mercoledì 6 aprile 2011

Perché non si scava il parcheggio di Lungotevere Arnaldo da Brescia?


Sapete qualcosa del parcheggio di Lungotevere Arnaldo da Brescia? I lavori sono fermi da mesi. Io ho provato a contattare l'assessore ai lavori pubblici del II Municipio, Maria Spena, ma non sono riuscito a ottenere una risposta. Voi avete qualche notizia?
Michele

*Beh, innanzitutto ci fanno piacere tutte queste lettere e questo ci fa percepire la quantità e la qualità di attenzione che finalmente c'è su certi temi e sulla necessaria e improcrastinabile infrastrutturazione della città. Detto questo: non sappiamo niente e, questa volta, siamo costretti a girare la domanda ai nostri lettori. Qualcuno riesce a darci ragguagli?
-Pro Pup Roma

4 commenti:

  1. Avete visto che fine fanno tanti progetti di parcheggio interrato?
    Eccoli lì, abbandonati alla faccia della modernizzazione!..
    E le ditte garanti?
    Che fine hanno fatto....

    RispondiElimina
  2. Ho preso informazioni sul costruendo parcheggio di Lungotevere A. da Brescia, le attività' sono sospese perché' esiste una interferenza con il collettore fognario che prima non era stato possibile rilevare perché coperto da una piastra in c.a e da un cunicolo sovrapposto. La società' ha presentato una variante di progetto che sta per essere approvato.

    RispondiElimina
  3. Quel parcheggio e' molto importante per la pedonalizzazione del Centro storico. So che lavorare nel centro di Roma non e' facile, Le imprese romane hanno l'Obbligo morale di andare avanti nonostante il disfattismo di qualcuno, con la solita logica del tanto peggio tanto meglio. Incoraggiamole

    RispondiElimina
  4. Sarebbe fantastico poter avere il lungotevere pedonalizzato dall' ARA PACIS a Ponte Nenni.
    Un ritorno ai vecchi tempi quando si poteva passeggiare sul lungotevere fatevelo dire da chi abita in questa area da tanto tanto tempo. Facciamo quanto e' possibile per liberare le strade dalle auto, facciamolo per la città' piu' bella del mondo. Non facciamo finta di tutelare quello che stiamo portando ad un incontrollabile degrado, per una inesorabile disfatta.

    RispondiElimina