lunedì 7 febbraio 2011

E liberaci dal tiramisù, amen!



Qualcosa si muove a Via Albalonga. Fettucce bianche e rosse lungo i marciapiedi, ordinanze della Polizia Municipale finalmente affisse, la decorrenza è al 7 febbraio: oggi. Da oggi dovrebbero iniziare i lavori per il parking di Via Albalonga, forse la strada più emblematica per la sosta selvaggia a Roma, la strada dove un esercizio commerciale si permette di avere tutto un sistema di guardiani e annunci all'altoparlante per permettere ai propri clienti di bloccare la città lasciando le auto in terza o quarta fila fuori al locale. Ci auguriamo che il progetto non sia cambiato e che il parcheggio interesserà tutta la lunghezza di Via Albalonga e non solo, comodamente, la parte priva di esercizi commerciali. Ci auguriamo che in superficie l'arredo urbano sia adeguato alle aspettative degli abitanti più civili e del rispetto delle regole e del Codice della Strada. Ci auguriamo che tra qualche anno tutti coloro che vorranno gustarsi un buon (ehm...) tiramisù avranno l'obbligo di posteggiare regolarmente sottoterra, piantandola di massacrare e deturpare il suolo pubblico.

25 commenti:

  1. Ci auguriamo che l'arredo urbano delle strade intorno sia migliorato, per evitare la buffonata della zona del MACRO, dove c'è un parcheggio nuovo di zecca e le auto private parcheggiate sui marciapiedi intorno.

    RispondiElimina
  2. lavori non cominciati, picchetto dei no-pup .Rimandato tutto a domani ma ci saranno ancora i no-pup a bloccare tutto !

    RispondiElimina
  3. La prepotenza di questi cittadini subumani non potrà vincere. Di questi individui strumentalizzati da sappiamo chi. Chissà come mai il picchetto contro il vero scandalo di quella strada, conosciuta nel mondo per la doppia fila selvaggia, non lo hanno mai fatto...

    RispondiElimina
  4. due interessanti articoli sulla cronaca di Roma di Corriere.it: si parla del parcheggio di Via Fermi e di quello di Via Albalonga.
    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_febbraio_7/parcheggio-polemiche-181412775245.shtml

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_febbraio_7/pup-via-albalonga-proteste-181414020681.shtml

    almeno se ne parla

    RispondiElimina
  5. I no pup metterebbero le macchine anche nel letto al posto della moglie!

    RispondiElimina
  6. cioè questi si lamentano per il PUP e non per lo SCHIFO QUOTIDIANO che c'è davanti alla pasticceria ?
    C'erano anche le vecchie con le buste della spesa a picchettare ? :)

    RispondiElimina
  7. Avete visto cosa c'è stato stamattina a Via Albalonga?..
    Nessuno ne parla?..
    Centinaia di cittadini ancora una volta al grido di NO PUP!!!
    E voi favorevoli dove stavate nascosti?

    RispondiElimina
  8. E' vero.
    Nessuno parla di stamattina quando diverse persone hanno partecipato con spontaneità ed entusiasmo all'iniziativa no pup!
    Bisogna ammettere che loro si fanno vedere!
    Ma quelli che sono a favore non li vedi mai.

    RispondiElimina
  9. Ma ce ne guardiamo bene!!! Tu andresti nel centro storico di Corleone a urlare che sei contro la Mafia? Ecco perché nessuna persona per bene verrà mai a confondersi con la ignobile cittadinanza che lotta a favore della sosta selvaggia.

    RispondiElimina
  10. Ma se sono a favore devo andare a manifestare???

    Chi è a favore della metro C va a manifestare?

    Io sono a favore dei PUP e aspetto che il comune porti avanti i suoi progetti, senza bloccare i cantieri. E siete fortunati che il sindaco è un cagasotto sennò vi manderebbe la polizia come ai noTAV.

    RispondiElimina
  11. RiccardoMA...perchè non te stai zitto!
    I Sindaco è cagasotto ma è l'espressione del voto di tanti.
    Come te.

    RispondiElimina
  12. Roma è destinata a rimanere una accozzaglia di lamiere, bancarelle e cartelloni. A meno dell'intervento di "un sindaco", ma uno vero!

    RispondiElimina
  13. Mi sembrava strano che non avessero ancora insultato.

    Continuo a chiedermi perchè i noTAV che bloccano i cantieri sono sgomberati dalla polizia con manganellate e feriti, mentre i noPUP hanno anche l'arroganza di stare dalla parte del giusto e il privilegio di non essere toccati dalle guardie, anche se bloccano appalti decisi dal comune che danno lavoro e che migliorano la città.

    Se volete protestare andate in Campidoglio come la gente civile, non a bloccare i cantieri facendo perdere la paga di un intero giorno a molti operai.

    RispondiElimina
  14. Ahò...
    Eccone un altro che specula sulle paghe degli operai, sulle famiglie da mantenere, sui posti di lavoro...
    Ma vai a vedere se quell'operaio è almeno in regola così capirai pure a quale tipo di ditte stai in mano!..
    RiccardoMA...migliora la città tacendo!
    Le manganellate se proprio ci tieni, dattele in testa così cambi un pò idea.

    RispondiElimina
  15. Tanto alla fine li faranno. E Roma diventerà una città civile come Londra, Parigi, Barcellona, ecc. I NO PUP si mettano l'anima in pace, fin da ora.

    RispondiElimina
  16. Anonimo delle 8.22, visto il tuo linguaggio e i tuoi argomenti, sono contento di avere idee diverse dalle tue, mi dimostri di essere dalla parte della ragione.

    RispondiElimina
  17. Vicino alla pasticceria che fa il tiramisù ci sono due parcheggi interrati. Uno aperto 24 ore è quello del bingo, che viene usato da quelli che vanno al supermercato gratis e dista circa 50 metri dalla pasticceria, e l'altro più piccolo aperto fino a mezzanotte è ancora più vicino, tant'è che molte auto si fermano davanti ma non chiedono se c'è posto nel parcheggio.
    I posti ci sono in qualsiasi ora, e non pare che ciò abbia impedito la sosta selvaggia su via Albalonga e sull'anello di Piazza Re di Roma. E questo giusto per quelli che straparlano senza sapere di che parlano.

    RispondiElimina
  18. E' per questo che bisogna riqualificare i marciapiedi, allargarli e rendere impossibile la sosta selvaggia. Una ipotesi, anzi, dovrebbe essere quella di pedonalizzare parte o tutta Via Albalonga, così la celeberrima pasticceria potrebbe mettere tanti tanti tavolini all'aperto che, sono certo, la farebbero guadagnare di più rispetto alla vergogna della doppia fila.
    Riguardo a Re di Roma la soluzione, oltre che restringere la carreggiata a due corsie nette, è quella di dotare i marciapiedi lato palazzi di appositi parapedonali a croce di sant'andrea, in ghisa. Nessuno si fermerebbe in divieto vedendo che, una volta sceso dalla macchina, non potrebbe arrivare ai negozi. E' una soluzione adottata in moltissime città al mondo.
    Ovviamente tutto questo si potrà fare una volta dotato il quartiere di parcheggi interrati per evitare che i negozianti vengano penalizzati dall'assenza di spazi per la sosta.

    RispondiElimina
  19. Tonelli,
    ma come ti permetti di definire "cittadini subumani" quelle persone che hanno semplicemente un'opinione differente dalla tua e la manifestano, la articolano e la difendono in prima persona??
    Allora apri il blog solo ai tuoi accoliti e non farti portavoce delle cose su cui non riesci a sostenere il contraddittorio!

    RispondiElimina
  20. Ma non sarebbe meglio che la smetteste di comportarvi da subumani? In quel caso nessuno più vi ci chiamerebbe no!?
    Il blog è aperto a tutti, anche agli interventi cretini come il tuo che non capisci che nel momento stesso in cui posti un commento partecipi ad un contraddittorio democratico aperto a tutti. Al contraddittorio poi bisognerebbe portare contenuti, non soltanto egoismo, terrorismo, amore per le lamiere delle vostre maghine parcheggiate in mezzo alla pubblica via e illegalità.

    RispondiElimina
  21. Tonelli fatti vedere a piazza Re di Roma così finalmente vediamo in faccia uno pro-p.u.p. poichè non abbiamo mai avuto il piacere di vederne uno in carne e ossa!..
    A via Albalonga non è ancora finita!

    RispondiElimina
  22. una domanda a cui forse Tonelli può rispondere: una mia amica, abitante su via Albalogna, è preoccupata per il discorso assicurazione della ditta che farà i lavori - possibili (e sottolineo possibili) danni (crepe, ecc) ai palazzi.
    Che tipo di assicurazione può fornire/fornisce la ditta che poi andrà a fare i lavori?
    Grazie!

    RispondiElimina
  23. Non ne so niente e credo che sia una cosa assai interessante. Questi dovrebbero essere gli argomenti, costruttivi, in un dialogo civile tra cittadini e ditte: "che garanzie ci date?". Invece di affrontare questi aspetti, che credo che le ditte affronterebbero volentieri, la gente pensa che sia meglio scendere in piazza con slogan indecorosi di un paese civile.

    RispondiElimina
  24. Il "signor" Tonelli, per esprimersi in tal modo, decisamente arrogante, probabilmente non ha una casa di proprietà in via Albalonga, io condivido le preoccupazioni dell'amica di Nicola sulla poca chiarezza di relazioni tecniche riguardo i danni che potrebbero provocare i lavori, in cui ci sono diversi pareri contrari da parte di professionisti .. Quindi esigo rispetto nei confronti di persone che con immensi sacrifici hanno potuto acquistare una casa e che.. alcuni stanno ancora pagando...E se invece tutta questa acredine del "signor Tonelli" è solo per gustarsi un "tirami su"..seduto sulle panchine...lo faccia da un'altra parte....Mpia

    RispondiElimina