martedì 8 marzo 2011

Ogni cantiere, un sito. Iniziano a seguire il nostro consiglio?


WWW.ALBALONGABOX.IT

Eccolo il sito. Guardatelo, è godibile e soprattutto prefigura (ovvio: i rendering esagerano, però...) una Via Albalonga finalmente civile, un bel giorno. La cosa principale, tuttavia, e che ci interessa rimarcare, è che qualche costruttore, in questo caso la Di Veroli, uno dei più seri almeno a stare alle fonti attendibili (anche istituzionali, anche interne al IX Municipio) che abbiamo vagliato, qualche costruttore, dicevamo, inizia a darci ascolto: ogni cantiere deve avere il suo sito web dedicato, ogni sito web dedicato deve essere fatto bene, pulito, invogliante non solo per chi deve comprare il box ma per tutto il quartiere, deve rassicurare sulle tecniche costruttive, deve pubblicare foto sull'avanzamento lavori, possibilmente deve ospitare web cam in diretta sui cantieri, deve lasciare spazio al dibattito tra i visitatori con interventi (per rassicurare, per spiegare, per interloquire e scherzare insieme) della ditta costruttrice. E' così che si afferma un intervento pubblico dando meno appigli possibile, anzi zero appigli, ai professionisti del no. Dimostrando che chi si oppone lo fa non per portare interessi condivisi, ma per amor di bruttezza e per question di egoismo.

19 commenti:

  1. Il prossimo passo è convincere le ditte a occuparsi dei dettagli urbanistici dei loro progetti, non solo della costruzione del parcheggio in sè.

    Con alcuni accorgimenti da concordare in sede istituzionale come migliori arredi urbani e riqualificazioni varie per il quartiere, le imprese hanno solo da guadagnare in credibilità e consenso, così come i romani per bene guadagneranno quartieri più belli e vivibili.

    Forza!

    RispondiElimina
  2. questo post dimostra che il progetto è taroccato prima ancora di partire. In primo luogo il rendering non serve per fare pubblicità ma per mostrare le proporzioni (tant'è che le auto e gli omini si chiamano scalies). E qui tagliando l'alterzza dei palazzi e facendoli artificialmente più bassi, il rendering tradisce il suo scopo, ed entra nella truffa, ben oltre il taroccamento.
    Poi DiVeroli si guarda bene dallo spiegare che a carico dei compratori a termine vi saranno degli oneri condominiali (pulizia sotto ma anche sopra, sicurezza etc) che faranno tremare i polsi, ma quando sarà troppo tardi per tornare indietro.
    Infine, DiVeroli si guarda bene da spiegare che il parcheggio non si farà per la semplice ragione che ha dei ricorsi in piedi, che i bookmaker danno per persi, e che gli acquirenti non stanno comprando una opzione ma stanno facendo una scommessa azzardata.

    RispondiElimina
  3. Forza Stefania, continua a sognare ad occhi aperti con tra le braccia quella bella immagine del come sarà via Albalonga!..
    Ancora credi nella bontà delle opere di quelle ditte?
    Ma non ti bastano i precedenti?
    Vedrai che ci sarà l'ennesimo cantiere fermo, la strada abbandonata, i soliti contenziosi e non metteranno neanche gli alberelli di plastica che ti hanno promesso!
    Continua a sognare.....

    RispondiElimina
  4. certo a prescindere da tutto, diminuire l'altezza di un palazzo per far vedere una via che non esiste non è proprio una mossa da persone con la coscienza apposto. Tonelli invece di sminuire dovrebbe proprio combattere ciò...cosa succederà quando i lavori saranno finiti e quella via non esisterà mai ? Sono le tipiche azioni che fanno perdere credibilità .
    Mentre sulle ditte consiglio report "i re di roma", su youtube si trova....vi mostra tutto quanto ! Ma proprio tutto !

    RispondiElimina
  5. Chiedete alle ditte di fare un bel lavoro, invece di impedirgli di lavorare!!

    RispondiElimina
  6. Gianna, fate l'amore e non la guerra...

    RispondiElimina
  7. Brava Gianna!...
    Questa bella dichiarazione ci voleva proprio!
    Falli lavorare tranquilli e poi al primo crollo li vai a cercare te!

    RispondiElimina
  8. prima di fare le strade nuove a Roma bisognerebbe fare i romani, in questo bel rendering mancano le auto in sosta selvaggia, i cartelloni abusivi, le cacate dei cani, i motorini sui marciapiedi...potrei andare avanti all'infinito

    RispondiElimina
  9. @ anonimo delle 11.08

    prenditi le responsabilità di quello che dici: riportami la notizia di un solo crollo nelle decine e decine di PUP che sono già stati costruiti a Roma, e ti darò ragione.

    PS: di crolli e fiumi sotterranei puoi parlare magari col pizzicarolo sotto casa tua o coi vecchi al bar. Questi argomenti io li considero offensivi dell'intelligenza di chi legge questo sito.

    RispondiElimina
  10. Volevo uscire un attimo fuori tema e farvi vedere la politica del comune (ora questa giunta ma anche la precedente era uguale....).
    http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=82722

    stanno facendo una supertangenziale in mezzo alle case...!
    L'articolo parla del predente piano regolatore, in realtà la previsione è dell'attuale piano regolatore. Quello basato sulla cura del ferro (secondo alcuni) .

    RispondiElimina
  11. invece di criticare le aziende costruttrici fate in modo che rispettino i progetti.....tanto ormai hanno iniziato..gli alberi li hanno tagliati..... i divisori per i lavori li hanno posizionati...tanto vale perdere fiato non per fare polemica sterile...ma per far si che il progetto venga rispettato....
    o forse forse....non vedete l'ora che il cantiere stia fermo lì per anni....dicendo : "ve l'avevamo detto noi" ... (che tanto a via albalonga non ci vivete!!!)

    RispondiElimina
  12. Gianna solitamente parla con architetti e costruttori mica col popolino, con la bassa lega...
    Magari dal pizzicarolo ci manda la filippina.
    Comunque se vuoi far finta di niente, fai pure!
    I crolli, i danni agli appartamenti ci sono stati o comunque li cominci a vedere subito dopo che hanno fatto il p.u.p. dei tuoi sogni.
    Poi dopo vatti a lamentare con la ditta...Gli puoi sempre mettere il famoso sale sulla coda!

    RispondiElimina
  13. My dearest Gianna delle 17,33, se vuoi la logica e i dati forse sei finita nel posto sbagliato. Ma ci provo. I crolli e i 'danni' da scavi per 'parcheggi' 'interrati' o 'sotterranei' a 'Roma' sono documentati e li trovi su google utilizzando le parole chiave che ho posto tra apici, nonché sui vari siti no pup. Tanto che al Comune la linea di difesa è che per i precedenti non è colpa loro e che questa volta sarà diverso, ma per la semplice ragione che sono ancora all'inizio, direi.

    Però la questione dei danneggiamenti è solo uno dei motivi che reclamano i cittadini per opporsi ai parcheggi. Il motivo principale è che i parcheggi sono un furto alla comunità per far fare soldi a pochi, fanno perdere valore alle case che danno sulla strada, sono stati imposti ai cittadini senza consultarli e senza una analisi anche grezza sugli impatti di questa colata di cemento inutile. E già, perchè sull'utilità di queste opere c'è solo finora la giustificazione generica che "riqualificano la strada", ma nulla è riportato di quantitativo o di più circostanziato sui costi e sui benefici, come prevede la normativa italiana, europea e direi mondiale, e che invece a Roma si è accuratamente evitato.
    A Parigi le opere di parcheggi si fanno con una serie di procedura che dimostrino l'utilità dell'opera lì in quel posto, da noi invece i cittadini devono stare zitti e buoni e lascire lavorare coloro che come reputazione hanno già dimostrato quello che valgono.

    RispondiElimina
  14. Anonimo delle 17,43 dice "invece di criticare le aziende costruttrici fate in modo che rispettino i progetti.."
    capisco che bisogna avere dialogo con tutti quelli che non sanno o fanno finta di sapere, però ci vuole pazienza assai. Se anche un pup (vecchio o nuovo) fosse stato fatto secondo il progetto dell'azienda costruttrice, nessuno di questi si sarebbe retto in piedi. Infatti, tutti i progetti sono stati modificati su richiesta dei cittadini. Le imprese quando presentano un progetto lo fanno al minimo costo possibile, per due motivi, da un lato vogliono risparmiare il più possibile e dall'altro non vogliono sprecare molto tempo nella progettazione di opere di cui non sanno se saranno approvate.
    Il punto che è tragico e criminale è il fatto che comunque questi progetti passano il vaglio degli uffici competenti del Comune(c'è sempre una signora ingegnere al Comune che si occupa di ciò da 10 anni con molta soddisfazione delle iprese ma non dei cittadini) per poi venire stravolti solo dopo le insistenze dei cittadini che con loro ingegneri dimostrano che il progetto fa acqua da tutte le parti. Quindi altro che lasciarli lavorare, le imprese presentano dei progetti che sanno sin dall'inizio non passserebbero alcun vaglio critico serio, tranne quello della sig.ra ingegnere del Comue e del suo staff.

    RispondiElimina
  15. Come vedete le prove ci sono e sono pure documentabili.
    All'atto pratico ci andate a rimettere e basta!
    Inutile che vi fate ubriacare dalle promesse (spero solo promesse..)delle arcinote ditte costruttrici!
    Confrontatevi con le persone e non sentite quello che vi pare!
    Svegliatevi!

    RispondiElimina
  16. Che bello vivere a Berlino e non sentire i no pop blaterale...ahhh che piacere!

    RispondiElimina
  17. Meglio un cantiere fermo che sappia di sogno che morire tra le auto in doppia fila per assecondare i cafoni che a danno di tutti parcheggiano dove non è consentito.

    ROMA CAPITALE DEL DEGRADO !!!

    RispondiElimina
  18. Passegiando per Parigi vedevo le strade sempre con questi parcheggi e mi domandavo sempre, perchè da noi non li fanno?

    RispondiElimina
  19. Anonimi del 14 Marzo.
    Pensa come sta bene uno che sogna vedendo un enorme cantiere abbandonato.
    Quell'altro che invece di vedere bistrò, musei e piazzette pensa perchè lì i parcheggi ci sono...
    I box vi hanno proprio annacquato il cervello!

    RispondiElimina