giovedì 13 maggio 2010

Col sorcio in bocca


Un mega parcheggio in Viale Giulio Agricola (con oltre 250 posti a rotazione, oltre ai soliti box) ci fa venire l'acquolina in bocca. Significa avere finalmente la motivazione politica e la leggittimazione tecnica di stroncare la doppia fila su Via Tuscolana che è una vergogna mondiale.
Certo è che se le ditte che realizzano questi posti auto si fanno pizzicare col sorcio in bocca a violare i patti è ovvio che poi si crei un sentiment negativo verso i parcheggi. Se c'è questa dannata sensibilità verso gli alberi (sensibilità che non c'è verso i pedoni che muoiono a centinaia ogni anno in questa città a causa della sosta selvaggia in superficie) bhe, allora va accondiscesa. Le ditte devono rispettare le regole e gli accordi e non farsi trovare in castagna perché questo non danneggia solo loro, ma tutto il movimento pro-pup e pro-civiltà.
Alle ditte che realizzano i pup è richiesta la massima correttezza e la massima trasparenza (abbiamo consigliato già da tempo ad alcune ditte di realizzare dei siti web ad acta, dedicati al singolo parcheggio, ad esempio www.parcheggiogiulioagricolaroma.com o qualcosa di simile, che permettano a tutti i cittadini di leggere i vantaggi, le tecniche costruttive, apprezzare i rendering e quant'altro). Anche a causa di una mancanza di trasparenza ora i lavori a Viale Giulio Agricola sono stati -speriamo per poco- sospesi. Cui prodest?

Quanto a noi scriveremo a Legambiente. E cercheremo di capire come può avallare chi ostacola la costruzione di infrastrutture che esistono in tutti i paesi. Specie in quei paesi ecologici e civili che Legambiente porta sempre come esempio. Se una istituzione come Legambiente Lazio non esprime coerenza, proveremo a farglielo notare.

4 commenti:

  1. I PUP sono solo fottuta una speculazione, apportano solo disagi alla maggior parte dei residenti (quando non veri e propri DANNI lesionando le fondamenta degli edifici, di cui il Comune ha il coraggio di non assumersi nemmeno la responsabilità) e vantaggi (forse) a pochi. In P.zza Sabino, dove qualche anno fa è stato fatto un PUP, le macchine sui marciapiedi sono rimaste lo stesso! A Giulio Agricola (io abito lì) hanno intenzione di abbattere decine di platani decennali, o di espiantarli (stessa cosa). Io NON voglio parcheggi, NON voglio altro cemento, VOGLIO gli alberi e il verde! Chi vuole i PUP vada a cagare, vadano a cagare gli speculatori, i palazzinari del cazzo, i politicanti di destra o sinistra che vanno a braccetto con gli speculatori papponi!

    RispondiElimina
  2. Cosa c'entrano poi i pedoni morti (a centinaia addirittura - perché non dire a migliaia allora, anzi esageriamo va, a miGlioni e miGlioni...) con la sosta selvaggia delle auto?! Mah...

    RispondiElimina
  3. Paura di dover smettere di piazzare la macchina in mezzo alla pubblica via e di dovere iniziare a percheggiarla civilmente eh?

    RispondiElimina
  4. A me stanno a cuore SOLO gli alberi. Io la macchina nemmeno ce l'ho, figurati. Poi i PUP cosa risolvono, scusa? Che vuol dire parcheggiare civilmente? Chi vuol parcheggiare in doppia fila continuerà a farlo. In qualsiasi città del mondo, per quanti estesi parcheggi sotterranei possa avere, ci sono sempre macchine posteggiate in superficie (e fossero questi i problemi....). Ma il discorso è complesso, quando parliamo di città antiche come lo è Roma, e come Roma probabilmente nessun'altra città è stata edificata su strati e strati di edificazioni che si sono stratificate nel corso dei secoli. Per fermarmi alla situazione delle sole periferie, perché i palazzinari che le hanno costruite negli anni '60 non hanno dotato ogni edificio di un adeguato numero di box auto sotterranei? Perché allora non conveniva, ovvio; quando si specula non si bada mai a come si evolverà la situazione nel futuro prossimo o remoto, e allora le auto erano molte meno, molti meno quelli che potevano permettersi anche un box. Se in futuro prossimo o meno prossimo si dovesse arrivare a possedere, che so, 10 auto a famiglia, quanto profondamente la generazione futura dovrà andare a scavare sottoterra per ricavare posti auto?

    RispondiElimina