lunedì 15 novembre 2010

A che gioco sta giocando questa donna?

Per come la conosciamo noi, Susi Fantino è una amministratrice, una politica, certo, ma una che in primis pensa al bene comune. Ebbene, noi non capiamo a che gioco stia giocando per quanto riguarda il sistema dei parcheggi e la sosta. Non capiamo quale risposta darebbe la Fantino alla domanda: è più "bene comune" la sosta selvaggia che trasfigura tutto il Municipio che tu governi o è più "bene comune" acconsentire alla realizzazione di posti auto regolari?
Cosa risponderebbe la presidentessa del IX Municipio? Non lo sappiamo...

Quello che sappiamo sono i fatti. E l'ostruzionismo che la minisindaca sta facendo di tutti i progetti Pup, belli e brutti, che si ritrova sul suo territorio. Cosa succede? La Fantino non si è accorta che il suo Municipio affoga nella sosta selvaggia? Non si è accorta della necessità di riqualificare tutti i marciapiedi e l'arredo urbano portando le macchine sotto terra e lasciando lo spazio in superficie ai bici, ai pedoni, alle mamme col passeggino, ai portatori di handicap ed agli anziani? Il suo essere così di sinistra non le suggerisce questi ragionamenti? Il suo essere così di sinistra ormai la porta a rendere perfettamente sovrapponibile il suo approccio a quello del peggior generone romano? A quello dei Pompi e dei Tredicine? Come è possibile che si arrivi a questo? Come è possibile che si arrivi al punto in cui un Municpio, data una autorizzazione a costruire un parking da parte di un privato da parte del Commissario di Governo per l'Emergenza Traffico, faccia si che non si conceda l'occupazione di suolo pubblico per iniziare i sondaggi?
Questo -davvero gravissimo- è capitato per quanto riguarda il parcheggio di Largo Vercelli, di cui abbiamo parlato più volte. Il cantiere per le relative indagini archeologiche doveva partire 6 mesi fa e non è mai partito. Perché? Perché nonostante tutte le autorizzazioni ci fossero e fossero regolari, il Municipio non concedeva l'occupazione del suolo pubblico. Uno scandalo amministrativo in piena regola che, giusto venerdì scorso, è stato sanzionato dal TAR che ha dato ragione a CAM srl, società incaricata di realizzare il parcheggio.
E ora chi ci guadagna, cara Susi Fantino? Non certo il Comune, costretto a pagare gli ingenti danni che la ditta privata ha subito a causa del ritardo. Non certo il personale del Municipio, che sarà citato in giudizio personalmente per omissione d'atti d'ufficio. Non certo il quartiere, che avrà dei ritardi nella realizzazione di una importante infrastruttura.

Non sarà mica che anche Susi Fantino è diventata una di quelle che si oppone alle cose solo per motivazioni meramente politiche ("l'autorizzazione l'ha rilasciata Alemanno e io, pure se ci servono parcheggi come il pane, la boicotto") infischiandosene del famoso bene comune di cui dicevamo sopra? Ci auguriamo davvero di no. Ci auguriamo davvero che episodi simili non si verifichino mai più, nel nel IX ne in altri municipi.

Cara Susi Fantino, i parcheggi interrati sono il sistema che tutto il mondo ha adottato per risolvere il problema della sosta selvaggia. Uno dei sistemi, naturalmente, assieme all'arredo urbano ed ai corretti servizi pubblici di metro, tram e bus. Uno dei sistemi che non deve prescindere dall'altro, ma che dal quale non si può prescindere. Cara Susi Fantino, ci deve spiegare, per filo e per segno, perché Madrid è zeppa di parking interrati, perché Madrid è zeppa di parking interrati, perché lo è Londra e per quale patetico motivo noi non possiamo esserlo e dobbiamo sorbirci le maghine sui marciapiedi, in curva, parcheggiate sulle strisce, di fronte agli scivoli per gli handicappati, in doppia ed in tripla fila. Perché? Forse per non perdere una manciata di voti luridi e rincorrere sul loro terreno inqualificabili personaggi come il rampollo dei camion-bar mafiosi? E' per questo che la parte civile e pulita del IX Municipio ha votato Susi Fantino nel 2008?

Intanto voi, lettori di Pro Pup Roma, ce lo fate un piacere? Scrivete alla presidente e gli dite quello che ne pensate in tutta franchezza? Ecco la mail: s.a.fantino@comune.roma.it

24 commenti:

  1. Largo Vercelli come Via Cesena non si tocca!
    Ma se propruio vi puiacciono i parcheggi di Madrid e Londra perchè non vi trasferite lì!..
    Roma vuole più verde pubblicoe meno macchine in giro.
    E basta.

    RispondiElimina
  2. "Non sarà mica che anche Susi Fantino è diventata una di quelle che si oppone alle cose solo per motivazioni politici ("l'autorizzazione l'ha rilasciata Alemanno e io, pure se ci servono parcheggi come il pane, la boicotto") infischiandosene del famoso bene comune di cui dicevamo sopra?"

    Ma certo che è così... non si vuole che i lavori, non tanto quelli dei PUP veri e propri quanto quelli delle riqualificazioni in superficie finiscano entro la consiliatura e portino voti... puoi scommettere che se la sx torna al potere non solo le mini-istituzioni smettono di creare problemi, ma anche qualche decina di comitati, di quelli che ti fanno perdere 6 mesi con esposti alla forestale per controllare i platani, sparisce senza lasciare traccia...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. @ primo anonimo
    Verde Pubblico? Quel giardino degradato di via cesena? Ma a quali standard siete abituati? Ad Hyde Park o alle paludi di Tunisi?

    @ secondo anonimo
    Temo tu abbia (almeno in parte) ragione

    @ Massimiliano
    Perché sottintendi che tutta la gente per bene abbia votato per Susi Fantino? Ha preso il 60% dei voti, se non ricordo male. E a giudicare la sosta selvaggia nelle strade del IX direi che è stata votata soprattutto dalla gentaccia che parcheggia ad minchiam.
    La gente per bene non vota né le Fantino né i Tredicine.

    Più gli scrivo alla Fantino più mi sento preso in giro, visto che non risolve niente.
    I marciapiedi davanti le mura Aureliane? Li hai visti, pieni di buche...Gli ho scritto 3-4 volte solo per questo problema. Il mancato rispetto delle regole della sosta? Nessun cambiamento, nessun aumento della presenza della municipale (si spera che, come consuetudine, abbia un certo ascendente sul comandante del IX gruppo)...Potrei continuare per ore caro Massimiliano.

    RispondiElimina
  5. io non sono a priori pro o contro, non è possibile esserlo, so per certo che alcuni PUP non hanno risolto il problema del parcheggio o meglio il problema della sosta in divieto, ad esempio Via Furio Camillo e Via Cesare Baronio.

    Nel primo caso la mancata riuscita è ancora più emblematica, perchè su via Furio Camillo c'è una fermata del Metro, almeno quattro linee di Bus fra via Appia e via Tuscolana (16 ed 85), inoltre c'e' la stazione tuscolana a meno di 500 metri.
    Non cito la ciclabile come valore aggiunto, perchè (ancora) non è parte di un più ampio collegamento, anche se personalmente mi fà comodo quando torno dal lavoro, se non ci fossero sempre auto ed altro parcheggiati sopra.

    Eppure la sosta selvaggia non è stata risolta, credo per due motivi fondamentali:
    - il box costa e non è "per sempre";
    - chi parcheggia in divieto spesso non è di zona (ma di passaggio)
    Si dice, è brutto dirlo ma è così, che la maggior parte dei box non sia usata come ricovero per l'auto.
    Oltreutto molti si sono schierati contro i "troppi" (troppi?) parcheggi per i disabili ed i marciapiedi troppo (troppo?) ampi che avrebbero distolto spazio al parcheggio.
    Anche se nessuno si lamenta dell'anacronismo del distributore di benzina che occupa un grosso tratto dello square centrale, e molti posti auto...

    Volendo prescindere da considerazioni circa la pericolosità degli scavi, che non mi compete ma non è da sottovalutare, perchè spesso gli studi si basano sulla citazione di vecchie opere che a loro volta citano... basta leggersi qualche "fascicolo del fabbricato" ;-(

    Qualcosa bisogna fare perchè non è che non costruendoli si risolve, vedi sempre nel IX Piazza San Domenico Savio.
    Tutti i residenti lottarono contro per paura di perdere posti auto, la situazione attuale è questa, ma anche peggio (la foto è vecchia)
    http://dalsellino.blogspot.com/2010/10/vadi-vadi.html

    Un grosso ostacolo ulteriore, prescindendo dai disagi inevitabili ai residenti (caos, rumore, mancanza di parcheggio), è la sfiducia nella capacità dell'amministrazione di tutelare i cittadini.

    Infine vorrei rilevare che all'epoca il presidente del IX Oliva (dei verdi) fu addirittura schiaffeggiato da alcuni esagitati che non volevano il parcheggio, voluto dal comune (amministrazione Rutelli se non erro).
    I maggiori detrattori dei PUP furono proprio i rappresentanti del centro-destra .

    marco

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Non avevo letto questo:
    http://www.propuproma.com/p/un-buon-pup-deve.html

    ma è un intento del comitato pro-pup o effettivamente il regolamento comunale ?

    marco

    RispondiElimina
  9. Caro Marco, mi sembra evidente che la politica municipale sia fatta di questa pasta: contraddire in base al colore della decisione. Pertanto non mi stupisce che oggi la Fantino vada contro i PUP quando ieri erano gli altri...

    RispondiElimina
  10. Alessà, via Cesena ti può sembrare quello che ti pare anche se credo tu non abbia mai visto H.P. o le zone paludose di Tunisi(?)comunque l'area è di tutti noi che abbiamo combattuto e non solo scrivendo comodamente al pc...
    Perchè voi non vi fate vedere tra la gente?
    Se la vostra è una giusta causa, cosa avete da temere...
    Forse è troppo faticoso?

    RispondiElimina
  11. Facile strumentalizzare e portare in piazza la gente ignorante eh??? Facile mobilitare le sciure ottantenni con la busta della spesa mettendo loro paure infondate eh??? Questo si che è un comportamento civile. Facile spaventare chi non funziona come va il mondo, chi non è mai stato all'estero dove la sosta ai lati del marciapiede sta praticamente scomparendo e dove le auto si posteggiano in sotterranea.

    Noi cosa dovremmo fare? Altrettanto? Scendere in piazza e arrivare al vostro livello? Ci limitiamo ad una azione intellettuale (PER ORA) ed a smontare i vostri teoremi millimetro per millimetro, senza mai essere smentiti.

    Tanto voi sapete quanto siete in cattiva fede. Lo sapete perfettamente.

    RispondiElimina
  12. A Tonè...
    Noi siamo tra la gente e con la gente.
    Invece di starcene a casa a dormire e vedere la tv ci siamo confrontati, spiegati e abbiamo sacrificato parte del nostro tempo e...Via Cesena hanno capito tutti che è meglio destinarla a verde pubblico!
    No, no in piazza è meglio che non scendete...Cosa potete dire alla gente abituati come siete a parlare ...con le macchine!
    Ah, per il momento non avete smontato proprio nulla!
    Le vostre idee restano rappresentate da enormi ammassi di cemento e nulla più.
    Diversi di questi abbandonati e inutili,magari utili a ditte di vs conoscenza, quelle si in cattiva fede!

    RispondiElimina
  13. Sono ormai perfettamente abituato a queste accuse mafiose che provengono da utenti anonimi. Figurati: ho un importante blog sui cartelloni pubblicitari e mi accusano di essere socio di qualche ditta; ho un blog sul bike-sharing e credono che io sia in combutta con le società che gestiscono quel servizio.
    Ora, con un blog sulla sosta selvaggia, divento amico delle ditte che fanno i parcheggi. Saviano la chiamerebbe la macchina del fango. Solo che lui si occupa solo di criminalità organizzata mentre voi siete i paladini della sosta selvaggia che, ogni anno, fa più morti di Mafia, Camorra e 'Ndrangheta messe insieme.

    Il giochino del verde l'abbiamo capito tutti: è la foglia di fico per continuare a parcheggiare a ufo in tutta la zona, per seguitare a mettere la macchina in curva, sulle strisce, per continuare a rendere quel vostro quartiere inguardabile, a rendere la vita impossibile ai disabili.

    Se fosse stati in buona fede? Avreste proposto: "non facciamo il parcheggio ma tutti i posti auto perduti recuperiamoli sulle strade, allarghiamo marciapiedi e facciamo orecchie per rendere l'area un quartiere-modello, noi come cittadini rinunciamo a dei posti auto e il comune rinuncia a fare il parcheggio".
    Sareste disposti? Manco per sogno!

    Ve ne approfittate. Di tutto. Dell'ignoranza della gente. Della pochezza degli amministratori. Utilizzate il vostro voto come merce di scambio per ottenere disordine, per ottenere caos. Prendete per le palle dei politici inetti dicendogli: o mi continui a far parcheggiare a gratis come nel quarto mondo oppure non ti voto più.

    Fate semplicemente schifo, siete l'unica cittadinanza d'Europa a ragionare ed a comportarsi così. Vi smaschereremo. E vi convinceremo a vendere l'automobile, incivili!

    RispondiElimina
  14. Il solito disco rotto dagli anonimi...

    Il verde di via Cesena? Eccolo...

    http://maps.google.com/maps?q=via%20cesena&oe=utf-8&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&um=1&ie=UTF-8&sa=N&hl=it&tab=wl

    RispondiElimina
  15. A Tonè...A Trafficò...
    Vomitate quello che vi pare.
    Voi state a casetta e scrivete quello che volete...Noi siamo tra le persone che non sono ignoranti, che non regalano voti e dai politici andiamo con documenti e mappe che voi neanche vi sognate!
    Questa è la differenza ed è per questo che avrete sempre vita difficile.
    Roma vuole il verde e basta!
    Fatevelo entrare in testa oltre che....

    RispondiElimina
  16. Ma sei tanto sicuro di fare del bene per la tua città, perché non ti firmi? Chi sei? Come mai vuoi restare anonimo?

    Il verde? Non ci crede nessuno. Lo hanno capito pure i bambini perché fate questa battaglia: non volete perdere i posti auto abusivi che vi hanno portato a comprare quattro automobili a famiglie. Diventate europei, diventate civili.
    Roma è già la città che ha più verde procapite al mondo, ora si tratta di risolvere il problema della sosta e di togliere le auto dal suolo pubblico. Sciò.

    RispondiElimina
  17. L'hai proprio sparata grossa!..
    Roma è la città che ha più verde procapite al mondo!..
    Ma non ti far sentire dai romani!...
    Ma dove abiti?..Sei sicuro di abitare a Roma?
    Se per te diventare civili è solo avere box ecc. beh, tu e tutti i pro-pup fateveli fare pure sul terrazzo condominiale!..
    Roma e i veri romaani vogliono ben altro!
    Sciao!..

    RispondiElimina
  18. Stavolta l'hai sparata grossa sul verde procapite!..
    Ma sei sicuro di abitare a Roma?
    Ma se per te e i propuppini civiltà vuol dire solo questo genere di opere, fatevele fare sul terrazzo condominiale.
    Non è male come idea!..
    Roma e i veri romani vogliono altro.
    Sciaooo!

    RispondiElimina
  19. *questo articolo di questa estate del Sole24Ore metterà a tacere i tanti burini che hanno iniziato a frequentare questo forum?




    Ma la capitale sconta il rapporto più alto tra auto e abitanti

    Roma città verde e attenta all'ecocompatibilità, ma che mostra il suo lato più debole sul lato mobilità, arrendendosi a un'invasione di automobili, con tutto ciò che ne consegue in termini di inquinamento dell'aria. L'area della capitale, nonostante una riduzione dell'8% tra il 2003 e il 2008, può infatti vantare la più alta disponibilità di verde per abitante a livello nazionale: pari a 131,7 metri quadri contro un valore medio di 93,6. Ma nella stessa area si registra anche il più alto tasso di motorizzazione - pari a 706,7 auto per mille abitanti contro una media nazionale di 616,7 - e tra i più alti livelli di presenza di polveri sottili nell'aria, proprio a causa del traffico.

    Sono alcuni degli aspetti che emergono dal Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010, redatto dall'Osservatorio nazionale per la salute nelle regioni italiane, presso l'Università Cattolica di Roma, e presentato ieri, al Policlinico universitario «Agostino Gemelli». Lo studio fotografa le 15 aree metropolitane delle province italiane: Torino, Milano, Venezia, Trieste, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Palermo, Messina, Catania, Cagliari. In base agli indicatori ambientali urbani esaminati dall'Istat, Roma si piazza nel 2008 al quarto posto (stabile) tra le aree metropolitane per ecocompatibilità, ma la capitale è trentesima nella classifica dei 111 comuni capoluogo di provincia, perdendo 5 posizioni rispetto al 2007.

    Un indicatore, quello dell'ecocompatibilità, che tiene conto dell'uso razionale delle risorse naturali e culturali nonché del mantenimento degli equilibri eco-sistemici, sulla base di diversi fattori: acqua, aria, energia, rifiuti, rumore, trasporti e verde urbano. Le altre province del Lazio sono tutte più in basso nella classifica della sostenibilità ambientale: Viterbo è al 77º e perde quattro posizioni rispetto al 2007, Latina è all'87º ma guadagna tre posti; Rieti si colloca al 90º e slitta di sette posti e ultima a livello regionale resta Frosinone, al 97º posto, in risalita di otto posizioni rispetto all'anno precedente.

    Le performance di Roma sono buone sul fronte della depurazione delle acque reflue, che contengono rispetto al passato maggiori quantitativi di composti chimici di origine sintetica impiegati prevalentemente nel settore industriale. Secondo il rapporto Osservasalute il 97% della popolazione romana (dati 2008) usufruisce dei trattamenti di depurazione delle acque reflue, contro una media nazionale dell'87,7 per cento.

    Quanto al monitoraggio della qualità dell'aria, la provincia metropolitana di Roma presenta la più bassa densità di centraline: appena 0,44 per 100.000 abitanti contro un valore medio nazionale di 2,33. E i limiti massimi consentiti per la presenza nell'aria di particolato Pm10 - particelle di diametro inferiore a 10 micron in grado di penetrare nel tratto respiratorio superiore, naso e laringe - sono stati superati per 81 giorni, un dato superiore sia al limite consentito di 35 giorni l'anno, sia alla media nazionale (61 giorni).

    Il quadro è migliorabile anche per la gestione dei rifiuti urbani: la quantità raccolta è di 647 Kg per abitante nel 2008 (-1,1% dal 2003), contro una media nazionale di 615,8. Tuttavia Roma presenta un valore molto basso per la raccolta differenziata di rifiuti organici, del rifiuto verde e del legno (17,7 Kg/abitante), contro una media nazionale di 52,0 (calcolata sul complesso dei 111 comuni capoluogo di provincia). Il tasto rifiuti è in realtà dolente per l'intero territorio nazionale. Il rapporto evidenzia una complessiva gravità della situazione, a causa della «generale assenza di una programmazione dei sistemi di conferimento/smaltimento dei rifiuti».

    Rosanna Magnano - Sole 24 Ore, Roma

    RispondiElimina
  20. Io metterei le strisce blu in tutta Roma con costi di 5 euro l'ora residenti inclusi. E gli introiti per costruire piste ciclabili, linee tranviarie, marciapiedi e isole pedonali. Il pedaggio non lo mettrei solo sul GRA, ma anche su tutte le consolari, in entrata e in uscita. Scendete dalle maghine e compratevi una bicicletta, o tutt'al più salite su un autobus.

    RispondiElimina
  21. A Tonè...
    Come canta il Califfo:
    Tutto il resto è noiaaaaaa!
    Lasciate da parte gli articoli di convenienza o quant'altro..
    A Roma più verde e delle "maghine" non ce ne frega niente!
    Vendetele, sfasciatele, dategli fuoco..
    Meno auto in giro e più spazi verdi!
    Questo è il nostro credo!

    RispondiElimina
  22. E allora perché non chiedete l'eliminazione ANCHE della sosta di superficie abusiva dalle aree dove lottate e non SOLO della sosta interrata regolare?
    Dove hai posteggiato stanotte?
    Avete paura del nostro video-verità attorno a Via Cesena per immortalare la situazione eh? Avete paura del nostro video-verità attorno a Via Labieno per mostrare a tutti come stanno davvero le cose eh? Troveremo incroci liberi di macchine? Troveremo doppia fila o no? E attorno a Largo Vercelli? Troveremo attraversamenti pedonali liberi, tutti dovranno essere liberi, visto che i parcheggi "non servono"...

    RispondiElimina
  23. Noi chiediamo la eliminazione di tutto ciò che riguarda cementificazione, sotterranei e traffico...
    Via Cesena insegna!
    La gente vuole il verde e delle tue macchine non gliene frega niente!
    Avete rotto voi e Marchionne!

    RispondiElimina