venerdì 1 aprile 2011

E continuano a opporsi alla modernizzazione della città


A capo di un Rione completamente incrostato di bancarelle e deturpato da millemila cartelloni abusivi, la Antonella de Giusti trova il tempo per stroncare il grande progetto di riqualificazione di Piazza Risorgimento che prevede un parcheggio interrato e strutture per l'accoglienza dei turisti. Con tanto di ingresso sotterraneo ai Musei Vaticani, come accade a Parigi per il Louvre.
Orrore, ha dichiarato la De Giusti, il parcheggio non serve, la riqualificazione non serve. Meglio tenere la piazza così com'è: così facciamo sentire più a proprio agio i pellegrini del quarto mondo, visto che sembra di stare nella periferia del Cairo.
Quello che accade sotto ogni piazza d'Europa: ricavare spazi per la sosta togliendoli dalla superficie (specie da una superficie presa d'assalto come quella di Prati), da noi significa "sventrare una piazza dandola in pasto alla convenienza di pochi".
E i nostri politici, per guadagnare una manciata di voti (ma perdendone quanti?), continuano a mettersi di traverso alla modernazione della città. Condannandola, a vita, ad una condizione di qualità della vita inaccettabile e al di sotto di ogni standard occidentale.
Per fortuna, comunque, il parere di un Municipio su progetti di questo tipo non conta più di tanto. Salvo a far confusione ed a far terrorismo presso i cittadini.

30 commenti:

  1. Antonio Privitera1 aprile 2011 09:34

    Leggo da poco il blog e concordo con la necessità di ricavare spazi per la sosta in sotterraneo. Quello su cui sono perplesso è la modalità, che spiega secondo me molta dell'ostilità dei residenti. Qui a Roma realizzare parcheggi sotterranei significa box messi in vendita a caro prezzo, e oltretutto vuoti per la gran parte del tempo (quando la macchina non c'è). Perché invece non si realizzano parcheggi pubblici a pagamento, in cui sia incentivata la rotazione della sosta (magari con abbonamenti a prezzo agevolato per i residenti), così da massimizzare lo spazio e l'uso che se ne fa? Credo che questa politica incontrerebbe una ostilità certamente minore da parte dei residenti.
    Possiamo discuterne?

    RispondiElimina
  2. Io sono perfettamente d'accordo: parcheggi di tipo pubblico. Zero box. Questa è la protesta che ha un senso, non quella che dice: non costruiamo i parcheggi perché crollano i palazzi, perché ci stanno fiumi sotterranei e perché ce piacciono le maghine parcheggiate sulle strisce pedonali.

    RispondiElimina
  3. Tonelli sai che non è vero. L'obiezione è "i parcheggi sono dannosi perchè attirano traffico, e fanno pure male ai palazzi. Volete solo fare soldi alle nostre spalle. Noi rischiamo e voi fate profitto."
    Nessun no pup che conosca è contrario a pedonalizzare le strade e le piazze.

    RispondiElimina
  4. I parcheggi attirano traffico??
    MA SE PIAZZA RISORGIMENTO È BLOCCATA TUTTI I GIORNI, C'È LA TERZA FILA ISTITUZIONALIZZATA! come potrebbe essere peggio di così?

    Se è vero quello che dici, intorno a villa Borghese (il parcheggio più grande di Roma) ci dovrebbe essere l'ingorgo permanente, e invece è una delle zone più scorrevoli di Roma (il traffico è tutto verso piazzale Flaminio, dove non c'è nessun parcheggio).
    Anche a piazza Mancini c'è un grande parcheggio, e traffico zero. Mentre ad esempio a viale Marconi il parcheggio non c'è e la strada è bloccata dalle macchine di chi parcheggia in mezzo alla strada.

    Roma è una città che avrebbe assolutamente da guadagnare da una razionalizzazione della sosta. Forse ad Amsterdam i parcheggi attirerebbero traffico. MA A ROMA NO. Anche Forrest Gump capirebbe che la nostra città è GIÀ al collasso ed eliminare le auto dalla superficie è uno dei modi per uscirne.

    RispondiElimina
  5. Spero che il palazzo dove abitate crolli per colpa proprio di un parcheggio sotterraneo, visto che in Italia è sempre così: si ragiona sempre dopo la disgrazia e intanto si costruisce a cazzo di cane.

    RispondiElimina
  6. Il mondo, l'Italia e Roma sono pieni di parcheggi sotterranei e non è crollata neanche una casa.
    Certo, i lavori devono essere eseguiti a regola e controllati a fondo, ma che il pericolo dei crolli sia la scusa per non fare i parcheggi mi sembra davvero irreale.

    RispondiElimina
  7. Flavio Gioia, dovresti essere uno che non si perde in un bicchiere d'acqua, visto il nome che ti sei scelto, e invece scrivi una serie di non sequitur.
    Contestare la proposizione "il parcheggio attrae traffico" è come contestare la legge di gravità. E' una regola fondamentale. Non è che ogni volta che si deve usare un cacciavite si deve sempre rispiegare il principio della leva. Ok?
    Per quanto riguarda le incoerenze di quello che scrivi, non puoi dire che il parcheggio peggiora il traffico ad Amsterdam, ma a Roma no, e poi chidere di fare come si fa nel resto del mondo. A Roma si deve fare come nel resto del mondo o no? Deciditi!
    Piazza del Risorgimento non può peggiorare? Se ci fai un parcheggio vedi che peggiora. Ma non sarò io a risolvere i problemi di traffico di piazza del risorgimento, perché ci sono dei tecnici che si chiamano ingegneri del traffico che devono farlo: fare uno studio di impatto, scrivere un rapporto, renderlo pubblico, aspettare critiche e commenti, e poi decidere. Come si fa dappertutto, tranne che a Roma. Chiudo qua che non ho altro tempo da farti da personal coach. Saluto.

    RispondiElimina
  8. certo sig. Flavio Gioia, non sono crollati, ma si sono CREPATI come via santamaura dove tutta un'ala di un palazzo è stata dichiarata inagibile e le persone hanno una parte dell'appartamento dove non potrebbero entrare tre cui la cucina , e se ci vanno è a loro rischio, e non ci scordiamo via andrea doria al 41 mi sembra, dove gli inquilini sono stati SBATTUTI in un residence perchè il palazzo è stato dichiarato inagibile....poi se succede anche a noi veniamo da lei? Perchè non si informa prima di parlare, perchè non vede i progetti, perchè non pensa al fatto che le ditte costruttrici hanno tutte un capitale sociale irrisorio ed una assicurazione ridicola?

    Martina

    RispondiElimina
  9. Caro anonimo delle 22.27,
    dov'è che dico che "bisogna fare come nel resto del mondo", nel mio post che critichi?

    È una frase che non ritrovo in quello che ho scritto riguardo alla capacità dei parcheggi di attirare traffico.
    Personal coach, forse lavori a Libero? È lì che hai imparato a inventare frasi altrui e usarle come argomento dialettico?
    Saluti.

    RispondiElimina
  10. Flavio Gioia, è vero non hai detto quella frase, infatti non l'ho virgolettata, ma visto che hai citato Forrest Gump, Amsterdam e il mondo, che sarebbero pieni di parcheggi, pareva che volessi adeguare Roma al resto del mondo. Prendo atto che non vuoi portare Roma al livello del resto del mondo, e quindi deduco che sei per Roma città speciale. Ti sei deciso, almeno.
    Per quanto rigaurda il "personal coach", scusa non leggo Libero e non faccio il giornalista o il pubblicista per nessuna testata nazionale o estera. Se qualcuno ha la paternità del termine, si faccia avanti che gliela riconosco ed evito di usarla ancora. Il fatto rimane. Ci sono delle regole fondamentali quando si parla, ad esempio, di economia, legge o traffico che bisognerebbe sapere (e senno, studiarsele), altrimenti nessuna conversazione decolla al di sopra dell'ABC e delle chiacchiere da scompartimento del treno. Questo è un dovere anche per chi fa advocacy, cioè difende partigianamente una tesi. Con questo concludo i miei 5 minuti pro bono.

    RispondiElimina
  11. Tra un po' inizieremo a bannare dal blog chi continua a dire che i parcheggi interrati attirano traffico. Vabbene tutto, ma accettare scempiaggini simili, perdipiù reiterate, è troppo.

    RispondiElimina
  12. però non potete continuare a dire simili cose...ma come pretendi che i turisti vadano nei mesi estivi sotto terra ! Già oggi , 2 aprile , sarebbe assurdo....! Ma in che mondo vivi ?
    Poi questo progetto è vecchio , non è mai stato fatto perchè costa veramente troppo.....ed i turisti preferiscono il sole di roma alle fogne !
    è sufficiente farsi qualche giro per la rete (ma forse lo sai già ) !

    RispondiElimina
  13. Infatti a Parigi sono veramente matti, pensa hanno messo in sotterranea l'ingresso del Louvre, roba dell'altro mondo! Molto meglio farsi le file in mezzo agli scappamenti, sotto l'acqua e la pioggia e in mezzo ai cartelloni abusivi lungo via delle mura vaticane sul marciapiede de catrame. Moooooolto meglio.

    RispondiElimina
  14. ma certo in agosto con una temperatura di 30 gradi giustamente uno cerca refrigerio sotto terra con l'utilizzo di condizionatori che funzionano ad intermittenza...ma vuoi mettere la possibilità di prendersi un bel cappuccino sotto terra ? e dopotutto quanto vuoi che sia lunga la fila ...un'ora, forse due e chissene frega ! Sai mi è venuta un'idea per brevettare degli occhiali protettivi perchè una volta usciti e finiti in quello schifo di luce solare si potrebbero avere dei danni permanenti !

    comunque ti assicuro che il progetto era già stato presentato dalla giunta veltroni (per favorire i soliti nomi) ma costava troppo ! Quindi si sta parlando di nulla (se non ci credi cerca, avevo letto la notizia qualche tempo fa) !

    RispondiElimina
  15. Oggi stavo alla manifestazione con la De Giusti, che almeno sui cartelloni sembra intenzionata a riportare un minimo di ordine.

    Il problema del Piano Pup è diviso in due parti:

    a) cittadini incivili e b) costruttori disonesti

    Non se ne esce.

    I politici, ovviamente, stanno a sentire o i cittadini
    che si oppongono ai progetti che mirano a ordinare la sosta, oppure approvano dei parcheggi senza le carte in regola.

    Non esiste dibattito civile in materia e si nega il problema della sosta abusiva, unico al mondo, che attanaglia Roma.

    RispondiElimina
  16. Tonnelli, effettivamente dovresti bannare quelli che scrivono che i parcheggi interrati attraggono traffico. Sarebbe coerente con il carattere illiberale del pup romano. In realtà non è che ho tutta questa voglia di educare i tuoi lettori, che poi ti fa pure gioco. Ma ricordati di bannare, metaforicamente, pure William Wickrey, premio nobel per l'economia, le amministrazioni di Vancouver,San Francisco Copenhagen etc. che hanno messo dei limiti alla costruzione di nuovi parcheggi interrati, il sindaco di Londra e Renzo Piano che sono noti per le loro posizioni anti parcheggi, e tanti altri che ti risparmio, perché tanto non interesserebbe il lettore propup tipo.

    RispondiElimina
  17. Continuo a ripeterlo...il palazzo di Via Santamaura 39, dove i miei nonni hanno abitato dal 1964 al 2000, al quarto piano, interno 17 (Polani/Frati, magari qualcuno che legge ci abita e li ha anche conosciuti...), da quel che mia nonna mi ha sempre riferito, era già lesionato quando nel 1964 si sono trasferiti li ad abitare...tanto da avere una sorta di grappa in soggiorno che univa il palazzo a quello adiacente...non so dopo il 2000 le cose come siano andate, ma sta di fatto che il palazzo sono quasi cinquant'anni che ha problemi...

    RispondiElimina
  18. Ripeto che diventa difficile, per questo blog che vuole essere strumento serio e "europeo" di discussione sulle cose della mobilità, continuare a doversi confrontare con mentalità zingare e coatte in questo modo. Non è giusto per i tanti lettori seri che vengono qui a riflettere ed a discutere di civiltà.

    Londra? Vancouver? E' vero, hanno dato un taglio alla costruzione di nuovi parcheggi interrati. E' una cosa che dovrebbe fare Roma. Ovviamente solo quando, come Londra e Vancouver, avrà raggiunto una aliquota di parcheggi interrati degna di una città civile. Non certo prima.

    Lo ribadiamo l'ultima volta: basta cretinate. Vi sono altri blog, gestiti dalle persone che si oppongono alla riqualificazione di questa città, gestiti da criminaletti e bulli di quartiere che godono (e guadagnano) standosene immersi in questo lunapark del degrado (definizione geniale di Umberto Croppi): andate a scrivere li.

    RispondiElimina
  19. Ma in Piazza Risorgimento non dovrebbe sorgere una fermata della Metro C?!?!? prima di pensare al parcheggio io aspatterei il progetto definitivo di MetroC spa...

    RispondiElimina
  20. Una cosa non esclude l'altra. Cinecittà e Ostiense sono due esempi di coabitazione della metro e dei parcheggi sotterranei.

    RispondiElimina
  21. qui purtroppo ci sono persone che non hanno ancora capito ! Ora spiego come stanno le cose agli ultimi commenti.
    Qualcuno dice voglio mettere un centro commerciale vicino San Pietro (è un es....vi pare succede una cosa come questa ??? ). Allora dicono ci mettiamo una fermata della metro....purtroppo questo progetto è naufragato (la fermata della metro no si farà). Allora arriva l'idea del sottopassaggio (con centro commerciale) , purtroppo non si può fare, troppo costoso. Ora rilanciano con il PUP....e centro commerciale !
    Ma vi volete svegliare ! Lo vedete che per ogni progetto c'è sempre la stessa costante !!!
    Io fino a poco tempo fa credevo alla vostra buona fede, dicevo ti pare che sono uno strumento di qualcuno. Ora francamente non lo escludo !

    Geniale l'intervento delle ore 22:36 ...livello bassissimo !

    PS
    Per curiosità, dici di andare via a chi contesta questi progetti ridicoli che avvengono solo in italia...stai ricevendo pressioni da qualcuno ?

    RispondiElimina
  22. Quindi dovrei farmi 1 chilometro verso il più vicino parcheggio interrato (ammesso e concesso che sia stato costruito per bene senza far crollare i palazzi sopra!!), unendomi al traffico circostante (perché ovviamente tutte le auto dove dovranno confluire se non nel più vicino parcheggio interrato?), perdere tempo a fare la fila, spendere soldi, rifare lo stesso chilometro a piedi per prendere finalmente il mio meritato caffè della giornata?

    Quando magari posso semplicemente mettere l'auto davanti al bar, anche in doppia fila, se non disturba nessuno?

    Ma siete normali?

    RispondiElimina
  23. Uhm, e in tutte le altre città del mondo, dove la doppia fila non esiste come fanno? Visto che sei un così esimio studioso dei comportamenti incivili dovresti saper rispondere.

    RispondiElimina
  24. ma cazzo me frega delle altri città!!!

    Stiamo parlando de Roma!!! Non prenderò mai bus e metrò super affollati pieno di gente che puzza. E non parlatemi di prendere la bici per andare a lavoro che, secondo la vostra intelligenza, per la "salute" (di chi poi? dei fanatici ambientalisti?) ci dovrei arrivare con tutta la puzza di sudore, quando posso benissimo andarci dentro la mia macchina con il condizionatore a palla!

    Ma basta sparare fregnacce!

    RispondiElimina
  25. quesoto è più troll di me hihiihihihih

    RispondiElimina
  26. La doppia fila non c'è perchè te fanno la multa...te la fanno anche nelle città dove ci sono meno parcheggi regolari che a Roma. Te la fanno a Bucarest (persino a Bucarest), a Madrid a Parigi, a Londra, a New York a Washington DC etc. Dopo 10 minuti ti trovi con il ticket, in alcune città dopo 20 minuti non trovi l'auto. I parcheggi, interrati o sopraelevati, non hanno nessuna relazione con la doppia fila o con il rispetto delle strisce pedonali. Mai vissuto o studiato o lavorato in una città sopra la linea gotica?

    RispondiElimina
  27. inutile discutere con certi soggetti, il loro modello di vita è la giungla, il campo nomadi e purtroppo Roma è piena di questi personaggi figli di 50 anni di sottocultura e ignoranza dilagante, sono irrecuperabili loro la civiltà la capiscono solo sotto forma di leggi e sanzioni e allora se le leggi saranno rigorose e le sanzioni certe forse Roma avrà un futuro di capitale moderna altrimenti resterà il paesello pieno di cafoni coi monumenti che si sbriciolano sotto l'onda barbara. fine.

    RispondiElimina
  28. Bravissima Antonella De Giusti!
    Come te ce ne vorrebbero non solo nei Municipi ma soprattutto al Comune di Roma!
    Non mollare!

    RispondiElimina
  29. Abito in via del Mascherino e non posso muovere la mia auto perché' non saprei poi dove parcheggiarla. In molti paesi del mondo per avere un'auto devi anche avere un posto dove ricoverarla. Ma quelli che parlano per non fare, dove vivono e di cosa parlano. Sono disposti a rinunciare alla propria auto se l'Amministrazione decidesse di usare il suolo pubblico come spazio per la vita comune, per consentire qualche passo senza doversi sfilare tra le auto parcheggiate. ConfrontiamoCi veramente sui nostri bisogni, senza strumentalizzazioni e senza farsi trascinare da qualche "nuovo politico" che tenta di emergere. Facciamo i parcheggi ovunque si possono fare, tutti i problemi tecnici sono risolvibili, purtroppo le aree disponibili sono poche perché' il territorio di ROMA e' ricco delle opere dei nostri antenatI, che ben sapevano cosa costruire per le proprie esigenze con grande ingegno tecnico

    RispondiElimina
  30. roma si merita tutto il traffico che ha, se i vigili (questi sconosciuti analfabeti) iniziassero a fare una multa per ogni macchina che non rispetta il codice stradale il comune avrebbe talmente tanti soldi da far viaggiare gratis sui mezzi urbani e la gente forse capirebbe che è meglio 1 euro l'ora di parcheggio che 40 di multa
    Rob.

    RispondiElimina