non in minima parte. Servono infrastrutture per togliere le automobili in sosta dalle strade. Le strade sono state fatte e concepite per ospitare veicoli IN TRANSITO, non IN SOSTA. Finché questa anomalia non verrà sanata e le auto non verranno ricondotte, quando debbono sostare, su un altro livello (interrato, rialzato, fate vobis), il problema non si risolverà mai.

Lo hanno compreso in tutto il mondo. Paesi in via di sviluppo compresi. Tra quei cinquanta\settant'anni lo capiremo anche noi.

4 commenti:

  1. questo post è il classico non sequitur. In tutto il mondo civilizzato si fanno le multe, e praticamente in tempo reale, e le macchine quindi non parcheggiano dove non devono, e solo a Roma la regola aurea deve essere, "poverino diamogli un parcheggio in più"?
    Per ridurre il congestionamento (che a Roma è meno che in altre città, peraltro) si deve ridurre il traffico di auto e non fare più parcheggi, che invece hanno l'effetto di aumentare il traffico e, quindi, il congestionamento. Gli automobilisti romani non si fermano per far passare i pedoni sulle strisce, per la semplice ragione che sono sicuri di non prendere la multa (così come avverrebbe in qualsiasi città civile=Parigi, Londra, New York etc.), e lo stesso vale per la doppia fila. La storia che con i parcheggi si risolvono i problemi di traffico è una bufala colossale in tripla fila. Anche in Cina tutti gli amministratori lo sanno, solo qui si fa finta di non capire senza vergognarsi.

    RispondiElimina
  2. Tutto questo non sarebbe successo se ci fosse più spazio per le auto e meno per i mezzi pubblici.

    Quella linea del tram è inutile, come i suoi binari che tolgono spazio ai parcheggi delle auto... è normale che poi possa accadere una cosa del genere.

    Da notare poi la solita inciviltà di quei romani sul tram... invece di incazzarsi così tanto che si pigliano anche loro l'auto, non possono certo lamentarsi se vogliono poi usare i mezzi pubblici.

    RispondiElimina
  3. da un pò di tempo noto che il blog viene tralasciato anche dal suo blogger...come mai ? tanto vale chiudere.

    RispondiElimina