lunedì 26 luglio 2010

Quando Pro Pup Roma dice che il vero problema è la comunicazione...

Ebbene guardate qui. Una cittadina tutto sommato in buona fede. Tutto sommato in grado di articolare un ragionamento. Tutto sommato dotata di competenze linguistiche (azzecca anche i congiuntivi, e solo per questo merita rispetto). Eppure sentite che ignoranza che trapela dal suo approccio e ancor di più sentite che necessità di comunicazione. In tutta l'intervista (che potete guardare qui, in un servizio di RomaUno) c'è un passaggio fondamentale, ovvero quando la condomina dichiara di voler "vedere il progetto". Bhe, non è formidabile? Una signora 'normale' che vuole vedere progetti ingegneristici. Ebbene questi progetti deve poterli vedere. E deve poter comprendere -grazie ad una campagna di comunicazione indispensabile- che proprio grazie a quel parking non solo non perderà la sua casa, ma avrà un aumento considerevole del relativo valore di mercato. Chi glielo spiega?

7 commenti:

  1. scavare tre piani in mezzo ai palazzi ? E tu non saresti preoccupato ? è un miracolo se non crolla tutto...! Dice che i progetti si possono cambiare, cioè questi ci fregano come e quando vogliono ! se succede qualcosa chi paga ?. Dice tutt'altro rispetto a quello che hai scritto tu ! Mi chiedo, tonè ma sai ascoltare ?

    RispondiElimina
  2. Avevo cominciato a leggere i post su questo sito perchè mi interessava l'argomento, ma sempre più mi convinco che chi scrive (già, chi scrive?) non sia una persona particolarmente intelligente, tutt'altro. La signora dell'intervista chiede una cosa che per voi palazzinari e amici di palazzinari sembra assurda: TRASPARENZA... Incredibile.... ma come si pemette!? La signora non chiedeva di poter vedere e studiare personalmente il progetto esecutivo, ma quanto meno di averlo a disposizione per farlo studiare a qualche ingegnere di fiducia. Possibile che ci sia un cantiere nel mio cortile e che io non possa sapere neanche quale sia il progetto? Tu che scrivi queste puttanate sei complice di un sistema mafioso. Prima o poi spero arrivi qualche giudice che si beva tutti questi papponi!
    Lorenzo

    RispondiElimina
  3. Costruiscono tunnel sotto l'acqua lunghi 50km, costruiscono ponti sospesi lunghi 4km, capaci di resistere a terremoti dell'8° grado della scala Richter, progettano ponti che attraversano faglie continentali, capaci di subire deformazioni di mezzo metro, insensibili ai fenomeni aeroelastici provocati dal vento e dalle raffiche, treni a levitazione magnetica sotto l'oceano che viaggiano a Mach6 e reggono pressioni fino a 500 atm. Chi l'ha detto che un parcheggio interrato scavato in mezzo ai palazzi è un miracolo se non li faccia crollare? Se crollano i palazzi è perchè l'azienda è incompetente, ma questo non hja nulla a che vedere con i PUP.

    RispondiElimina
  4. Stiamo dicendo la stessa cosa comunque. Anche io penso che la signora DEBBA vedere il progetto.

    RispondiElimina
  5. Qui a NY c'è un parcheggio aperti al pubblico ogni 100 mt (privato)...Ci sono diverse tipologie: sotterranei, automatici, silos (ossia anziché sotterraneo è sopraelevato dentro un palazzo)
    Ognuno ha il suo parcheggiatore con la bandierina (promoter) e costano un po'....un abbonamento mensile costa 400 dollari. La tariffa oraria non ho ancora capito come funzioni...1/2 ora ha un costo, 1 h un altro, etc. Ma mi sembra piuttosto caro. Comunque la situazione parcheggi è assolutamente ben gestita per il traffico che hanno. Hanno migliaia di veicoli circolanti e le auto parcheggiate in superfice sono una minima parte. Parchimetro, ovviamente, in strada, ovunque.

    RispondiElimina
  6. Prima o poi spero arrivi qualche giudice che si beva tutti questi papponi!

    Eh, magari! Purtroppo temo che magistratura&Co ci stiano in combutta, con i papponi.

    RispondiElimina
  7. Scusate ma dietro Sessorium non è che si nasconde qualcuno della Park Roy o della Cam?..

    RispondiElimina