venerdì 19 novembre 2010

La questione delle sistemazioni superficiali






Invio le foto scattate l'altro pomeriggio al parcheggio di via Jacopone da Todi angolo via Ugo Ojetti. Il parcheggio in questione è in funzione da un paio di anni, ma il degrado che lo circonda è assoluto. In superficie non è mai stato completato il ristemamento della piazza che risulta recintata con griglia di ferro ed abbandonata completamente. Al centro della piazza, come si può vedere da alcune foto, si è creato un rifugio per barboni che riempiono la zona di bottiglie, coperte e quant'altro. Un vero peccato che non si sia sfruttata l'occasione per recuperare una zona e liberarla dalle macchine.
Luca Perfetti


*E' fondamentale il tema delle sistemazioni superficiali dei parcheggi. Alle volte dipendono dal Comune, altre dalla stessa ditta che realizza il parcheggio. In ogni caso se le 'finiture' vengono realizzate in questa maniera poi non ci si deve sorprendere se si crea una larga fetta di cittadinanza ostile ai parcheggi. Deve cominciare a succedere, invece, che dopo l'avvento di un parking su un territorio, questo territorio beneficia di riqualificazioni: non solo marciapiedi più larghi e comodi e civili, ma anche nuovo verde nelle sistemazioni superficiali, un arredo urbano di qualtà, un'ottima illuminazioni. Porcherie come queste sono un autogol per le ditte stesse che si fanno terra bruciata attorno (ma d'altronde si tratta di imprenditori romani, ahinoi...) e sono un regalo ai tanti comitati egoisti che puntano a bloccare lo sviluppo del territorio. Non sarà possibile neppure in Albania o in Moldavia trovare un parking interrato con una sistemazione superficiale simile...
-Pro Pup Roma

20 commenti:

  1. Purtroppo non è l'unico esempio di PUP mal riuscito, a Largo Perestrello da anni hanno realizzato i box sotto terra ma sopra è uno schifo assoluto, non c'è neanche il mattonato ma solo terra, erbacce e migliaia di merde di cane, che i canari di zona portano tutti lì a defecare. La puzza attanaglia tutta la zona, ed è così da anni senza che si veda uno spiraglio o una possibilità di sanare tale scempio. Io sono favorevole ai PUP, ma devono essere fatti per bene, altrimenti ti credo che la gente protesta.

    Qui si parla della cosa:

    http://www.abitarearoma.net/index.php?doc=articolo&id_articolo=19478

    RispondiElimina
  2. Il problema consiste nell'affidare concessioni e lavori solo ai privati, che si beccano i soldi della comunità e se ne fregano se poi i box verranno venduti o meno. Tutti noi sappiamo come questo tipo di appalti vengono affidati a costruttori che o pagano il pizzo, o sono collusi o sono prestanome: in Italia è impossibile immaginare una situazione fatta secondo le regole (in Finlandia i ministri si dimettono per aver dimenticato di pagare i contributi alla colf!); quello che viene in mente, dopo aver visto simili scempi del paesaggio e dell'arredo urbano (giardini superficiali sono impossibili in quanto gli alberi, per crescere, hanno bisogno di terreno fertile per le radici, non di cemento!) è che questo tipo di lavori siano serviti solo per il riciclaggio del denaro sporco delle mafie che stanno dietro agli appalti in questione. Ci sono indagini delle magistrature che vanno avanti da anni, ma i poteri politici insabbiano tutto. Cominciamo a cambiare la classe politica che ci governa!Che fanno gli assessori del municipio a cui fa riferimento la zona delle foto in questione? Perchè la gente non si mobilita? semplice: - CONTINUA -

    RispondiElimina
  3. -SEGUE -
    perchè con trasmissioni come "il grande fratello", "amici", "porta a porta", e via dicendo, la classe politica crea ignoranza e l'ignoranza tiene la gente come un gregge obbedente! Senza pensieri e, se i pensieri dovessero balenare, senza la capacità di esprimersi (basta vedere l'ignoranza rispetto al semplice uso delle H e della punteggiatura nei vari blog e chat qui su internet!).
    La soluzione? Ho fatto una specie di brain storming sul blog di Via Albalonga e una cosa che mi viene in mente per via ugo ojetti è quella di far rilevare forzosamente (per inadempienza contrattuale) il sito in questione e trasformarlo non in box venduti a prezzi esorbitanti ed in concessione per 99 anni, ma in parcheggi liberi, mettendo divieti di sosta permanenti in superficie. Ormai il danno è fatto: limitiamolo, almeno!

    RispondiElimina
  4. Certo, come no. E dopo i parcheggi interrati gratuiti perché non anche la benzina gratuita ai poverini che sono "costretti" ad utilizzare l'auto? Si, dai, poverini...

    RispondiElimina
  5. concordo pienamente con Massimiliano Tonelli: sì, i parcheggi dovrebbero essere gratuiti, viste le tasse che paghiamo. Vogliamo parlare della benzina? Il costo del petrolio diminuisce e la benzina aumenta. A parte che la proposta fatta sopra si riferisce ad un eventuale esproprio da parte del municipio e mettere i parcheggi sotterranei a pagamento, come nel parcheggio di Villa Borghese, una domanda mi sorge, vedendo gli altri interventi di Tonelli: - CONTINUA -

    RispondiElimina
  6. da che parte sta? dalla parte dei cittadini che vogliono liberare le stade dalle auto o dalla parte dei costruttori che, se aumenta il traffico, trovano terreno fertile per aumentare il numero di parcheggi che dovrebbero (e vorrebbero) costruire? Con gli esempi delle foto di cui sopra?

    La questione è semplice: non c’è chiarezza nelle concessioni del comune a questi chiamaiamoli imprenditori (hanno fatto gare di appalto? Oppure si sono presentati alle segretarie degli assessori pagandole perché convincano i loro capi a insabbiare le proteste dei cittadini e, se ciò non consegue effetto, direttamente da chi ha il potere decisionale per “convincerli” che il lavoro “s’ha da fare” – parafrasando una famosa espressione di manzoniana memoria?) o meglio, palazzinari.
    - CONTINUA -

    RispondiElimina
  7. Non dimentichiamoci ciò che è avvenuto nell’area demaniale di Via Cesena il giorno della partita inaugurale dell’Italia ai Mondiali di Calcio del Sud Africa: la ditta Park Roi col suo capo in persona ( arrogante e completamente ignorante su ogni questione del vivere civile) si presentò subito dopo il fischio d’inizio della partita con enormi camion che trasportavano le trivelle per iniziare i lavori di un pup illegale – il terreno era ed è ancora del Demanio e non del Comune – ; centinaia di cittadini si sono opposti all’ingresso degli operai (tutti senza permesso di soggiorno, senza documenti – in pratica degli schiavi nelle mani di schiavisti - ) in quanto quell’area è il crocevia di passaggio del TERZO fiume di Roma, la Marrana, la cui umidità consente alle fondamenta dei palazzi circostanti di stare in piedi. - CONTINUA -

    RispondiElimina
  8. - SEGUE -
    La popolazione si è ribellata perché vuole avere le case sane, prima dei parcheggi che solo poche persone saranno in grado di esserne proprietari. Indagini Internet hanno messo in correlazione il nome del tipo della Park Roi con il famoso Sandokan dei Casalesi! Spero che nessuno qui possa pensare di entrare a far parte delle organizzazioni criminali che da tutte queste Opere Inutili ci guadagnano!

    Tonelli: da che parte stai? Con i cittadini o con i mafiosi? Gli interventi fatti non mi sembrano in linea con la ragionevolezza, ma solo con una linea di attacco contro chiunque dica cose diverse da quelle che ti hanno detto di dire. Sbaglio?
    stefano di biagio

    RispondiElimina
  9. Se è vero, come magari è vero, che le ditte sono gestite da camorristi, allora chiedete ditte migliori per fare parcheggi, non chiedete di sopprimere i parcheggi. La vostra malafede in questo non ha confini ne limiti.
    Siamo d'accordissimo: le ditte non sono all'altezza. Lottiamo insieme perché OGNI piazza e OGNI largo e OGNI strada venga perforata, bucata, ricoperta e successivamente pedonalizzata da ditte serie, internazionali. Ma non perché si continui a tenere il superficie il campo rom delle vostre cazzo di automobiline di merda!

    RispondiElimina
  10. Isolate Tonelli che si maschera di progresso e poi combina solo casino!
    Non sa delle realtà di ogni zona e parla solo perchè riceve ordini da ditte e suoi accoliti!
    Ma chi le vuole cercare ditte per i p.u.p.?
    Noi vogliamo sempre più aree verdi e meno auto e basta!
    Tonè...Apri bene le orecchie!

    RispondiElimina
  11. Ma chi è 'sto Tonelli?
    Roma vuole solo verde e non cemento!
    Ce hnìè già troppo e grazie a quelli come te!

    RispondiElimina
  12. Vogliamo il verde e basta!
    Ma quali parcheggi e box!
    A Via Cesena ci sarà il giardino e lo dedicheremo a Tonelli e a quelli della Park Roi!
    Via Cesena è solo l'inizio e meno male che fate vedere pure i p.u.p. mal riusciti!

    RispondiElimina
  13. Ma dove sono questi dei pro-pup?..
    Parlano solo in questo spazio e poi?..
    Io non ne vedo nessuno in giro...
    Forse hanno paura di farsi sputare in faccia da tutti quelli che vogliono sempre più spazi verdi!

    RispondiElimina
  14. sONO ROMANO E VIVO A Monaco di BAviera. Qui in ogni piazza parcheggi interrati regolari, pochissime auto posteggiate in superficie. MA come è possibile che a Roma -manco da 15 anni- ancora ci siano dei personaggi che fingendo di proteggere il verde in realtà vogliono proteggere soltanto il loro diritto a parcheggiare in mezzo alla pubblica via? E' schifoso tutto ciò, da queste persone trasuda cattiva fede e ne sento il puzo fin qui in Germania.

    RispondiElimina
  15. A bavare'...
    Kome fai a zentire il puzzo di qveste perzone con qvello dei wurstel di cui vi rimpinzate in krande Cermania?
    Eppure lì zero traffico, più aree pedonali e più verde!
    Questo non lo dici!
    Auf wiedersen!

    RispondiElimina
  16. Il commento ironico sul bavarese dall'antipupparo sopra mi sembra davvero ridicolo. Certo che ci sono aree verdi a Monaco e aree pedonali e metropolitane (tra l'altro una residente mi sbattè in faccia che la metro fu costruita in 3 anni, roba da alieni...)ma anche tanti pup...perchè? Perchè Monaco è la patria della BMW! Li non hanno rinunciato alle auto, li le usano solo quando serve realmente e non per fare 500 metri per comprare le sigarette!
    In altre città tedesche tipo Passau la sosta a raso è usata per effettuare le commissioni giornaliere, 2 ore max! Se devi lasciarla di più ci sono i parcheggi multipiani disseminati nella cittadina! Niente doppia fila ma le auto ci sono eccome!
    Meditate antipuppari meditate...

    RispondiElimina
  17. A proposito di auto , avete letto? Abbiamo i taxi più cari d'Italia...
    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_novembre_23/agenzia-controllo-taxi-piu-cari-europa-1804229631989.shtml
    speravo si desse il dovuto spazio a questa notizia

    RispondiElimina
  18. Patrizio medita tu sulla realtà di Roma...
    Ci vogliono più aree verdi e basta.
    Il centro storico va chiuso totalmente al traffico e basta.
    Più bici, mini-bus elettrici, più tram!
    Le macchine ci hanno rotto!
    E basta!

    RispondiElimina
  19. Io so solo che con gli estremismi non si è ottenuto mai nulla. Ad esempio se chiudi il centro come le tieni lontane le auto blu? E i camion scarico merci? Il corpo diplomatico che fa quello che diavolo vuole anche sotto gli occhi dei vigili? We are not prepared!!!
    Ci vuole gradualità, ci vuole cultura, ci volgiono incentivi a lasciare l'auto a casa e ci vogliono i pup per tutto il resto delle esigenze.
    A tutti credo piacciano le aree verdi, le piste ciclabili, le aree pedonali...ma hai visto come sono ridotte a Roma? beh se vuoi fatti un giro negli altri blog curati da Tonelli, trovi i link qui in giro.
    Le macchine ci hanno rotto ma come la politica sono un male necessario...

    RispondiElimina
  20. Più che altro ci vuole arredo urbano, altroché pedonalizzazioni. Le pedonalizzazioni sono una sola senza fine. Ci stanno preparando una polpettina avvelenata che metà basta. Vi risultano pedonalizzazioni a Madrid o a Parigi, le città più avanzate in quanto a mobilità urbana? Zero o quasi.

    Le macchine, per quanto mi riguarda, devono poter transitare se proprio ci tengono. Quello che non devono poter fare è fermarsi in divieto. E, guardacaso, se sanno che non potranno fermarsi alla fine manco transiteranno. Così si ragiona in tutto il mondo civile.

    Pedonalizzare il Tridente significa condannarlo a vita alle violazioni impunite dell'area pedonale.

    RispondiElimina