giovedì 13 gennaio 2011

Su via Leonardo da Vinci Pro Pup scrive al presidente Catarci


Gentile Presidente Catarci,

riguardo al parking previsto nel XI Municipio in Via Leonardo da Vinci il Municipio ha solo da perdere nel dare seguito alle richieste di questi comitati incivili e animati esclusivamente dalla voglia di perdurare a vita il degrado.

Se passa il concetto che basta urlare per ottenere l'eliminazione di importanti infrastrutture pubbliche, allora nulla si potrà mai realizzare.
E gli oneri concessori? Perché il Comune dovrebbe rinunziare a tutti quei soldi, oggi fondamentali, solo per consentire a quattro cafoni con il fuoristrada di continuare a fermarsi a pigliare il caffe in doppia fila?
Se l'amministrazione dimostra di aderire a modelli inetrnazionali e di qualità nel comparto delle affissioni (come l'XI Municipio sta facendo con un esperimento sui pannelli pubblicitari innovativi), non vedo perché non dovrebbe farlo anche per la sosta: in tutta Europa, ormai, il parcheggio a raso (menchemmeno in divieto) non esiste più, le auto si mettono sottoterra, lasciando la superficie a chi vuole passeggiare, fare una corsa, portar fuori il cane, sedersi al tavolino di un bar. Agli anziani, ai portatori di handicap, ai non vedenti, ma anche alle mamme con passeggino che oggi sono nelle condizioni di non uscire di casa.
Uno spartitraffico come quello di Via Leonardo da Vinci sarebbe uno scandalo nazionale pure in Moldova, neppure lì esistono ste robe. E le possiamo solo risolvere, come capita in tutto il mondo, costruendo parcheggi nel sottosuolo.

4 commenti:

  1. questo deve averlo scritto un costruttore vero!!!
    in varie zone una nota famiglia...con nomi di varie società sta costruendo PUP dappertutto con danni incalcolabili!!!

    RispondiElimina
  2. Nella zona di san paolo (dove sono cresciuto e vivo tutt'ora) il parcheggio interrato risolverebbe una parte del problema gigantesco relativo alla mancanza di posti auto nel quartiere. Negli ultimi anni qualcosa in questo senso si è fatto, vedi i box auto costruiti in via chiabrera e sulla piazza centrale dove prima esisteva il parco. Proprio in quest'ultimo caso, visto il grave problema che sussisteva e che purtroppo c'è ancora, non si creò nessun comitato di quartiere o altro. Anzi in quella occasione il giardino ENORME, dove da piccolo giocavo tutti i santi giorni, venne completamente asfaltato e la pista di pattinaggio sovrastante coperta da volumi di cemento. Oltetutto il giardino ad oggi è delimitato con una recinzione in ferro e, diciamo, inaccessibile. L'unico contentino per la realizzazione di questa opera fu l'esecuzione di un mini parco giochi con delle giostrine per bambini.
    Su via chiabrera invece realizzarono i box su un'area aperta dove non esisteva nulla. In superficie sistemarono un paio di panchine con due cestini. Anche in questo caso nessun comitato.
    Come potete vedere delle opere sono state fatte senza nessun tipo di problema.

    Secondo me anche in questo caso, i box sono sia utili che necessari. I problemi relativi al terreno che vengono menzionati sono presenti per tutta la zona di san paolo e valevano anche per i parcheggi fatti in precedenza (soprattutto per i box vicini al deposito atac, vedi anche le problematiche di via alessandro severo con i relativi abbattimenti eseguiti recentemente).

    Per come la vedo io, ai residenti vicini all'area dove sorgerà il parcheggio (ultima parte di via Leonardo Da Vinci), vedendo le varie proteste che hanno allestito nei mesi scorsi (striscioni, cartelli, volantini ecc.) il parcheggio non interessa per alcuni motivi:
    1 - loro i parcheggi li hanno internamente nelle aree condominiali di pertinenza degli edifici e pertanto i posti auto fuori non interessano se non in minima parte;
    2 - il cantiere gli porterebbe solo disturbi (vedi il passaggio dei mezzi, polveri per gli scavi, rumore, sporcizia varia ecc.) e nessun beneficio;
    3 - pensano che gli rovinano il decoro della zona (come se le macchine parcheggiate selvaggiamente ora, sia sulle strade che addossa agli alberi, sono meglio).

    Le proteste, se costruttive, servono a qualcosa (come, ad esempio, per migliorare le opere e le infrastrutture necessarie), ma trovare sempre i cavilli (vedi pericoli per la stabilità degli edifici, si tolgono gli alberi, asfaltano tutto, archeologia ecc.) per bloccare la realizzazione "a prescindere" non è da persone civili e inteligenti.

    Tutte le volte che torno a casa, giro 25 minuti prima di trovare parcheggio. Quanti soldi spendo in benzina per parcheggiare solo il signore lo sa. Ogni volta è uno stress e un nervoso che non vi dico. Ma comunque sia penso che a Roma in tanti sapete come funziona. Purtroppo io non ho il parcheggio "sull'area condominiale privata" e non posso permettermi il posto nei vari garage della zona (se mai trovi qualche posto libero) e, come se non bastasse, una volta tanto che si si decidono a fare qualcosa di utile, mi devo sorbire pure la protesta di qualche pierino che si alza e non vuole il parcheggio.
    E' proprio vero queste cose succedono solo in Italia.

    Mi devo mettere in testa che questo paese rimarrà arretrato per sempre. Non esiste margine di miglioramento. Non cresceremo mai.

    Scusate lo sfogo, ma questa è la mia personale opinione.

    Saluti

    Alessio

    RispondiElimina
  3. Le autorita' hanno rilocato in un complesso costruito appositamente gli abitanti di un palazzo abbattuto recentemente perche pericolante a causa del cedimento del terreno. Nel passato altri palazzi ed anche una chiesa sono stati razi al suolo perche nella zona ci sono aree di movimento nel sottosuolo. Alcuni palazzi, alcuni lungo il tratto di Viale Leonardo da Vinci in questione, sono gia' visibilmente pendenti dovuto al cedimento del terreno. Vogliono smuovere ancora?

    RispondiElimina
  4. Rispondo ad Alessio:
    secondo lei la costruzione di 70 box privati risolveranno il suo nervosismo nella ricerca del parcheggio? Secondo lei 70 box privati faranno contenti quelli che dice non aver problemi perchè hanno il posto condominiale per parcheggiare?Quando avranno finito questo parcheggio lei girerà 45 minuti per trovare un posto, perchè prevedono una sola careggiata del viale anzichè due come era prima.. Spenderà molti più soldi in benzina e maledirà quei 70 non residenti che per comprarsi un box distruggeranno un viale intero. Comunque il qualunquismo delle dichiarazioni senza approfondimento lasciano sempre il tempo che trovano.
    Saluti
    Roberta

    RispondiElimina