venerdì 1 ottobre 2010

Se Piazza Verdi respira grazie al parcheggio


Non è che Pro Pup Roma vi racconta cazzate. Le cose che vi dice sono riscontrabili abbastanza facilmente, sul territorio. Con una semplice passeggiata. E una passeggiata vi invitiamo a farvela nello charmant (se non ci fossero le auto a rovinare tutto) quartiere Pinciano dove sta per essere aperto il parcheggio in Via Donizzetti. Prima di aprire la struttura, evidentemente, i titolari della concessione sono stati invitati a realizzare le opere concessorie o comunque il II Municipio ha optato per realizzarle contestualmente all'apertura dell'infrastruttura.
Insomma, facciamola breve: guardate la mappa. Quella contrassegnata con la A è Piazza Verdi, dove sta l'Istituto Poligrafico dello Stato. In basso a sinistra, Villa Borghese, in basso a destra, Villa Albani. Insomma avete capito la localizzazione? Bene, vedete quell'area contrassegnata di celeste? Ecco, è stata tutta, dico tutta, riqualificata. I parcheggi sono stati rifatti con dei cigli altissimi e con delle superfici molto belle, le orecchie realizzate sono da lustrarsi gli occhi, tante tante auto in divieto di sosta sono state ricondotte a più miti consigli, alcuni ristoranti hanno potuto pacificamente invadere i nuovi marcipiedi con tavolini che rendono gradevole un quartiere che, se fosse sistemato come si deve, nulla avrebbe da invidiare alle parti più chic di Parigi.
Dunque, andateci, passateci, passeggiateci e diteci cosa ne pensate. E diteci se non bisogna essere favorevoli, assolutamente favorevoli, ad un parking ogni 400 mq, che consenta il recupero di tutti gli arredi urbani non a macchia di leopardo, ma sistematicamente. Dovunque.

10 commenti:

  1. riesci a mettere qualche foto?

    RispondiElimina
  2. Ottimo, peccato però che tra varie problematiche, per realizzarlo ci hanno messo circa sette anni...

    RispondiElimina
  3. Bene, complimenti all'impresa che ha realizzato il parcheggio (a proposito come si chiama?)

    PS: a volte non serve nemmeno riqualificare la zona: basterebbero dei paletti antisosta messi nei punti giusti per ottenere il rispetto degli spazi pedonali, e che le macchine siano sistemate sottoterra.

    RispondiElimina
  4. Un bel lavoro.
    Personalmente continuo a credere che un serio programma di parcheggi, unito ad un arredo stradale che riduca la sosta a raso (specie quella selvaggia) sia la sola salvezza per Roma.
    Per questo faccio i miei complimenti a chi porta avanti questo sito e che vede avanti di 100 anni rispetto a tanti zoticoni.

    RispondiElimina
  5. Marcus, oltre a complimentarti... COLLABORA!!!
    Hai idea di cosa sta significando portare avanti questo sito e insieme Degrado Esquilino, Cartellopoli, Roma fa Schifo e Bike-Sharing Roma???

    RispondiElimina
  6. Posso immaginarlo. Ed ogni volta che mi collego ad internet vado anche a sbirciare sui vostri siti.
    Purtroppo spesso mi viene da pensare nulla potrà fermare la tendenza della città al caos supremo ed all'anarchia più totale. Ma siti come il vostro servono.
    Servono se non altro per capire che quando ti chiudono per 20 minuti con la macchina in doppia fila e tu aspetti cercando conforto nei passanti che al massimo ti guardano facendo spallucce, poi quello arriva finalmente e ti fa il sorisetto come per dire: "dai, lo facciamo tutti"... bè sai che non sei tu il solo "pazzo" che non vuole vivere in quel modo.
    E sapere questo è già un buon inizio.

    RispondiElimina
  7. in realtà non è che i lavori di riqualificazione siano la fine del mondo! quelli fatti qualche anno fa in piazza verdi e via cimarosa hanno le mattonelle che ballano quando le calpesti. e i lavori sui marciapiedi fatti ora a sud di via donizzetti vedono marciapiedi rifatti ma non allargati (in modo tale da ridurre la carreggiata ed evitare la doppia fila). inutile dire che le orecchie in incroci con carreggiate larghissime sono inutili. in definitiva.. soldi quasi buttati

    RispondiElimina
  8. E' vero, le orecchie sulle strade larghe hanno poco senso. Ma inutili proprio no: ora c'è lo spazio per transitare per i pedoni, prima no... Te pare poco?

    RispondiElimina
  9. Peccato che il parcheggio di Via Donizetti sia stato costruito male ed è pieno d'infiltrazioni d'acqua. Stesso dicasi per i marciapiedi costruiti sopra già pieni di erbacce tra i vari sanpietrini.... Ottime intenzioni smentite dai fatti...purtroppo

    RispondiElimina
  10. fare un parcheggio et box a piazza verdi? che aspettano? anni fa il palazzo in vetro ex Enel doveva essere un parcheggio a piani e lo hanno venduto come immobile!!!. Piazza verdi è solo un mare di macchine e quando cè il mercatino è peggio, E allora facciamo un parking sottorrenao con boxes: perchè lo hano fatto a viale bruno buozzi e qui no?? Dobbiamo aspettare che l'ex Zecca sia un albergo........

    RispondiElimina