lunedì 3 maggio 2010

Osservatorio cantieri: Arco di Travertino




Ventritre milioni di euro. Una bella cifra di cui si parla poco. Sono i soldi che il Comune ha investito per realizzare il grande parcheggio di scambio all'Arco di Travertino che, come vedete, sta procedendo il suo cantiere e fa intravedere la conclusione ad opera della Salini.
Un'opera, dicevamo, di cui si parla poco ma che potrebbe essere cruciale per migliorare la mobilità urbana ed impedire alle auto di superare la barriera dell'Anello Ferroviario e non accedere alla città storica.

I tre piani (e i 900 posti auto) sembrano completati e il cantiere è ormai fuori terra a realizzare le capriate della "piazza coperta" che dovrà dare servizi, aree per i capolinea dei bus, negozi, accesso diretto alla metro e uffici in questa area di grande interscambio.
Il funzionamento di questi grandi interscambi è efficace se, a monte, vi sono i presupposti. Facciamo un esempio che è più forte di mille teorie: se io ho una farmacia a Via Sistina e sono di Albano, oggi me ne parto la mattina presto, sigaretta e autoradio, e mi metto nel traffico, arrivo alle 9 e mezzo a Via Sistina (tanto bottega la aprono gli assistenti) e posteggio in doppia fila tanto le dimensioni della strada lo permettono e nessuno si azzarda a farmi niente, tantopiù che il vigile di zona è amichetto mio.
Ora come convincere a trasformare l'incivile (o troppo pigro) farmacista in un cittadino per bene che si fa in auto solo il tratto Albano-Arco di Travertino e poi piglia la metropolitana fino a Barberini e così, magari, almeno si legge il giornale e non si abbrutisce come sta facendo? Lo si convince, come tutti avrete capito, modificando gli arredi urbani e i controlli a Via Sistina. Incredibile: per far funzionare un parking nel IX Municipio più profondo, occorre agire sui marciapiedi del centro barocco. Incredibile, ma vero tuttavia. Ed ecco l'attività che bisogna fare quando si parla di parcheggi di scambio. 900 posti in più nella prima cintura? 900 posti di sosta selvaggia da eliminare entro l'anello ferroviario! Così i nodi di scambio funzionano e hanno un senso, viceversa sono soldi -tanti soldi- che l'amministrazione ha deciso deliberatamente di buttare via perpetrando una presa per i fondelli che dura da quarant'anni.

Comunque in bocca al lupo a questa grande opera di cui nessuno parla (forse non a caso, in virtù di quanto abbiamo spiegato!) e in bocca al lupo, anche, al quartiere circostante che ci auguriamo benefici dell'intervento con pedonalizzazioni, risistemazioni, nuovi arredi, nuovo verde, nuovi servizi e nuova vivibilità.

8 commenti:

  1. Visto che i vigili in centro non vogliono lavorare, insomma non fanno le multe, è ora di pretendere dovunque l'istallazione dei paletti: devono lasciare liberi solo tre metri e mezzo di strada.

    La sosta sarà impossibile lo stesso, senza dover convincere i vigili a lavorare, e le strade del centro saranno fruibili con una spesa minima.

    RiccardoMA

    RispondiElimina
  2. bisogna martellare Corsetti (municipio I) che è abbastanza sensibile all'argomento e fargli sapere che c'è un gruppo di persone informate che sono favorevoli a paletti, orecchie e quant'altro, senza lasciare che arrivino solo gli urlacci dei burini.

    RispondiElimina
  3. 3 mt e mezzo sono troppi Riccardo. Ci sarà sosta selvaggia ugualmente.

    Tanto ce passeno e macchine, no?

    RispondiElimina
  4. Conti alla mano: 900 auto ognuna ci circa 4 metri sono 3,6 KM di macchine che dovendo avere una distanza minima tra loro portano il conto a 4 Km circa.
    4 Km di macchine che in un'ora circa accedono su Via Arco di Travertino se voglione essere in ufficio in tempo.
    Considerando che la barra si alza,entra una macchina si abbassa e cosi' via e considerando che la via e' lunga (per la parte sfruttabile all'ingresso) 420 metri......be' non ci vole certo un genio per capire che sara' un mega ingorgo.Domanda: e' logico far arrivare la gente li' (considerando il traffico su Tuscolana/Appia a quell'ora) o permettere la fruibilita' della Metro allungandone il percorso (magari all'esterno)?.

    RispondiElimina
  5. scusate ma che ne dite di un bel mega parcheggio all'anagnina, al posto dei banchi e banchetti ambulanti di stracci, e in sostituzione di quello micragnioso attualmente esistente e che costerebbe sicuramente meno di uno interrato? Bha troppo semplice e troppo economico!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ma siamo sicuri che il parcheggio sia sempre esaurito ad Anagnina? Dubito.

    RispondiElimina
  7. Per esperienza personale posso dirti, dati di circa un anno fa, il parcheggio dell'Anagnina si "completava" tra le 7:30 e le 7:45 della mattina...decisamente troppo presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispondo con un articolo di repubblica che "taglia la testa al toro"!
      e ualà...l'argomento è chiuso. non ci sono piu' i soldi e il parcheggio è fermo. grazie all'amministrazione capitolina attuale se avremo un'altra bella cattedrale nel deserto. leggere per credere!!
      http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/04/23/news/ssssssssssssssssss_dddddddddddddddd-33821554/

      Elimina