mercoledì 16 febbraio 2011

E c'è toccato scrivere una lettera all'assessore Aurigemma


Gentile Assessore,

come cittadini che rinunziano a far casino in piazza, ad incatenarsi, a far teatro e a trasformarsi in pagliacci e marionette manovrate da qualche lobby senza scrupoli chiediamo di essere ascoltati anche noi.
Come comitato Pro Pup Roma chiediamo che il Comune non si faccia “infinocchiare” da una minoranza, una assoluta minoranza di cittadini che protestano con l’unico obbiettivo di mantenere lo status quo in una strada che è tra le più degradate di Roma a causa della sosta selvaggia, problema che il nuovo parcheggio può aiutare a risolvere anche grazie ad un ripensamento dell’arredo urbano della strada che dovrà impedire la sosta selvaggia riducendo gli spazi anche per la sosta regolare e dunque regalando molto più spazio ai pedoni, ai bambini, agli anziani, alle biciclette. Come si fa in ogni città d’Europa.

Chiediamo all’amministrazione Comunale di non dar retta a chi parla di alberi anche quando si tratta di robinie infestanti arrivate alla fine del loro ciclo vitale e che comunque non sono mai state difese da nessun comitato quando erano soffocate –come accade ogni giorno- da un oceano di sosta illegale e conseguentemente da un grumo ignobile di smog.

Chiediamo all’amministrazione Comunale di non dar retta a chi parla di stabilità dei palazzi e di falde acquifere in un quartiere perforato da trent’anni dalla linea metropolitana A, che transita a poche decine di metri dal cantiere del parcheggio.

Chiediamo all’amministrazione Comunale di non dar retta a chi scende in piazza oggi quando ci si appresta a realizzare una infrastruttura regolare, di stampo europeo e non è mai sceso in piazza ieri a difesa di una strada famosa in tutta Roma per la piaga della sosta selvaggia, in una strada che periodicamente si bloccava, in una strada che rappresentava il paradigma degli illeciti a livello cittadino: dove erano prima questi amanti della quiete, questi difensori della natura, queste vestali dell’ecologia?

Siamo convinti che Lei, Assessore Aurigemma, possa essere la persona giusta, nei prossimi due anni di governo della città, per modernizzare e avviare il comparto della sosta a standard meno incivili degli attuali. Per migliorare questi standard occorre aumentare l’appeal del mezzo pubblico, occorre migliorare l’arredo urbano, occorre aumentare massicciamente controlli e sanzioni, ma occorre contestualmente dare alternative legali di sosta, togliendo le automobili dalla superficie della strada. Parigi ha ad oggi 166mila posti auto in strutture interrate o silos, Barcellona ne ha 210mila, Roma, pur essendo molto più grande di queste due città, si ritrova oggi con 22mila posti auto regolari. Solo questo dato basterebbe per derubricare come totalmente irricevibili le proteste strumentali dei pochi cittadini che in questi giorni la stanno sollecitando.

COMITATO PRO PUP ROMA

52 commenti:

  1. Vi chiediamo di...non scrivere altre cazzate come quelle elencate sopra e che avete avuto il coraggio di inviare ad Aurigemma!
    Ma se proprio vi piace Barcellona o Parigi perchè non ve ne andate lì?
    Parlate a vanvera e portando sempre i soliti esempi...
    Siete noiosi.

    RispondiElimina
  2. Noiosi? Puoddarsi... Mica vogliamo essere divertenti, mica facciamo cabaret. Il nostro obbiettivo è vivere in una città normale, dove le auto siano posizionate nel sottosuolo, non in superficie ad ingombrare spazi pubblici. Semplice, no?

    RispondiElimina
  3. numeri sbagliati e inverosimili presi da non si sa dove. Il genere di numeri taroccati che piace ai costruttori e ai loro amici.

    RispondiElimina
  4. Paura di PAGARE per lasciare l'auto davanti al tiramisù, eh ?

    RispondiElimina
  5. Ottima lettera!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  6. ahahaha mai lei non la finisce mai di dire cretinate? Meno male che viene tenuto in considerazione come per quello che valgono le sue idee cioè NIENTE ...è un mistificatore ed anche supponente ed ignorante ( nel senso che ignora), quindi la prego...eviti di tediarci ulteriormente con queste baggianate da "sinistroide pseudoecologista che gira in bicicletta" siamo nati prima di lei ...lasci perdere, non incanta nessuno glielo garantisco, anche se adesso scriverà qualche post a suo favore camuffato da anonimo!
    Buona giornata signor Tonelli

    Laura Besiti

    RispondiElimina
  7. Ma almeno una volta rispondere con dei contenuti no, eh?

    RispondiElimina
  8. Bravi!
    Attaccatelo questo paladino che spara cazzate per coprire lo scempio che stanno facendo le sue amate ditte!
    Bravo solo a scrvere le sue baggianate comodo al computer e in giro non si fa vedere!...
    Cancellatelo una volta per tutte!
    Soffocatelo di accuse e vedrete che sparirà.
    E con lui tutti i p.u.p. del cazzo!

    RispondiElimina
  9. Tonelli mi sta antipatico però riconosco che è forte...a volte , quando usa un pò di ironia, non quando minaccia .
    Avete notato come si firma, comitato pro pup vorrei sapere da chi è composto questo comitato ? è un comitato unipersonale ? sei troppo forte !

    RispondiElimina
  10. Ancora non ho letto un solo argomento da parte dei NO PUP. Solo insulti, incredibile. La storia del fiume sotterraneo è scaduta?

    I parcheggi si pagano. Avete la metro, gli autobus, il centro storico a due passi e volete pure i parcheggi gratis???

    RispondiElimina
  11. Ma Ezio da dove spunta fuori?...
    Ma che stava a dormì dentro quarche box?..
    Ritorna in letargo....

    RispondiElimina
  12. Il giorno in cui scriveremo lo SCIOCCHEZZAIO DEI NO PUP il fiume sotterraneo avrà un posto di preminenza: questo misterioso fiume carsico si materializza sistematicamente sotto ogni cantiere pup. E' un fiume miracoloso. Molti comitati no pup sono pronti a giurare di possedere foto e filmini di cittadini che cinquant'anni fa si facevano il bagnetto nel fiumiciattolo. Peccato che ste foto non sono mai uscite, manco fossero quelle del pistolino fumante del premier a Arcore assieme a Ruby...

    E che dire dei "palazzi-fatti-senza-fondamenta"? Ogni luogo dove si devono togliere le macchine da in mezzo ai coglioni e dove si deve costruire un parcheggio è un luogo con palazzi senza fondamenta, addirittura "costruiti su zattere". Questo dovunque, dal Flaminio all'Appio Latino: tutta la città nei gloriosi Anni Trenta è stata costruita senza fondamenta, caseggiati colossali di 9 piani costruiti su zattere. Aho!!!

    RispondiElimina
  13. Ancora una volta questo sig.Tonelli ha dimostrato la sua grassa ignoranza mettendosi al pari di ingegneri e gente che conosce ogni palmo del nostro quartiere.
    Pensate questi dei pro-p.u.p. chi hanno per leader!
    Ma perchè non prendi tu una bella zattera e te ne vai ad Antigua?
    Lì ti aspetta uno che sicuramente la pensa come te...

    RispondiElimina
  14. Facciamo una colletta per comprargli casa a Barcellona....

    RispondiElimina
  15. Ahahahahahahah...
    Tonelli sei ridicoloooooo!
    Mi hanno detto che somigli a Berlusconi.

    RispondiElimina
  16. persone come ezio sono i militanti di pro pup e degli altri blog. Tonelli non li conosce , non sa chi siano ma riesce talmente a condizionarli che diventano suoi tifosi. Credo sia qualche processo di impritting o comunque vero e proprio tifo calcistico. Ti ritrovi a tifare per qualcuno ,ad esaltare un giocatore e non sai chi sia......poi nel corso degli anni capisci che lui diventa ricco mentre il tifoso lo prendeva in quel posto ... rimane giusto l'idea che combatteva per la maglia ! O no ?

    RispondiElimina
  17. Tonelli, servo sciocco di una masnada di intrallazzoni!..
    Il fiume sotterraneo invaderà la tua bella casetta e le robinie tagliate serviranno....a datte foco!

    RispondiElimina
  18. NO PUP stupefacenti, non sono capaci di tirare fuori un argomento, uno solo!
    Siete in dieci e sempre a scrivere su questo blog per infamare chi non la pensa come voi. Vi capisco: non è facile accettare di perdere un privilegio.

    RispondiElimina
  19. grande ezio ! Senti hai visto lo schifo dei cartelloni ? e hai letto tutti gli altri articoli odierni del tenutario ? già imparati ?
    Tranquilli, non temete. Alle riunioni fondamentali non superano mai le 5-6 unità e i vari utenti che scrivono non andrebbero mai a fare nessuna protesta. Lo stesso ezio sono convinto che non sappia neanche dove sia via albalonga. è solo un fenomeno virtuale...!

    RispondiElimina
  20. Curioso che uno mi dia del sinistroide in bicicletta (in effetti vado in bicicletta, lo confesso) e un altro mi dia del berlusconiano. Si dimostra la validità della battaglia civile che compiamo grazie a questo e ad altri siti.
    Battaglia, quella per parcheggiare regolarmente, che è idiota considerare appannaggio di un LEADER. Che idiozia.
    Come se servisse un LEADER per affermare che non si passa con il rosso, non si parcheggia fuori posto e se si compie un reato penale si va a processo. Per affermare questo non serve un leader e non serve scendere in piazza, serve solo buon senso.

    RispondiElimina
  21. Battaglia, quella per parcheggiare regolarmente, che è idiota considerare appannaggio di un LEADER. Che idiozia."

    No no, assolutamente . Guarda lo hai ammesso anche tu tempo fa. Quando il comitato promotore della delibera ti ha detto che parlavi in nome di tutti e tu hai risposto che parli in nome tuo e dei tuoi ! Quant'è vero che malaroma ti ha detto che lui parla per se stesso ecc. Possibile che non lo ricordi ?
    E poi non semplifichiamo ,tu non dici che non si deve passare con rosso .Tu dai proprio idee da attenersi, ad es. il bando di gara per i cartelloni ( ituoi sono tutti d'accordo) l'unica volta che ti hanno criticato è stata sull'opera d'arte non opera d'arte, il gigante dell'eur ed infatti ti sei risentito.
    Tu dai giudizi di merito anche sui politici, alcuni li attacchi B . T. altri li veneri M. e non parli di cosette ecc.

    come fai a mettere in dubbio che sei un leader ? Fai tutto (o quasi) te ! Scrivi le tue idee (sicuramente giuste) i giornali ti scelgono come unico interlocutore (e da qui il risentimento degli altri comitati ...).

    RispondiElimina
  22. "Il fiume sotterraneo invaderà la tua bella casetta e le robinie tagliate serviranno....a datte foco! "

    ottimi questi preparati ed educati cittadini civili contro i PUP, daje de minacce di morte!

    RispondiElimina
  23. Scusate, ma siamo a Roma o nella laguna di Venezia? Perché ogni volta che qui vogliono costruire qualcosa in grado di rendere civile questa città che somiglia più a Calcutta che ad una città dell'occidente, esce fuori questa leggenda del terzo fiume sotterraneo. Che poi terzo non è, perché ce n'è un quarto, un quinto, un sesto, un settimo...ma quanti fiumi ci sono sotto terra?

    RispondiElimina
  24. Ma quelli che hanno scavato la metropolitana in quella zona, come hanno fatto con il fiume sotterraneo ed i palazzi senza fondamenta? Sono passati almeno 40 anni ma non mi risulta di crolli o case inagibili.

    RispondiElimina
  25. ABC di ingegneria: la metro sta a 40 metri di profondità, e quindi non ha alcun collegamento con le fondamenta di un edificio (salvo non sia l'Empire State Building). Peraltro, la metro in zona Re di Roma passa lungo l'Appia Nuova, che ha uno larghezza molto superiore a quella dei pup in questione. Il problema dei palazzi in zona Re di Roma è che la maggior parte non sono in cemento armato, e quindi molto più sensibili a lavori di scavo "a trincea". Mettere insieme questi fatti potrebbe creare giramenti di testa. Ma si superano.

    RispondiElimina
  26. È sempre un piacere vedere sbraitare dalla rabbia chi è contro i parcheggi interrati...bisogna pure capirli però, parcheggiare in tripla fila per andare a prendere il caffè è una bella comodità, no?

    RispondiElimina
  27. @ Anonimo delle 19:18

    complimenti, si vede che sai di cosa parli, cosa sei, ingegnere nucleare?

    Se c'era il fiume sotterraneo la metro e la ferrovia, che tagliano a X il quartiere, l'avrebbero intercettato sicuramente.
    La metro ha delle uscite a ogni fermata che tagliano il suolo da 40 a 0 metri in corrispondenza di tutti i lati delle strade e praticamente sotto ai palazzi. Se i palazzi avevano problemi di stabilità, già l'avremmo saputo da trent'anni.

    Le argomentazioni dei no pup somigliano sempre più alle scuse di Silvio sul bunga bunga.

    RispondiElimina
  28. ezio, guarda che l'ingegnere" nucleare " è uno dei tuoi ! Neanche riuscite a comunicare tra voi .....!!!!
    credimi tonè senza un leader questi si perdono in un bicchier d'acqua!

    RispondiElimina
  29. "Siamo nati prima di lei" scrivono... e non è una novità, sappiamo bene chi ha fatto diventare Roma, un tempo la città più bella del mondo, quello che è oggi.

    Fortuna che hanno tutti una certa età e gli anni passano... voglio essere ottimista, massimo altri 20 anni e la generazione dei no-pup si estinguerà, saranno tutti o morti o troppo rincoglioniti (più di adesso, non si sa come) per fare barricate... E a Roma la maggioranza dei cittadini saranno persone che hanno viaggiato, hanno visto le altre capitali europee e conoscono la differenza tra civiltà e campo rom(a).

    Sai le risate che ci faremo a ricordare tutti quei coatti antichi che si crogiolavano a Via Albalonga tra macchine in 4a fila e escrementi di cani, incatenati ai bandoni di cantiere coi cartelli al collo... risate amare...

    RispondiElimina
  30. ma quali risate, tra 20 anni rimpiangeremo il poco verde che c'era oggi ! I giovani sono completamente ingabbiati su quello che leggono e gli viene raccontato . Amico che ridi quando i consiglieri comunali si aumenteranno lo stipendio sarà perchè c'è una nuova generazione completamente imbambolata ! Il tempo è galantuomo e report farà luce su questi misfatti !

    RispondiElimina
  31. Marco che è sta botta di ottimismo? Fosse vero quanto dici, fosse vero che è solo il dato generazionale il problema? Ma tu davvero vedi tanti giovani che hanno capito come gira il mondo? Per carità, questa presa per i fondelli del non-pup è composta solo o da vecchietti o da gente in cattiva fede (leggi: persone che si farebbero stuprare la figlia pur di mettere la macchina in un luogo in cui non si vede dalla finestra), tuttavia fosse vero che basta viaggiare per capire.
    Qui c'è gente che protesta contro un parcheggio interrato anche solo per il gusto di protestare, anche solo per il gusto di far si che nulla cambi mai, anche solo per la lontana e remota sensazione che più anarchia di così non si può e allora qualsiasi cambiamento va ostacolato perché significherebbe una diminutio di anarchia, di illegalità, di fango in cui è caldo e rassicurante rotolarsi.
    Qui c'è gente che viaggia, che vede e che capisce, ma che "da noi no, da noi non è possibile, perché siamo diversi, noi...".

    La realtà è che occorre mettere in piedi -lo stiamo facendo in maniera clamorosa anche solo con un blog, ma questo è l'inizio- un grande movimento di opinione che inizi a far girare certi concetti, liberarli, diffonderli nell'aria lasciando che chi non è in cattiva fede li colga e li usi come ideale clava sulla chiorba vuota di chi combatte per continuare a farci vivere in un gigantesco accampamento con incluso di serie il più grande tasso di degrado che si sia mai visto in occidente.

    RispondiElimina
  32. Ma infatti, stasera mi sento ottimista poi domani mi passa...

    Seriamente però, è indubbio che il movimento d'opinione si allarga, prende piede prima e più facilmente tra le persone che certi concetti li hanno visti messi in pratica... e quindi le persone dai 40 anni in giù (voglio essere buono, io ne ho 29) che approfittando del fatto che ora è molto più facile, hanno viaggiato.

    Non come i no-pup che commentano qua sopra, che al massimo so' usciti da via albalonga per farsi le vacanze intelligenti stile Sordi (grandissimo) e signora alla biennale di venezia e ci trattano (NOI!!!) da visionari... I coatti antichi del quartiere, come quello che agli argomenti seri su come è gestita la sosta nelle città normali ti ha replicato "Aho, ma te quanno viaggi che cazzo guardi i parcheggi?"... perchè NON LO SA che significa camminare su una strada normale, e quindi per lui è inconcepibile che ci si possa fare caso...

    Poi è chiaro che se uno è troppo stupido o in malafede non capisce, che abbia 20 o 60 anni...

    RispondiElimina
  33. Comunque ribadisco l'importanza del fare opinione, di instillare il dubbio nella testa della gente. Un passaggio fondamentale? Quando su qualche terrazzo apparirà un lenzuolo con scritto:

    BASTA ALLE LAMIERE OVUNQUE. LE AUTO SOTTOTERRA

    oppure


    NO ALLA SOSTA SELVAGGIA SI AI POSTI AUTO REGOLARI

    Quanto manca secondo te? Secondo me non molto. Poi i giornali e i tg regionali come farebbero a continuare a costruire servizi faziosi e ridicoli?
    Possibile che nessuno tra gli abitanti civili di Via Albalonga abbia voglia di metterci la faccia. E il terrazzino?

    RispondiElimina
  34. @Ezio ma non serve nemmeno essere ingegneri, basta la licenza media. La metro non taglia a X proprio niente. La metro taglia a metà il quartiere, e dipende dalla profondità della metro e dalla profondità della falda, per cui è difficile che siano alla stessa profondità, e se lo fossero allora non sarebbe di nessun danno per opere di profondità di 20 metri. Le stazioni bucano il terreno, ma la probabilità di beccare il fiume è pressoché nulla, se hai mai giocato alla battaglia navale.

    Tonelli ha ragione, bisogna fare come le altre città europee, e invece c'abbiamo un sindaco e un pup degni dello Zimbabwe.

    RispondiElimina
  35. Dunque visto che il famoso fiume sotterraneo passa da Via Cesena (dove visto che c'è il fiume non si puo' fare il parcheggio), lambisce porta Asinaria e poi va in direzione del Tevere significa che la metropolitana transita sotto al fiume, ho capito bene?

    RispondiElimina
  36. Non serve viaggiare per capire come sono strutturate le soste in strada. Basta accendere la tv.

    Basta guardare le pubblicità delle auto, dove di auto in sosta in strada non se ne vedono. Ma guarda tu che coincidenza!
    E non si tratta di computer grafica, ma di arredi urbani e infrastrutture di parcheggio (sotterranee o multipiano) reali.
    Due esempi tra tanti...
    http://www.youtube.com/watch?v=Kh2TmIPQYco
    http://www.youtube.com/watch?v=pdbViUTstvk

    Aguzzate bene la vista...Niente auto davanti ai bar!

    Oppure usate google street view, guardate documentari di viaggi in altre città del mondo (possibilmente civilizzato e non terzo mondo)

    RispondiElimina
  37. Alessandro quanto sei tenero ed hai ragione, bisogna aspirare al mondo della pubblicità: le città delle pubblicità della toyota, le famiglie delle pubblicità del mulino bianco, le donne delle pubblicità di chanel. Peccato che non esistano.

    RispondiElimina
  38. @ anonimo delle 00.23

    Ma sai leggere? Ho scritto che la metro e la ferrovia tagliano a X la zona. La ferrovia, quella che viene da Via Cilicia e va verso Roma Tuscolana. Vivere con la macchina dentro il letto ti fa dimenticare che nel tuo quartiere ci sono binari del treno interrati una decina di metri, che lo attraversano tutto e non hanno incontrato nessun fiume sotterraneo nè crepato nessun palazzo.
    Sveglia.

    RispondiElimina
  39. Ezio, mi pare che devi fare un ripasso di geometria elementare.
    Se un treno passa a dieci metri di profondità (ma dove?) e una metro a 30-40 metri, evidentemente non è una X, in quanto non si incotrano. A 10 metri c'è una linea, a 30 un'altra.
    Siccome le capacità logiche hanno nella popolazione una distribuzione normale (detta anche gaussiana) e c'è chi sta sopra i 100 (cioè la media) e chi sta sotto, non posso farci nulla se non sei rapido. Comunque il fiume è documentato anche nel film Roma di Fellini che parla proprio della fermata metro di Re di Roma, allora in costruzione. Di più non posso farti.

    RispondiElimina
  40. la metro a non sta a 40 metri di profondità, la parte periferica è stata scavata in trincea affianco ai palazzoni.

    RispondiElimina
  41. tonelli vuole fare opinione magari non ci riesce perfettamente però è riuscito a fare un certo proselitismo .Che sia chiaro su persone suggestionabili che magari potrebbero finire nelle braccia di scientology o simili .Meglio di niente !

    RispondiElimina
  42. Insomma il fiume si insinua tra i 10 e i 30 metri di profondità, evita accanitamente ogni contatto con l'uomo, tutte le infrastrutture esistenti, le fondamenta dei palazzi, le uscite e le stazioni della metro, però è pronto ad attaccare il PUP!
    CHIAMATE CHI L'HA VISTO!

    RispondiElimina
  43. @Alessandro: Io la vista l'ho aguzzata mio caro e posso dire che o ci sei, o ci fai...le pubblicità che hai linkato sai dove sono state girate, per non aver inquadrato nessun altro genere di veicolo in sosta, NE TANTOMENO DAVANTI AL BAR?!
    NO, te lo dico io; quella della Toyota Yaris è stata girata all'interno di Parco Leonardo a Fiumicino, poìchè tutte le vie al suo interno (zona residenziale e commericale) SONO PEDONALI, come potevi prendere di vedere una sola autovettura parcheggiata nelle vicinanze?!
    Uh guarda, un asino che vola!

    RispondiElimina
  44. L'esempio di Parco Leonardo è pertinentissimo: quartiere pedonalizzato con sotto una pistra di parcheggi interrati. Vedi tu...

    RispondiElimina
  45. Ma Benjen chi è?..
    Ah, forse il solito pirla pagato dalle arcinote ditte interessate a sventrare Roma!
    Che un fiume...di merda sommerga te e quelli come te!

    RispondiElimina
  46. Parco Leonardo non è affatto un luogo da prendere come esempio alla pedonalizzazione, perche quell'area è completamente chiusa al traffico, i nomi delle vie sono di pura fantasia e sembra di trovarsi a passeggiare per i viali di Disneyland invece guarda gli altri complessi residenziali nelle immediate vicinanze di Parco Leonardo, sulla stessa Portuense, i quali hanno molteplici vie d'accesso al "traffico"...tant'è che nessun stradario o navigatore riportano i nomi delle vie presenti all'interno di Parco Leonardo stesso...odo in lontananza uno stridìo di unghie, quasi fosse che qualcuno si arrampicasse sugli specchi.

    RispondiElimina
  47. Mi è capitato di leggere le ragioni che vengono portate a favore della tesi NO PUP , sono una sfida alla capacità di intendere della gente:
    1. Si porta ad esempio il grattacielo di Londra di Piano come tendenza a non fare più parcheggi, quando la realtà è diversa. In prossimità del grattacielo londinese ci sono 6 linee metropolitane, una stazione ferroviaria, e un'offerta illimitata di posti auto in autorimesse esistenti, quasi come ROMA !!
    2. Le polveri sottili che emergerebbero dalle griglie di areazione, si commenta da solo
    3. I disastri ambientali, smottamenti e crolli, vengono documentati tramite fotografie nei giunto di dilatazione di un fabbricato, o su porzioni di pavimento su solai particolarmente elastici che ne hanno causato delle lesioni. A Roma per quanto costruito non è successo quasi niente, e comunque non riguardante le opere del PUP
    4. La qualità ambientale sembra da realizzarsi esclusivamente con il mantenimento degli alberi esistenti, lungi dal pensare ad un quadro d'insieme dove è elemento essenziale che sia garantito la fluidità delle auto su strada, non ci siano automobili sui marciapiedi e sugli alberi stessi, e che ci siano aree pedonaliizzate, e poi quindi essenze di pregio e ridisegno del paesaggio urbano.
    5. Mi sorge un dubbio tutto da verificare, che dietro all'attivismo di qualche solerte responsabile NO PUP ci sia un qualche interesse o di carriera politica o di difesa di specifici interessi, che sia la fase di precandidatura per una carriera politica o un qualche altro interesse da difendere nello stesso settore, proprietà o gestione di posti auto.
    Non trovo altra spiegazione.
    A proposito ho comprato un box del PUP ormai da tanti anni ed ho guadagnato un pezzo di vita, non dovendo più girare l'isolato di casa infinite volte per parcheggiare.

    RispondiElimina
  48. Caro anonimo delle 18:43, il fatto che le ragioni No pup siano "una sfida alla capacità di intendere", immagino sue. Si interroghi sulle sue capacità. Comunque l'aiuto, punto per punto.
    1) il tema del grattacielo londinese di Piano, sollevato dal blog di quelli di via albalonga, non ci sono 6 linee di metro ma solo la fermata London Bridge. Proprio come via Albalonga, dove c'è la fermata Re di Roma linea A. Per quanto riguarda l'offerta illimitata di parcheggi nei pressi del grattacielo, faccia una ricerca su google dei parcheggi presenti nell'area (sono pochissimi e collegati a shopping center e hotel), ce ne sono di meno di quanti vi sono nei pressi si Re di Roma.
    2) Le polveri sottili non sono legate ai bocchettoni di aereazione (quelli sono solo brutti) ma al via vai di auto, se i parcheggi funzionassero come dichiarato dai costruttori.
    3) i premi assicurativi più elevati li paga lei? si offre volontario? Indirizzo per la fattura, prego?
    4) questo è un miscuglio insensato di affermazioni. Gli alberi fanno bella la strada (essenze di pregio? ma non sa che vuol dire!), i parcheggi aumentano il traffico e non tolgono le auto in doppia fila, e le aree pedonalizzate sono benvenute dai no pup.
    5) sono un solerte attivista, che non ha alcuna velleità politica. Però ha ragione ad avere sospetti. Spero che qualcuno si candidi, perchè i voti sarebbero tanti. Roba da diventare sindaco al primo colpo.
    Complimenti per il box che ha comprato, evidentemente si guarda bene dal dire dove e che le spese di condominio per tutto il parking non se le aspettava. Vero? Anche quella è stata una sfida alle sue capacità di intendere?

    RispondiElimina
  49. Leggo i commenti dell'anonimo delle 18.43 e quelle dell'anonimo delle 21.40
    Ho vissuto e ho lavorato per molti anni a Londra, non ci sono dubbi che la realizzazione delle linee metropolitane in quel contesto risulta assolutamente semplificato, vedi la fallimentare esperienza della linea C a Roma che a tuttoggi non trova la soluzione definitiva per servire l'area centrale. Paragonare la situazione londinese a quella romana è paradossale, anche perché l'offerta di trasporto pubblico è la più arretrata tra le capitali europee. Pensare di risolvere il problema del traffico e quindi del parcheggio rimandando al solo trasporto pubblico, tra l'altro in una contingenza economica quale quella attuale, è una utopia.
    Io credo che occorra in questo settore, realizzare i parcheggi, razionalizzare l'investimento di quei pochi imprenditori che ancora intendono investire per migliorare le nostra situazione, e non fare un' opposizione pregiudizievole bensì contribuire a migliorare quello che si dovrà e potrà farsi. Poi il progetto, gli alberi, e quant'altro, è tutto migliorabile senz'altro. Il solerte attivista se vorrà avere soddisfazione della sua missione lavori a che si faccia al meglio, e non che non si faccia affinchè nulla cambi. Poi Place Vendome è pedonalizzata, Francoforte è pedonalizzata, Barcellona idem. Cercate di scrutare quante funzioni sono state traslate nel sottosuolo per raggiungere questo rusultato. Speriamo bene, mi appello alla capacità di giudizio fuori da ogni logica di contrapposizione che risulta distruttiva e forse non possiamo permettercelo.

    RispondiElimina
  50. Facciamo bagaglio dall'esperienza positiva delle altre capitali, non pecchiamo di presunzione nell'inventare modelli che non esistono, facciamo i parcheggi per dare risposta all' enorme domanda di parcamento da sempre non soddisfatta in questa città. Il resto è politica.

    RispondiElimina
  51. Caro anonimo delle 21.22 che "ho vissuto e ho lavorato per molti anni a Londra", ti rendi conto che non hai detto nulla che abbia senso? Londra ha una metro migliore di Roma (vero), ma il legame tra risoluzione del problema del traffico (che è un problema) con più parcheggi non lo hai spiegato per nulla, perché è come risolvere il problema della prostituzione minorile costruendo più bordelli. Peggio ancora poi dire che il trasporto pubblico non risolverebbe il problema del traffico e citare l'esempio di Place Vendome che a) è una piazza con pochi residenti, a parte un famoso hotel e qualche gioielleria di nome; b) è in una città dove il trasporto pubblico è sviluppatissimo. Ti rendi conto che scrivi una serie di contraddizioni e non sequitur?
    Siccome sono solerte e attivista, voglio proprio cambiare, e fare come Parigi e Francoforte, ma proprio tutto come Parigi e Francoforte, a cominciare dall'assessore alla mobilità di Roma che nessuna città europea si sognerebbe di importare da Roma. Non possiamo permetterci di avere incompetenti, per quanto gentili e cortesi.

    RispondiElimina