lunedì 10 gennaio 2011

I comitati di Via Enrico Fermi? Sono gente in buona fede. Ma da ignorare! Vi spieghiamo perché...


A leggere gli articoli usciti in questi giorni ed a spigolare tra i siti web e le smunte pagine Facebook dei sedicenti comitati se ne scoprono davvero di tutti i colori. E c'è da vergognarsi anziché no di essere romani, di essere italiani e di appartenere al genere umano.
C'è una strada -Via Enrico Fermi- che versa in uno stato comatoso. Dove le alberate sono deturpate da una selva informe di automobili, dove non c'è modo per nessuno (menchemmeno per bambini, anziani, mamme con passeggino, portatori di handicap, non vedenti) di avere la libertà di muoversi. C'è una strada che sarebbe uno scandalo nazionale in qualsiasi nazione civile e i residenti cosa fanno? Protestano perché qualcuno vuole riqualificarla. Non ci si crede. E fa ancora più rabbia, nelle interviste e nei video che se avete stomaci forte potrete trovare su facebook collegandovi alla pagina del Comitato No Pup Fermi, vedere che chi protesta non sono ignoranti vecchietti rincitrulliti (ci sono anche quelli, altroché), ma giovani preparati. Che parlano italiano. Che, si presume, dovrebbero avere viaggiato in vita loro. Dovrebbero aver visto cosa succede in Francia, in Germania, in Austria, nel Regno Unito o in Spagna. Ovvero in tutta Europa. In qualsiasi di questi posto una strada come Via Enrico Fermi sarebbe liberata completamente dalle auto (altro che 50 posti lasciati a raso, via tutto!), la sosta sarebbe spostata sottoterra e sopra ci sarebbe spazio per spazi pedonali, grandi marciapiedi, spazio per i negozi, per i tavolini all'aperto, per chi vuole camminare, portare a spasso il proprio cane, fare una corsa o leggere un giornale. Tutte attività che oggi si possono fare a patto di confrontarsi con la situazione che abbiamo immortalato nel video qui sopra.
E invece no. I residenti si oppongono. Nei tanti video pubblicati li si sente dire amenità tipo "qui bene o male parcheggiavamo tutti malamente, ma ora come faremo?" oppure "ci tolgono 500 posti auto dalla strada". Avete capito? I residenti sono orgogliosi delle loro centinaia di posti auto tutti abusivi, tutti illegali, tutti pericolosi per i pedoni, per gli automobilisti e per gli alberi. C'è qualcuno che dice che non si può fare un cantiere perché vicino (vicino un corno!) c'è quello del Ponte della Scienza (siamo a livello di scuse dell'asilo). C'è chi mette in mezzo le solite falde acquifere (quelle che dovevano far crollare mezzo Flaminio a causa del parcheggio di Gentile da Fabriano che guardacaso è stato perfettamente completato senza danno alcuno), c'è chi mette in mezzo i palazzi che "sono pericolanti perché hanno quarant'anni" (vi rendete conto!!!), c'è chi -come fanno sempre questi comitati per i quali dovremo andare in qualche punto vendita specializzato a fare la scorta di aggettivi indignati perché quelli che avevamo li abbiam finiti- parla di migliaia di migliaia di posti auto già realizzati sottoterra (ma non c'erano le falde, porcoggiuda, ma non crollavano i palazzi???) nei dintorni e vuoti o invenduti. E sfidiamo che sono vuoti, fintanto che sul viale sarà consentita la sosta criminale che è consentita ora; fintanto che residenti e avventori di cinemi e ristoranti considerereranno "posti auto" quei cinquecento stalli abusivi, creativi, inventati ai danni della città e degli alberi.
Già, gli alberi. Sono loro la scusa. Vergognosa, davvero vergognosa. Sono gli alberi che ci fanno pensare che questi gruppi di cittadini non siano in realtà generati da gente in cattiva fede, ma solo da una parte di persone ignoranti perse da un'altra parte, maggioritaria, di persone impaurite. Perché gli ignoranti patentati, che di solito capeggiano questi comitati, non si tirano indietro a fare del terrorismo da strapazzo. Qualche esempio? 1. Perderemo il valore delle nostre case perché verranno danneggiate; balle, i danneggiamenti si sono verificati in una frazione infinitesimale di casi e in ogni caso ci sono leggi a tutela, in compenso con dei parcheggi interrati a due metri dal portone di casa il valore degli appartamenti schizzerà verso l'alto. 2. I nostri bambini respireranno le polveri del cantiere; ma come, non avevate detto che c'erano altri cantieri vicino e dunque questo non andava aggiunto? Che ci sono polveri di serie a e di serie b? E poi come si fa a parlare di bambini quando si accetta una intera strada in cui non c'è un passaggio pedonale libero neppure una domenica di inizio Gennaio nel cuore delle feste. 3. Il commercio sparirà; ma è il contrario perché la strada fornita di una infrastruttura simile diverrà finalmente passegiabile e assai shoppingabile. Qualcuno si è chiesto perché la gente si reca al centro commerciale per fare spese? Semplice: perché c'è il parcheggio comodo e sotterraneo, perché in superficie, per passare da negozio a negozio, non si devono respirare i gas di scarico, non si devono sentire gli improperi e i clacson delle auto bloccate dalla seconda fila, non si deve fare lo slalom tra la sosta selvaggia piazzata sulle strisce, non si devono avere dieci occhi per badare che i propri figli non finiscano sotto ad un furgone e così via. Più i commercianti saranno contro i parcheggi interrati più cederanno clientela ai centri commerciali, perché sono così imbecilli dal non capirlo? Forse vogliono far scomparire il commercio al dettaglio dalla faccia della città? Ancora: 4. I parcheggi avranno prezzi fuori mercato? Ah perché 120 euro al mese sarebbe un prezzo fuori mercato? Forse il diritto a posteggiare gratis sotto casa è sancito da qualche carta internazionale? Forse un euro e dieci (ohmmioddio!) all'ora di tariffa diurna è uno scandalo? Cosa sono uno scandalo? I dieci centesimi in più rispetto al parcheggio blu che esiste in mezza Roma? O il fatto che trattandosi di parcheggi sotterrai governati da un passaggio a livello elettrico non si potrà evadere? Cosa è uno scandalo? Il fatto che la sosta sia regolamentata ed a pagamento come avviene in tutte le capitali europee nessuna eslcusa da Lisbona a Istanbul? Forse acquistando un'auto si acquista anche il diritto a occupare suolo pubblico che è di tutti? Per lasciare un oggetto sul suolo pubblico (lo sanno bene i ristoratori, per i loro tavolini) si paga. Se un ristoratore decide di non potersi permettere il costo dell'occupazione di suolo pubblico, semplicemente non mette i tavolini all'aperto e se ne sta nel suo suolo privato. E' chiaro? Ebbene per un'auto la storia è la medesima: se non si hanno i denari per provvedere a tutto ciò che il possesso di un'auto richiede (bollo, assicurazione, carburante, tagliandi, posto auto. Cazzo, ho detto posto auto!) vi si rinunzia. Che problema sarà mai? L'automobile, lo diciamo forte e chiaro agli amici dei comitati, è un elettrodomestico privato come un altro. Come una lavastoviglie, come un pozzetto congelatore, come una lavatrice. Se in casa non ho il tinello e se ho la cucina piccina picciò e il pozzetto congelatore non mi c'entra, non è che lo metto sul maciapiede con un filo lungo lungo giù dalla finestra per l'allaccio elettrico dentro casa. Perché non posso impossessarmi di quel suolo pubblico che, appunto, è pubblico e non mio. Dunque o compero una casa più grande, come tanti fanno con sacrificio e stringendo i denti, o rinunzio al congelatore. E' chiaro il concetto?

Bhe, ma non divaghiamo troppo e torniamo agli alberi che è la parte più curiosa di tutta la storia. Non dicono altro: lasciateci gli alberi, non abbattete gli alberi, vogliamo gli alberi e non il cemento. Ebbene guardate con attenzione il video perché forse non riuscirete a trovare altri alberi, in tutta Roma, martirizzati come questi di Via Enrico Fermi. I famosi "500 posti auto" dei residenti significano macchinaccie zozze e pesanti arrampicate sulle radici dei platani. A schiacciarle. A comprimerle. Questi alberi verranno, dalla società che realizzerà il parcheggio, spostati in un'altra area del quartiere a formare un boschetto (speriamo che la Cam Edilizia faccia un buon lavoro perché altrimenti -con il carico di tutte le persone del mondo dei parcheggi che ci seguono quotidianamente- saremo i primi a bacchettarli di santa ragione!). Questo significa che questi arbusti verranno salvati. SALVATI! Guardate nel video come sono ridotti: le auto ci giocano a pungiball. Legambiente è contraria ai parcheggi interrati, è contraria a gestire la sosta a Roma come si fa in tutto il mondo civile? Ma cosa pensa di queste immagini? Presto chiederemo a Lorenzo Parlati una riunione perché la sua organizzazione non può parlare lo stesso linguaggio di chi si muove solo per mantenere lo status quo di strade inqualificabilmente ignobili. Non può.

Insomma la storia degli alberi è una scusa, visto come vengono trattati. La storia dei cantieri vicini, degli altri posti auto, dei danni ai palazzi. Tutte sciocchezze belle e buone che il Municipio XV (grazie alla presenza del lucido Gianni Paris) fa benissimo a ignorare e che il delegato ai parcheggi Aurigemma (auguriamoci prestissimo nuovo Assessore alla Mobilità) deve prendere per quello che sono: tentativi disperati di rubare (rubare!!!) alla città suolo pubblico per fare quello che a questa gente piace, un tappeto informe e immondo di lamiere. Quello che vedete nella documentazione video che la prestigiosissima Pro Pup Tv ha girato giusto ieri.

119 commenti:

  1. Meravigliosooooooooo. I comitati debbono andarsi a sotterrare, altro che parcheggi interrati, si devono interrare loro!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Urka che figura di merda. Ma questa gente parla di alberi? E' raccapricciante. Sti comitati sono tutti uguali?????

    RispondiElimina
  3. ..Ma chi è che bacchetta la Cam Edilizia?...
    Forse la stessa persona che prende i soldi da lei per scrivere queste c.....zate!..
    Ma fatela finita!

    RispondiElimina
  4. Hai ragione, anche io nutro i tuoi stessi dubbi e perplessità, l'unica cosa che mi ha dato fastidio è la mancanza di comunicazione preventiva riguardo la costruzione del parcheggio per chi risiede su via enrico fermi, praticamente ci siamo trovati davanti al fatto compiuto.
    Una precisazione: gli alberi che hai "immortalato" sono giustamente spogli e tristi, a Gennaio è più che normale, ti assicuro che in primavera potrai ammirarli verdi e rigogliosi, ma sempre circondati da lamiere!!!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo e illuminante video come sempre, certe cose non le vede solo chi non le vuole vedere, chi non le vuole capire...

    L'unico problema è che per quanto le nostre idee vengano diffuse tramite blog e facebook è difficile competere con dei terroristi (hai detto bene) che hanno raccolto 3000 firme andando porta a porta a dire che se fossero partiti i lavori sarebbero crollate le case con la gente dentro.

    I lavori dovevano partire oggi a quanto ho letto... partiranno? Temo proprio di no.

    Il Comune, la ditta costruttrice, il municipio (se è interessato a che i lavori partano, purtroppo non sempre è così) che cosa pensano di fare? Come pensano di rimediare ai danni fatti dai terroristi amici delle macchine e nemici delle persone?
    Io credo che debbano trovare il modo di informare correttamente i residenti... organizzino un incontro coi cittadini, dimostrino con il supporto di tecnici super partes che non ci sono rischi, facciano vedere il progetto finito, siano chiari sulla tempistica dei lavori, su dove verranno ripiantumati questi benedetti alberi (e su quanto ora stiano soffrendo) e su ogni altra questione... e smascherino quei pochi che sono semplicemente in malafede, quelli che non vedono di buon occhio il PUP perchè gli leva il loro amato posto gratis in doppia fila, sulle strisce o sullo scivolo per disabili.

    E poi subito, il giorno dopo l'incontro, partano coi lavori e si sbrighino a finirli. Magari si perde un mese (ma solo perchè tutto questo dovevano già averlo fatto), ma non si offre il fianco a intimidazioni e terrorismi basati sul nulla, come Piazza Gentile da Fabriano e un centinaio di altr PUP sparsi per Roma dimostrano ampiamente.

    RispondiElimina
  6. Oddio: godo!
    Qualcuno condivida questo SPETTACOLARE articolo nella pagina Facebook di questi signori che dovrebbero andare a buttarcisi loro, nella falda acquifera. Ma come si può dire sciocchezze di tal fatta. Sotto la città del gusto c’è un parking di due piani, praticamente addosso al fiume. E non c’è alcun problema. Lì la falda non c’è e in mezzo a Via Fermi ci sta un fiume sotterraneo forse?

    RispondiElimina
  7. Da come parli deduco che tu sia ricco, dato che reputi normale pagare 130€ al mese per parcheggiare ESCLUSIVAMENTE di notte e in più pagare 1,10€ l'ora se eventualmente (leggi ovviamente) ti trovassi costretto a parcheggiare anche di giorno. Via Fermi, pure non essendo una zona di degrado come vuoi far intendere, è un'area abitata da gente semplice, dove le vecchiette sole vivono grazie alla spesa che la parrocchia porta loro mensilmente e le famiglie con 2 o 3 figli tirano spesso la cingia.
    Il diritto costituzionalmente garantito non è quello al parcheggio gratuito, ma all'uguaglianza sostanziale: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine ECONOMICO e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di TUTTI I LAVORATORI all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese".
    In uno stato sociale non si dovrebbe pagare qualsiasi cosa, chiediamoci se l'Italia è ancora uno stato sociale.
    Probabilmente qualcuno come te preferisce o addirittura auspica che tutto vada in mano ai privati con grave nocumento della classe medio-bassa che in Italia esiste e non è neanche tanto piccola, anzi.
    Io preferisco che lo stato si occupi di tutti, non dei privati e dei loro interessi.
    Comunque l'espressione "porcheria immonda" è esagerata e ovviamente buttata lì per stupire chi non conosce la zona e guarda il tuo "illuminante" video. Se avessi voluto far vedere tutta la situazione avresti camminato un po' sugli ampi marciapiedi che ci sono da entrambe i lati della strada. Poi per l'inciviltà della gente il rimedio non è certo il PUP!
    Parli dei cartelloni pubblicitari abusivi: io non avevo idea che lo fossero (ad eccezione di quelli che compaiono sotto campagna elettorale davanti al supermercato) come immagino il 99% degli abitanti di via Fermi!

    RispondiElimina
  8. Non ci posso credere. Non posso credere che si arrivi, per giustificare ciò che non esiste in nessun luogo civile al mondo, ovvero il parcheggio brado e selvaggio in ogni pubblico spazio disponibile, a strumentalizzare la carta costituzionale. Con il ragionamento che fa il nostro amico, naturalmente anonimo, dovrebbero essere gratuite anche le macellerie, i ristoranti (di lusso e non) e le bollette del gas e di tutte le altre utenze. Perché non si può mettere a pagamento il gas visto che così si discrimina –costringendolo ad usarlo con parsimonia- chi non ce la fa a arrivare alla fine del mese. Per non dire dell'acqua, cielo! E non solo bisognerebbe avere dovunque parcheggi gratis (non importa se in TUTTO IL MONDO sono a pagamento, anche per i residenti), ma dovrebbero essere gratuite anche le automobili: basterebbe andare dal concessionario e servirsi, visto che la Repubblica deve rimuovere gli ostacoli all’uguaglianza, beh, dovrà pur garantire automobili gratis per tutti. Almeno una Panda, suvvia!
    Non so se Enrico Fermi sia davvero un luogo immondo come quello che effettivamente mi si è parato davanti ieri all’ora di pranzo (tutti i lettori potranno andare a verificare, quando vorranno, coi loro occhi per capire se abbiamo effettuato dei trucchi o dei fotomontaggi o se stiamo parlando di una delle più trasandate strade d’Europa), ma so che senz’altro è immondo arrivare addirittura a violentare la Costituzione repubblicana. Sono davvero basito. Fuori di me.

    Io ricco? Tutt’altro: semplicemente l’auto l’ho VENDUTA!!! Da quel momento, tra tagliandi, multe, riparazioni, assicurazioni, bolli, ammortamento del costo stesso dell’auto e parcheggio, risparmio qualcosa come 5 o 600 euro al mese. Ho uno stipendiuccio in più: provaci, amico rigorosamente anonimo. I risparmi li ho investiti in una meravigliosa bicicletta con la quale faccio il grosso. Per gli spostamenti più lunghi c’è uno scooter, lo ammetto. E per fare tutto il resto: car saring a gogo. Avete per caso messo su qualche comitato per chiedere che il car-sharing (che è una meraviglia di iniziativa, cacchio!) venga ampliato anche alle vostre zone? No, eh…?

    Non so tu, ma io non ho mai visto le vecchine di cui parli (sono quelle che conoscete bene, perché da bravi terroristi, quali tecnicamente siete, vi piace terrorizzarle puntando sulla loro ignoranza) che possiedono auto. Quella classe di persone è da tempo senza patente –o magari non l’ha mai avuta- e utilizza il mezzo pubblico. Mezzo pubblico che, dopo la riqualificazione, finalmente potrà transitare da Via Fermi. Mobilitatevi per avere una nuova linea Atac con belle pensiline per le fermate (finalmente libere dalla sosta selvaggia DAVANTI a dove il bus dovrebbe accostare, altra specialità della maison). Avete visto quante idee per far comitati e scendere in piazza? Contro la sosta selvaggia, contro i cartelloni abusivi gestiti dalla mafia, per il car-sharing, per nuove linee Atac. Ne avete da fare, se volete trasformarvi in cittadini degni di essere definiti tali e non di pseudo clan rom accampati su un territorio che non pare essere il vostro…

    RispondiElimina
  9. Se Fermi è una zona di vecchiette e gente che tira la cinghia allora non dovrebbero permettersi nemmeno 2-3 auto a famiglia.
    In fondo stiamo parlando di Viale Marconi, dove metro, fr e tram sono a un tiro di schioppo.
    Se non puoi pagarti il parcheggio, non ti fai la macchina.

    RispondiElimina
  10. Rispondendo all’unico cittadini civile che ha scritto: sul difetto di comunicazione sono d’accordissimo e concordo. Bisogna fare dei box informativi, distribuire i renderings, valorizzare i plus del progetto (assurdo che debba spiegarlo un blogghetto come il nostro, che per il commercio andrà tutto molto meglio dopo i lavori, assurdo che dobbiamo essere noi a fare raffronti internazionali: a Madrid hanno completamente aperto e richiuso tutta Calle Serrano portando tutta la sosta sottoterra, si tratta della strada più commerciale e lussuosa della città. E i commercianti secondo voi erano contrari o favorevoli a riqualificarla pur dovendo stringere i denti qualche mese?), fare incontri pubblici sapendo cosa dire e sapendo come rispondere alla pochezza delle obbiezioni. E invece non si fa niente di tutto ciò. E’ una grande colpa delle ditte che, come tutte le cose italiane, sono solitamente PMI del cavolo che di investimenti in comunicazione e marketing non vogliono sentir parlare manco di striscio. Ad oggi l’unico strumento di marketing professionale per loro, siamo noi. E ho detto tutto. Ovviamente uno strumento di marketing che utilizzano a gratis. Dunque l’atteggiamento di queste società (e si pensi che la CAM, che farà questo sviluppo a Via Fermi, è una delle meno peggio, figuratevi il resto, voglio dire…) ci sta sugli zebedei anche a noi. E forse è proprio per questo che abbiamo sentito la necessità civica di fare questo blog. Anzi sicuramente per questo!

    Post Scriptum: avete mai letto qualcuna di queste ditte scendere direttamente nell’arena dei commenti spiegando pacatamente, rassicurando, ragionando da pari a pari coi cittadini? Sarebbe stata una mossa di marketing azzeccatissima, ma non lo hanno fatto mai. Eppure tutti ci conoscono, tutti ci seguono e sono mesi che siamo qui a baccagliare (anche) per loro conto!!! Ho detto tutto, dunque, sulla mia opinione riguardo a queste ditte. Ma questo non significa che bisogna rinunziare a rammodernare la città e porla esattamente a livello delle altre capitali occidentali. Niente di più, niente di meno.

    RispondiElimina
  11. Aho ma sti comitati, sti cittadini non se possono sentì. 130 euro per un parcheggio è tanto. 130 euro al mese per pagare la poliza invece è normale (questi sono i prezzi medi in città)? Ma come ragionate. Ha ragione a darvi degli zingari, è vergognosa l’operazione che state imbastendo, non ha il minimo senso¬: vi vogliono risistemare la strada porca vacca!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Piacere, Martina, abito in una traversa di via Fermi. L'anonimo è lì e resterà tale perchè non so come cambiarlo!
    In ogni caso resto sempre più esterefatta dall'arroganza...
    Non so dove abiti, ma stai esagerando e lo sai bene! "una delle più trasandate strade d’Europa" non sai proprio quello che dici! E' ovvio a chiunque abbia mai messo fuori il naso non da Roma, ma da monteverde, che non siamo neanche vicini alla classificazioen che fai di via Fermi.
    Comunque stai strumentalizzando tu la mia affermazione e non conosci chi vive qui. Io ci sono nata, io ho portato la busta della spesa gratuita alle vecchiette e io conosco famiglie numerose, con una sola macchina che con dei figli è necessaria (e senza fare gli ipocriti è necessaria anche senza) e non faccio parte di nessun comitato, solo ho il polso della situazione nel mio quartiere, cosa che tu ovviamente non hai.

    RispondiElimina
  13. Io spero che si abbassino i toni e gli insulti. Non sono incivile, non vivo come in un campo rom e ho delle opinioni diverse dalle vostre, e allora? In teoria la diversità serve ad arricchire...argomento che evidentemente interessa...

    RispondiElimina
  14. Ti voglio credere. Ma allora perché non fare la battaglia per tariffe convenzionate per i residenti, piuttosto che la battaglia veteroculturale per bloccare una infrastruttura che porterebbe la strada alla decenza europea di tutte le strade consimili in tutte le città civili? Perché? 130 è troppo? Si chiama la ditta, si propone una convenzione: "amici, noi non vi rompiamo le palle, ma ai residenti pertinenziali, nel raggio di tot centinaia di metri, voi fate un bel metàprezzo". Roba così. E' arroganza invitarvi ad essere civili ed a comportarvi in modo costruttivo come fanno tutti i comitati cittadini al mondo?

    RispondiElimina
  15. Opinioni? Anche io ho l'opinione che le tasse non vanno pagate, eppure le devo pagà e pure tutte. Ma che c'entrano le opinioni???

    RispondiElimina
  16. Innanzitutto grazie per aver abbassato i toni. Inoltre l'arroganza era riferita all'atteggiamento di chi già sa tutto. Se io sono qui è per capire i motivi che spingono a dire "si" ai PUP e accetto tutti i punti di vista. Mi spaventa molto l'esperienza di altri PUP che hanno reso vie morte quelle in cui sono stati creati (ho visto foto della zona Preneste). Tutti i non residenti che vengono a via Fermi si fermano solo un attimo per prendere un caffè, salutare un amico commerciante o comprare i biglietti del cinema e se non avranno la possibilità di farlo non ci verranno più se devono pagare il parcheggio. Voglio spiegarmi meglio perchè assolutamente non giustifico chi lascia la macchina in doppia fila o sulle strisce o davanti agli scivoli per gli invalidi. Però vorrei una soluzione alternativa a 10 anni di lavori, polveri, 0 posti auto per 10 anni e conseguentemente 0 soldi per i commercianti di via Fermi.
    E io non mi attacco agli alberi, non faccio parte del comitato, nè di questo nè di altri, e sono Martina, non "voi".

    RispondiElimina
  17. Invece di fare comitati, manifestazioni e discutere con municipio, comune e costruttori per agevolare i residenti con i futuri parcheggi, si pensa a non abbattere gli alberi (causa giustissima e nobile, ma nessuno ha mai detto abbattiamoli e bruciamoli...anzi)
    Io ero alla manifestazione sabato per ascoltare le ragioni di chi la pensa diversamente, per "farmi convincere" che non è giusto un parcheggio...speravo si puntasse di più su prezzi, tariffe, agevolazioni per chi (purtroppo) come me non potrà permettersi un box privato, invece tema centrale gli alberi, ripeto sono d'accordissimo e mi fa anche molto piacere sapere che c'è ancora gente che ha a cuore il verde pubblico, ma è come sostenere di non fare la metro C a Roma perchè ci sono le talpe sottoterra...mah?!?
    Falde acquifere ce ne sono in tutta Roma, palazzi anni 50-60 non ve lo sto neanche a dire...non so se i lavori saranno fatti a regola d'arte, ma se così non fosse allora si che ci sarà da inc%%arsi e manifestare, non per l'espianto degli alberi e il trapianto in qualche altra zona magari senza macchine sulle radici e paraurti sulla corteccia!!!

    RispondiElimina
  18. E’ tutta gente semplice. Gente semplice con l’audi, con la mercedes, con tre macchine a famiglia, con tre bolli, tre assicurazioni, tre tagliandi. Gente semplice col suv sul marciapiede. Gente semplice: LI MORTACCI VOSTRA

    RispondiElimina
  19. C’è gente con cui si può ragionare, in quel del Marconi District. E questo mi fa immensamente piacere. Qualcuno ha (GIA’!!!) capito perfettamente il nostro punto di vista, le nostre provocazioni. Ma mi concentro su Martina.
    Martina, tu ingenuamente e in perfetta buona fede parli di gente che si “ferma un attimo”. Questo italianissimo e soprattutto romanissimo fermarsi un attimino, rigorosamente in doppia fila, hai una vaga idea di quanto costi in termini di vite umane, di feriti gravi, di invalidi a tempo indeterminato in questa città? Hai una vaga idea dell’abisso che separa i nostri dati di morti e feriti sulle strade da quelli di tutte le altre città italiane e europee proprio soprattutto a causa di questi attimini. Credo che tu non abbia neppure la minima percezione di questo dato perché è una roba da guerra civile. E perché sicuramente non approveresti che per un caffettino al volo (per il quale nessuno vorrebbe mai investire 1,10 euro di parcheggio, non sia mai!) si possano perdere delle vite. Questo non è terrorismo, Martina, sono i dati ufficiali dei morti e dei feriti nella sola provincia di Roma: una carneficina quotidiana in gran parte provocata non come si crede da velocità, alcol o droghe, bensì da sosta, disordine, scarsa visibilità dovuta ad auto fuoriposto. Questo è, ahinoi.
    Martina in nessuna parte del mondo una strada “viva” è assimilabile ad una strada “disordinata e regno dell’illegalità”. Se la doppia fila è combattuta come un cancro maglino a tutte le latitudini non per ripicca contro i baristi ed i loro caffe, ma perché si tratta di uno dei comportamenti più ignobili, egoisti e pericolosi che un automobilista possa adottare.
    Sono riuscito a farti passare un altro concetto? Mi auguro di sì…

    RispondiElimina
  20. Io ti pregherei nuovamente di usare toni più educati...e per essere sicura che passi il messaggio mi riferisco a questo "C’è gente con cui si può ragionare, in quel del Marconi District". Non mi reputo una persona con cui non si può ragionare e non credo proprio di aver dato questa impressone. Ho tenuto a precisare che non sono pro doppia fila o blocco delle discese per disabili, io non lo faccio e mi avveleno con chi lo fa. E oltretutto ho fatto un bruttissimo incidente alla Garbatella in cui la causa è stata un parcheggio ti assicuro moooolto più selvaggio che a via Fermi (questo per tornare al "una delle più trasandate strade d’Europa").
    Quello che intendo è che so per certo che la gente non si muove per farti un saluto di un'oretta per pagare il parcheggio. Ora se non lo trovi a via Fermi ok, al massimo parcheggi a lungotevere, ma levare tutti quei posti a via Fermi vorrà dire non avere i parcheggi a lungotevere neanche per chi ci abita, figuriamoci per chi viene da altri quartieri!
    Qui ci sono parcheggi a pagamento con tantissimi posti ancora liberi e box in vendita da una vita perchè la gente non può permettersi di avere un'uscita fissa mensile di 100€ o più. E viale Marconi, nel caso specifico via Fermi è un quartiere normalissimo, non ci abitano ricconi, la maggior parte della gente abita qui dagli anni '60, da quando questa era periferia e le case costavano poco. E' ovvio sicuramente ci saranno famiglie più che benestanti, ma non sono la maggioranza! Io ringraziando il cielo ho una situazione normalissima, non si fa fatica a fine mese a casa mia, ma ho esperienze dirette di persone che non sono messe così, tantomeno hanno 3 macchine!!!

    RispondiElimina
  21. Martina vedrai che la mentalità della gente cambierà. In Europa (ma anche in Asia, in America, dovunque…) nessuno si muove in auto. C’è chi lo fa coi mezzi pubblici (che se togliamo auto dalla strada andranno molto più veloci e saranno ben più attrattivi di ora), chi lo fa a piedi (quanta gente ti viene a trovare in macchina ma abita a 800mt e dunque 12 minuti a piedi da te?), chi lo fa in bici, in scooter ecc…
    E’ ovvio che se pensi che la mentalità cafona dei romani sia immutabile, non andiamo da nessuna parte. La verità sta altrove: togliendo posti auto dalla superficie e regolamentandoli in sotterranea andiamo anche a cambiare la mentalità e l’approccio della gente. Non è vero che la gente farà meno cose, anzi, ne farà di più: le strade saranno più accoglienti e sarà più gradevole fare una passeggiata, i caffè con una stesa di bei tavolini all’aperto (oggi affossati tra le lamiere) lavoreranno il triplo e il romano medio, di cui tu hai tanto timore, imparerà che per andare in zona Marconi si posteggia sotto Via Fermi e si fanno tutte le commissioni del caso. Pagando 1,10 o, magari, se ci si trattiene un po’ di più, 2 euro e venti. Credo che nessuno vada in bancarotta. Vedrai che sarà così: è così in tutto il mondo. Non potrà, prima o dopo, che esserlo anche da noi.
    Non devi –non puoi- pensare che la gente faccia cose solo fintanto che trova posteggio in maniera arrangiata e che non le faccia quando lo trova in maniera regolare. Io per esempio faccio esattamente il contrario: vado, col mio car sharing, solo dove so che vi sono parcheggi a rotazione interrati. Non ho nessuna intenzione di girare per cercare posto, rischiare di rovinare l’auto, rischiare di posizionarmi dove do fastidio o, peggio, creo incidenti. Credi che io sia l’unico a Roma? E se magari la smetteranno di venire i burini che vanno solo dove possono mangiare solo se c’hanno er Porsche a vista e arriveranno, al loro posto, un numero uguale e contrario di persone più civilizzate? Sarebbe un male? Come fai a dirlo?
    Davvero pensiamo che, nel duemila undici, questa città possa continuare ancora a lungo a fare storia a parte rispetto a tutto il resto d’Europa e del mondo? Con quale sicumera, con quale presunzione affermiamo che i romani debbono essere l’unica popolazione che, se gli si chiede di rispettare le regole e la civile convivenza, decidono piuttosto di non uscir di casa? Non è così Martina, non è così!!!

    RispondiElimina
  22. Spero di no! E spero vivamente che via Fermi diventi un bellissimo marciapiede pedonale e che nessuno si faccia (o abbia) problemi a lasciare la macchina nel parcheggio a pagamento. E' ovvio che lo spero, ci vivo! Però mi chiedo se ci poteva essere un'altra soluzione, una soluzione che non dia problemi ai palazzi o che non sia al 90% afflitta da infiltrazioni, una soluzione che non ci lasci anni a fare la gimcana fra i cumuli di macerie mentre i nostri negozianti perdono clienti. Qui intorno c'è un parcheggio finito da 2 anni o giù di lì chiuso, uno stabile finito anche questo da un paio d'anni che si vocifera possa essere qualsiasi cosa (centro congressi, ostello, casa dello studente) chiuso, un parchetto che ha impiegato 1 anno e mezzo per essere inaugurato, un poliambulatorio che si è allagato 2 anni fa e così è rimasto, un aborto di ponte pedonale la cui costruzione 2 anni fa doveva doveva durare 18 mesi (???)...permetti che non ho molta fiducia nella riuscita di queste opere? Evidentemente c'è qualche problema a livello di comune, di municipio non lo so, però fatto sta che ste grandi opere che a noi dovevano cambiarci la vita non ci hanno dato proprio niente! Hanno solo fatto diminuire la nostra pazienza a sopportare cantieri...

    RispondiElimina
  23. L’ultimo commento è comprensibile e corretto. Lo capisco perfettamente. Lo scoramento prende tutti noi. Ma quale è la risposta di un cittadino per bene ad una situazione simile?
    Risposta A: basta, su 10 opere pubbliche 7 impiegano più del dovuto, spendono più del dovuto e poi risultano cattedrali nel deserto. Stop alle opere pubbliche.
    Risposta B: cazzo, ma possibile che non siete capaci a migliorare le procedure e snellire la burocrazia? Eppure quando si vuole, anche in Italia, le opere pubbliche si realizzano in tempi europei e spendendo il giusto. E allora vi chiediamo, questa volta, di darci delle garanzie sui tempi, sulle sistemazioni superficiali, sul reale benessere che ne deriverà in seguito. Dichiarate due anni dall’inizio effettivo dei lavori? Bene, vi diamo il 25% di gioco. Ma se ci impiegate anche un minuto in più di due anni e sei mesi, pagate fior di penali al comune che così risarcirà commercianti e condomini. Okkay?

    Indovina quale è l’approccio del cittadino moderno, europeo, preparato, costruttivo, lucido? Indovina…

    RispondiElimina
  24. D'accordissimo al 100%...il problema sta quando io vengo a conoscenza di tali questioni neanche 1 mese prima dell'inizio dei lavori, quando l'unica informativa fatta non è stata nemmeno prevista da comune o municipio ma dalla stessa cam e dai commercianti di viale marconi. E qui ovviamente si chiude il cerchio...ritorniamo alle contestazioni giustamente fatte da un amico più su e altrettanto giustamente da te sostenute.
    Oggi hanno iniziato a transennare il centro strada, vediamo un po'...

    RispondiElimina
  25. Visto che a quanto pare qualcosa si muove, il blog può contare su quella parte –mi pare neanche tanto minoritaria- di cittadini di buona volontà, aperti e preparati, per seguire i lavori? Chi si piglia la briga di mandarci qualche foto ogni tanto? Non ci farete fare i pendolari con Via Fermi che, per ora, non è davvero un bel vedere e in bicicletta è una sfacchinata niente male…
    :)

    RispondiElimina
  26. qualcosina dell'inizio ce l'ho, dove posso mandarla?

    RispondiElimina
  27. PROPUPROMA@GMAIL.COM !!!
    E grazie fin da ora!!!

    RispondiElimina
  28. Per esperienza personale (ci abita la mia ragazza), mia suocera ha un box dentro al Pup di Viale Marconi 37, quello dove si trova il negozio Scarpe e Scarpe, che talvolta utilizzo anche io, e di infiltrazioni d'acqua dal fiume non ne ho mai viste...

    Altra cosa che volevo sottolineare, il problema della sosta brevissima, quella del caffè al bar, si può risolvere con la tariffa della sosta gratuita per i primi 15 minuti...tale modalità è giè applicata in contesti come l'Aeroporto di Ciampino e il Policlinico Gemelli...

    RispondiElimina
  29. Mi chiamo Loredana, abito in una traversa di Via Enrico Fermi, non sono daccordo con la costruzione dei PUP, ma prima vorrei dire alla persona che ha girato il video: " capisco che tu voglia far valere le tue ragioni e fare colpo su altri come te, ma sei andato oltre decisamente. Parlare di schifo, parcheggi abusivi (veramente i Vigili Urbani li chiamano parcheggi TOLLERATI,come quelli sullo spartitraffico centrale di Viale Marconi, e di molte altre vie della città, ma forse tu girando in bicicletta non hai tempo di vederli)alberi uccisi dalle macchine, cartelloni abusivi (per quelli abusivi sono stati chiamati più volte i vigili, ma invano ed alcuni come avrai notato sono addirittura del COMUNE) scivoli occupati dalle auto (incivili sicuramente, ma non mi sembra che il problema sia solo di Via Fermi o no?) Quindi Via Fermi secondo te vive in un degrado totale? Certo non è l'Eur, immerso nel verde, ma questo è un altro discorso.
    Dunque, siamo nel 2011 e quindi secondo te ed i tuoi seguaci la società costruttrice (CAM Srl) ovviamente sarà in grado di garantire che andando sotto terra di circa 16 metri (quindi oltre le fondamenta dei palazzi che non sono degli anni '70, ma degli anni '50 e '60 per precisione)non si procureranno problemi di stabilità come in altre parti di Roma dove hanno costruito i tuoi tanto amati PUP? In più Marconi è stata costruita (come tu ben saprai) su terra di riporto e sabbia del fiume...secondo te è stabile? Mi dirai che verranno fatti dei carotaggi, ma ti ricordo che nel 1995 a metà via Fermi ne fecero uno, uscì uno zampillo alto 3 metri che si riuscì a chiudere solo dopo 5 giorni. Tu c'eri? Lo hai visto? NON credo, noi si. Siamo un livello R2 zona ad alto rischio idrogeologico, come mai non lo hai detto?
    Siamo un quartiere degradato? E come mai questa opera si fa? A chi conviene? Se si volesse riqualificare la zona, farebbero i posti auto gratuiti in superficie come stanno facendo nell' XI municipio a Viale Giustiniano Imperatore, lì non hanno dovuto buttare giù i pini e ora non è più un "CRIMINE" come da noi parcheggiare al centro della strada. Questo fatto a via Fermi servirebbe solo ai residenti, non a chi ha l'INTERESSE ECONOMICO di costruire i PUP. Non conosco il tuo tornaconto con questo comitato e con questo video, l'unica cosa che ti chiedo è di moderare i termini, perchè come tu ben sai...stai rasentando il ridicolo, se io dovessi fare un video sotto casa tua sarei anche io in grado di farne uno del genere, forse anche peggio, ovunque tu possa abitare. La gente che si fa imbambolare da questo video fortunatamente è dalla tua parte, io dalla mia non la vorrei.

    RispondiElimina
  30. Signora Loredana, ma le posso chiedere: ma l'ha guardato il video? Ma si è affacciata alla finestra? Parcheggi tollerati? Ma si rende conto di cosa dice? Ma perché il Codice della Strada, che è una legge dello stato, deve valere meno delle sue fisime?
    La zona è alluvionale? Golenale? Pericolante? Terremotata? Tutto perfetto. I tecnici sanciranno, prima del rilascio del permesso per costruire che il parking non si potrà fare. Viceversa si farà. D'altro canto erano gli stessi identici allarmi che fecero i cittadini di Piazza Gentile da Fabriano, alzarono una canizza vergognosa perché volevano continuare a parcheggiare a ufo addosso agli alberi: i palazzi sarebbero crollati, tutti avrebbero perso la strada, il tevere sarebbe arrivato fino al Maxxi: ovviamente tutto completamente inventato. In quattro e quattr'otto il parcheggio è stato realizzato e ora è praticamente finito.

    Ad ogni modo, parlare di contenuti e di fatti concreti (tra l'altro immortalati in un video, più trasparente di così) con chi parla di "parcheggio tollerato" è temo una perdita di tempo.

    Basterebbe un mini-esposto da parte di un semplice cittadino ai Vigili Urbani per obbligarli a applicare la legge ed a eliminare tutte le auto dallo spartitraffico. I cittadini non possono violare una legge dello stato e il Comune non può consentirgli di farlo. A Via Enrico Fermi come a Viale Marconi dove, anche un bambino lo capisce, va fatto immediatamente un tram nello square centrale.

    Un comitato a favore del tram su Viale Marconi ce lo avete da qualche parte? Dove lo tenete nascosto? Ma il vostro obbiettivo di vita è crescere i vostri figli in una città che sia pargonabile alle migliori all'estero, di farli nascere in un contesto di legalità e dignità. Oppure il vostro primo obbiettivo, il goal assoluto della vostra esistenza è parcheggià aaa maghina sotto casa? Su, su: risposta secca!

    RispondiElimina
  31. Sora Loredà, se il video di Pro Pup è un falso, uno specchietto per le allodole, perchè non ne fate uno voi dove ci dimostrate come la situazione, così come è, va benissimo e deve rimanere immutabile nei secoli?

    RispondiElimina
  32. Risposta secca....io non parlo in questo modo solo perchè abito in zona Marconi caro il mio signore, e visto che lei è questo che intende, mi sembra un pò limitato, ma è capace di parlare senza astio, educatamente e senza offendere o è nato proprio così? Le opinioni ed i punti di vista possono essere diversi, ma mi hanno sempre insegnato che bisogna rispettare l' "avversario", mi dispiace che per lei non sia così, e con questo ho chiuso.
    Ossequi....
    Loredana

    RispondiElimina
  33. Sono tanti gli interventi di riqualificazione del viale che si potrebbero operare, senza andare a togliere/abbattere/spostare gli alberi e senza andare ad intervenire scavando (perché sebbene il simpatico autore si burli fastidiosamente di chi gli ricorda che l'area sia a rischio idrogeologico, i fatti stanno così... allora piuttosto che prendere in giro, forse sarebbe opportuno presentare delle prove -non esempi di altri casi in cui poi non si sono verificati incidenti, ma PROVE- del fatto che così non è...).
    Si potrebbero inserire delle aiuole intorno ai platani, per evitare il "parcheggio selvaggio".
    Si potrebbero inserire le strisce blu per regolamentare le soste.
    Come mai non sono stati presi questi provvedimenti prima di andare a pensare ad una soluzione così drastica? Visto che di parcheggi sotterranei, nei pressi, siamo pieni e non hanno riscosso successo, come mai non si tenta una strada alternativa?
    Per quanto riguarda gli ignoranti che parcheggiano davanti agli scivoli per gli invalidi, credete davvero che i box sotterranei siano una risposta adeguata? Se uno è cafone, resta cafone pure se sotto terra ci sono i box...

    RispondiElimina
  34. Come si fa a non avere astio contro chi difende l'illegalità, il disordine, il caos, l'umiliazione degli alberi? Contro chi decreta "tollerabile" un degrado urbano che NON ESISTE in nessuna capitale occidentale in assoluto (me ne sa citare una, una sola, dove posso trovare una situazione simile?).

    Vede signora mia, io forse sono troppo astioso, lo riconosco e sbaglio ad esserlo. Ma ciascuno ha il proprio temperamento e quando si tratta della mia città, bhe, mi scaldo un po'. E me la prendo più di quanto sarebbe giusto fare contro chi si ostina a fare da ostacolo contro una sua modernizzazione, un suo riscatto, semplicemente un suo livellamento con tutte le sue altre "competitors" che rispondono al nome, se le segni, di Madrid, Barcellona, Lione, Parigi, Vienna, Monaco di Baviera, Berlino, Colonia, Londra, Liverpool, Zurigo. Ma anche Lisbona, Atene, Istanbul. Insomma, signora Loredà, i grandi sistemi urbani europei che sono TUTTI GOVERNATI ALLA STESSA MANIERA quando si parla di parcheggi, arredo urbano, corsie preferenziali, piste ciclabili, trasporto pubblico.

    Perché, la supplico di spiegarmelo, tutti si comportano in un modo e noi dobbiamo andare in direzione opposta? Perché tutti piazzano le auto sottoterra liberando la superficie e rendendola disponibile per chi vuole passeggiarci, sedercisi per un caffe o farci giocare i bambini mentre noi dobbiamo "tollerare" le auto abbarbicate in uno spartitraffico.

    Io sarò aggressivo signora cara, ma porto contenuti, lei? E non la considero come una avversaria, perché non ci possono essere avversari su temi come questo, non ci possono avversari su questioni che sono pacifiche e ovvie in tutto il pianeta: le auto non si tengono in mezzo alla strada ma si parcheggiano sottoterra. O, meglio, si vendono. Ha provato?

    RispondiElimina
  35. All'anonimo che chiede come è possibile che con l'arrivo di un parking i cafoni che posteggiano in curva scompaiano. Caro amico te lo spiego subito: non è che scompariranno, ma semplicemente grazie al denaro che i titolari della concessione (in questo caso la CAM) gireranno al Comune, si potrà investire per riqualificare l'arredo urbano. E a quel punto, con una strada riqualificata a regola d'arte, ci potranno essere anche un milione di cafoni, ma NEPPURE UNO avrà modo di fermarsi perché la conformazione della strada e i dissuasori lo impediranno. Così accade in tutto il mondo. Il parcheggio permettere di liberare risorse per riqualificare tutto l'arredo urbano e tutta la sagoma dei marciapiedi rendendoli a norma di legge (OGGI NON LO SONO!!!) e rendendo fisicamente (FISICAMENTE!) impossibile il parcheggio in divieto.

    RispondiElimina
  36. Il mio intervento non si limitava alle ultime tre righe riguardanti gli ignoranti. Sopra ce n'erano altre 15, circa.
    Come mai sono state bellamente ignorate?
    Senza che si diventi arroganti, magari :)
    Siamo qui per un confronto, no? ;)
    La città non è solo la tua... quindi non sei solo tu che ti scaldi... se ci scaldassimo tutti come ti scaldi tu, sarebbe la guerra civile ;)

    RispondiElimina
  37. Signore, ma ha capito che non sono io a dichiarare tollerabile questo tipo di parcheggio al centro della strada bensì i vigili urbani chiamati? Se vuole glielo rispiego un'altra volta. Non sono io ma i vigili urbani. OK? Bene.
    Io non posso vendere l'auto poichè ho una madre disabile e sà mi creerebbe problemi notevoli spostarla per le visite mediche,lavoro e faccio dei turni anche di notte non pensa che ci possa essere qualche problema per una giovane donna girare in bicicletta o con i mezzi pubblici di notte? Ce la manderebbe sua figlia o sua moglie?
    Le capitali europee le ho visitate anch'io e si...certamente il problema del trasporto pubblico è decisamente migliore,ma le macchine sono tutte nei garage sotterranei? Questo no, le ricordo Barcellona, ma anche Londra e Berlino ( le ho visitate lo scorso anno a meno che non sia cambiata la situazione in 6-8 mesi...)Roma comunque come sottosuolo è molto diversa dalle altre città europee, noi abbiamo una storia anche sotto la città, quindi è un pò problematico scavare e fare quello che per lei è essenziale. La persona che ha commentato prima di lei ribadisce la stessa cosa che ho detto io, fare parcheggi organizzati come a San Paolo ( li stanno finendo ora) Perchè non sarebbe fattibile? Mi piacerebbe saperlo, Può provare a farlo senza darmi della cavernicola solo per il fatto che sono venuta ad abitare in zona marconi? :D
    Loredana

    RispondiElimina
  38. Vorrei aggiungere una cosa: non so se tu abbia davvero visitato le città europee a cui fai riferimento. Io sì, non tutte, ma alcune sì (Monaco di Baviera, Parigi, Londra, Barcellona, Berlino...). Di macchine parcheggiate in strada se ne trovano eccome. Con tutto che lì hanno una rete di trasporti pubblici che ci dà una pista... ;)

    RispondiElimina
  39. Non sono state affatto ignorate. Ho risposto che comprendo le preoccupazioni e che, ovviamente, se ci saranno come tu dici dei veri e propri geyser che fuoriusciranno dal terreno nessuno dovrà costruire alcun parcheggio. Ma ho dei fortissimi dubbi che nell'anno duemilaundici, con le tecniche che abbiamo a disposizione, si ponga qualche problema tecnico nel realizzare un piccolo (due piani soli se non erro) parcheggio interrato.

    Riguardo a Londra, Parigi ecc. I dati sulla quantità di parcheggi interrati e di parcheggi di superficie esistenti in queste città sono dati UFFICIALI, non siamo noi a dover fare un dibattito.

    Non ho seguito cosa stanno facendo a Giustiniano Imperatore, so che stanno facendo un grande pup proprio all'angolo con la Colombo. C'è un enorme cantiere. Se su Via Giustiniano stanno facendo parcheggi nello square centrale spero che li stiano facendo sul tipo di Via Appia, con uno square ordinato e regolamentato. Cosa impossibile da farsi a Via Fermi, che è parecchio più piccola di queste strade.

    Comunque se non vuole pigliarsi della cavernica, cara amica, deve inziare a convincersi che il massimo della vita, per una citta contemporanea, non è uno spartitraffico con delle macchine appollaiate sopra, bensì uno spartitraffico sistemato a aree verdi, giardini, aiuole e giochi. Un po come Corso Trieste e un po' come Via Fermi dopo i lavori, quando in mezzo alla strada giocheranno i bambini dove ora c'è l'Oceano Indiano di automobili.

    Per perlustrare tutta Londra, tutta Madrid e tutta Parigi abbiamo a disposizione Google Street View. Possiamo percorre ogni strada di quelle città. A chi va di cercare una strada che abbia lo spartitraffico "parcheggiato"?

    E infine, se davvero vogliamo dibattere, mettiamo da parte la PUTTANATA secondo cui ROMA E' DIVERSA. Non ci casca più nessuno. In tutto il mondo si comportano in maniera civile e noi non possiamo perché siamo diversi. Ma chi ci casca? A Atene ci sono tre metropolitane che solcano tutta l'Acropoli! Ma di che stiamo parlando? Ma come è possibile che dei semplici cittadini, come noi, finiscano a parlare di sottosuolo e confontino la geologia romana con la geologia londinese manco fossero laureati e masterizzati in speleologia? Ma come ci permettiamo? Se Roma può o non può accogliere normalissimi cantieri sotterranei lasciamolo dire ai tecnici e non ricopriamoci di ridicolo.

    Peraltro sarebbe curiosissimo capire perché un parcheggio di due piani nellaa città del gusto sia tranquillamente fattibile, mentre un parcheggio a due piani lungo via fermi (distanza: 35 metri) sia dannosissimo. Qualcuno riesce a spiegarcelo?

    RispondiElimina
  40. Questo è a Monaco di Baviera.
    http://maps.google.it/maps?client=firefox-a&hl=it&q=parking+free&ie=UTF8&sll=48.1172,11.535277&sspn=0.000926,0.002642&rq=1&ev=zi&split=1&filter=0&radius=0.07&hq=parking+free&hnear=&ll=48.116941,11.534844&spn=0.000926,0.002642&z=19&layer=c&cbll=48.116941,11.534844&panoid=jcJLlE5M-1tTolwl62Z1fA&cbp=12,104.34,,0,6.71
    Uno spartitraffico parcheggiato.
    E non è che abbia fatto una ricerca molto approfondita, eh... probabilmente se ne trovano altri mille :)
    Questo è sempre a Monaco.
    http://maps.google.it/maps?client=firefox-a&hl=it&q=parking+free&ie=UTF8&sll=48.153593,11.505674&sspn=0.00185,0.005284&rq=1&ev=zi&split=1&filter=0&radius=0.15&hq=parking+free&hnear=&ll=48.153403,11.504289&spn=0.00097,0.002642&z=19&layer=c&cbll=48.153403,11.504289&panoid=kNNy57pM9a6usjTI8_0ypg&cbp=12,219.72,,0,23.64
    Non è su uno spartitraffico, ma si notano le macchine con due ruote sul marciapiedi :)
    Non è per fare il bastian contrario... io sono perfettamente consapevole delle condizioni penose della viabilità romana, ma vorrei che si parlasse di cose concrete e non venissero fuori solo chiacchiere.

    RispondiElimina
  41. Ehi ehi, complimenti davvero per l'onestà intellettuale eh, davvero! Gli abitanti di MArconi ci dicono che i parcheggi devono essere gratis. Tu, poi, per dimostrare che anche fuori da Roma ci sono degli spartitraffico parcheggiati cosa fai? Vai su Google Map e fai una ricerca "free parking" sulla città di Monaco di Baviera -la migliore mobilità del mondo- e il sistema ti presenta una ventina scarsa di puntolini. Venti anfratti in tutto in una città intera dove poter, forse, parcheggiare gratis. E poi ne sottolinei uno distante -in linea d'aria, si badi bene- quasi cinque chilometri dal centro della città. Sai, in linea d'aria, quanto dista Via Fermi dalle Mura Aureliane?

    Davvero qualcuno pensa che Via Fermi potrebbe anche solo lontanamente esistere a Monaco di Baviera?

    RispondiElimina
  42. Non ho capito, cos'è che ti disturba? Cosa c'entra l'onestà intellettuale?
    Ma hai letto la proposta che avevo avanzato qualche post fa? Ho parlato di strisce blu, che non sono gratuite.
    Per effettuare la ricerca su Google Maps ho dovuto necessariamente inserire quella stringa di ricerca, non ti pare? ;) Se avessi cercato qualcos'altro, non mi sarebbe apparso ciò che stavo cercando.
    Vuoi per caso confrontare le dimensioni di Monaco con quelle di Roma? Non credo proprio... quindi le distanze e il numero di "puntolini" (come li chiami tu...) sono dati molto molto relativi.

    Ho precedentemente specificato che sono a conoscenza delle penose condizioni della viabilità romana, volevo semplicemente fornire dei controesempi a quanto hai affermato. A Monaco ci sono stata e, come ho detto prima, di macchine è pieno.
    Che poi il grado di civiltà dei tedeschi non sia nemmeno lontanamente paragonabile al nostro, è un altro conto. Ma anche in questo caso, dubito che siano dei parcheggi privati sotterranei a poter risolvere la questione :)

    RispondiElimina
  43. E, per inciso... chi ti ha detto che chi sta "combattendo" contro la nascita di questi parcheggi non stia combattendo anche affinché venga potenziata la rete di mezzi pubblici? ;)
    Secondo me dai per scontate troppe troppe cose... magari prima di sparare a zero su tante persone, prova a contare fino a 100 ^^
    Per me finisce qui ;)
    Buona continuazione a chi interverrà.

    RispondiElimina
  44. La tua proposta sulle strisce blu non è male. Strisce blu ai lati, allargamento e pedonalizzazione -con arredi urbani e panchine- dello square centrale. Riduzione della carreggiata a tre metri di larghezza per non permettere la sosta e rifacimento di tutti i marciapiedi.
    In questo modo, si puo' anche non fare il parking: basterebbe usare quello sotto la città del gusto e aprire quello di via Blaserna.
    Due problemi però:
    -nessuno dei comitati sarebbe daccordo, sai bene perché: il loro interesse non è salvaguardare case o alberi, il loro interesse è continuare a parcheggiare a cazzo di cane!

    -con quali soldi si farebbero queste riqualificazioni? Comune e Municipio sono in bancarotta e i denari per operazioni tipo questa possono arrivare solo dai milioni di euro che i privati sganciano sottoforma di oneri di concessione.

    RispondiElimina
  45. Nessuno dei comitati sarebbe d'accordo?
    Tu hai ascoltato le interviste fatte all'esponente del comitato No PUP Fermi?
    A quanto pare, no... ti passo il link
    http://www.romauno.tv/tg.aspx?ln=it&id=42&tg=1608
    Vai al minuto 11, circa... :)
    Buona notte!

    RispondiElimina
  46. Ho ascoltato moltissime interviste di questa signora e mi sono tanto rammaricato nel vedere una persona giovane e, ritengo, colta e preparata e dunque che, si spera, abbia girato il mondo, definire il viale che tutti abbiamo visto nel video qui sopra un posto "piacevole" e "bellissimo". Spice anche sentire dal lei, continuamente, la richiesta di parcheggi "gratis". Anche io vorrei gratis tutto: le bollette, la spesa, i viaggi. Ma purtroppo i servizi si pagano. E i parcheggi sono un servizio, tra l'altro un servizio che esiste in maniera molto limitata, dunque che necessita di una tariffazione per essere regolamentato. Accade così dovunque al mondo.

    Buona invece la proposta di strisce blu e di rifacimento dello square (traduco così aiouole?). Ma, ripeto, con quali soldi? Nessuno ne ha neppure un becco! E perché il Comune dovrebbe rinunciare ai milioni che gli conferirà la CAM? Perché il Comune dovrebbe magari chiudere un asilo nido o ridurre ulteriormente i servizi sociali per dar retta alle quattro persone che ho visto in piazza a protestare?

    I parcheggi interrati, nessuno lo considera, portano lavoro. Lavoro che vale come quello degli altri. Per realizzare un parcheggio si mobilitano ingegneri, muratori, oprai, geometri, maestranze, pittori, botanici e quant'altri. Decine e decine di famiglie che campano su questa attività edilizia che muove l'economia, genera reddito, paga imposte (temo un po' più dei commercianti di Via Fermi, se tanto mi dà tanto). Le auto in sosta selvaggia che tipo di indotto generano?

    RispondiElimina
  47. Gente dell'Eur Fermi non date ascolto al Profeta dei P.U.P. Tonelli!
    Non cadete nella trappola!
    Dietro di lui ci sono le famigerate società costruttrici e voi ci state cadendo come fessi!
    Abbandonate lui e i suoi seguaci(pochi per fortuna..)in queste belle proposte e progetti!
    Ma potete credere veramente che uno come lui ha abbandonato la macchina, va a piedi?
    Quello è uno di quei personaggi che non fanno 10 metri a piedi!
    Svegliatevi!

    RispondiElimina
  48. Bhe due passi a piedi dovresti farli tu, ma per schiarirti le idee. Visto che Via Enrico Fermi nulla c'azzecca con Eur Fermi. Questo è l'errore toponomastico che, a Roma, fanno tutti gli idioti! Aho, senza offesa eh?

    RispondiElimina
  49. Il problema che si può riqualificare senza tagliare e bucare... aprire il parcheggio di via blaserna (fatto dal municipio) e quidi poter applicare prezzi mensili "umani". sistemazione dei marcapiedi e allargamento del marciapiede vietando la sosta (con i soldi provenienti dal parcheggio stesso) è difficile???.
    Per questo dico NO PUP

    Marco

    RispondiElimina
  50. E' proprio vero: dietro certi pseudo-leader c'è la longa manus di queste ditte poco pulite ma che foraggiano certi personaggi!
    Cittadini che veramente volete meno auto in giro,,Non date retta a questi rospetti che si mascherano di progresso!
    Non cadete nel tranello!

    RispondiElimina
  51. Marco la tua proposta sarebbe attuabile purtroppo nel caso in cui la nostra amministrazione comunale fosse in salute e nelle condizioni di fare investimenti. Ma così non è, come sappiamo, anzi il Comune è prossimo al dispetto, deve chiudere musei e asili nido e servizi sociali. Figurarsi se ha i soldi per riqualificare un lungo viale. Dici prima che i prezzi del parcheggio sotto il parco di Via Blaserna dovrebbero essere politici (ma perché? Mi spieghi perché? Perché non fate una piega a pagare 2000 euro l’anno di assicurazione -e poi il bollo, i tagliandi, la benzina- e vi gettate in terra rantolanti per pagarne 1500 di posto auto? Io non riesco a capire proprio??) e poi dici che con il ricavato bisognerebbe riqualificare la strada. Cioè ti contraddici un filino.
    Ma soprattutto vorrei capire, in una situazione economica come questa, perché il Comune di Roma, l’amministrazione che gestisce le risorse di tutti noi, dovrebbe rinunciare ai-non-so-quanti milioni di euro che la CAM gli girerà come oneri di urbanizzazione. Perché? Quei soldi in meno, già conteggiati a bilancio, andranno nel caso il parcheggio non si faccia recuperati altrove. Andrà penalizzato un altro territorio, andrà ridotto l’orario di un museo, si dovrà ulteriormente risparmiare su qualche mensa scolastica. Ma perché porco giuda? Per “salvare gli alberi”? Ma abbiamo dimostrato che, in questo momento, l’unico modo per salvare quei poveri alberi che sono dagli abitanti della zona MARTORIATI ogni giorno è proprio spostarli.
    Non c’è un centimetro di ragionamento che torna con coerenza e chiunque abbia sale in zucca lo capisce alla perfezione.

    RispondiElimina
  52. Mmmmh forse non mi sono fatto capire.. nessuna contraddizione; Riqualificare.... non ho detto togliere tutti i parcheggi sulla via ma solo quelli centrali visto che aprendo il parcheggio di via blaserna i posti sarebbero bilanciati. E poi chi non ti dice che nessuno protesta per le polizze auto alte? e soprattutto tu parli di non so quanti milioni, ma precisamente che dati hai in possesso?

    Marco

    RispondiElimina
  53. Marco ho esagerato. Non avevo consultato la delibera che accompagna ogni parcheggio. Non tanti milioni, ma comunque un sacco di soldi che NON DEVONO ESSERE DILAPIDATI PERCHE' NON CE N'E' MOTIVO.
    Ho letto la delibera (eccola: http://www.comune.roma.it/was/repository/ContentManagement/node/N1963355727/342.PDF) e il contributo della società sarà un po' più di 500mila euro. Mezzo milione. Evidentemente il contributo è bassino perché la società si prende carico, a sue spese, di sistemare tutta la strada in superficie (lo dimostrano i renderings del progetto) manutenendo tutte le aree verdi per 25 anni.

    Mi domando: come fanno dei cittadini a dire alla propria amministrazione: rinuncia a riqualificare la strada a gratis, rinuncia alla manutenzione dei prati a gratis per 25 anni, rinuncia a 500mila euro cache.
    Ma vogliamo scherzare? E' roba da Corte dei Conti. Chi ce li mette i soldi che il comune dovrebbe perdere? I cittadini di Via Fermi un tanto a cranio?

    RispondiElimina
  54. Beh 500.000 oggi sono pochissimi... una casa di 80 mq costra cosi'...gli stessi soldi si potrebbero ricavare con pochissimo tempo aprendo sempre il parcheggio di via blaserna o per assurdo vendendolo ad un società qualsiasi che gestisce parcheggi.
    Io dico che il comune dovrebbe gestire e non svendere il suo territorio...

    Marco

    RispondiElimina
  55. Allora innanzitutto bisognerebbe vedere quando viene quotata, valorizzata la risistemazione di tutta la superficie. Ritengo che siano milioni, almeno due, così a occhio. Saremo ad un totale di 2,5 milioni che è, credimi, una cifra blu. Ad ogni modo condivido con te, se proprio vuoi saperlo: è troppo poco rispetto ai guadagni che si fanno con queste operazioni. E allora la battaglia facciamola per far si che queste società diano più quattrini indietro al Comune (io proporrei il doppio, se proprio mi debbo sbilanciare), non per far si che le infrastrutture non si facciano!!!

    RispondiElimina
  56. Vedete Tonelli come è informato bene dai suoi mandanti...
    Se approfondite sa dirvi pure quanto costa una trivella o quanto prendono in nero di soldi i dipendenti delle varie ditte!
    State alla larga da certe persone!

    RispondiElimina
  57. Beh quindi sei d'accordo con me che realizzare un opera privata dando spicci al comune è una cosa umiliante per la comunità? E poi un'altra cosa che è assurda... parlano di vendita... ma il terreno lo danno in concessione per 90 anni, e poi?

    Marco

    RispondiElimina
  58. ciao sono Sandro e VIVO su via Fermi, come mai non vedo e sento la proposta di imporre alla società costruttrice il monitoraggio prima e durante i lavori dei palazzi?
    Con monitoraggio non intendo perito con macchina fotografica (come è stato detto alla manifestazione), me la sbatto la macchina fotografica, da residente ESIGO un monitoraggio completo, con strumenti adatti e idonei (non vi devo dire io quali sono vero CAM?).
    L'unico problemino è che costano, serve personale qualificato...quindi meglio mandare "tizio" casa per casa a fare le foto ricordo.
    Basta con questa storia degli alberi, verrano ripiantati e sostituiti con aiuole, arbusti, cesti di frutta, quello che vi pare, ma li ripianteranno.
    Se non si volesse veramente il parcheggio bisognerebbe addurre motivazioni valide e concrete proposte alternative (come ho letto nei post precedenti di varie persone che VIVONO a via Fermi o comunque in zona)
    Dalla manifestazione di sabato mi è sembrato di capire che non ci sia una SERIA volontà di fermare i lavori, quanto piuttosto di avere la coscienza pulita e poter dire un domani l'italianissimo..."VE L'AVEVO DETTO IO!!!"

    RispondiElimina
  59. Marco io sono contento se i privati guadagnano, ma non sono un imprenditore e non ho partecipazioni in alcuna ditta dunque mi fa piacere che facciano un guadagno onesto e congruo per portare avanti l’azienda, fare ricerca, assumere, pagare le tasse e investire, ma il mio obbiettivo è che guadagni il comune. Ti dico di più: sono più radicale di te sai! Come farei io? Molto semplice.
    Prezzo che la ditta paga per realizzare il parcheggio. Intendo il prezzo complessivo, tutte le spese. Detraggo questa somma dal guadagno complessivo che la ditta realizza per la vendita dei parcheggi con una proiezione su 99 anni per i posti a rotazione. Da questo algoritmo tiro fuori l’utile-netto della ditta. Fatto 100 questo utile netto io, come amministrazione, chiedo di avere un terzo. Il 33%.
    Ovvio che sono d’accordo: i soldi che oggi le ditte corrispondono al Comune sono troppo pochi e devono aumentare. Ma alle ditte bisogna anche però dare la sicurezza di potere investire, di potere pianificare il medio periodo, di non essere sotto scacco da soprintendenze pretestuose che ti bloccano i lavoro tre anni per il ritrovamento di un sentiero e da comitati indegni di chiamarsi comitati.
    Queste sono le battaglie da fare.

    Riguardo ai controlli, super-scrupolosi, sono assolutamente d’accordo e le ditte dovrebbero essere obbligate, tassativamente, a farli. E magari si dovrebbe costituire una piccola authority indipendente, di proprietà e gestione comunale (ma finanziata con una quota ciascuno da tutte le ditte accreditate nel piano parcheggi), che certifichi seriamente la possibilità o meno di ospitare parcheggi per un terreno. Grazie a questo ente terzo si scoprirebbe che il 90% delle preoccupazioni dei comitati sono puro distillato di fuffa.

    RispondiElimina
  60. Massimiliano, tu sei uno dei convinti che gli appartamenti si rivaluteranno? Ho capito tutto e noi saremmo i cavernicoli analfabeti?
    Ah mi ero dimenticata di dirti una cosa, io la macchina l'ho già in garage, visto che non posso farne a meno come ti ho scritto qualche post sopra e quindi non spingo per avere posti "gratisse dove mettere la maghina "come dici tu, (scusami se non ho scritto bene, ma sai io non sono abituata a parlare così come credi tu). Non siamo un ammasso di vecchietti ed ignoranti solo perchè siamo in zona Marconi, ma questo tu (chissà perchè) ed i tuoi seguaci lo sapete già e sinceramente entrare in questa polemica sterile mi ha anche un pò tediato. Buon proseguimento...e mi raccomando fai bene il tuo MESTIERE, sarai ricompensato! Buona giornata senza rancore :D

    Loredana

    RispondiElimina
  61. Ciao Loredana, non cadiamo nel "trucchetto" delle offese, non ci facciamo distrarre da chi crede che in zona Marconi vivano selvaggi e incivili.
    Piuttosto cerchiamo, in questo e altri forum, di capire come garantire che il parcheggio, ormai inevitabilmente in via di realizzazione, arrechi il minor danno possibile ai residenti, e sia fruibile da parte di tutti...dai cafoni arricchiti (come qualcuno ci definisce) ai poveri zingari morti di fame (come altri ci definiscono), certo che potreste trovare una definizione univoca, almeno questo...grazie Sandro

    RispondiElimina
  62. bravaaaaaaaaa!!!!!!!

    RispondiElimina
  63. Attaccate chi si spaccia per progressista ed è solo al soldo di queste ditte senza scrupoli!..
    Manifestate e fate capire alla gente che questi malfattori non avranno mai il coraggio di farsi vedere in pubblico!..
    Avete mai visto un pro-pup come è fatto?..Che faccia ha?
    Sono solo bravi a parlare via internet e narrare di altre città europee dove i pup sono in ogni angolo!..
    Cancelliamoli dalla città!
    I PUP NON LI VUOLE NESSUNOOOOO!

    RispondiElimina
  64. Stendendo un velo pietoso su come parli impropriamente di diritti, di costituzione e di suolo pubblico (dovresti come minimo farti 5 anni di giurisprudenza e poi forse ne potremmo parlare), a me sembra che tu sia solamente un polemico, che fa polemica fine a se stessa.
    Magari hai anche ragione, non sono qui per sostenere l'una o l'altra posizione, ma credi davvero che insultare le persone sia il modo corretto per apportare argomenti validi ad una tesi?
    Ti trovo veramente fastidioso, fazioso e presuntuoso.
    Di certo non sei la persona adatta, per nessun tipo di associazione, e nella fattispecie per questo comitato, che possa essere incaricata di diffondere le proprie idee cercando adesioni tra il pubblico.

    RispondiElimina
  65. Buongiorno
    mi chiamo Enrico Pasini. Provo da circa 6 mesi a raccontare con uno "spirito di parte" ciò che succede nel quartiere Marconi (PUP o non PUP) attraverso un blog.
    E provo a raccontarlo mettendo a confronto le diverse posizioni, cosa che fa sempre bene alla crescita collettiva.
    Sul PUP Fermi io credo che giustamente gli abitanti di via Enrico Fermi lamentino un iniziale difetto di comunicazione con una assemblea pubblica andata deserta (pubblicizzata male, poco preavviso, convocata dalla società CAM e dal Comune) che in corsa hanno provato a recuperare incontrando Aurigemma.
    Magari organizzare un'altra assemblea pubblica per tutti (presenti società CAM, amministrazione comunale e municipale) non avrebbe fatto male.
    Nel blog ho dato voce agli esponenti del comitato. Lo rivendico, lo rifarei. Poi ho cominciato a leggere, a confrontare, a voler capire. A chiedermi quale fosse un ruolo responsabile della politica, dell'amministrazione.
    Nel frattempo le cose sono precipitate, da un lato perchè in un crescendo di forzature il Comitato (lo fanno tutti, in tutti i campi beninteso) ha iniziato a privilegiare alcuni TITOLI ad effetto, dall'altro perchè questi cittadini non hanno avuto - o meglio hanno avuto solo parziali risposte da parte delle amministrazioni.
    Risposte sugli effettivi PRO e CONTRO di un progetto, includendo i temi della sicurezza ed i temi degli oneri concessori. Risposte date in modo scientifico.
    A chi prova ad occuparsi di via Fermi in posizione laica e non sdraiata sul Comitato o su una adesione acritica ai PUP viene "garbatamente" detto (beninteso non dagli esponenti di punta del Comitato ma da qualche “esagitato”) ma se te non abiti a Fermi o Marconi perchè non ti fai i cavoli tuoi?
    In fondo è l'estremizzazione delle lotte di condominio.
    A parte che vivo a Marconi da più di vent'anni a circa 300 metri da via Enrico Fermi e che la conosco come le mie tasche, che il resto della mia famiglia non convivente lì risiede, che documento il quartiere nei suoi aspetti meravigliosi e nei suoi aspetti vergognosi, il problema di fondo è appunto questo: un’opera serve al condominio, all’isolato, alla via o serve al quartiere? ed ancor più è funzionale ad un progetto più ampio per la città, miri a renderla più vivibile?
    In tutte le analisi che ho visto questo punto è sottovalutato e spesso le controdeduzioni che si portano (esistono parcheggi a go-go) non tengono conto dell'effettivo stato e motivazioni.
    Oggi il Comitato NO PUP Fermi ha sfondato sui giornali. E’ un suo merito, perché coerentemente ha perseguito una battaglia.
    Non è un merito invece quello di alcuni organi di informazione che hanno riportato acriticamente la loro posizione.
    Ci si aspetterebbe che giornali come Repubblica facciano informazione a tutto tondo, confrontando, paragonando, indagando. L’articolo di Cecilia Gentile del 9 gennaio che ha trattato “la rivolta dei cittadini di via Fermi” è l’opposto di una informazione che informa. E’una informazione militante, che non guasta certamente. Ma che mi sarei aspettato su un “giornale di partito”.
    E così aspettando un articolo che dia prova dell'esatto contrario (e quindi apra la strada ad un confronto serio, scientifico che per punti analizzi PRO e CONTRO) i cittadini sempre più ostaggi del traffico, della sosta selvaggia e della disinformazione si arrangiano come posso.

    RispondiElimina
  66. Ho visto il filmato. Molto di parte, sembrerebbe che il signore in questione sia stato assoldato dalla stessa ditta appaltatrice o che ne faccia addirittura parte. I palazzi di via enrico fermi non sono degli anni 70 come vuole far credere ma degli anni 60 , infatti si dà il caso che la sottoscritta è venuta ad abitarvi nel 1968 ed i palazzi fin anche di fronte all'allora Consorzio Agrario ora UCI erano già stati costruiti nel 66. Perchè tanto acretine? Perchè non va a fare le stesse riprese in quella zona di degrado che è Viale Giulio Cesare dove veramente non ci sono parcheggi. Perchè i parcheggi di via Blaserna non sono aperti? Chi si deve occupare dei cartelli abusivi? Sono i vigili urbani o sbaglio? Cosa ci guadagna lei in tutto questo? I mio problema essenzialmente è sapere che la ditta costruttrice non rispode dei danni riportati eventualmente dai palazzi perchè non possiede la necessaria copertura! Allora, visto che Lei è tanto sicuro del progetto, suppongo, che Lei sia un ingegnere,un geologo, faccia un accordo con gli abitanti di Via Enrico Fermi se ne ha il coraggio; _ Si impegni a pagare eventuali danni riportati dai palazzi per i quali, come già sappiamo e torno a ripetere, non ci sarà la totale copertura assicurativa.
    Chi c'è dietro a Lei?
    ;

    RispondiElimina
  67. Esiste in questa città -ma essendovi dentro dei cittadini come lei occorrerebbe piuttosto chiamarlo 'paesone'- della gente, cara "signora" Francesca, che si impegna, si mobilita, si dà da fare e spende anche del suo senza avere dietro NESSUNO e senza guadagnarci ALCUNCHE', anzi perdendoci.
    Quello che lei è stata capace di scrivere è una vergogna assoluta. Parlare di "video di parte" è roba da idioti. Parlare di "acretine" (ma si scrive con la 'd') per chi vi sta spiegando che NON SI PARCHEGGIA SUGLI ALBERI è una cosa raccapricciante. Se la rassicura si pigli il mio nome e cognome, lo stesso che lei non ha il coraggio di scrivere, e si vada a vedere cosa faccio nella vita, dove lavoro e chi sono.

    Non sono un tecnico, ma come per quasi tutti i parcheggi interrati di Roma, che sono stati costruiti senza problemi, ritengo che si possa costruire anche questo. Come si sono costruiti parcheggi in tutta Europa. Ma se proprio lo vuole sapere mi auguro che solo uno, tra i tanti appartamenti, subisca danni a seguito del cantiere: indovini un po' quale...

    RispondiElimina
  68. Gentile Pasini, sono mesi che -ogni volta che esce un articolo fazioso sui Pup- scrivo a Cecilia Gentile per spiegarle che non esistono solo i contrari, non esiste solo chi è capace di dire no a tutto, non esistono solo i beceri, ignoranti, terroristi, non esistono solo coloro che venderebbero la figlia pur di continuare a parcheggiare in divieto senza pagar pegno.
    Se vuoi provarci anche tu, a domandarle cortesemente di fare il suo lavoro in maniera più corretta, questa è la sua e-mail: c.gentile@repubblica.it

    RispondiElimina
  69. Gentile "Signore" ricambio l'augurio per il suo appartamento e sono veramente lieta, visto il suo accanimento, di aver centrato il bersaglio!
    Visto il suo grande spirito ecologista perchè non si mette in contatto con gli ecologisti, che a quanto pare son contrari alla sua teoria?
    A qui protest se non a lei, ribadisco?

    RispondiElimina
  70. Prodest alla mia città. Prodest alla fine dell'insulto alla dignità che abbiamo tutti visto nel filmato. Prodest al fatto che Roma deve (DEVE!) adeguarsi agli standard di qualità di TUTTE le altre capitali mondiali dove le auto stanno sotto terra e dove la superficie è destinata ai pedoni, ai bambini, alle bici, agli anziani.
    A questo prodest.
    Ma, cara signora, lei, anzi TU, che il lei non meriti, non puoi capire. Perché nel tuo vocabolario intellettuale (come in quel del 99% dei romani, intendiamoci, non è colpa tua) non esiste la possibilità che in questa città qualcuno si impegni per il bene comune senza nulla in cambio.

    Il bene comune di un territorio non equivale a lasciare che i cittadini che lo abitano lo strazino di abusi fino alla fine. Ovvio che a loro piaccia così. Altrettanto ovvio che non sia questo definibile "bene comune", bensì "anarchia", "degrado", "stress" e tanta, tanta "violenza" (cosa altro le suggeriscono le immagini di un video che ho girato in 10 minuti con il mio cellulare, un cazzo di Nokia70 comprato dieci anni fa e forse di più, mica troupe e effetti speciali).

    Guardi mi dispiace per lei, leggo i commenti di tanta gente per bene come lei, ma quando vi si toccano i postimaghina diventate dei selvaggi e siete capaci di dire cose di cui vi vergognereste in qualsiasi altra circostanza.

    Ha cercato chi sono e cosa faccio nella vita? Mi domandi scusa per le accuse raccapriccianti che mi ha rivolto.

    RispondiElimina
  71. domandi scusa Lei per l'augurio che mi ha rivolto, visto che io difendo la mia casa ed il mio quartiere. La mia "maghina" è in garage a pagamento, se questo può confortarLa ma Lei non vuole vedere oltre. Bisogna sempre difendersi da persone come Lei! Non mi interessa sapere cosa fa, né chi lei sia, mentre non mi piace come interagisce, inflessibile, il Verbo. Sono certa che se il problema la riguardasse direttamente probabimente il suo atteggiamento sarebbe molto diverso, come tutti gli esseri umani. Ora comunque può correggere il suo video specificando che i palazzi sono degli anni 60 e non 70....inoltre, mi risulta che i platani abbiano radici profonde e non superficiali come i pinii marittimi....

    RispondiElimina
  72. Sugli anni Sessanta la ringrazio per la correzione. Io interagisco male? Mentre lei dando ad un cittadino che si impegna costruendo un blog che toglie tempo al lavoro ed alla famiglia e facendolo per pura passione civica del corrotto, del subdolo interagisce bene? Ma si rende conto della gravità? Ma si rende conto quanto fa vomitare una città dove, quando uno si impegna, desta sospetti? A me fa schifo una città così, possibile che a lei no?

    Ho un blog contro i cartelloni abusivi che si chiama Cartellopoli, ho un blog a favore del bike sharing che si chiama Bike-Sharing Roma e così via per quanto posso. In ogni settore mi hanno accusato, a seconda, di essere pagato da qualche ditta di cartellonari, da qualche multinazionale che gestisce sistemi di nolobici.

    A me fa impressione una città in cui se uno fa attività civica per il bene comune e non solo per difendere (ma da che?) il proprio orticello pieno zeppo di macchine in divieto, viene additato come corrotto, fa venire sospetti. Mi fa schifo che sia necessario chiedersi "cosa ci guadagni". E' di una tristezza infinita.

    A quest'ora, per come ragionate voialtri, sarei dovuto essere milionario.

    RispondiElimina
  73. Brava Francesca!...Come vedi quando non sa cosa dire si attacca alle inesattezze verbali!..
    Isolate questi sobillatori pagati da queste ditte che non garantiscono nulla ma solo il loro arricchimento!
    Questi PUPari tanto hanno una paura fottuta di farsi vedere in giro..
    Ma 'sto Tonelli lo avete mai visto?

    RispondiElimina
  74. Nel mio piccolo mondo le idee e i concetti prescindono dal fatto che uno li esprima tramite un blog o che uno li urli da un megafono come si faceva negli anni cinquanta. O sono idee giuste o sono sbagliate. Se tu, nella tua fossa delle marianne di ignoranza e cattiva fede, le reputi sbagliate, non cambierai certo idea “vedendomi in giro”. Ammenoché questo invito a “farsi vedere in giro” non sia da interpretare come un avvertimento di stampo mafioso o similia…
    Ad ogni modo, benché non sia certo un belvedere, se proprio ci tieni a guardarmi il faccino, ieri mi sono sparato un’ora di diretta su Roma Uno tra le 14 e le 15 a parlare di cartelloni abusivi (altro che “se ne deve occupare la municipale”, ci sono centinaia di cittadini che se ne stanno occupando in prima persona), bastava accendere la tv. Come basterà accenderla venerdì mattina presto, su Rai Tre, a Buongiorno Regione…

    RispondiElimina
  75. Cercare di togliere Roma ai "barbari" non le da certo il diritto di arrocarsi l' onnipotenza che sta manifestando. Rimanga al piano terra, che fra tutti questi commenti l'unico che ha offeso le persone che sono distanti dal suo pensiero e scritto "sfondoni" mi sembra sia stato solo lei.
    Sia civile come la "civiltà" che vuole diffondere nel nostro quartiere malfamato, pieno di furbi e di ignoranti.Ahahahah ( mi permetta almeno di ridere senza farla imbufalire e farmi mandare maledizioni come ha fatto poc'anzi a Francesca)
    Stendiamo un velo pietoso sul suo modo di ragionare, ma almeno potrebbe lavorare sul suo modo di esprimersi!
    Stia bene e cordiali saluti.
    Loredana

    RispondiElimina
  76. Eh no, perché stendiamo un velo. Non stendiamo, parliamone! La mia impostazione: Roma deve allinearsi al resto delle capitali occidentali, portando la sosta delle auto sotto terra e liberando la superficie per chi vuole passeggiare, sedersi ad un caffe, respirare, vivere.
    La tua impostazione quale è?

    RispondiElimina
  77. Come las Ramblas a Barcellona? Beh se ti attieni anche a questa città, ti dico che anche li erano parcheggiate in superficie, e sulla Piazza de Cataluna erano anche in doppia fila. Ma con questo non dico sia giusto il caos, non credere di essere l'unico paladino della giustizia, non sei mica Sailor Moon. Ed a parte questa battuta ti vorrei riportare sul problema parcheggi interrati a Via Fermi, come già ti ho specificato stiamo a pochissimi metri dal fiume e quando i vari palazzinari dell'epoca decisero di costruire il quartiere negli anni 50-60 lo costruirono su immondizia, sabbia e sassi presi dal fiume e su varie altre cose, quindi c'è sempre stata poca stabilità delle fondamenta, ma diciamo che adesso dopo molto anni avranno trovato un loro equilibrio Ti rendi conto che uno scavo così profondo (dicono 13-16 metri) va oltre le fondamenta , ed in più ci sono le varie planimetrie che dichiarano che sotto scorre proprio il fiume, non solo piccole falde acquifere. Perchè rischiare di perdere le nostre case? Almeno io, ma penso anche molti altri hanno fatto notevoli sacrifici per comprarle e poi? Se le dichiarano inagibili io dove vado a casa tua o a casa loro? Capisci quali sono le nostre paure, le principali paure sono queste. Per ultimo, sembra una grande speculazione perchè c'è ultimato da un anno e mai aperto per problemi stupidissimi un parcheggio interrato di circa 200 posti nella parallela Via Blaserna, quindi? Mi spieghi perchè si debba mettere a rischio alberi e case per qualcosa che non è essenziale in questo momento? Oltre a quello si potrebbero fare dei parcheggi organizzati con le strisce blù, non tutti i due lati a spina perchè non ce ne sarebbe il posto, ma un lato a spina e l'altro normale si.
    Tu sai perchè non si potrebbe fare e perchè proposto non è stato preso in considerazione? Posso poi io a questo punto pensare che sia solo una speculazione o no?
    Loredana

    RispondiElimina
  78. Le strisce blu su via Fermi, così come su viale Marconi sono da escludersi causa la potente lobby di commercianti su viale Marconi.
    Il parcheggio serve principalmente a loro, al comune, al municipio e alla Cam...in ultimo ai residenti, ma proprio in ultimo, dopo topi e scarafaggi.
    Non mi schiero ne pro ne contro il parcheggio, dico solo che visto l'inevitabilità della sua costruzione rompiamo le balle su controlli efficaci ed efficenti, garanzie che gli stabili siano lasciati integri, che la viabilità non venga peggiorata, che non venga lasciata una colata di cemento a dividere le due corsie, che mio figlio, come il vostro, un domani non mi sputi in faccia per averlo fatto crescere in un quartiere di cemento e asfalto, in una casa pericolante con un parcheggio che vale il doppio dell'abitazione.
    In conclusione se il parcheggio verrà fatto, come ormai è stato deciso dai NON RESIDENTI, almeno che venga fatto con tutti i criteri e per bene, rispettando le tempistiche e le aspettative di tutti.
    Se volete continuare a dibattere su chi è più cafone, maleducato e incivile sono disposto a mettermi al primo posto, basta che si torni a parlare dei problemi seri e reali, non di alberelli e inciviltà dei residenti, come se fosse l'unico posto al mondo dove si vedono scene del genere
    Un saluto
    Sandro

    RispondiElimina
  79. Questa storia dei quartieri costruiti sulla monnezza sono, in gran parte, leggende metropolitane. I cittadini di Piazza Gentile da Fabriano, al Flaminio, dicevano la stessa cosa. Poi in quattro e quattr’otto hanno fatto un grande pup sotto la piazza e nonostante i cittadini quasi ci avrebbero goduto, non è crollato manco un cornicione. Ma d’altronde erano gli stessi, identici, cittadini che –nonostante grazie al museo le loro case fossero triplicate di valore- lottarono e stralottarono per non far costruire il Maxxi, praticamente una delle architetture più incredibile realizzate in Europa nell’ultimo decennio, che è e sarà la svolta del quartiere Flaminio.
    Dunque, Loredà, che ti devo dire: ovvio che se fosse un terreno IMPOSSIBILE il parking non andrebbe fatto. Ma io non credo proprio che alcun terreno, tra l’altro con le tecniche di oggi, sia impossibile. A Via Fermi verrà utilizzata una tecnologia particolarissima che lavora sotto la pelle della strada, per la quale non occorre lavorare a cielo aperto. Non siamo negli anni Sessanta, per fortuna, e le tecniche costruttive sono cambiate. E poi se ci sono delle paure, invece di dire stronzate galattiche sulle macchie che secondo voi devono avere posti gratuiti in superficie (basta con sta cretinata!), perché non puntate tutto sui controlli. Perché non vi comportate da persone costruttive? Perché non esigete perizie imparziali? Perché non chiedete cose civili (che si faccia una infrastruttura sicura e impeccabile e che i tempi di realizzazione siano certi) piuttosto che cose oggettivamente incivili (lasciate tutto così che a noi ce piace sta in mezzo a sta pozzangherona de maghine!).
    E la tua proposta quale è? Semplice: ricoprire di macchine il viale un’altra volta. Una fila di auto a spina, una in linea e poi nell’altra carreggiata uguale. Quattro filari di automobili: complimenti. E’ questo il bene che vuoi al tuo territorio? Hai scambiato il suolo pubblico per un garage? Non capisci che questo è un malinteso che esiste ormai solo a Roma? Le strade NON SONO FATTE PER POSTEGGIARCI. Cercati, in questo blog, nel search, il meraviglioso testo del professor Vaciago (cerca VACIAGO nel search) e poi forse comprendi ancora meglio di cosa parlo.
    Speculazione? Utilizzate questa parola a sproposito. Come utilizzate “democrazia” e molte altre. Cosa significa speculazione? Non capisco quale accezione dai a questo termine.

    RispondiElimina
  80. Ti spiego perchè in questo caso si parla di "speculazione". Come ha confermato anche il signor Sandro, questa situazione la vuole l'associazione dei commercianti di Viale Marconi,non è un lavoro chiesto dai residenti. Che cosa viene loro in tasca? Sicuramente qualcosa c'è o no?
    I controlli? Ovvio che gli eventuali lavori saranno monitorati da nostri periti che saremmo costretti a pagare di tasca nostra non tua e non della cam.Ma la società Cam è una srl con un capitale sociale irrisorio, ci fossero problemi ai palazzi, chi pagherebbe? L'assicurazione è ridicola quindi? Questo è il problema. La nostra sicurezza vale molto di più dei parcheggi sotterranei. Garantiscano che come da disegnino ( bada bene non da progetto) vengano ripiantati gli alberi e non i bonsai , garantiscano circolazione fluida, garantiscano che non sia uno scempio anche delle circa 50 robinie laterali (poi perchè tagliarle?)Garantiscano la nostra SICUREZZA, garantiscano tutto questo invece si va avanti senza neanche ascoltarci e facendo orecchie da mercante e facendo come se noi non esistessimo. Ma si sbagliano.
    Loredana

    RispondiElimina
  81. Io non capisco perché è così deplorevole volere parcheggi gratuiti…perché nelle altre metropoli europee non è così? Che giustificazione è?
    “Io dico che il comune dovrebbe gestire e non svendere il suo territorio...” marco sei un mito! D’accordissimo! Cos’è il comune, un ente pubblico territoriale oppure una società, che cerca solo ed esclusivamente il modo per fare più soldi? Così lo descrivi tu, Massimiliano.
    Inoltre io ci andrei piano con le illazioni…”paga imposte (temo un po' più dei commercianti di Via Fermi, se tanto mi dà tanto)”.
    In ogni caso non si tratta di attaccamento al posto macchina gratuito, dato che molte persone che hanno scritto qui, compresa me, hanno la macchina in un garage o parcheggio a pagamento!
    Si tratta di sicurezza, salute, futuro per la nostra via.
    Martina

    RispondiElimina
  82. Loredà, il quadro che abbiamo è questo! Che dobbiamo fare? Ci suicidiamo? Vuoi il mio parere? Reputo scandaloso che opere di questa entità vengano fatte da delle srl. Scan-da-lo-so. Non ci sono altre parole. E’ scandaloso punto e basta. Ma questo è il nostro panorama imprenditoriale. A Parigi i parking li costruisce una mega multinazionale quotata in borsa, a Madrid pure, a Roma li costruiscono srl con 100mila euro di capitale sociale. E ti garantisco, perché sono mesi che approfondisco questo settore, che dovete esultare (ESULTARE!) perché la Cam è o la migliore società che opera su Roma o una delle migliori.

    E comunque rimane il fatto che si parla di sicurezza guardandola solo con gli occhiali di una città che vive una dittatura dell’automobile. Loredana vogliamo dire che crolla un palazzo a Via Fermi (siamo nel paradosso, ovvio), vogliamo dire che perdono la vita 15 persone? Bene, mettiamole lì nel conto. Ipotetica ipotesi, assurda ipotesi, irrealizzabile ipotesi. Sarebbero 15 persone morte per la giusta causa di portare sottoterra un problema che, stando in superficie crea, qui si, insicurezza e morte. Perché un inventata instabilità di un palazzo è un grave problema di sicurezza, mentre 350 morti (e 40mila feriti!) ogni anno nella nostra città non lo è? Ci siamo rassegnati che quei morti lì pesano, contano, valgono meno degli altri? E non riflettiamo sul fatto non solo che domani potrebbe toccare a noi o ai nostri cari (www.achitocca.it) ma neanche sul fatto che queste perdite sono dovute in buona parte alla sosta disordinata e selvaggia che i parcheggi puntano, riuscendoci o meno è un altro discorso, a sconfiggere.

    Le società non vi danno ascolto? Beh, ti credo. Sfido io. Quelli hanno il terrore di cittadini come voi. Ma una società che vive di quello che fa dovrebbe interloquire con chi ha scritto gli statement che puoi leggere nella pagina facebook del comitato (dove tu intervieni copiosamente, dunque quelle porcherie le puoi leggere). Una ditta dovrebbe interloquire con chi, accennando a parcheggi completamente illeciti e abisivi, parla di “perdita di 500 posti auto”? Vi sembra che vi siate meritati in qualche modo l’attenzione di qualcuno? E’ anche imbarazzante per un amministratore –e infatti Paris vi snobba e fa benissimo- parlare con chi si pone sulle posizioni del no. Diverso è il tuo ragionamento che però fai qui e non sulle pagine del comitato: devono garantire che ci saranno almeno ai lati alberate degne. GIUSTO. Devono garantire la sicureza. GIUSTO. Devono pagare LORO delle perizie balistiche, tecniche, geologiche. GIUSTO. E farle fare a società specchiate e riconosciute, non ad amici loro. STRAGIUSTO. Questo è un modo di fare comitati civici, il modo che viene adottato da questi gurppi No Pup è di un egoismo e una inciviltà talmente marchiana da rendere impossibile alcuna interazione non solo con le ditte poco serie, che sono tante, ma anche con quelle fatte di gente per bene come Cam, DiVeroli, Trevi… (ora diranno che mi pagano lo stipendio: MA MAGARI!).
    Concludo con le robinie. Visto che prima di parlare cerco di informarmi, provetti esperti e botanici mi dicono che queste piante –peraltro come i pini- sono quanto di meno adatto c’è per le nostre strade urbane. Quelle robinie vanno selvaggiamente espiantate e manco ripiantate da quanto sono stronze guarda. Facciamo un bel falo’ col girarrosto con quel legname. Gli alberi da piantare nelle strade urbane si scelgono in base a parametri precisi, non in base al fatto che la ditta del cugggino di quel consigliere comunale del 1968 je avanzaveno le robbbinie. Ci siam capiti?

    PS. Martina sulla micidiale presenza di parcheggi gratuiti in sistemi urbani come quello romano (ma in tutti i sistemi urbani) parlerò in un post domani. Visto che, mi spiace costatarlo, occorre spiegare l’ovvio.

    RispondiElimina
  83. Secondo il mio modesto parere, con un cantiere di parcheggio che
    1) Migliorasse la viabilità in superficie, magari adottando il modello via Ciamarra http://www.romametropolitane.it/Corridoi/ATV/documenti/Brochure%20ATV%20FINE%20LAVORI.pdf
    Così si garantiscono due corsie di scorrimento, una corsia protetta che renda efficienti le corse degli autobus e spazio sui marciapiedi per i pedoni che ne hanno diritto. Via Enrico Fermi non ha nemmeno un attraversamento pedonale praticabile: così i marciapedi larghi non servono a niente. Le macchine devono diminuire parecchio e tutti ne guadagneranno.
    2) Venga realizzato gomito a gomito coi residenti, che devono essere coinvolti nel controllo di tutte le fasi dei lavori, col monitoraggio continuo delle condizioni di stabilità. In caso di danni paga il COMUNE che ha commissionato i lavori, non la Cam così non c'è pericolo per i risarcimenti. Poi il controllo comune dovrebbe riguardare anche il modo con cui utilizzare i nuovi spazi pedonali (giochi per bambini o spazio per passeggiare? Inserire una pista ciclabile o tante piante per sostituire gli alberi?).

    Detto questo una strada come Via Enrico Fermi potrebbe solo migliorare togliendo le macchine - SE IL CANTIERE VIENE FATTO BENE. Chi si trincera dietro il "salvate gli alberi" e poi vuole solo salvare la doppia fila dei clienti del suo ristorante sta pensando solo ai suoi interessi personali, e non a quelli comuni.
    Il lungotevere degli Inventori verso viale Marconi è pieno di parcheggi vuoti, A TUTTE LE ORE (peccato che il bellissimo video di Tonelli non lo includa). Sono vuoti quando a Via Fermi, a 100m di distanza, si parcheggia sulle strisce e sopra gli alberi. Chi vuole continuare a parcheggiare gratis potrà farlo lì, non c'è nessun dramma. Ma almeno smetta di offendere i diritti degli altri cittadini.

    RispondiElimina
  84. Come cosa viene in tasca alla lobby dei commercianti? Signora Loredana lei andrebbe in un centro commerciale senza parcheggio? ...eccole fornita la risposta.
    I controlli NON LI DOBBIAMO PAGARE NOI RESIDENTI, li deve pagare ed eseguire la CAM, o meglio, loro per primi si DEVONO INTERESSARE di salvaguardare le strutture già presenti, non come ho sentito più volte con foto di un perito che girerà casa per casa a scattare e immortalare le crepe esistenti.
    Le spiego una cosa fondamentale, tutte le costruzioni del mondo sono in continuo assestamento, la crepetta che si forma su pareti di carton-gesso, intonaci rappezzati o colonne di abbellimento non sono da ritenersi di grande importanza, quello che conta sono muri portanti e fondamenta.
    I primi, per non parlare delle fondamenta, sono molto difficili da verificare tramite foto, esistono strumentazioni adatte, monitoraggi che verificano la minima oscillazione, tecnici specializzati in questa tipologia di controlli.
    Il perito con la macchina fotografica lasciamolo alle assicurazioni per le automobili e le moto, a noi serve un'altra tipologia di assistenza e verifica, cosa che DEVE FORNIRE l'impresa costruttrice, non il RESIDENTE.

    RispondiElimina
  85. Riccà, già ho girato 10 minuti e il cellularino datato 2001 stava esplodendo!!!

    RispondiElimina
  86. Per rispondere a Riccardo e per spiegare a tutti coloro che non conoscono la zona:
    non è assolutamente vero che a lungotevere è pieno di posti liberi. Ci sono sere in cui neanche a Lungotevere c'è un posto libero, il che è ben diverso! Ma il "neanche a Lungotevere" vuol dire che la mattina, tra le 8 e le 12 nella nostra zona è facile pacheggiare, tutti vanno a lavoro, ma dalle 14 in poi è un incubo e tutti sti posti liberi a lungotevere, che sì, nella parte centrale a volte ha qualche posto libero, non ci sono!
    E' finita l'era in cui ad agosto lungotevere era vuoto, figuriamoci a gennaio sotto saldi!

    RispondiElimina
  87. (aggiunta al post precedente)
    il problema parcheggio è grande, per la sicurezza stradale, per i nervi delle persone, per l'ingolfamento dovuto ai negozi, ma a mio parere la soluzione non è questo scempio di pup.
    Martina

    RispondiElimina
  88. E allora qual è la soluzione?
    Lasciamo tutto come sta?

    RispondiElimina
  89. Aho, mi convince molto di più sto Tonelli che quei cazzari del comitato. Ci sta una differenza di competenza e conoscenza della materia pazzesca, e mi ha fatto scoprì quante scemenze m'avevano raccontato, scusate ma quando ce vo..

    RispondiElimina
  90. Io la soluzione non ce l'ho, ma certo tutti i rischi che corriamo non valgono la pena!
    Poi sapete qual'è il fatto...che lo so da talmente poco tempo che non ho avuto modo di documentarmi sulle alternative, certo sugli scempi già fatti si, e non li voglio per via Fermi!!!

    RispondiElimina
  91. x RiccardoMA: i danni eventuali dovrebbe pagarli il Comune?


    ahahahah come sei ingenuo, e ti dirò anche il perchè: il Comune di Roma sono 7 mesi che non paga i fornitori per mancanza di fondi...e si metterebbe a pagare i danni a te?

    RispondiElimina
  92. ...Ahò, l'ultimo che ha scritto deve essere il fratello o un titolare delle famose ditte per cui tanto fa propaganda!
    Continua a bere panzane pure te...

    RispondiElimina
  93. se intendevi me che ho risposto a riccardo, io sono un abitante di via fermi e dico che la Cam non sarà in grado di pagare se ci saranno danni ed il comune neanche ti sente, pensa un pò quanto hai capito tutto saputone... :)

    RispondiElimina
  94. "Ma se proprio lo vuole sapere mi auguro che solo uno, tra i tanti appartamenti, subisca danni a seguito del cantiere: indovini un po' quale..."

    Complimenti... grandissimo segno di rispetto nei confronti di chi non la pensa come te... sai, i tuoi modi stonano un po' con la "civilizzazione" che vai tanto pretendendo... forse sarebbe il caso di abbassare un po' i toni, non credi?
    Mah...

    RispondiElimina
  95. Chi mi dà del corrotto, chi mi dice che piglio dei soldi per fare un blog, chi mi dà del disonesto, del subdolo non è una persona che la pensa diversa da me, è una persona che si comporta da stronza. Lei gli stronzi come li tratta, coi guanti per caso?

    RispondiElimina
  96. Sì... infatti mi sto rivolgendo a lei come mi rivolgerei a chiunque altro: con educazione!

    RispondiElimina
  97. Ma quelli di Via Fermi non capiscono che le loro abitazioni varranno di più se inserite in un bel viale con giardin e non tra le lamiere delle loro auto parcheggiate in strada? Questa è miopia di chi non conosce la civiltà. Stessa cosa accaduta con il Maxxi, i residenti si lamentavano ed ora grazie al Maxxi le loro abitazioni valgono di più.

    RispondiElimina
  98. Mi pare del tutto evidente che se i rendering saranno un minimo fedeli a quello che sarà realizzato, le case in zona schizzeranno su, quanto a quotazioni, del 30% come valore al mq.

    RispondiElimina
  99. ...a meno di crepe grandi come canyon sui palazzi che potrebbero far leggermente deprezzare il valore degli stabili
    ma è solo una mia supposizione, niente di scientificamente provato

    RispondiElimina
  100. se se, varranno di più gli appartamenti? Certo specialmente se avranno crepe come in Via Santamaura.... e poi comunque l'educazione nell'esprimersi, caro anonimo che ha scritto alle 10,14: " quelli di Via Fermi " e " gente che non conosce la civiltà", ci vorrebbe in ogni caso anche se non si è della stessa opinione, non crede?
    Paola

    RispondiElimina
  101. Paola, diciamo che mi riferivo alla civiltà europea-occidentale-mondo sviluppato. Fare parte di altro tipo di civiltà non è mica un insulto, ma non posso evitare di scrivere quello che vedo e che appare chiaro. Vivere in quel modo, accampati, non rispettando passaggi pedonali, scivoli per disabili e gli alberi, divorando il suolo pubblico come feroci piranha, senza neanche poter passeggiare nel proprio viale a causa delle macchine posteggiate ovunque magari farà parte della "civiltà" di qualche posto del terzo mondo o paese in via di sviluppo con difficoltà, non fa di certo parte della civiltà occidentale. Non solo si vive in quel modo ma visto che si difende questo status quo, invece di fare di tutto affinchè che la situazione migliori, evidentemente si è anche orgogliosamente non appartenenti alla civiltà presente nel mondo sviluppato ed in parte del mondo in via di spiluppo. Quella di Via Fermi è roba da Cluj, brutta città della Romania con alta presenza di rom, non da Bucarest molto più ordinata e dove le usanze di Via Fermi non sono presenti.

    RispondiElimina
  102. Guardi ha nominato proprio Cluj e Bucarest che ho visitato ultimamente, Bucarest molto ordinata non direi, comunque se lei la pensa così avrà le sue buone ragioni. Prima cosa scivoli per disabili occupati e macchine in doppia fila non credo che sia una prerogativa di Via Fermi, ma di tutta Roma e non solo o mi sbaglio? E' la mentalità e la disciplina che mancano, ma non solo a Marconi Signor anonimo e le basterebbe arrivare all'Eur che notare la stessa cosa.
    Secondo Lei pensa che togliere un viale alberato in un quartiere così poco verde, togliere alberi decennali che almeno provano a fare barriera allo smog , fare uno scavo di circa 16 metri su falde acquifere e a pochi metri dal fiume stesso, fare scavi su terra di riporto in zona R2 ( A GRAVE RISCHIO IDROGEOLOGICO) possa farci divenire " civili" come nelle grandi " Capitali Europee"? (comunque se lei non viaggiasse solo in Romania si renderebbe conto che Londra Parigi Berlino Barcellona ed anche Madrid sono strangolate sia dal traffico che dalla mancanza di parcheggi)
    Le pensa davvero che il PUP a via enrico Fermi potrebbe aiutarci a vivere meglio? Io non credo!
    Paola

    RispondiElimina
  103. Paola, anche tu sei anonima firmandoti Paola :) vuoi che scriva il nome proprio, rigorosamente senza cognome, come fai tu, per far finta di aver messo la faccia? non sarebbe una presa in giro vista l'assenza del cognome? Riguardo il tema, ho vissuto a Madrid e frequentato mezzo mondo, nelle capitali europee non si vive in quel modo. L'esempio di Cluj e Bucarest, che conosco, era perchè situazioni alla via Fermi (hai ragione a dire presenti anche nel resto di Roma) si verificano dove c'è alta presenza di rom.

    Riguardo i problemi tecnici. Non ci si avventuri in materie che non si conoscono, oggi ci sono le tecnologie per realizzare in tutta sicurezza cose ben più complicate del pup di Via Fermi.

    RispondiElimina
  104. Io l'ho chiamata anonimo delle ore... per far capire a chi era indirizzata la risposta, io non lo faccio per metterci la faccia, su questo sito sinceramente non mi interessa, sto semplicemente dialogando "civilmente " con altre persone con idee diverse dalle mie? Lo trova così strano?Se vuole firmarla anche con un nome finto ( il mio non lo è) va bene, così potrò chiamarla per nome, finto o vero che sia.
    Ma comunque visto che non conosce neanche il mio cognome, come a fa a dire che mi avventuro in materie che non conosco? Non mi faccia il maschilista, potrei essere chiunque anche un geologo, non crede? Le tecnologie moderne possono essere scienza e non fantascienza, ne ho viste molti di danni fatti dai PUP in tutta Roma no?
    Paola

    RispondiElimina
  105. Paola ha ragione, quella robaccia esiste in tutta Roma. Ma si dà il caso che da voi qualcuno cerchi di risolverla e che voi diciate che la cosa non vi interessa. Mi pare francamente imperdonabile.

    Incommentabili cretinate le osservazioni su Berlino, Londra e Parigi. Lei davvero non sa di cosa parla.

    RispondiElimina
  106. Berlino soffocata dal traffico? signora Paola la inviterei a vedere questa città dove abito, dove i servizi di trasporto pubblico sono numerosi e le relative poche auto che girano vengono parcheggiate nei parcheggi coperti, per la felicità degli abitanti.

    RispondiElimina
  107. Ho vissuto un anno a Madrid e nessuno si sognerebbe di parcheggiare sopra agli alberi come a Via Fermi.
    I problemi di Via Fermi sono comuni a tutta Roma, ma il pup ve li risolverebbe. Io sarei contento se lo facessero a casa mia!

    Proprio a Madrid si contano decine di strade con parcheggio sotterraneo e con grandi marciapiedi in superficie. Passeggiarci è un piacere anche per gli anziani e le famiglie con bambini piccoli (cosa impossibile a Via Fermi). L'inquinamento è molto meno proprio perchè non si può parcheggiare in strada.

    RispondiElimina
  108. ma perchè voi dovete venire a passeggiare a via fermi? Ma perchè non state a casa vostra? Ho 76 anni ci sono nato in questo quartiere e ci cammino benissimo a noi va bene così se non vi piace rimanete nel vostro di quartiere nessuno vi chiama qui
    Antonio

    RispondiElimina
  109. Sig Matteo io sono stata diverse volte a Berlino e sinceramente le macchine ci sono , ce ne sono anche tante e non tutte sono parcheggiate sotto terra. OPPURE LE HANNO TIRATE FUORI E PARCHEGGIATE IN STRADA SOLO QUANDO VADO IO?
    Certo i mezzi di trasporto sono moooolto meglio dei nostri, solo questo, se si migliorassero i trasporti la gente userebbe meno la macchina a meno che non fosse proprio costretta, ma fare PARCHEGGI INTERRATI A PAGAMENTO non è certo un incentivo a non acquistare le auto, nel quartiere si creerà ancora più caos nelle vie vicine, ci sarà più smog e si vivrà peggio, ma a gente che non vive in zona, che vive a Berlino o a Prati o altrove che cosa interessa? Ma allora perchè vi interessa tanto fare i parcheggi QUI?
    Paola

    RispondiElimina
  110. bla bla bla bla....ma vai a lavorare, a scaricare le cassette di frutta al mercato invece di creare dei "blog" dove insultare la gente.......
    1) non c'è stata informazione, hanno spedito i 14.000 (?) inviti a c...o di cane;
    2) non è prevista fascia blu o agevolazioni ai residenti;
    3) prova solo ad immaginare - come residente e non come bla bla bla - l'espianto dei platani grandi come quelli che cosa voglia dire e per piantarli nel pratuccio di rifiuti per poi reinpiantarli se le indagini non vanno a buon fine (ping-pong col platano);
    4)vergognati ad attaccare così persone che magari hanno necessità vitale di avere un'automobile ma non la possibilità di pagare un mensile per parcheggiarla;
    5) basterebbe mettere qualche lampione in più, aiuole per proteggere i platani, non far parcheggiare più le auto al centro della strada, paletti agli scivoli per i disabili, i vigili che passassero più spesso e un pò più di civiltà e senso civico da parte dei cittadini;
    6) e soprattutto che le istituzioni più vicine ai cittadini - in questo caso il municipio - desse informazioni ai cittadini quando per ben due volte il comitato di quartiere ha interrogato l'architetto responsabile dell'urbanistica ed il comandante dei VV.UU. in un incontro ufficiale e NESSUNO SAPEVA PERCHE' STESSERO FACENDO GLI SCAVI ARCHEOLOGICI dove adesso la cam dovrebbe reimpiantare i platani!!!!! o hanno mentito spudoratamente (connivenze?) oppure non lo sapevano e allora ancora più grave.
    e con questo chiudo che sono nauseata.

    RispondiElimina
  111. Ehllallero. Anche io ho necessità impellente, a causa dello stress che mi attanaglia, di andarmene d'inverno venti giorni nei mari nel sud senza per questo dover pagare il biglietto dell'aereo. Ho provato, ma non ce l'ho fatta.

    Parcheggiare l'auto in strada senza pagare non è un diritto, finché non arriverete a capire questo non solo non si andrà da nessuna parte, ma nessuno potrà chiedervi scusa per le accuse: ve ne meritate il triplo!

    RispondiElimina
  112. Tonelli, lei risponde sempre e solo ad una parte delle cose che le si chiedono. Lo fa appositamente per innervosire l'interlocutore o lo fa perchè è limitato lei? Cmq l'anonimo, prima le ha chiesto molte cose, perchè invece di inveire (in effetti abbaiare le riesce bene)non spiega? Potremmo anche cambiare idea e darle una mano ( ahahahahahah )
    Buona serata
    Claudia

    RispondiElimina
  113. A dire il vero cerco sempre di rispondere su tutti gli aspetti e sono sempre a disposizione, col mio nome e congome e con la mia faccia, unico tra tutti, a dare risposte e spiegazioni su come la penso. Dunque, a disposizione.

    RispondiElimina
  114. Scusate, ma questo è il blog dei propuproma o il blog di Massimiliano Tonelli ? Perchè, sinceramente, a favore del PUP di Via Fermi mi sembra esserci solo lui !!!!!

    RispondiElimina
  115. Rispondo a quei signori che definiscono il quartiere << di vecchietti, incivili e..>> lasciamo perdere!!! Evidentemente chi parla cosi' non accetta che 5000 firme ( quindi 5000 persone che hanno firmato) sono contro al costruzione di questo scempio e se siamo ancora in democrazia, ma di questi tempi, vanno rispettate le idee della maggioranza!!! E comunque i rischi ci sono e i rilievi sono stati fatti all'acqua di rose...anche perche' davanti agl'interessi non c'e' sicurezza che tenga, non dimentichiamo l'Aquila e di come erano state costruite le case!!! Non scordiamo che abbiamo come area da riqualificare ex Miralanza ma evidentemente la' qualcuno ci guadagnava poco!!! Non dimentichiamo la vergogna dei parcheggi ATAC in via Blaserna...che come ente non avrebbe neanche potuto gestire!!!
    Si documenti prima di parlare!!! Non e' una questione di chi puo' o di chi non puo' avere l'auto...ma di un quartiere che verrebbe congestionato da anni di lavori...trivelle altezza finestre e balconi e immancabilmente aria insalubre...paralizzazione dei negozianti di serie < B > come qualcuno sulla via centrale li ha definiti perche' piu' interni!!!Un viale che l'estate sulle poche panchine vedono anziani che socializzano e si riparano all'ombra di qualche platano...ombra...che con l'estirpazione verra' a mancare..rischio idrogeologico, interruzione di acqua corrente, luce e gas...perche' questo signore, se gia' non lo e', non chiede alla cam di assumerlo? penso che sarebbe un grande aziendalista!!!

    RispondiElimina
  116. Puttanate ridicole. Non dovreste osare a bestemmiare la "democrazia" in questo modo. Questa non è democrazia neppure lontanamente, questa è la forma più becera e burina di demagogia. Facciamo una raccolta di firme sulle multe e le contravvenzioni? Scommettiamo che raccoglieremo non cinque, bensì 50mila firme contro le multe? Che facciamo, aboliamo le multe? Facciamo una raccolta di firme contro le tasse? Scommettiamo che raccoglieremo non 50, bensì 500mila firme. E che facciamo, aboliamo le tasse così chiudiamo asili nido, ospedali e servizi sociali? Ma vi rendete conto al livello di bassezza a cui arrivate? E' semplicemente osceno!

    RispondiElimina
  117. la riqualificazione di questo quartiere non e' mai stata nei progetti di nessuno soprattutto a chi ci ha chiesto i voti per la circoscrizione XV altrimenti avrebbero potato alberi...costruito giardini...invece di ponti o spalare un po' di terra inquinata dagli scarichi dell'ex miralanza (che abita da tempo nel quartiero lo sa') per piantarci quanti platani? Per favore non prendiamoci in giro!!! ora sta a tutti a cuore la realizzazione di quanti parcheggi interrati? non bastano neanche ad accontentare gli abitanti di due palazzine di via enrico fermi...io dico si al comitato no pup e dico forza ragazzi l'unione fa la forza...lottiamo per gli anziani del nostro quartiere, per i bambini, le persone che tutti i giorni lo vivono e per una democrazia che ci vogliono togliere, ossia la possibilita' di scelta, chi parla così e' perche' non va oltre il proprio naso si facesse un giretto tra gli abitanti di Testaccio, SantaMaura ecc...se vivono bene o nel terrore che tra l'oggi al domani devono lasciare la loro casa perche' non piu' agibile!!!E non venitemi a parlare dell'estero...perche' ahime' siamo in Italia e chi ci governa bhe lasciamo perdere!!!

    RispondiElimina
  118. ..l'ultimo anonimo ha pienamente ragione, inoltre vedremo quante persone rivoteranno ancora paris per il xv municipio visto che lui è sempre stato latitante alle richieste di incontro e di discussione con gli abitanti della zona...
    Di una cosa sono sicura..io non lo rivoterò, e come me penso la maggior parte delle circa 6000 firme. Gli converrà questa situazione? Male che andrà vorrà dire che ..."mal comune mezzo gaudio". Non soffriremo da soli!

    RispondiElimina
  119. 1- Spiegatemi un attimo... viale Marconi credete sia molto meglio???

    2- Usando tutti i paroloni alla "striscia la notizia" si e però tralasciato il fatto che il parcheggio non vuole far altro che privatizzare suolo pubblico...perchè non creare un parcheggio sotterraneo mantenendo comunque un parcheggio in superficie a portata di chi il posto a pagamento non può permetterselo?

    3- pensate davvero che quelli siano alberi che devono "assolutamente" essere abbattuti?
    quegli alberi sono li da moooooooooolto prima di tutti noi e basterebbe un minimo d'intelligenza per capire che l'albero ha una capacità rigenerativa di gran lunga superiore all uomo e, a meno che non siano malati non c è il bisogno di tagliarli/ucciderli...

    non sono nè prò nè contro il parcheggio... sono solo per l obbiettività e questo video di obbiettività ne possiede veramente poca....
    un ultima cosa..... non mi sono informato a riguardo ma da cosa si deduce che i cartelloni pubblicitari siano abusivi??? io credo che con il video, con i paroloni, le insinuazioni infondate non si è voluto far altro che "buttare merda" sui contro-parcheggio. Sono e continuo ad esser certo che le vie di mezzo, come dicevo prima, sono le migliori!

    RispondiElimina