giovedì 9 dicembre 2010

Via Cesena? Si valuti un parcheggio multipiano fuoriterra



A quanto pare il nostro post di qualche giorno fa in cui si dimostrava, telecamera alla mano, che l'adagio "i pup non servono" è una sciocchezza grande come una montagna, ha colpito nel segno.
Accessi alle stelle per Pro Pup e ben cinquanta commenti alla notizia. Con un corollario mai visto prima di insulti e improperi tutti basati sul più trito e vergognoso dei Nimby (il parcheggi non sotto casa mia, piuttosto sotto la tua; ma magari rispondiamo noi), su volgarità pedestri ("nun ce rompete li cojoni"), su teorie bislacche ("qui sotto passa il terzo fiume di Roma", se se un fiume di puttanate!) confezionate apposta per mettere paura alla povera gente che non sa, non si informa, non viaggia. Già non viaggia, poiché ciò che chiede Pro Pup Roma è solo una città che abbia, o tenda verso, standard internazionali. E' chiedere troppo?
Il video parla chiaro ed è troppo, troppo difficile da smentire, per cui si va avanti con le urla e le ingiurie.
Che però ci rimbalzano addosso poiché noi rilanciamo: bene, sotto via Cesena passa il Gange? Pazienza, il parcheggio si farà in modalità autosilo: ve ne sono altri a Roma e altri ancora sono in costruzione. Ormai i parcheggi multipiano fuori terra sono una realtà benvoluta in tutto il mondo almeno a partire da questo nuovissimo progetto dei grandi Herzog&DeMeuron (foto in alto) inaugurato a Miami. Ma di parcheggi multipiano fuoriterra se ne fanno di tutti i colori, alcuni anche dotati di giardino verticale per non vedere neppure lontamente le auto che sono posteggiate dentro.
E ora quale scusa addurrano i comitati che poi non sono comitati di nulla, ma solo accolite che professano il Culto della sosta selvaggia? Come risponderanno i gruppi che tutelano la sosta selvaggia che -nei commenti lo avete letto- considerano il posto auto come "un diritto", che vanno avanti con il motto "questo è il quartiere mio e lo riduco a letamaio come voglio io e voi pensate al vostro"? Pro Pup Roma è un blog che non rappresenta nessuno e, purtroppo (ma cosa aspettano a darci un sostegno?) non ottiene il becco di un centesimo da nessuno. E' semplicemnete un blog dove si pubblicano idee di chi vuole che la città si adegui al mondo occidentale civilizzato. Chissà chi sono, invece, i commentatori che sempre di più si stanno scagliando contro il blog? Quali interessi proteggono?

Dove si puo' (se ne sta facendo uno a lungotevere degli Artigiani, proprio di fronte a Testaccio, quindi...), i parcheggi fuoriterra potrebbero essere una soluzione allo scandalo. Non ci sarà più il cantiere a bloccare il traffico, più problemi archeologici, più nulla di nulla. Cosa si inventeranno per continuare la campagna del no a tutto? Diranno che c'è troppo vento?
Ms quel che conta, per noi, è il nervosismo dell'utente medio e le sue ingiurie: significa che stiamo cogliendo nel segno. Andiamo avanti.

34 commenti:

  1. Bravo! Io sono molto deluso dall'operato di Marchi e della Fantino su questo parcheggio. Si sono arresi ai ricatti di questi prepotenti che non sanno cosa sia il processo democratico : si vota > si elegge un rappresentante > il rappresentante presenta un progetto > l'assemblea lo vota per tutelare l'interesse collettivo. STOP. Proteste, comitati, etc. sono solo VETI DI MINORANZA contrapposti all'interesse collettivo dell'intera cittadinanza, che comprende anche i non residenti e che guarda ad un'ottica complessiva e non solo al proprio orticiello! Questo va chiarito fin da subito!

    RispondiElimina
  2. Con un corollario mai visto prima di insulti e improperi tutti basati sul più trito e vergognoso dei Nimby"

    Sul nimby non so , ma come ho già detto, purtroppo gli insulti e improperi, nei tuoi blog, sono una costante ! Chissà perchè succede ?

    RispondiElimina
  3. stefano di biagio9 dicembre 2010 17:28

    Se un uomo è deciso a dare il massimo di se stesso, non ha tempo da perdere in liti personali e non può permettersi le eventuali conseguenze, come perdere la calma e l'autocontrollo. É meglio cedere il passo ad un cane piuttosto che essere morsicato per una questione di principio. Anche se lo si ammazzasse, nessuno riuscirebbe a togliere il morso. ( Abraham Lincoln )

    RispondiElimina
  4. SIETE SOLO DEI CIALTRONI AL SOLDO DEI COSTRUTTORI. DITE UN SACCO DI STRONZATE SENZA FONDAMENTO. PARLARE CON VOI E' COME PARLARE AL MURO. SI VEDE CHE AVETE TEMPO DA PERDERE. MA EVIDENTEMENTE VI PAGANO BENE APCOA, BEST IN PARKING, CAM EDILIZIA, ECC.

    RispondiElimina
  5. MA CHI LI VUOLE QUESTI PARCHEGGIIIIIIII? NOI ABITANTI DEL TRIANGOLO VERDE "GIARDINO MASTROIANNI" NON LO VOGLIAAAAAMOOOOO!!!!!! MA COSA NON VI E' CHIARO IN QUESTE PAROLE?
    MA TU CHE SCRIVI ALL'INIZIO DOVE VIVI? CE L'HAI UN PARCHEGGIO DAVANTI ALLE TUE FINESTRE?
    COSTRUISCITELO DAVANTI CASA TUA SE HAI TANTA SMANIA DI MULTILEVEL PARKING!!!
    LO DICIAMO IN ITALIANO MA SE VUOI TE LO DICIAMO IN TUTTE LE LINGUE: "VOGLIAMO SOLO UN GIARDINO!!!!!!"

    RispondiElimina
  6. Il parcheggio multipiano non sarebbe male ma con il volto della Fantino scolpito sopra, tipo Washington, Jefferson, Roosevelt e Lincoln sul monte Rushmore nel Dakota del Sud. La leggiadra presidente potrebbe così eternare il suo operato davanti agli abitanti di via Cesena, via Urbino e via Rimini.

    RispondiElimina
  7. Hanno realizzato un parcheggio multipiano del genere nel centro di Crotone e ha risolto tutti i problemi di traffico. Meditate gente meditate...

    RispondiElimina
  8. non c'è bisogno di andare a Crotone, ce l'abbiamo anche a San Giovanni il Parcheggio multipiano di via Magna Grecia. E come tutti sanno ha risolto tutti i problemi del traffico. Infatti è sempre vuoto, non lo utilizza nessuno e il traffico è sempre in aumento. Ma non avete più argomenti, raccontate un sacco di frottole, per chi ci casca. Basta col cemento!

    RispondiElimina
  9. Invito i SOSTENITORI DEL GIARDINO a E V I T A R E d'ora in avanti qualunque commento sul sito di questi prezzolati.
    Si rischia di fare il loro (sporco) gioco.
    ...Ed ecco infatti vederli gongolanti con le loro statistiche alla mano a contare gli accessi per poi riferire sbrodolanti di gioia ai loro PADRONI che sono i COSTRUTTORI.

    A MAI PIU'.

    A.

    RispondiElimina
  10. Hahaha... state a sbroccà.... sì, siamo tutti al soldo dei costruttori, verremo a passarvi sopra con le ruspe e dopo il nostro passaggio non ci sarà più un filo d'erba per i vostri bambini...

    Ma perchè non vi fate un giro fuori dall'Italia ogni tanto, non dico a Londra o a Parigi, anche a Budapest... per rendervi conto che Roma è l'UNICA capitale occidentale rimasta dove le macchine stanno per strada invece che sottoterra... siete fuori dal tempo, come quelli che facevano la guerra alle rotaie del treno e ai fili del telegrafo, altro che "vogliamo solo il giardino".

    RispondiElimina
  11. Ma perchè non vi fate un giro fuori dall'Italia ogni tanto, non dico a Londra o a Parigi, anche a Budapest... per rendervi conto che Roma è l'UNICA capitale occidentale rimasta dove le macchine stanno per strada invece che sottoterra... siete fuori dal tempo, come quelli che facevano la guerra alle rotaie del treno e ai fili del telegrafo, altro che "vogliamo solo il giardino".

    Mah, la solita risposta. Uguale per tutto ! Bah ! Bah bah bah !

    RispondiElimina
  12. Mi stupisco che la presidente Fantino non assuma una decisione drastica a favore dei PUP prendendo esempio dalla sua Argentina. Non parlo solo delle grandi città, Buenos Aires, Mendoza, Santa Fe, Rosario, ma anche centri minori come Libertador General San Martín o San Fernando del Valle de Catamarca, dove le strutture innovative rendono il traffico fluido. Evidentemente la presidente ricorda solo i periodi di Videla, Viola, Galtieri, ma anche Menem, De la Rua, Alfonsin, tralasciando la vera rivoluzione culturale del progresso.
    Hasta !

    RispondiElimina
  13. progresso ?
    Vedi il progresso ha portato la consapevolezza di altri beni, come l'ambiente, la salute , la cultura ! Che vigliacchi ! senza parlare di quei bastardi di kioto !
    scommetto che tutte quelle città le hai cercate su wikipedia. Probabile non sai neanche collocare pescara , l'aquila , terni ecc . (difficile ,non hanno la squadra in serie A.).

    RispondiElimina
  14. Il bello è che gli antiPUP vivono tutti in palazzoni di 8 piani a cinque metri di distanza da altri palazzoni di 8 piani, in quartieri interi fatti solo di palazzoni uno attaccato all'altro (l'Appio Latino è così).

    Poi quando uno di questi edifici potrebbe contenere automobili invece di appartamenti e liberare le strade, gridano allo scandalo come se gli si volesse togliere la luce dalle case.

    Ridicoli.
    Due pesi e due misure è la loro ragione di vita (oltre all'amore per strusciarsi tra le macchine parcheggiate).

    RispondiElimina
  15. In effetti a L'Aquila o a Terni o a Pescara ti ci vedrei bene, sicuramente hai parenti... Rispetta l'Argentina che ha sfamato tanti italiani (probabilmente anche tuoi parenti) e ti potrebbe insegnare molto...

    RispondiElimina
  16. Mi associo.
    Non date più retta a Tonelli e Co. che si sa sono al soldo delle società che elencano in bella vista.
    Si mascherano di progresso, citano le altre città europee e vedono solo auto e cemento.
    Non fate il loro gioco. Ignorateli e lasciateli a farneticare progetti e idee.
    Tutto quello che vogliono realizzare gli si ritorcerà contro.
    Il P.U.P. vi seppellirà!
    Adieu.

    RispondiElimina
  17. Beeeelllooooo!
    Sembra un incrociatore della Marina Militare!
    Ma dovete fare parcheggi multipiano oppure una base militare?
    Continuate così, ci troveremo una città come sul film Blade Runner!..

    RispondiElimina
  18. La vera Blade Runner è la città che abbiamo immortalato (a imperitura memoria) nel video girato a Via Cesena e dintorni. Anche se a voi piace tanto quella situazione, la vera realtà extraterrestre è quella, non quella di un parcheggio disegnato dal più grande studio d'architettura del mondo.

    RispondiElimina
  19. Ma le avete viste le soluzioni architettoniche avveneristiche esposte a Shangai? Ristoranti trasparenti realizzati dentro i pali delle centrali eoliche, parcheggi apribili a riconoscimento vocale, asfalto fonoassorbente, cable di connessione con hot swapping support. E ancora parlate delle sterpaglie, dei laghetti e dei vecchi furgoni !!!!

    RispondiElimina
  20. Seeee...Vabbè!
    Questo parla di cose da fantascienza!
    Vatti a vedere se a Shangai fanno i marciapiedi a mattoncino come a Piazza Re di Roma..Li hai visti come sono ridotti?
    E tu mi parli di tali opere!
    Ma stai un pò con i piedi per terra!

    RispondiElimina
  21. Cose da fantascienza? E' realtà, amico mio. Shangai, per la cronaca, è il posto dell'Esposizione dell'architettura internazionale e non dove hanno realizzato i marciapiedi a mattoncino. E "un pò" si scrive con l'apostrofo, "un po'".

    RispondiElimina
  22. Ma quali esempi citate?
    Ma vi rendete conto...Stiamo a livello di Calcutta e delle favelas di Rio e parliamo solo di questi cazzo di parcheggi!
    Ma pensiamo a fare cose che interessano tutti e non solo la cricca di costruttori di cui tutti vi fate portavoce!
    Citate queste grandi città pure per il verde che offrono!

    RispondiElimina
  23. Togliere un po' di macchine dalle strade ci renderebbe sicuramente più civili. In Italia non c'è una sola città ridotta peggio di noi da questo punto di vista.

    Abbiamo lo stesso numero di automobili di Los Angeles, ma con 1/10 dello spazio, per questo le dobbiamo mettere sottoterra. Magari piantandoci sopra un bel giardino come a Via Cesena.

    parcheggio+giardino+marciapiedi riqualificati, e l'apparenza da favelas sparisce

    RispondiElimina
  24. Puppa, sono d'acccordo con te ma è la bontà di tali opere che mi preoccupa e anche la sicurezza!

    RispondiElimina
  25. Che il parcheggio di Via Magna Grecia è sempre vuoto è una balla spaziale...all'ingresso c'è perennemente fisso un cartello scritto a pennarello che recita che il "parcheggio orario è chiuso"...ciò mi fa pensare che il parcheggio abbia tutti i posti affittati per il periodo mensile e nessun posto rimasto libero per la sosta a rotazione...

    RispondiElimina
  26. Esattamente Andrea...Tant'è che il prezzo (stabilito dall'agenzia della mobilità) è anche abbastanza caro: 2 euro/ora. Proprio perché la maggioranza degli stalli è occupata dagli abbonati.

    RispondiElimina
  27. Tra l'altro stavo ripensando a una cosa, nel 2005 lavoravo a Via Gallia e non trovando parcheggio, avevo chiesto a Via Magnagrecia quanto era il costo mensile...la risposta era stata che il parcheggio mensile era completo ma avevano le liste d'attesa, se mi accontentavo della terrazza avevo soltanto 3 o 4 persone in lista prima di me, se invece lo volevo coperto, le persone erano anche più di 20...e parliamo della gestione pre Atac...

    Tutto questo perchè le tariffe erano abbastanza sociali, per una Peugeot 106 mi avevano chiesto circa 80 euro, contro un garage privato di Via Pandosia che mi aveva chiesto esattamente il doppio...

    RispondiElimina
  28. Lo sono tutt'ora sotto la media dei prezzi di mercato.

    RispondiElimina
  29. E' veramente allucinante, tante chiacchiere solo per aprire bocca e dare fiato senza una precisa volontà di fare qualche cosa. Sembra che ognuno scarichi le proprie frustrazioni sugli altri in una sorta di suicidio lessicale collettivo. Che ci piaccia o no i parcheggi sono, insieme ad un trasporto pubblico efficente, l'unica salvezza per Roma. Ma allora in Europa (Londra, Parigi, Madrid, Berlino, Vienna, Innsbruck etc) dove questa politica è già stata avviata da diversi anni non hanno capito nulla?! Ma che ci faccio di un fazzolletto di verde per altro mal tenuto quando poi tutto intorno c'è un groviglio di auto parcheggiate ovunque che mi impedisce di godere quel poco che abbiamo?! Bah ditemelo voi perche io non lo capisco!

    RispondiElimina
  30. Questo gruppetto di idealisti di via Cesena mi fanno quasi tenerezza (ma me le fanno girare). Sono rimasti alla Russia di Lenin. Sono conservatori del nulla, anzi di uno spazio che di verde ha poco, fa schifo, è pieno di topi e di cacate di cani da anni. Un costruttore rimetterebbe le cose a posto ma loro vogliono il casino perché nel casino hanno un ruolo. Dieci persone che tengono in ostaggio un quartiere ! Solo a Roma si vede una cosa del genere !

    RispondiElimina
  31. L'ultimo commento fa capire con chi abbiamo a che fare...
    Un gruppetto di azionisti di quelle ditte famose che fanno loro il vero casino!
    Comunque quel gruppetto di idealisti ha fatto si che l'area diventi veramente verde.
    Tu verde lo diventi dal livore e basta.

    RispondiElimina
  32. pezzidimmerda. se l'uomo esiste è grazie all'ossigeno che gli forniscono le piante

    RispondiElimina
  33. A via Cesena si dovrebbe trasferire il mercato di via Orvieto e fare un progetto tipo il nuovo mercato di Testaccio. Parcheggio sotterraneo e mercato moderno di ottima architettura fuoriterra. In questo caso si potrebbe recuperare via Orvieto che diventerebbe un vero boulevard con al centro della via, invece del mercato, un parco alberato con platani.
    Questa secondo me sarebbe la migliore soluzione.
    Così si crea un parcheggio - un mercato nuovo e moderno - e un parco.

    RispondiElimina
  34. ma perché crearci un semplice asilo nido e lasciare mtq a parco pubblico no ? da neo genitore non mi dispiacerebbe un nuovo parchetto cosi in zona .. magari dare in gestione l'asilo se il comune non riesce a gestirli . di parcheggi è piena la zona

    RispondiElimina